NVIDIA acquista Mellanox per 6,9 miliardi di dollari | Ufficiale

11 Marzo 2019 6

Aggiornamento

A poche ore dalle rivelazioni di questa mattina, arriva l'annuncio ufficiale dell'accordo che porterà NVIDIA ad acquisire Mellanox per 6,9 miliardi di dollari, pari a 125 dollari per ciascuna azione. L'operazione finanziaria permetterà alla società di Santa Clara di entrare in possesso di prezioso know-how per le soluzioni di networking nel campo dei data center.

Con Mellanox, NVIDIA ottimizzerà i carichi di lavoro a livello datacenter in ambito computazionale, di networking e di storage per ottenere prestazioni più elevate, un maggiore utilizzo e minori costi operativi per i clienti.

Così si esprime il fondatore e CEO di NVIDIA Jen-Hsun Huang:

Affrontare questa domanda richiederà architetture olistiche che colleghino un ampio numero di nodi di elaborazione veloce su strutture di rete intelligenti per formare un gigantesco motore di calcolo a livello datacenter.

L'acquisizione verrà completata entro la fine del 2019 dopo l'approvazione degli organi regolatori competenti.

Articolo originale

NVIDIA si appresta ad acquisire Mellanox Technologies Ltd, società con sedi in California e Israele fondata nel 1999 da alcuni dirigenti ex Intel. Leader nella realizzazione di chip e soluzioni end-to-end per incrementare l’efficienza dei data center (tra queste annoveriamo diversi sistemi per il supporto ai protocolli Ethernet e Infiniband, inclusi adattatori, switch e servizi cloud), Mellanox era stata accostata proprio a Intel che stava per concluderne l’acquisizione per 6 miliardi di dollari.

Il sorpasso da parte di NVIDIA sembra essersi alla fine concretizzato, mettendo sul piatto un miliardo in più rispetto all’offerta della concorrente che le permetterà di completare l’acquisizione più importante (e costosa) mai effettuata dall’azienda del CEO Jen-Hsun Huang. L’accordo potrebbe essere firmato oggi stesso, così come confermato dal sito di notizie finanziarie Calcalist, anche se - ovviamente - le bocche in Mellanox, NVIDIA e Intel restano cucite.


Oltre ad essere l’acquisizione più importante mai effettuata da Nvidia, l’operazione assume connotati fondamentali per l’azienda californiana per diversi motivi: innanzitutto le consentirebbe di rendersi più indipendente dai fornitori, riducendo costi e minimizzando i rischi di approvvigionamento, e le permetterebbe nel contempo di incrementare le entrate, un terzo delle quali derivanti dalla vendita di soluzioni dedicate ai data center.

NVIDIA viene da un quarto trimestre 2018 negativo, con una quota di mercato nel settore delle GPU in calo di quasi un punto percentuale e un taglio delle entrate complessive pari a circa 500 milioni di dollari a causa della contrazione della domanda in Cina. Chissà se l’acquisizione di Mellanox - la cui capitalizzazione di mercato è di 5,9 miliardi di dollari - servirà per invertire rapidamente la rotta.

Oggi uno dei migliori acquisti nella fascia media? Huawei Mate 10 Pro, in offerta oggi da Cellularishop a 425 euro oppure da ePrice a 766 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DjL4S3r

LoooooooL XD

Aster

Pero...

Mario

Mi sarebbe piaciuto che assieme alla mia RTX ci fosse stata anche qualche azione Mellanox nel bundle, almeno avrei potuto giustificare meglio la spesa.

Alessandro

Prima di arcturus la vedo difficile una rimonta di AMD, felice poi di essere smentito ovviamente, ma navi non Porterà grosse differenze a livello architetturale.. Il grosso del salto prestazionale sarà dato dai 7nm (alla quale poi passerà pure Nvidia) Arcturus invece cambierà totalmente differenziando finalmente il Segmento consumer è quello pro, e li sarò curioso di vedere se dopo tanti anni tornerò ad AMD come gpu sul pc da gioco

Windows_hater

spero vadano in crisi di liquidità proprio nel momento in cui amd presenta un navi sorprendente tanto quanto lo è stato ryzen.. lo spero

josefor

Ecco perchè ce le fanno pagare così care le schede video, dovevano far spese grosse

Huawei MateBook: X Pro 2019 e 14 ufficiali, prezzi Italia del 13 | VIDEO

Recensione Lenovo Yoga Book C930: il ritorno del convertibile 4 in 1

Devolo Magic 2: Powerline a 2400 Mbps e Wi-Fi Mesh | Video

Xiaomi Notebook Pro e MacOS: binomio possibile? Video