ASUS WS X299 Sage, scheda madre proiettata al futuro con doppia LAN 10G

18 Giugno 2018 20

Asus ha aggiornato una versione delle tre schede madri della serie WS X299, aggiungendo alla dotazione due porte Ethernet a 10 Gigabit. La scheda madre in questione, parliamo del modello Sage, aveva fatto il suo debutto qualche mese fa come una delle tre proposte di fascia alta delle schede Asus compatibili con il chipset X299, e sul finire della scorsa settimana è stato annunciato questo interessante refresh.

La versione revisionata della WS X299 Sage offre un sottosistema di alimentazione modificato che offre lo stesso schema digitale a otto fasi del modello precedente, ma con un sistema di dissipazione migliorato. In sostanza, parte del dissipatore principale, quello posto alla sinistra del socket, si estende con delle alette di raffreddamento sino all'estremità della scheda per raffreddare il controller Ethernet Intel X550-AT2; che ci conduce direttamente alla caratteristica più importante di questo nuovo modello.


Come già anticipato, in questa nuova WS X299 Sage/10G Asus ha sostituito tutte e due le interfacce Gigabit Ethernet con due nuovi moduli 10 Gigabit Ethernet. L'Intel X550-AT2, citato poco fa, è il controller ethernet che alimenta e gestisce entrambe le porte. Ovviamente Asus ha dovuto rinunciare a qualcosa per poter integrare queste due nuove 10 Gigabit Ethernet. In particolare, il comparto connettività comprende quattro USB 2.0, due USB 3.1 Gen.1 e un connettore U.2.

Non sappiamo ancora quando e a che prezzo la nuova WS X299 Sage/10G arriverà sul mercato italiano. Considerando che la versione standard viene venduta su Amazon a 490 euro, e che il nuovo controller ethernet costa più o meno 80 euro, possiamo immaginare che la nuova versione della scheda sarà commercializzata ad un prezzo che potrebbe aggirarsi intorno ai 600 euro.

L'unico vero Note.? Samsung Galaxy Note 9 è in offerta oggi su a 609 euro oppure da ePrice a 858 euro.

20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
V4N0

Tutto marketing: il cat 7 in realtà non è uno standard riconosciuto e per specifica non dovrebbe neanche usare le plug RJ45... per di più flat

Alessio Ferri

Ahm, forse hai risposto all'utente sbagliato

sgru

anche io

massimo mondelli

Veramente io ho un ottimo cat7 tra l'altro in forma piatta e quindi comodissimo per le curve.

Alessio Ferri

Questo è un grosso problema, già a tirar giù un cat 5e ho dovuto tirare come un matto

sgru

pensavo fosse sott'intesa quando si nominano SSD e NAS assieme.

gioboni

Vabbeh, ma bastava specificare subito che ti riferivi a cache ssd :)

V4N0

Il CAT7 non considerarlo neanche (tutta fuffa!).... vai di 6A ma tieni in mente che dove ora passano due cavi CAT5/6 ne passa uno 6A :D

sgru

che acidita` eheh, tranquillo, non penso nulla di cio` che hai detto.

Se hai un certo numero di utenti connessi (si`, anche in una small business dato che dipende l'attivita` che la small business svolge), la
cache SSD fa una differenza enorme. Inoltre, a seconda dei servizi che stai utilizzando, possono esserci grandi vantaggi. Mi ricordo una
DiskStation DS415+ che non solo svolgeva funzioni di archiviazione di file, eseguendo il backup su AWS ma hostava anche un repository git
gestendo le funzioni SCSI utilizzando l'ethernet aggregata. Prima dell'avvento della cahce SSD, durante la crittografia e la compressione
del backup per il caricamento, le prestazioni del NAS erano insufficienti. Dopo aver implementato la cache SSD gli utenti non hanno mai
piu` notato quando quelle operazioni erano in corso e non hanno mai piu` sofferto di alcun tipo di rallentamento.

Saluti.

jonname84

Purtroppo devi cambiare anche la presa e usarne una compatibile in categoria 6

riccardik

purtroppo no, mi dispiace

Frazzngarth

anche io son curioso...

gioboni

Fai qualche esempio di caso d'uso reale (e non pensato apposta per stressare la rete) in ambito home/small business che richiede l'utilizzo di ssd all'interno di un nas...
P.S. Se pensi di usare un nas come endpoint per delle elaborazioni di flussi video, molto semplicemente hai sbagliato target di dispositivo storage ;)

sgru

basta crearsi la situazione per avere i soldi!!! :)

Silvio Moser

Qui in Ticino esiste il collegamento a internet a 10 gb/s simmetrico (ed anche a prezzi irrisori) quindi potrebbe essere interessante anche per utilizzi diversi da un NAS

sgru

se tu ci fai backup e media non vuol dire che il NAS serve solo ed esclusivamente a quello, anzi.. con tutti i servizi che offrono, limitarsi solo a semplice backup e mediaserver.. Poi mi parli di HDD piccoli, 1 o 2 TB quindi benissimo sostituibili da SSD (gli 1TB sono scesi tantissimo di prezzo). Io ad esempio ho un piccolo NAS della QNAP con 16TB, ma nel tuo caso con soli 1 o 2 TB, se ne avessi realmente bisogno ci metterei tranquillamente 2 SSD visto che le tasche me lo permettono.

Alessio Ferri

Anche con un Gbit, l'hdd non va oltre i 200 mbit/s.
Assolutamente corretto invece per lo streaming, si può implementare HDMI over ethernet o displayport over ethernet con 10 gbit

d4N

Ma quando arriveranno i primi prodotti consumer (es. router) con la 10Gbit?

polakko

da sola costa più del mio intero minipc

alexhdkn

Aspettiamo i commenti di quelli che hanno le xDSL a X mega che non vanno a X ma vanno a Y.
Con la 10 Gbit si può pensare di fare backup locali con il NAS e fare pure lo streaming dal NAS verso la TV o PC senza avere problemi di banda

RECENSIONE Teclast F5, convertibile economico ma convincente

Microsoft Surface Go: piccolo e compatto | Anteprima video

Lenovo Yoga C930 ufficiale: 2-in-1 premium con altoparlante rotante | Video

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex