NVIDIA in tribunale per violazione di brevetti: Xperi cerca l’intesa

13 Maggio 2019 10

NVIDIA dovrà difendersi contro una denuncia per violazione di brevetti intentata da due sussidiarie di Xperi Corp, società americana che opera nel campo dei semiconduttori e dei codec audio e video (DTS:X, IMAX e altri) fornendo in licenza tecnologie e proprietà intellettuale a diversi clienti, tra cui Samsung e Intel.

L’azienda di Santa Clara è stata accusata in particolare di aver utilizzato senza alcun consenso nelle sue GPU cinque brevetti appartenenti a Invensas Corporation e Tessera Advanced Technologies, tre dei quali già oggetto di battaglie legali contro Samsung e Broadcom. In quel caso, Xperi aveva vinto la causa arrivando poi a stipulare accordi commerciali pluriennali con le due società: sarà dunque difficile per NVIDIA poter difendere il libero utilizzo delle proprietà intellettuali (o almeno di parte di queste) oggetto del contendere.


I chip NVIDIA vengono realizzati “fisicamente” dalla taiwanese TSMC, che tuttavia non viene coinvolta nella denuncia in quanto considerata mero esecutore. In pratica, è NVIDIA a dover rispondere delle soluzioni da essa stessa progettate.

L’intenzione di Xperi è comunque quella di trovare un’intesa al più presto, ma dopo diversi tentativi di dialogo andati a vuoto, il management ha ritenuto opportuno proteggersi in sede legale annunciando la causa in occasione della presentazione dei risultati fiscali del primo trimestre 2019 e depositando la documentazione presso il distretto del Delaware. Non si tratterà certo di una diatriba in stile Apple-Qualcomm - tra l'altro conclusasi positivamente a metà del mese scorso - ma per una realtà relativamente piccola come Xperi (società da 1,2 miliardi di dollari) la difesa e protezione delle sue tecnologie e proprietà intellettuali è altrettanto fondamentale per il prosieguo delle proprie attività sul mercato.

La causa riguarda i brevetti 5.666.046, 6.232.231, 6.317.333, 6.849.946 e 7.064.005.

Oggi uno dei migliori acquisti nella fascia media? Huawei Mate 10 Pro, in offerta oggi da Cellularishop a 425 euro oppure da ePrice a 759 euro.

10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alessandro

Già, non ci sono più le mezze stagioni

Nicolò Veronese

Si ho appena visto, questi praticamente hanno brevettato i flip chip?

Salvatore Esposito
Tolemy

Hai ragione, sono specifici, ma non volevo dire quello. Hanno brevettato roba che è standard industriale da decenni, BGA connections in particolare, roba usata dagli anni 60. Questa è roba al livello degli angoli smussati per chi produce chip.

Slartibartfast

A vedere i brevetti in questione sembrano essere abbastanza specifici.
Aziende ben più grosse hanno fatto causa per questioni molto più frivole di queste (rettangoli smussati...)

Vash

apple-qualcomm conclusasi positivamente? mah…. insomma… gli ha letteralmente rotto il kiulo….

Tolemy

Tipico patent troll americano. Fra poco brevettano anche l'acqua calda...

BLERY

Vero

gastro67

...governo ladro

BLERY

Piove.

Huawei MateBook: X Pro 2019 e 14 ufficiali, prezzi Italia del 13 | VIDEO

Recensione Lenovo Yoga Book C930: il ritorno del convertibile 4 in 1

Devolo Magic 2: Powerline a 2400 Mbps e Wi-Fi Mesh | Video

Xiaomi Notebook Pro e MacOS: binomio possibile? Video