Intel Comet Lake U, primi segnali dei processori per notebook Core 9000U

26 Novembre 2018 33

Intel potrebbe presentare a breve i processori Core 9000 serie U per il segmento mobile. A suggerirlo è il partner Lenovo, che, aggiornando il datasheet del notebook IdeaPad S530, inserisce nelle opzioni di configurazione tre nuovi modelli Core 9000U; tra questi troviamo anche il probabile top di gamma Core i7-9550U.

Intel ha presentato le prime soluzioni desktop Core di nona generazione lo scorso ottobre, chip basati sul più recente processo produttivo a 14nm++, che ha permesso al produttore di aumentare sia il numero dei core sia le frequenze di clock. Per quanto riguarda la controparte mobile, l'azienda al momento non ha fornito dettagli, anche se in molti si aspettano un refresh per il mercato delle CPU per notebook (e questo nonostante l'attuale situazione di shortage).


Le prime indiscrezioni sui Core 9000U erano trapelate questa estate; si tratta dei successori degli attuali processori Whiskey Lake, conosciuti con nome in codice Comet Lake U. Anche Comet Lake U dovrebbe beneficiare del processo produttivo ottimizzato 14nm++, garantendo una migliore efficienza energetica e frequenze operative più spinte rispetto alla precedente generazione.

Nel datasheet del Lenovo IdeaPad S530 si fa riferimento ai tre processori Core i7-9550U, Core i5-9250U e Core i3-9130U come alternativa agli attuali Core i7-8565U, Core i5-8265U e Core i3-8145U; nessun dettaglio su eventuali frequenze di clock o configurazione dei core, tuttavia è verosimile che Intel mantenga lo stesso approccio visto su Whiskey Lake (quad-core per Core i7 e Core i5 e dual-core per Core i3).

Quanto all'IdeaPad S530, ricordiamo che si tratta di un notebook di fascia media, aggiornato da Lenovo lo scorso maggio e venduto in Italia a partire da 799 euro; è molto probabile che il produttore lo riproponga in questa variante aggiornata al prossimo CES di Las Vegas, evento che si terrà come da tradizione a inizio gennaio.

Tra i più desiderati del 2018, superato solo da Mate 20 Pro? Huawei P20 Pro, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 514 euro oppure da Amazon a 588 euro.

33

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
smn_lrt

ottime info: mistero risolto

Emanuele Pagliari

Mmm in realtà ho fatto un confronto rapido con un collega che ha la variante del Matebook D con i5 8250U, mentre io ho appena preso la variante Ryzen in saldo lo scorso venerdì. Fermi sul desktop, un programma a caso o roba statica, il Ryzen oscilla fa i 5 ed i 5.5 Watt, mentre l'i5 fra i 4 e 4.5 Watt, mediamente. Poi c'è qualche picco in alto o in basso su entrambe le soluzioni, ma come valori sono allineati alle recensioni.
La grossa differenza è nella riproduzione video, mentre l'Intel resta a 4-5 Watt, il Ryzen sale a 6-7 Watt.
Come diceva Anandtech, uno dei motivi probabili è proprio la RAM DDR4 che a differenza della LPDDR3 e LPDDR4 (Non so se si trovano in commercio notebook del genere) non supporta le funzionalità di risparmio energetico avanzate durante l'idle (dunque con sistema quasi fermo su un programma o bassi carichi). Non a caso la maggior parte degli ultrabook Intel di fascia alta sono fermi alle LPDDR3

smn_lrt

Dai numeri su anandtech parlavano di 5W contro 1W (scheda madre intera escluso lo schermo), li han misurati con hardware monitor (standard di fatto, come dire CPU-z, in cui ti fa vedere anche quanto consuma l'uncore, il chipset eccetera)...la ram può essere una spiegazione ma non penso che incida più di tanto, se vedi le tensioni tra ddr3l e ddr4 sono vicini...non parlo di standby del tipo lascio lì il pc con schermo spento, han fatto prove (scriptate) su uso generico tipo browser, word Excel, reader pdf, e han visto che duravano di più...momenti in cui il pc per mezzo secondo lavora per mezzo secondo sta fermo e così via

Gpat. (Mi8+Ryzen)

Confermo tutto. :)
Comunque la batteria non mi fa rimpiangere il mio Macbook Air e quanto al display per avere di meglio bisogna spendere cifre più che doppie (dai 1200 a salire).
Soddisfatto al 100%.

Emanuele Pagliari

Acuistato anche io venerdì, lo sto usando da un paio di giorni.

Come costruzione è davvero ben fatto, tutto in alluminio e con un design assai simile all'ultimo MacBook, nonchè il colore grigio praticamente uguale. Lo schermo a primo impatto non mi è parso un granché. Fa il suo lavoro, è opaco, dunque niente riflessi ma non è luminosissimo. Vedrò nei prossimi giorni come si vede sotto la luce del sole, raggi etc. La resa cromatica è accettabile. Insomma, è un display mediocre, non adatto a chi deve fare delle color correction ma comunque accettabilissimo per un uso quotidiano.

Passando alle prestazioni, ci siamo, lato CPU ho lanciato un paio di Cinebench R15 è mi ha dato 540 pt con altri task in background, dunque notebook "a caldo". Sono valori allineati alla media degli 8250u/2500u. Sistema sempre reattivo, anche con carichi sostenuti e decine di schede aperte. Davvero non male per ora, mi sembra quasi di essere sul mio vecchio desktop con i5 3570K.

Come prima carica ho sforato abbondantemente le 6 ore d'uso medio, con navigazione web, scrittura, installazione di vari programmi, streaming youtube, cuffie Bluetooth etc. Insomma, l'ho usato abbastanza con qualche momento di stress per veloci bench, installazioni e tanto altro. Tuttavia, se devo esser sincero, l'APU consuma un po' troppo nei momenti dormienti. Nulla di eccessivo, però, avendo provato più di un i5 8250u, in idle sul desktop o con carichi leggeri l'Intel si mangia 1, 0.5 Watt in meno rispetto al Ryzen 5. Motivo per cui la variante Intel del Matebook D ha un'autonomia di una-due ore migliore con carichi leggeri. D'altronde abbiamo sotto al cofano una batteria da ben 56 Wh. Giusto per far un confronto, il DELL XPS 13 con un i5 8250 e medesima batteria tocca le 10-11 ore di navigazione web leggera. Con questo MateBook D Ryzen Edition osservando gli assorbimenti dovremmo arrivare alle 8 ore, massimo massimo 9 ore, non di più con carichi leggerissimi e luminosità al minimo. Un valore comunque molto buono ma Intel in termine di efficienza sui bassi carichi ha ancora un discreto vantaggio. Vantaggio forse dovuto all'uso di memorie LPDDR3 invece che le DDR4 del Ryzen, che, almeno in Idle, dovrebbero consumare parecchio meno. Inoltre, ho notato che il Ryzen 5, seppur a volte spenga letteralmente i core portando il consumo della parte Core Zen a briciole di Watt, ha un assorbimento fisso costante dovuto probabilmente al memory controller che non va mai in IDLE. Peccato. Anche la Vega 8 è un po' troppo energivora. Ho guardato un video H264 e mi è partito l'11% di batteria (circa 6-7 Wh) in un'ora, mentre con un i5 8250 che ho provato di recente viaggiavo sui 4-5 Wh all'ora. Anche qui dunque, AMD deve lavorare ancora ed ottimizzare il possibile. Dubito che possa farlo via BIOS update (Chissà se Huawei rilascerà update al BIOS futuri) o driver, presumo sia proprio un limite delle APU attuali, ma con le prossime GEN a 7nm e Zen 2 mi aspetto un bel salto sul fronte energetico.

Nel complesso per ora son abbastanza soddisfatto, specie se relazionato al prezzo pagato (499 euro). Farò un po' di test specifici sul throtthling nei prossimi giorni, ma per ora quando da c'è da spingere il 2500U si fa valere. Peccato solo per i consumi leggermente superiori alla concorrenza sui bassi carrichi, altrimenti avremmo avuto a che fare con una macchina da 10 ore di autonomia. In ogni caso per il mio uso ma soprattutto per il prezzo pagato si ha una macchina davvero equilibrata. Difficile chiedere di più, salvo offerte lampo assurde che purtroppo spesso si faticano a trovare.

Emanuele Pagliari

Sui Ryzen in idle si spegne proprio il core (Clock Gating), indipendentemente dalla frequenza che è stata mantenuta a 1.44 GHz di minimo, anche se tecnicamente è possibile tenere il core accesso fino a 550 MHz, dai dati di AMD. Se monitori con uProf di AMD noterai che i core parcheggiati scendono a quasi 0 mW di assorbimento. Dunque i problemi di assorbimento a bassi carichi son dovuti ad altro, in particolare al memory controller (ed il resto del SoC) e forse anche anche alla GPU Vega. Che io sappia poi, le DDR4 consumano di più delle LPDDR3 che diversi notebook con i5 ed i7 di ottava gen hanno, in particolar modo proprio durante lo standby, visto che, se ben ricordo, si parlava di un buon 30-40% in meno di energia usata durante l'IDLE rispetto alle DDR4.

Gark121

Criticare Intel per un processo produttivo e vantarsi di aver comprato un prodotto con un processo produttivo ancora peggiore.
Complimenti per la coerenza.

Gark121

Nella migliore delle ipotesi sono gli 8xxx con qualche abbozzo di patch hardware per spectre e meltdown.
E sottolineo "nella migliore delle ipotesi".

Peppe
polakko

ogni anno si rinnova tutto! cpu, automobili, portatili, smartphone ecc.

Peppe
smn_lrt

Su altri modelli di portatile c'erano problemi di consumi rispetto a intel U (non nel far girare videogiochi o grafica... Che han comunque poco senso per processori da 15W)...in uso generico browser/word/excel la batteria dura 7/8 ore anziché 5/6...avevano attribuito i consumi al processore che stava a frequenza più alta a riposo (1600MHz anziche i soliti 800 di Intel)...

Gpat. (Mi8+Ryzen)

Il mio con uso CPU all'1% gira a 1.47 ghz. A quanto dovrebbe stare?

Emanuele Arilli

Mi aggiungo ai possessori di ryzen 2500u, ho un hp envy x360 15 pollici, con tpd quindi di 25w, ed è una cpu fenomenale, mai in throlling, e in idle pur avendo la gpu integrata il consumo non è mai eccessivo

smn_lrt

Domanda (perché l'altro giorno c'è lo siamo chiesto in molti riguardo quella cpu) : la frequenza minima di quei ryzen U, quando non gli dai lavoro, è 1600MHz? (riscontri questo comportamento anche sul tuo?)

Castoremmi

800 euro fascia media?

Giacomo

Anche quello è un gran portatile, le serie 330s invece ha i pannelli TN, per cui l'hanno solo che rovinata

Giacomo

Idem, ne sono piacevolmente sorpreso. Ero preoccupato perchè su amazon dicevano tutti scaldasse ma per il momento non riscontro il problema. Vega 8 fenomenale

Fabio

Pagato 400euro ideapad 320s con i5 8250 u, 8gb ram 2400mhz ddr4 e ssd 256gb...

riccardik
Torpilla

Non ho capito. Li vendono scontati alla Comet?

Max Dembo

Esatto. servono solo a trovare buone offerte con i "vecchi" processori.

Gpat. (Mi8+Ryzen)

Tra un po' arriva pure il refresh... addio Intel

AlexAznable

Lo step c'è stato da 7th a 8th con i quad core. Finché rimangono sui 14nm è solo un continuo affinamento, parlando di i5-i7
Si spera che finalmente arrivino i quad core anche sugli i3

Fiore97

e coi confronti andavano meglio le versioni intel che amd,poi sono migliorate con il tempo ma i primi modelli facevano pena

Gpat. (Mi8+Ryzen)

E allora? Un ultrabook con 8250u e GPU integrata costa dagli 800 ai 1500€

ranellux

Confermo.. scrivo da matebook d 14 ryzen.. uno spettacolo!!

Fiore97

si ma ti ricordo che quel processore originalemente non stava su macchine con costi inferiore a 499€ ma su macchine che costvano verso i 1000€

Fabios112

Se non ci sono innovazioni sul numero di cores è inutile e sarà il medesimo refresh. Comunque i RyzenM e i processori 8U sono formidabili.

Fabios112

No fidati che per quel che costa va benissimo. Non scalda tanto e in un solo chip hai potenza grafica comparabile con mx130 e processore comparabile con i5 8250u contenendo pesi e consumi.

Gpat. (Mi8+Ryzen)

CPU sopraffina per il suo TDP e nel mio caso Huawei l'ha ottimizzata ad arte. Acquisto perfetto per 499€

Fiore97

ryzen mobile fa ancora più pena

Gpat. (MBA/Mi8/HoMobile)

Ennesimo 14nm... Intel non sa più che pesci prendere.
Troppo tardi, passato da Mac a Matebook Ryzen.
L'occasione di sf4nculare Apple e Intel in un colpo solo era troppo ghiotta.

RECENSIONE Teclast F5, convertibile economico ma convincente

Microsoft Surface Go: piccolo e compatto | Anteprima video

Lenovo Yoga C930 ufficiale: 2-in-1 premium con altoparlante rotante | Video

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex