TSMC inizia la produzione di chip a 7nm. Apple, AMD e Nvidia scaldano i motori

25 Giugno 2018 11

Durante l'ultimo TSMC Technology Symposium, il CEO di TSMC, C.C. Wei, ha confermato che l'azienda ha dato il via alla produzione in volumi di chip con processo produttivo a 7 nanometri. Nel suo intervento, Wei ha voluto smentire le recenti speculazioni che volevano TSMC in difficoltà con il nuovo processo, a quanto pare molto meno efficiente di quanto ci si aspettasse. In realtà, il passaggio alla tecnologia a 7nm permetterà a TSMC di aumentare la resa del 9%, passando dai 10,5 milioni di wafer prodotti nel 2017 a circa 12 milioni di wafer per il 2018.

Wei conferma che TSMC produrrà oltre 50 prodotti basati su tecnologia a 7nm; la maggior parte di questi sarà destinata a settori come AI, GPU e cryptomining, seguiti da chip 5G e Application Processor. I chip A12 per i prossimi iPhone giocheranno un ruolo fondamentale per il produttore, ma TSMC fornirà i suoi chip anche a partner come AMD, Nvidia, Qualcomm e Bitmain.

Il CEO TSMC ha inoltre confermato che entro il terzo trimestre 2018 inizierà la fase di risk-production del processo 7nm EUV. Entro la seconda metà del 2019, TSMC darà il via alla fase risk-prodution del processo produttivo a 5nm, passando alla produzione di massa entro i primi mesi del 2020. I primi chip a 5nm veranno prodotti nella fab 18 del Southern Taiwan Science Park, la prima al mondo destinata a questa tipologia di prodotti grazie a un investimento da parte dell'azienda di circa 25 miliardi di dollari.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mauro morichetta

Se non ricordo male ho letto su questo blog che Samsung stava lavorando allo stesso processo produttivo, forse sarà una corsa a chi ce l'ha più piccolo? hahahahahaha

Lucagildo

Ma guarda che nessun telefono presenta aveva la stessa problematica, persino telefoni da 100 euro facevano video incredibilmente perfetti senza la problematica

Lucagildo

Ma mi fa così da quando L ho preso, di giorno le foto vengono bene, appena la luce scende uno schifo, penso fossi L unico in tutto il concerto ad avere quella roba, ad un certo punto mi sono persino vergognato di usare L iPhone e ho usato OP3 della mia ragazza che lavorava meglio, con i video non si capiva niente giuro..

Ezio

Non vedo l'ora di vedere un soc mediogamma a 5nm

Code_is_Law

Si chiama flare.. se il sistema delle lenti non è progettato molto bene presenta quel difetto .. più la luce è potente più si presenta . Di solito si nota soprattutto con il telefono contro luce. La spiegazione più sensata potrebbe essere il fatto che la foto è stata scattata di notte con quei fari che sparavano luce molto potente che hanno messo in crisi le lenti della fotocamera

ghost

Volevo dargli un po'di speranza ma al 99% è il sensore rotto e va sostituito :v

Simone

Non credo che un vetro esterno sporco possa causare una cosa simile e solo di notte.

Simone

Mi sembra un qualcosa di troppo preciso, e non trovo il motivo per cui di giorno non succeda dunque, ma è molto esagerato.

Prova un ripristino, nel caso credo il problema sia nel sensore

ghost

Di solito quell'"effetto" è causato dal vetro esterno sporco ma se e pulito è possibile che sia entrata acqua o simili?

Lucagildo

Ho bisogno di un riscontro, ho notato che con le luci iPhone X si comporta malissimo, questa è la situazione! Potrebbe essere che il mio modello abbia lenti difettate in quanto questa cosa c è da sempre? Inizialmente pensavo fosse una semplice magagna software, ma poi non è mai andata via! Il problema risulta fastidioso solo quando la visibilità non è ottimale e ci sono https://uploads.disquscdn.c... luci...

GiankulottoGranbiscotto

Avere il telefono Apple mi fa parecchia Nvidia

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex

ASUS Project Precog: il notebook a doppio schermo del futuro | Anteprima

HDblog @ Computex 2018: live blog continuo dalla fiera

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB