Micron annuncia Crucial P1, nuovi SSD M.2 da 500GB e 1TB

16 Ottobre 2018 38

Micron ha annunciato oggi i nuovi SSD Crucial P1 in due differenti versioni con taglio di memoria da 500 GB e 1 TB. Si tratta di due prodotti in formato M.2 NVMe che si caratterizzano per utilizzare la tecnologia NAND QLC, ovvero Quad Level Cell. Si tratta di una tecnologia che permette di ottenere un buon compromesso tra costo e prestazioni e di poter quindi avere accesso a tagli di memoria importanti con una spesa tutto sommato contenuta.

Le due nuove proposte Crucial P1, parliamo di quelle subito disponibili (arriverà nel 2019 una versione da 2TB) sono infatti disponibili ad un prezzo di 117 euro circa per la versione da 500 GB e 234 per quella da 1 TB. Prezzi leggermente inferiori anche rispetto all'unica alternativa QLC attualmente sul mercato, ovvero la serie 660P di Intel.


Stando a quanto dichiarato da Micron sul proprio shop ufficiale alla pagina dedicata alle due nuove soluzioni abbiamo delle velocità di lettura e scrittura comunque interessanti, che ammontano a 1900 MB/s e 950 MB/s per il modello da 500 GB e 2000 MB/s e 1700 MB/s per il modello da 1 TB di capacità.

Interessante anche il dato relativo alla scrittura e lettura casuale con 90.000 IOPS in lettura e 220.000 in scrittura per il modello da 500 GB e 170.000 e 240.000 per quello da 1 TB.

Entrambi i modelli offrono poi una garanzia di 5 anni e una licenza Acronis True Image per Crucial inclusa, software che permette, ad esempio, di clonare in maniera semplice e veloce il contenuto del proprio HDD sul nuovo SSD.

Come potete vedere dalle immagini abbiamo ricevuto un sample del prodotto e contiamo di aggiornarvi il prima possibile riguardo le reali prestazioni.

L'unico vero Note.? Samsung Galaxy Note 9 è in offerta oggi su a 609 euro oppure da ePrice a 858 euro.

38

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
hassunnuttixe

Credici, io intanto ci scommetto 200000$ che non ci sarà nessuna conseguenza come ce ne scommisi 100000 a dicembre 2011. Tu fai pure l'orso da panic selling :D

Cerbero

Scherzi vero? la grecia e' fallita 8 anni fa ed ha avuto a piu' riprese l'haircut del debito. L'italia come nel 2011 rischia anche se oggi la situazione e' pure peggio. Il QE della BCE e' quasi finito senza sostanziali miglioramenti in italia (perche' non e' stato accompagnato da riferme serie..) ed il debito italiano in mano per 2/3 alle banche italiane rischia di essere nuovamente svalutato con conseguente perdita di valore. Questo comporterebbe nuove ricapitalizzazioni bancarie,solo che non si sa bene dove si possano prendere soldi....visto che si e' gia' raschiato il fondo del barile.
Ovviamente se saltano le banche,salta l'intera economia in Italia. Vogliamo veramente continuare a farci del male posticipando riforme antisociali ma strutturali e necessarie incorrendo in una sempre piu' certa ristrutturazione del debito conseguenza di un default?
Mah

hassunnuttixe

L'Italia in default? Ne bevete minchi4te eh? La Grecia non ci è arrivata nel 2012 e l'Italia adesso affonda per 9 miliardi? Mah...

Cerbero

L'italia ha sempre fatto spesa in deficit quando il rapporto debito/pil era ancora sostenibile o quando avevamo la leva monetaria da utilizzare. Ora i nodi sono arrivati al petttinee ci stanno "cortesemente" dicendo di trovare le risorse in altro modo evitando deficit ulteriori che ci porterebbero al default.
E' fallimentare tentare di iniettare denaro come sostegno in un mercato del lavoro fermo a causa delle rigidita' imposte dallo stato a cui devono sottostare (anche) le poche imprese rimaste in italia. Le imprese stanno sul mercato,il Paese no e questo e' un grave errore.
Gli imprenditori fanno quello che possono e non si puo' pretendere che falliscano perche' DEVONO assumere italiani a stipendi commisurati al costo della vita. Non frainterdermi cerco di spiegarmi meglio: se siamo in queste condizioni e' colpa di uno Stato che non puo' e non vuole ricavare le risorse di cui necessita in altro modo senza appesantire le aziende di tasse compreso il costo del lavoro a livelli assurdi. Se l'imprenditore deve versare il doppio rispetto quanto prende effettivamente il lavoratore non e' colpa ne' dell'imprenditore ne' del lavoratore ma di chi si mette in mezzo a pretendere cosi' tanto! (facendo poi ulteriore debito...perche' lo stato mai si stanca di mangiar risorse..). Di chi e' quindi la colpa?! Ovviamente di quelli che sanno,potrebbero e dovrebbero fare ma non decidono.

Le regole del mercato e del lavoro in italia oltre ad incidere pesantemente sulla crisi economica creano ulteriore disoccupazione,causa fallimenti,delocalizzazioni perche' nessuna impresa puo' sopravvivere con le proprie gambe a pretese cosi' fuori da ogni logica.Il Paese e' diviso fra privilegiati e chi non ha nulla. L'unico discriminante per far star meglio TUTTI sarebbe la crescita economica. Ma nessuno si azzarda a togliere un po' di risorse a chi forse nemmeno le dovrebbe avere...ma stiamo scherzando? Ma quanto vogliano andare avanti cosi' senza prenderci in giro?!

hassunnuttixe

In realtà il RdC non è altro che una manovra macroeconomia post-keynesiana: in economia la formula del PIl è Y=C+I+G+(X-M) dove
C=consumi finali
I=investimenti
G=spesa pubblica
(X-M)= bilancia commerciale (esportazioni-importazioni)
É universalmente risaputo che le fasce più povere hanno la massima propensione alla spesa, quindi TUTTI i soldi stanziati (meno il 22% di IVA che ritorna subito alle casse dello stato appena vengono spesi) vanno ad aumentare i consumi finali (C nella formula).
Bene, senza contare nessun moltiplicatore keynesiano (questo è da sottolineare) il solo reddito di cittadinanza aumenta il PIL di un MINIMO +0.30%

hassunnuttixe

L'italia ha praticamente sempre fatto spesa in deficit, solo che stavolta il RdC costringerebbe i datori di lavoro ad alzare salari e stipendi... perciò tutti gli imprenditori che fanno lavorare gente a 500€ al mese in nero, col contratto fake (falsi part time, falsi stage e via dicendo che vanno tanto di moda in Italia) hanno alzato gli scudi e innescato la propaganda del "fare i parassiti", "stare seduti sul divano", "ommioddio dove li troviamo i soldi" ecc...

hassunnuttixe

se pensi che il mio riferimento a come erano le condizioni lavorative dei cinesi sia una boiata razzista e che il RdC sia parassitare sul lavoro degli altri hai seri problemi di comprensione

riccardik

ma io non è che sia contro in termini assoluti, però è una cosa che va fatta in maniera sensata (e non penso comunque che sia un modo per migliorare la situazione del nostro paese). pensa te che per come vogliono farlo probabilmente ne avrei pure diritto e mi eviterei di fare lavoretti vari

Cerbero

Il problema non è un reddito di cittadinanza in sè ma le condizioni a cui viene presentato. L'Italia non può fare spesa in deficit senza sbloccare riforme che le consentirebbero di rendere proficui tali investimenti. È una questione un po' complicata e sicuramente il reddito di cittadinanza si colloca come ultimo step far ripartire il mercato del lavoro,non il primo.

Norman Tyler

quindi secondo te l'alternativa a diventare un cinese ( ammesso e non concesso che si tratti della ennesima boiata razzista ) è quelal di non fare un caxxo e parassitare sul lavor degli altri---mejcojons ( evitiamo caxxate sull?America avrà molti difetti ma una vaccata del genere porterebbe ad uan rivoluzione)

hassunnuttixe

Non ho capito perchè in Italia il reddito di cittadinanza vi sembri così strano, irraggiungibile ed inutile, se ne parla di introdurlo pure qua in USA...
Si vede che vi piace diventare come erano i cinesi prima, pagati un piatto di riso al mese full time. Manco la paga minima oraria avete, tipo il Burkina Faso...

riccardik

è immorale non avere un ssd

riccardik

Se sei straniero puoi usare i 35 euro, ne fai un raid

Aster

se sei straniero no:)

Aster

Con quel hardware non credo vale la pena.

Mattia Alesi

Credo che il passaggio da un ssd sata ad uno nvme non sia molto percettibile nell'uso che hai descritto

Kamgusta

Infatti la mia scheda madre fornisce un dissipatore per lo slot M2

Aster

A ma è un muletto, li uso per un po di mesi così per provare. Sono pc dismessi da tempo:)

gioboni

Chiedo un consiglio.
Sul portatile ho un SM951 512GB (NVMe, 2150/1500 MB/s, 90K/70K IOPS) e 6700HQ, mentre sul 2in1 c'è montato un SKhynix SC311 (SATA, 500/270 MB/s, 40K/60K IOPS) e 7100U: volendo cambiare a prescindere l'SSD del 2in1 causa spazio, se prendessi un modello NVMe riuscirei anche ad avvicinarmi alle prestazioni del portatile per le operazioni di routine (boot, navigazione, ecc...) oppure la differenza che percepisco è più causa della CPU (sicuramente la prima è più prestante ma parlo di uso non intensivo)?

matteventu

Mi raccomando, fai tanti backup :D

Stefano

non è immorale questa spesa?

Aster

Si è un Samsung da 120 vecchio pc aziendale :)

matteventu

Credo sia per quello che consuma di più allora :)

riccardik

ma con il reddito di cittadinanza chiunque poitrà permettersi un nvme, è fatto apposta per quello

Aster

a ok probabile

Aster

si decisamente,molto piu vecchio dei due.

matteventu

No no, potrebbe anche essere il contrario e che ho detto una cagàta :D

Il SATA per caso è molto più vecchio dell'NVMe che hai?

Markk

Prezzi ancora folli per il mercato di massa specie italiano con rapporto stipendi-costo della vita disumano.

riccardik

eh no, penso che il controller nvme lavori decisamente di più di un sata

Gupi

Si sì nvme. Non ho mai avuto problemi derivanti dalle temperature, ma ultimamente le sto monitorando perché mi sembrano esagerate

Aster

pensavo il contrario,infatti con un sata sto 50-51

matteventu

Idem (anche se il mio è M.2 SATA, immagino gli NVMe scaldino di più).

Aster

parliamo sempre di nvme m2 giusto?io con liteon mai sopra 45-50 con linux o windows,thinkpad e hp spectre pro

Gupi

Io ho un Samsung ed un Intel, addirittura il Samsung va oltre 80

Aster

Io mio sta tranquillamente sotto i 45 gradi su un portatile

Gupi

queste memoria scaldano da paura, fateci caso, arrivano anche ad oltre 70 gradi facilmente.
io quasi quasi ci monto un dissipatore

Aster

Bene un aumento significativo rispetto al mio che arriva a 1600

Poliuretano (asian love)

Azz avevo letto Macron

RECENSIONE Teclast F5, convertibile economico ma convincente

Microsoft Surface Go: piccolo e compatto | Anteprima video

Lenovo Yoga C930 ufficiale: 2-in-1 premium con altoparlante rotante | Video

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex