Ufficiale: MIPS diventerà Open Source

18 Dicembre 2018 35

L'architettura MIPS, assieme al suo set di istruzioni ISA, diventerà un progetto Open Source. Wave Computer lo ha annunciato poche ore fa, promettendo di chiudere la pratica entro il primo trimestre del 2019. L'iniziativa si chiamerà MIPS Open, e renderà liberi da licenza i seguenti componenti di MIPS Release 6 (la versione r5 resterà proprietaria):

  • MIPS SIMD Extensions
  • MIPS DSP Extensions
  • MIPS Multi-Threading (MT)
  • MIPS MCU
  • microMIPS Architecture
  • MIPS Virtualization (VZ)

Wave Computer è solo l'ultima in termini temporali ad aver abbracciato la filosofia dell'open source: più di un anno fa Microsoft è infatti entrata a far parte della Open Source Initiative in qualità di Premium Sponsor, mentre appena pochi giorni fa vi abbiamo riportato la notizia che NVIDIA ha reso open source il motore di simulazione della fisica PhysX.

I processori della famiglia MIPS hanno reso possibile l'informatica di oggigiorno. Sin dal 1985, l'architettura è stata alla base di processori usati sia su sistemi embedded, sia su server e apparecchiature di rete, passando per i computer SGI (Silicon Graphics) e per le console di Sony (PlayStation, PlayStation 2 e PlayStation Portable) e di Nintendo (N64). Dagli anni 2000, secondo il presidente di Wave Computing Art Swift, sono stati spediti 8,5 miliardi di chips basati su core MIPS. Tra i clienti: Microchip, Mobileye/Intel, MediaTek e la giapponese Denso.

Il MIPS R3000A-compatible (R3051) 32bit a 33,8688 MHz della PlayStation.

Il progetto MIPS Open darà agli sviluppatori un'alternativa priva dei costi di licenza per la realizzazione di chip e SoC da integrare in nuovi prodotti, così come sarà di interesse per la scrittura di software Open Source. È probabile che Wave continuerà ad offrire assistenza specializzata e a vendere i processori realizzati con le release precedenti, ma la decisione di liberare i codici in versione 32-bit e 64-bit è probabilmente un modo per far crescere l'interesse. Negli ultimi mesi, diverse aziende (vedi le stesse istruzioni RISC-V) hanno preso questa decisione. L'azienda californiana aveva acquistato le licenze per il design MIPS soltanto la scorsa estate.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Gaming Pro a 649 euro oppure da ePrice a 723 euro.

35

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nicolò Veronese

Si, capisco il tuo discorso. Ma il mio punto è un altro.

Quei chip sono di vecchia generazione. alcune sono principalmente rivistazioni (Cambio processo produttivo) di vecchi chip.

E' facile fare riferimento alle precendenti implementazioni. ARM sta prendendo piede sempre di più. Specialmente nel unico settore in cui MIPS domina.

Tutti i nuovi chip sono ARM.

Lantiq non esiste più è ora Intel, il GRX550 dovrebbe essere l'ultimo soc MIPS poi useranno x86. (O alemno qualche anno fa era questa la loro roadmap; da quando intel ha preso lantiq sihanno perso un sacco di informazioni)

Tutte le apparecchiature di rete che ho io sono ARM based.
(Broadcom di ultima generazione)

Dartagnan92

Parlavo proprio di quelli VDSL, sono quasi tutti MIPS invece, il Lantiq VRX 518/618 sono accoppiati al GRX550 che è MIPS.
I mediatori VDSL sono tutti MIPS.
I Realtek VDSL sono tutti MIPS anche loro.
Restano solo i Broadcom BCM63138 e deribatd che sono ARM Cortex A9
E gli ikanos ( ora Qualcomm ) che sono anch'essi ARM.

Nicolò Veronese

Si perchè usano i chip di vecchia generazione, quasi tutti quelli VDSL sono ARM. I router che hanno SoC Qualcomm sono ARM (IPQxxx)

I mediatek sono sia MIPS sia ARM, i nuovi modelli sono ARM.

Dartagnan92

A parte Broadcom con i BCM63138, i modem/router ad oggi usano tutti cpu MIPS

Dartagnan92

Mips in alcuni settori è ancora molto usato, per esempio gli apparati di rete quali switch, router, modem/router usano al 99% cpu MIPS
Altro che morto.

Alì Shan

Quella è una Silicon Graphics Octane, una diffusa workstation unix del 97, l'ho postata per ricordare dove erano impiegati i processori mips... Negli anni 90 il settore server e workstation era dominato da workstation unix-risc.
Ad oggi nessuna architettura mips può competere con una Core di Intel o una Zen di AMD, ma ciò dipende dal fatto che per motivi storici ed economici attualmente (ancora) nessuno sta investendo nel creare un architettura mips general pupose con ipc al vertice. Rendendo l'isa open tuttavia, sarà più facile che ciò accada nel futuro, a discapito di soluzioni ARM che richiedono licenza, pur rimanendo poco probabile.

Spitti Fitti

quindi come potenza possono competere con intel e amd??

Alexv

Ci sarebbe anche Mars (in java), ma è solo un emulatore.

Nicolò Veronese

No intendevo proprio che esite l'architettura chiamata "RISC" che fa parte delle specifiche "RISC". Di cui anche MIPS e ARM fanno parte.

Si è un casino!

Beard

Mars, perché con QtSpim ho semprebavuto problemi

Superdio

Sarebbe?

GiuEliNo

Io lo sto seguendo proprio questo semestre xD

Alexdruso

MIPS è RISC, RISC definisce proprio una scelta progettuale nella definizione del set di istruzioni, in contrapposizione a CISC. Forse ti riferivi ad ARM?

Cerbero

sei del partito pc spim ( Windows) oppure x spim (unix) ? ;-)

Cerbero

Vero,vediamo pero' se effettivamente ARM prende piede oltre l'embedded perche' al momento non ci siamo.

Cerbero

gia'

Cerbero

ARM e' diffusissimo perche',vero,i costi di licenza sono particolarmente vantaggiosi ma comunque sono legati alle prestazioni del SoC. Finche' la licenza e' dedicata ai microcontrollori credo che il costo sia mantenibile. Ho qualche dubbio per la licenza dell'ARM64 ad alte prestazioni non tanto ad oggi quanto per il futuro.Anche perche' grossi nomi hanno ritenuto vantaggioso investire su RISCV un'ISA ancora tutta da sviluppare con un'ecosistema ancora tutto da creare. Se e' piu' vantaggioso partire da zero purche' royalty free non vedo come con un'ISA gia' ampiamente sviluppata con un ecosistema esistente e royaltyfree non possa essere altrettanto vantaggioso.

Nicolò Veronese

Se i costi di licenza fossero così alti non avrebbero mai spinto così tantob ARM. Gli allwinner te li porti a casa a meno di 5 USD per pezzo. Licenza inclusa.. Esistono diverse architetture alternative che non hanno mai preso piede.

Basti pensare i microcontrollori sono ormai quasi tutti ARM m0, se la licenza costasse molto i produttori di microcontrollori avrebbero continuato con la propria architettura.

Alì Shan

https://uploads.disquscdn.c...
Ma che ne sanno gli x86...

sardanus

idem 2 anni fa

Alì Shan

Il problema dell'emulazione dell'n64 non sta nel processore MIPS ma nell'rcp

Stefano T.

Dato quest'estate!

JustATiredMan

Diciamo che non gli rimaneva che quest'opzione, dato che mips è morto da un pezzo.
Volenti o nolenti, oggi sopravvivono solo x86 e Arm... tutto il resto è relegato a qualche nicchia

Cerbero

In generale hai ragione ma tenendo conto che i costi di licenza ARM potrebbero diventare sempre piu' importanti in futuro il fatto di un ripensamento MIPS non e' ipotesi cosi' remota. Fra i vantaggi abbiamo un'ISA gia' matura,rodata e sviluppata e non dimentichiamolo,le architetture compatibili riescono a scalare molto bene oltre che essere molto potenti ed efficienti...molto meglio di ARM tanto per intenderci.
Riguardo RISCV bisogna dire che il problema non si pone perche' l'ISA e' neonata e manca di sviluppo....
Vedremo sono curioso di vedere se con tutta questa liberalizzazione si riesca a sostituire prima o poi x86.

Gino Mandolino

ancora oggi se è per questo

Account Anniversario

Mikrotik sta sviluppando ancora con MIPS.
Una RB usa i Tilera da 72 core... Roba mostruosa

lordsheva

Il prìmo esame di "architettura degli elaboratori" all'università era sul MIPS... che ricordi!

Pip

Ottimo! Così potrò smetterla di usare i microcontrollori AVR e mi potrò fare i chip in casa!

Pip

Mi sembra difficile che qualcuno investa decine di milioni per fare un chip che emuli il nintendo 64 quando è già possibile emularlo perfino su un tamagotchi

CaptainQwark®
Fiore97

Può essere,ma non credo

Nicolò Veronese

Mi sembra un pò troppo tardi.
ORmai i processori MIPS stanno sparendo perchè le società iniziano ad impiegare ARM un pò ovunque.
Per fare delgi esempi:
I router usavano processori MIPS, da quando Qualcomm ha aquistato Atheros la lineup si è spostata verso ARM.
Broadcom ha fatto lo stesso cambiamento abbandonando i chip MIPS per chip ARM più potenti.
Mediatek continua a fare chip MIPS ma non so per quanto.
HiSilicon/Huawei utilizza ARM.
Ti, NXP, ST, AllWinner, Rockchip chi ne ha più ne metta sono tutti ARM.

Le console sono passate da MIPS a PowerPC per poi passare a x86. Le console portatili di Nintendo sono da sempre ARM se non ricordo male.

L'ultimo (nuovo) prodotto commerciale che ho io visto con un processore MIPS era uno degli smarwatch di xiaomi. Scelta strana ma a quanto pare efficace.

Tutto ciò non mi stupisce, i compilatori ARM hanno fatto grandi passi negli ultimi anni, l'architettura è megliorata con il tempo mentre MIPS non è cambiata molto.

Superdio

ma quindi in teoria significa che potremo avere cloni del n64 (con i giochi da rimediare con metodi non propriamente leciti) che riusciranno ad emularlo perfettamente con un processore con architettura simile?

francisco9751
GianL

daje MAME, daje

Huawei MateBook: X Pro 2019 e 14 ufficiali, prezzi Italia del 13 | VIDEO

Recensione Lenovo Yoga Book C930: il ritorno del convertibile 4 in 1

Devolo Magic 2: Powerline a 2400 Mbps e Wi-Fi Mesh | Video

Xiaomi Notebook Pro e MacOS: binomio possibile? Video