Surface con due display suggerito da nuovo brevetto Microsoft

02 Novembre 2018 29

L'inesauribile fucina di brevetti di Microsoft ha prodotto l'ennesimo progetto che suggerisce come uno dei più iconici prodotti della casa di Redmond potrebbe evolvere in futuro. Il brevetto pubblicato nelle scorse ore dall'USPTO - è bene precisarlo - non riguarda il design di un nuovo Surface, quanto un "Reflective display" il cui funzionamento viene spiegato utilizzando l'immagine stilizzata del 2-in-1 della casa di Redmond.

Il display riflettente costituisce di fatto un secondo schermo posizionato nella parte posteriore della scocca del Surface. Più nel dettaglio l'oggetto del brevetto viene così descritto:

Una struttura riflettente multi-strato forma la superficie esterna di un dispositivo elettronico e comprende un display a emissione luminosa separato dalla superficie esterna da una pellicola polarizzatrice dielettrica e da un diffusore. La luce emessa dal display è trasmessa sequenzialmente attraverso la pellicola polarizzatrice dielettrica ed il diffusore per presentare informazioni sulla superficie esterna.


Nel brevetto si legge che il display ha un aspetto opaco e/o metallico e che, nel caso d'uso sintetizzato dall'immagine sopra riportata, lo schermo è separato dal display principale. Sempre la descrizione del brevetto aggiunge che il display secondario può essere utilizzato anche quando il portatile è chiuso, mentre appare evidente già dalle immagini illustrative che l'interazione con il secondo schermo è possibile anche tramite stilo.

La nota in apertura sull'oggetto del brevetto (è il display, non il portatile) non è superflua quando si continua a leggere cosa Microsoft afferma nella descrizione dettagliata: il display riflettente potrebbe essere impiegato anche in dispositivi diversi dai portatili e indipendentemente da un display primario: ad esempio, come accessorio di un computer (un writing tablet da usare in abbinamento ad un computer) oppure integrato sulla superficie esterna di un frigorifero smart o di una scrivania.

La domanda in ultima istanza, quindi, non è tanto se arriverà veramente un Surface a doppio schermo, ma qual è l'idea di fondo che ha spinto Microsoft a chiedere la registrazione del brevetto. E' esplicitata nella documentazione: i consumatori chiedono dispositivi sempre più compatti e potenti e ciò rende necessario innovare i metodi per alloggiare la componentistica, sfruttando quelle zone del dispositivo che resterebbero inutilizzate, come la backcover di un portatile, appunto.


29

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Haku

"Prima cosa gran parte di quel mercato è rappresentato da macchine Linux e non Windows, secondo il grosso di quei sistemi non è GUI ma a caratteri. "

L'ultima volta che ho visto un bancomat o un DCS per il controllo di impianti a "soli caratteri" vendevano ancora le uova di Dodo. Piuttosto si usano schermi touch con delle sorte di Widget dove poi imputi perlopiù i valori predefiniti. Cioè invece di un disegnino sull'icona c'è un numero. Persino il nostro sistema DCS che va ancora avanti con Windows NT 4 ha il disegno planare dell'impianto e solo dopo aver cliccato sull'icona puoi immettere dei numeri o regolare una barra tramite il mouse trascinandola per variare i parametri alla stregua di un potenziometro fisico. Hai una statistica d'uso laddove si dimostra che LINUX viene usato di più di Windows in termini di automazione informatica industriale?

Qui per piacere

========================

========================

Grazie

"Continui a citare a mo' di esempio i tuoi due amici fotografi e NALCO"

No, ho citato TE, che se è vero che ti trovi bene con Chrome OS rappresenti ancora meno della NALCO e dei fotografi che almeno sono in 2 da me citati. Dubito comunque esistano molti fotografi e filmmaker professionisti che usino Chrome OS.

"l più piccolo dei ministeri italiani"

Tipo quello della difesa che adesso è passato a Windows 10? Ok sono italiani e ci mangiano. Ma anche quello Americano? Sempre per tacere del gruppo ENI. Come già ho detto l'italianità nel mondo, secondo la tua logica, non appartiene solo all'Italia. O sono tutti degli incompetenti laddove non fabbricano lecca lecca ma trattano di cose un pelino più delicate e quindi dovrebbero assumerti come consulente, o sono degli 1d1ot1 incompetenti, che invece di rimpinzarsi di Mac e di LINUX e di UNIX e Chrome OS e vivere felici impazziscono con un OS infinitamente più instabile rispetto persino alla versione precedente di quello fornito dalla stessa ditta. A questo punto che dire se non quello che ho già detto? Aspettiamo che cessino il supporto al 7 e vedremo se ci sarà una meravigliosa esplosione di Chrome OS/Linux/Mac e financo Haiku OS, Trip OS. Spero almeno sia compatibile con l'Hardware del mio PC anche se, ripeto, smadonnerò non poco per ricomprare il software.

Federico

Scusa ma non è così.
In base alla mia esperienza di utilizzo ho tentato di dare una risposta riferita al mercato generale visto che mi avevi posto un quesito in tal senso.
Come potrei rispondere se non avessi una conoscenza diretta e quanto meno decente dell'argomento di cui parlo? solo gli i-d-i-o-t-i danno giudizi riguardo alle cose che non conoscono per via diretta, no?
Se invece ti riferisci all'aver definito superbo il lavoro svolto da Google, ritengo di avere titoli e competenze in materia di architettura dei sistemi operativi sufficienti a dare tale definizione in autonomia.

"Ci sono prospettive numericamente ragionevoli affinché chi usa windows per, che so, automatizzare Bancomat, torni, frese, piattaforme petrolifere, microscopi elettronici, telescopi ecc. passi a Chrome Mac nell'immediato futuro?"

No, nessuna.
Prima cosa gran parte di quel mercato è rappresentato da macchine Linux e non Windows, secondo il grosso di quei sistemi non è GUI ma a caratteri.
Quelli che sono Windows resteranno semplicemente allo step attuale senza aggiornarsi, così come moltissimi sistemi di controllo di processo sono ancora su XP.
Nel settore industriale le macchine vengono aggiornate unicamente quando esiste una ragione per farlo.

Continui a citare a mo' di esempio i tuoi due amici fotografi e NALCO, come se fossero rappresentativi di qualcosa.
Bene, NALCO è un'azienda da 11.500 dipendenti, il che la pone nella fascia di rappresentatività nel mercato che sta fra il poco ed il nulla
Le quote di mercato degli OS sono fatte dalle Corporate, dunque entità da 100.000 e più postazioni di lavoro.
Il più piccolo dei ministeri italiani ha un peso decine di volte maggiore della tua NALCO (gli amici fotografi li lasciamo proprio stare).

Non trovo il nesso con la "casa intelligente" ed i consumer... Penso tu abbia confuso i thread.

Haku

"Dopo tre settimane di utilizzo di Chrome OS su un hardware di alto livello (Core i7) posso affermare con certezza di preferire Android, però devo riconoscere che il lavoro fatto da Google è superbo. "

Per citarti esattamente: tu non hai importanza, non sei rilevante esattamente come i due fotografi e dalla NALCO di cui discutevamo. Qui parliamo di numeri, quindi: quante ditte, fabbriche, automazioni industriali, laboratori di ricerca, uffici, grafici, statistici, dipartimenti, produttori di sistemi embedded ecc. ecc. sono passati a Chrome OS o pensano di farlo nell'immediato futuro (sperando che M$ stia con le mani in mano e lasci fare) ?

qui per piacere

==========================

==========================

Grazie

Parliamo, ripeto, di miliardi di dispositivi. Alla Foxconn usano Windows per l'automazione delle linee che fanno i Mac, gli iPhone e gli iPad. Per l'aggiornamento degli impianti All'ENI useranno W10. Parlo di impianti da centinaia di milioni di euro grandi come 2-3 campi da calcio per citare un'esperienza diretta. Ci sono prospettive numericamente ragionevoli affinché chi usa windows per, che so, automatizzare Bancomat, torni, frese, piattaforme petrolifere, microscopi elettronici, telescopi ecc. passi a Chrome Mac nell'immediato futuro? Se si in base a quali studi? Qui per piacere:

===========================

===========================

Grazie.

Se non sbaglio parlavamo di servizi aziendali non il consumer e la "casa intelligente", treno che Microsoft ha perso da mo' sebbene resista nel gaming tripla "A", cosa che ancora fa vendere i PC nelle case?

Federico

Microsoft ormai ha a catalogo unicamente un sistema operativo che inizia a sentire il peso degli anni ed uno più recente che però presenta enormi problemi.
In molti stanno semplicemente abbandonando Microsoft per passare a soluzioni più moderne ma affidabili, quindi scende l'intero complesso Windows e salgono i competitor.

Nell'informatica occidentale il mondo È l'America, e questo è inevitabile visto che in Occidente sono gli USA a creare materialmente l'informatica.
Un tempo anche noi europei avemmo una qualche voce in capitolo, perfino nell'hardware dove noi italiani ed i tedeschi eravamo avanzatissimi, ma ormai l'occidente informatico è essenzialmente sinonimo di Stati Uniti informatici.

Dopo tre settimane di utilizzo di Chrome OS su un hardware di alto livello (Core i7) posso affermare con certezza di preferire Android, però devo riconoscere che il lavoro fatto da Google è superbo.
In ChromeOS tutto è semplice e l'integrazione fra le sue tre anime (web app, Play Store e Linux) è totale; tutto funziona alla perfezione, si installa e si configura con un semplice click di mouse, nessun bisogno di avere la minima competenza informatica.
Per il professionista che desidera uno strumento affidabilissimo, veloce e solido come roccia è la scelta ideale.
Sui sistemi fissi vedo meglio Android Desktop, ma su quelli portatili, siano essi tablet, convertibili o laptop, ChromeOS è più adatto.

Però confesso di non aver compreso la domanda che mi hai posto, ti prego di riformularla.

Il resto del tuo intervento è interessante, ma dedicherei ad esso un thread specifico.

Haku
Federico

Abbi pazienza Haku... se le contestazioni che muovi a dati numerici, che per loro natura sono oggettivi e non soggettivi, sono quelle da te usate, le possibilità sono due: o sei uno sciocco o hai una visione della concretezza alterata dalla passione.

Visto che ti conosco ormai da molto tempo so per certo che tu sciocco non lo sei, dunque resta solo la seconda ipotesi.

Haku

Ne ho sentite di cose stupide, ma che io sia un Fanboy di Microsoft (o di qualsiasi altra forma di elettrodomestica) che ho sempre definito, (tra l'altro in discussioni fatte con te) il peggio che sia mai uscito dal calderone degli anni '80-'90 fa quasi tenerezza. A dispetto delle chiacchiere dei Blog, delle previsioni e dei diagrammi photoshoppati il tempo ci dirà cosa sceglieranno le ditte e come si comporteranno i fornitori di servizi.

Federico

Una risposta vale per tutte: il grafico che ti ho allegato l'ho fatto io con il Photoshop... vabbè inutile dicutere con i fanboy.

Thread concluso.

Haku

1) Continuo a non avere detto che è più diffuso nelle aziende, ma che le unità installate sono a parimerito o quasi.

2) Per l'ennesima volta: io non ho detto che supera le installazioni aziendali ma che è parimerito in diffusione. Contestavo il fatto che "è un sistema operativo buono solo per hobbisti". Questo perchè viene usato da gente che ci fa lavori SERISSIMI. Io ho visto dei torni ad altissima precisione (e una valanga di altra roba) girare ancora con windows XP e non hanno nessuna intenzione di sostituirlo. Questo perchè, come ricordi tu, esistono svariati OS Microsoft con cui le aziende si sono specializzate e che da sempre impiegano anni per passare da una versione di Windows all'altra. E da sempre impiegano ANNI per migrare al nuovo OS. Simpatica inoltre la denuncia che Google si è beccata per avere violato la privacy degli alunni senza il consenso dei genitori coi suo computer nelle scuole. Ancora non hanno imparato che Google non prende soldi ma il deretano della tua privacy, lo disossa completamente lo allarga come non ci fosse un domani e ci mette pure il bollino "Euro 7". Quello che non capisco è come si accetti in istituti scolastici i prodotti di una ditta che ha come core business i tuoi dati personali. Indice della potenza che hanno ormai raggiunto le società della Silicon Walley

3) Si, sono serissimo. Visto che sbandieri che trovi sciocco chi parla di una cosa senza averne fatto diversa esperienza diretta quindi riformulo: TU quanti sistemi HD e SW e in quali e quanti campi applicativi hai comparato sullo stesso piano tra W10 e W7 per dire che W7 è più stabile ed affidabile? Trascurando ovviamente le istituzioni e ditte da me citate che, secondo te, non ci capiscono nulla di informatica e sistemi.

4) il 5% è tanta roba negli USA (figurati il 25% di Apple ed il 70% di Microsoft) poi, se guardi il mappamondo, scopri che esistono una pletora di simpatici continenti industrializzati dove Chrome OS semplicemente è non pervenuto. Apple si sta flettendo sul suo 7% anche per colpa delle sue politiche sui personal computer. Chiaro che col mercato in declino dei PC è Microsoft a farci le spese più grosse. Il mondo sta cambiando, i servizi saranno il futuro. I SO come li conosciamo oggi verranno relegati a campi specialistici sempre più piccoli e dallo share di mercato bassissimo. Microsoft ha perso il treno del mobile (almeno fino alla prossima "big thing" che rivoluzionerà per l'ennesima volta il mercato). Quindi, come dicevo: se Windows 10 che rimarrà l'UNICO sistema operativo di Redmond farà schifo come dici tu avremmo finalmente un'esplosione di OS alternativi e finalmente la Apple venderà scatafasci di Mac. D'altronde sono quasi 40 anni che quella z0cc0la della pubblicità Apple corre con quel martello in mano per distruggere i PC.

Federico

Anche questo da cui scrivo al momento è un Dell professionale, ma non conta ciò che noi personalmente impieghiamo ma quello che il mercato nel suo complesso utilizza.
Ti è mai capitato di entrare in una ASL, una banca, un ministero una catena di distribuzione, un ufficio postale... vedere un bancomat in manutenzione o una linea di produzione automatizzata... e trovarci Windows 10?

Federico

1) Si tratta di un recente annuncio dello stesso Nadella a margine della presentazione dei dati della trimestrale Microsoft, peraltro ottima.

2) Io faccio il conto delle macchine funzionanti, che nel complesso nelle grandi aziende e PA vedono Windows 7 superare di molto Windows 10.

3)... Haku, ma dici sul serio? :)

4) in America, ti ricordo, gioca sul suo terreno anche Microsoft, ma ripeto che la cosa si sta diffondendo in tutto il pianeta. Guarda i dati e te ne renderai conto autonomamente... anzi, mi pare strano vedere che chi dibatte attoeno a questi argomenti non solo non conosca i dati più recenti ma neppure segua gli altri OS (vedremo perchè) ma neppure si interessi attivamente dei dati finanziari di tutti i player e delle relative conferenze dei rispettivi CEO.

5) Chrome OS fu introdotto come OS per il segmento EDU, dove ottenne un successo discreto ma non travolgente (immagino sotto le aspettative); poi Google decise di cambiare target ampliandone le caratteristiche fino ad includere il pieno supporto multi finestra del Play Store, integrando Linux e la compatibilità con gli ambienti Avtive Direcrory (Windows Server).
A seguito di questa trasformazione il segmento Educational è stato pressochè abbandonato e l'offerta delle mecchine (ormai a listino di tutti i principali OEM) copre in particolar medio la fascia media e quella alta con prezzi che partono dai 500$ fino ai 2000$
Negli USA il market share del Chrome OS, pressochè azzerato dopo l'abbandono del settore Educational, è balzato al 5%.
Il 5% del mercato Desktop statunitense è veramente tanta roba Haku.
Ma ancor più interessante è la diffusione a macchia d'olio (in tutto il pianeta) di una strana categoria "Unknown" che in realtà rappresenta gli Android Desktop dei terminali di fascia alta Samsung e Huawei (venduti anche dalla stessa Microsoft nei suoi Store), a sua volta salita su sl 3.75%.
Complessivamente parliamo di quasi un 9% di PC "Play Store based" nel ricchissimo mercato statunitense!

Windows 7 è ormai vecchio come concezione di sistema operativo, su questo nessuno discute, ma prima cosa per gli impieghi aziendali va ancora benissimo, seconda cosa supporta pienamente tutto l'hardware presente nelle aziende (che sarebbe costosissimo sostituire) e terzo in casa Microsoft non esiste un'alternativa a cui passare, perchè Windows 10 non rappresenta un'opzione praticabile.
Nota che il supporto aziendale a Windows 10 è stato prolungato al 2023 proprio perchè alla fine Redmond ha dovuto prendere atto della situazione ed ahire di conseguenza.

Nel grafico il mercato Desktop statunitense, vedi un po' tu...

https://uploads.disquscdn.c...

Haku

1) io non ho mai detto dove specificatamente viene diffuso, ma che ha raggiunto windowsv7

2) speriamo che assieme ai ministeri tu ci metta, oltre che al ministero della difesa USA e Italiano anche il gruppo eni, che non é la piccola fiammiferaia ed è passata a Windows 10. É userà questo sistema inaffidabile e costoso per la gestione dell'impianto ad osmosi che stanno costruendo dove lavoro io ma saranno casi di incompetenza come dicevamo.

3) vorrei in base a quale studio tu puoi affermare che w10 è molto meno stabile del 7. Hanno fatto delle prove affidabili comparando diligentemente gruppi significativi di hardware e software per testare le macchine o é una tua impressione?

4)in America Apple e Google giocano in casa. Postulato che mi piacerebbe un terzo incomodo trovo questa tua affermazione intrisa di una partigianeria sconfinata é nessuna lucidità: Chrome può avere intaccato il mercato edu soprattutto per via dei prezzima tutto ciò che é azi

Utente9000

Con quali usi professionali
lo hai testato esattamente?

Federico

NetMarketShare non ha alcuna possibilità di stabilire quanti sono i PC in uso alle aziende e quanti ai consumer.
l'annuncio del superamento della soglia del 50% fu data da Nadella e immediatamente dopo contraddetta dai dati (sbadatamente) rilasciati dalla stessa Microsoft.

NALCO e i tuoi amici fotografi sono irrilevanti, quando si discute attorno a grandi numeri si fa riferimento a Ministeri, amministrazioni sanitarie, banche e assicurazioni, sportelli bancomat, grandi aziende manufatturiere, servizi postali, tresporti, telecomunicazioni, catene di supermercati, atenei... in generale di strutture di tipo Corporate da 100.000 postazioni a salire.
Tutto questo è ancora saldamente nelle mani di Windows 7.
La ragione è banale: nelle grandi e grandissime aziende anche il iù piccolo dei problemi si traduce in un costo improponibile, perchè magari un Windows Update che crea problemi a Mazara del Vallo impone di inviare in loco un tecnico da Palermo.
Windows 10 è molto ma molto lontano dalla stabilità ed affidabilità ormai pressochè totale raggiunta dal Windows 7 e non esiste nessuna ragione di aggioenare perchè nessuna software house al mondo supporta lo Store per il software aziendale.

Se qualcosa esiste è la migrazione verso sistemi differenti... ti invito a dare un'occhiata ai grafici di Statcounter relativi agli OS Desktop per renderti conto che è in atto una vera e propria fuga da Windows (fino allo scorso mese visibile solo negli USA ma ormai ben riscontrabile anche nel Worldwide).
Negli USA ormai Windows è al 70%, velocemente eroso sia da Mac OS che da Chrome OS.

Haku

La notizia del raggiungimento é secondo NetMarketShare. Quindi il dipartimento della difesa si è preso un prodotto costosissimo come gestione ed inaffidabile perché tanto non paga lei ma il contribuente. Ah ma allora tutto il mondo é paese! Altro che italia! Rimango perplesso sulla NALCO che é una ditta privata e dei due fotografi professionisti miei conoscenti che stanchi della politica Apple si sono fatti assemblare i PC workstation da me con Windows 10 e mi mandano ancora i prosciutti per Natale. Beh, a questo punto ho i dubbi di non avere visto sugli XPS dei ricercatori del CERN un complicatissimo foglio di calcolo pieno di diagrammi é formule ma la schermata delle statistiche della cittadina virtuale di Sim City. Anvedi che roba...

Federico

Il dtp relativo al superamento del 50% di presenza di Windows 10 nelle aziende è assolutamente incompatiibile con i dati di diffusione rilasciati dalla stessa Microsoft nonchè con quelli di diffusione di Internet Explorer, che sovrasta il nuovo Edge.
E' ragionevole che la percentuale di presenza di Windows 10 sulle macchine aziendali non superi il 40%

Quanto alle agenzie governative, esse non prestano attenzione al TCO.
Al contrario le aziende private, tanto più se quotate sui mercati finanziari, valutano la bontà delle tecnologie anche in base ai costi, e Windows 10 ha dei costi di gestione semplicemente mostruosi a causa della sua completa inaffidabilità.

Haku

Ha raggiunto la diffusione del Windows 7 per quanto ne so io e come minimo ha connesso le migliaia di PC aziendali dell'Eni di cui sono dipendente. Sono sicuro anche di averlo visto in mano a ricercatori del CERN, e agli ingenieri della NALCO che vengono a farci le calibrazioni chimiche dotati di surface... il resto sarà come dici tu che lo usano solo per chi si fa un PC da gioco ma ho dubbi decisamente importanti.

Dark!tetto

Avrai dimenticato Vista e ME... O ZUNEEE :D

Federico

Per impieghi hobbistici va benone, per quelli professionali è un disastro

Federico

Quando l'Amiga venne immessa sul mercato lavoravo già nel settore informatico da cinque anni.

Ma lo dici tu che non muovo critiche verso Android-
Fino alla versione Narshmallow ho sempre definito Android un giocattolo, e se invece di essere un monomaniaco dei blog Microsoft ti dedicassi anche a quel sistema operativo mi vedresti fare dei commenti negativi anche su di esso.

Il fatto che Google possa aver combinato porcherie in passato non ha nulla a che vedere con la situazione attuale.
Google ha compiuto una gigantesca ristrutturazione sia della mentalità aziendale che della composizione della Corporate... dovresti seguire più attentamente le aziende che critichi

Haku

Boh, come sistema desktop non va affatto male, anzi.

Maximus

Quando io utilizzavo il primo sistema operativo multitasking ovvero Amiga OS tu manco sapevi cosa fosse un vero computer con un vero OS ,al max digitavi righe di commando su dos . Comunque non sei una persona imparziale non vedo mai critiche verso Android che di certo non è un sistema operativo privo di difetti, o critiche alla casa madre Google che di porcherie ne ha combinate parecchie.

Federico

Ho scritto a favore di ciò che c'era di buono in Microsoft prima ancora che tu accendessi il tuo primo computer, ma quando le cose non vanno io non faccio finta di niente ma spiego a chi mi legge perché è meglio smettere di usarle e passare ad altro.
Microsoft fa cose buone e cose pessime, Windows 10 ormai è una delle peggiori cose fatte nel corso della sua esistenza.

Alexa non è HAL 9000 ma gli ecosistemi basati su di essa funzionano bene, a differenza di Cortana che ormai è un cadavere putrido lasciato a marcire, come tutto quello che fu il meraviglioso progetto Windows 10 degli esordi.

Maximus

Non centra una mazza , allora potrei dirti che ho appena stabilito 700 € di budget per uno smartwatch garmin Fenix 5 , scrivi a prescindere contro microsoft perfino su cose che neanche sono uscite e che nessuno di noi può avere un idea precisa della loro applicabilità. E torna con i piedi per terra Alexa non è HAL 9000 di 2001 odissea nello spazio.

Federico

Somo così fanboy di Google che ho appena stabilito un budget di 1000 euro per la home automation basata su Alexa (quasi 300 già spesi).
Io sono sempre dove la tecnologia è migliore, solo gli imbecill si legano ad un marchio.

Maximus

Mancavano le inutili parole di un vero fanboy google.

Federico

Sono sicuro che prima o poi Microsoft aprirà un "Patent Store".
I fanboy accorreranno da ogni parte del mondo.
Non potendo avere i Surface Phone si accontenteranno del disegno timbrato dall'ufficio competente :)

Supercrispo

Ottima considerazione!

Sagitt

cosi ci fanno i registratori di cassa

RECENSIONE Teclast F5, convertibile economico ma convincente

Microsoft Surface Go: piccolo e compatto | Anteprima video

Lenovo Yoga C930 ufficiale: 2-in-1 premium con altoparlante rotante | Video

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex