MIT crea Navion, il minuscolo chip di 20mm quadrati pensato per i droni

20 Giugno 2018 17

Navion è un nuovo, piccolissimo chip che misura soli 20 millimetri quadrati e consuma appena 24 milliwatts di energia, ovvero un millesimo di quella necessaria ad accendere una lampadina. È questa la nuova frontiera dei chip per i droni, e sarà presentato dai ricercatori del MIT ai Symposia on VLSI Technology and Circuits che si terranno questa settimana a Honolulu, nelle isole Hawaii.

Il team del MIT, guidato da Vivienne Sze, professore associato del Dipartimento di Elettrotecnica e Informatica, e da Sertac Karaman, professore associato di Aeronautica e Astronautica, ha costruito da zero un chip su misura per droni minuscoli, focalizzandosi sulla riduzione dei consumi energetici e delle dimensioni senza rinunciare ad aumentare la velocità di elaborazione.

Generalmente, infatti, i chip per quadricotteri e droni di dimensioni equivalenti devono elaborare parecchi dati e quindi consumano molta energia, oltre ad essere di dimensioni notevoli. Invece di partire dall'algoritmo per poi progettare l'hardware, come avviene tradizionalmente, l'innovazione introdotta dal team di ricercatori del MIT è stata progettare l'hardware e l'algoritmo congiuntamente, consentendo un maggior risparmio energetico.

Uno dei nuovi chip messo a confronto con un quarto di dollaro

Il risultato è Navion, il chip da 20 mm quadrati e 24 milliwatts di consumo energetico: usando questa minuscola quantità di energia, il microprocessore è comunque in grado di elaborare in tempo reale le immagini provenienti dalla fotocamera fino a 171 frame per secondo, ma anche di compiere misurazioni inerziali, determinando dove si trova nello spazio.

Queste qualità lo rendono adatto ad essere integrato in nanodroni delle dimensioni di un'unghia e ad aiutare i veicoli nella navigazione, soprattutto in zone remote o inaccessibili dove i dati derivati dai satelliti del sistema di posizionamento globale non sono disponibili. Il chip inoltre può essere utilizzato in qualsiasi robot o dispositivo di piccole dimensioni che debba muoversi per lunghi periodi di tempo potendo contare su risorse energetiche limitate.

Le applicazioni sono innumerevoli. Come ha spiegato Karaman, spaziano dalla robotica a basso consumo energetico, come i veicoli che si muovono sbattendo le ali, a veicoli leggerissimi come i palloni aerostatici, passando per dispositivi medici che potrebbero essere inghiottiti come pillole e navigare in modo intelligente sfruttando batterie ridotte in modo da non surriscaldare il corpo umano.

Oggi uno dei migliori acquisti nella fascia media? Huawei Mate 10 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 385 euro oppure da Amazon a 498 euro.

17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
IGN_mentale

Puoi scrivere cagacazzo, visto che lo è!

Top Cat

Pensavo più a Tony Musone il c4g4c4zz0.

IGN_mentale

Svasatore?

Riccardo sacchetti

Non gli serve chissa che risoluzione per compiere determinati compiti in volo.

Venom Snake

Addio Privacy

BLERY

Hd forse

antonio
Alessio Ferri

Ma i Joule non li conosce nessuno, ti guardano spaventati.

Alessio Ferri

171 frame a che risoluzione? Perchè a 4x4 pixel sono buoni tutti.

Shrek

https://uploads.disquscdn.c...

Artorias

E i giggidywatt? https://uploads.disquscdn.c...

Top Cat

Ci vorrebbero gli stessi chip pensati per certi microcefali di mia conoscenza.

i gighiwatt pls

asd555

E i Gigowatt?

Squak9000

meglio quelli grandi!
Almeno non rischiano di andarti nell’occhio!

Pip

"24 milliwatts di energia"
I WATT MISURANO LA POTENZAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Ngamer

quindi piu spazio per IA sui droni

RECENSIONE Teclast F5, convertibile economico ma convincente

Microsoft Surface Go: piccolo e compatto | Anteprima video

Lenovo Yoga C930 ufficiale: 2-in-1 premium con altoparlante rotante | Video

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex