Recensione Samsung SSD 970 EVO 500 GB

11 Giugno 2018 27

Samsung 970 EVO e 970 PRO sono le ultime proposte del colosso sudcoreano per il mercato SSD NVMe consumer. Sono soluzioni destinate alla fascia enthusiast e, in generale, a chi non cerca compromessi per un sistema top di gamma, reattivo e prestante in tutte le applicazioni.

La serie di SSD 970 (PCI-E 3.0 x4/NVMe 1.3) va ad aggiornare la precedente 960, un punto di riferimento quando si parla di SSD PCI-E M.2 di fascia alta. Samsung offre due opzioni: 970 EVO e 970 PRO, quest'ultima leggermente superiore per prestazioni di picco e resistenza nel tempo. Stando alle specifiche dichiarate, il miglioramento in termini prestazionali rispetto alla precedente generazione è importante: si parla di un +30%. È reso possibile dal connubio tra il nuovo controller Phoenix e le più recenti memorie V-NAND 64-layer, già apprezzate nella recensione dei Samsung 860 PRO/EVO.

In questo articolo analizzeremo le prestazioni del Samsung 970 EVO da 500 GB, già disponibile nei negozi con prezzi più bassi del listino ufficiale.

Caratteristiche tecniche

Come per gli SSD 860 PRO ed 860 EVO, Samsung diversifica le memorie NAND utilizzate su 970 PRO ed EVO; la variante 970 PRO monta NAND di tipo MLC, mentre la più economica 970 EVO usa chip di tipo TLC. Per questo motivo il Samsung 970 PRO offre prestazioni di picco leggermente superiori al 970 EVO, mentre i valori di resistenza in scrittura sono nettamente superiori al fratello minore.

La differenza prestazionale tra 970 PRO e 970 EVO non è comunque molta. Samsung integra sul 970 EVO una piccola cache SLC con Intelligent-TurboWrite che aiuta soprattutto nella fase di scrittura. Questa caratteristica, introdotta già sulla serie 960, è abbastanza evidente comparando le prestazioni dei due modelli. Samsung 970 PRO offre una lettura/scrittura sequenziale di 3500/2700 MB/s (picco), valori che scendono a 3500/2500 MB/s per EVO 970.

Samsung 970 EVO Samsung 970 PRO
Capacità 250 GB 500 GB 1 TB 2 TB 512 GB 1 TB
Interfaccia PCIe x4 - NVMe 1.3
Formato M.2 2280
Controller Samsung Phoenix
Chip NAND 3D TLC 64 strati da 256 Gb 3D TLC 64 strati da 512 Gb V-NAND3D MLC 64 strati
RAM (LPDDR4) 512MB 1GB 2GB 512MB 1GB
Cache SLC
(dedicata/dinamica)
4/9 GB 4/18 GB 6/36 GB 6/72 GB - -
Lettura sequenziale 3.400 MB/s 3.500 MB/s
Scrittura seq (SLC) 1.500 MB/s 2.300 MB/s 2.500 MB/s - -
Scrittura seq (TLC) 300 MB/s 600 MB/s 1200 MB/s 1250 MB/s 2300 MB/s 2700 MB/s
Lett. random
4 KB QD1
15k IOPS
Lett. random
4 KB QD128
200k IOPS 370k IOPS 500k IOPS 370k IOPS 500k IOPS
Scritt. random
4 KB QD1
50k IOPS 55k IOPS
Scritt. random
4 KB QD128
350k IOPS 450k IOPS 480k IOPS 500k IOPS
Consumo (r/w) 5,4/4,2 W 5,7/5,8 W 6/6 W 5,2/5,2 W 5,2/5,7 W
Consumo idle
(APST/PCIe L1.2)
30/5 mW
Resistenza scrittura 150 TB 300 TB 600 TB 1200 TB 600 TB 1200 TB
Garanzia 5 anni
Listino 119,99$ 229,99$ 449,99$ 849,99$ 329,99$ 629,99$

Samsung 970 EVO è disponibile in tagli da 250/500 GB e 1/2 TB, tutti configurati con chip NAND da 256 GB ad eccezione della versione da 2 TB che, vista la capacità, utilizza chip da 512 GB. I vari modelli sono configurati diversamente anche per quanto riguarda la dotazione di RAM LPDDR4 e cache SLC, con il modello di punta da 2 TB dotato di ben 2 GB di RAM LPDDR4 e 6/72 GB di cache SLC (dedicata/dinamica).

Samsung non ha fornito molte informazioni sul nuovo controller Phoenix. Sappiamo che ha 8 canali e un'architettura a 5 core, ed è capace di gestire fino a 16 TB di memoria NAND. I miglioramenti apportati dal nuovo controller, insieme alle V-NAND 64-layer, sono più evidenti confrontando il 970 EVO con il 960 EVO.

Samsung 970 EVO 500GB Samsung 960 EVO 500GB
Interfaccia PCI-E 3.0 x4 / NVMe 1.3 PCI-E 3.0 x4 / NVMe 1.2
Form Factor M.2 2280 M.2 2280
Memoria NAND Samsung V-NAND 64-layer TLC Samsung V-NAND 48-layer TLC
Controller Samsung Phoenix Samsung Polaris
Cache 512MB LPDDR4 512GB LPDDR3
Cache SLC

22GB (4+18)

Intelligent TurboWrite

22GB (4+18)

Intelligent TurboWrite

Letture/scritture

sequenziali

3500/2300 MB/s 3200/1800 MB/s

Letture/scritture

casuali 4K (picco)

370000/450000 IOPS 330000/330000 IOPS
Consumo (lettura/scrittura) 5,7/5,8 Watt 5,4/4,4 Watt
Consumo idle (L1.2) 5mW 5 mW
Resistenza scrittura 300 TBW 200 TBW
Prezzo di listino 229$ 249$
Garanzia 5 anni 3 anni
Configurazione di prova e prestazioni

Abbiamo installato il Samsung 970 EVO 500GB su una piattaforma AMD Ryzen di ultima generazione: una ASUS Crosshair VI Hero con processore Ryzen 5 2600X. Nel dettaglio, ecco la nostra configurazione:

  • Processore: AMD Ryzen 5 2600X;
  • Scheda madre: ASUS Crosshair VI Hero X370;
  • RAM: 2x 8 GB DDR4 Geil EVO X a 3200 MHz;
  • GPU: ASUS ROG Strix Vega 56;
  • Sistema Operativo: Windows 10 Pro 64-bit (build 1703).

Samsung 970 EVO non ha deluso le aspettative. Nei benchmark sintetici è riuscito a garantire le prestazioni dichiarate dal produttore. Quello che però non emerge degli screenshot sotto è la reattività del sistema quando utilizziamo questo SSD come disco principale per il sistema operativo. Chi proviene da un PC equipaggiato con hard disk meccanico noterà una differenza abissale installando un drive di questo tipo, mentre nel passaggio da un buon SSD SATA 6 Gbps sarà davvero evidente soprattutto nei lavori su file di grandi dimensioni o su applicativi professionali con accesso frequente al disco e letture/scritture casuali.



In test come Crystal Disk Mark, Samsung 970 EVO riesce a garantire prestazioni in lettura/scrittura sequenziale superiori a quelli dichiarati dal produttore, toccando punte in scrittura di 2,5 GB/s. La tecnologia Intelligent TurboWrite ha un impatto notevole; basta pensare che le V-NAND TLC utilizzate da Samsung per questo modello da 500 GB hanno una scrittura sequenziale dichiarata di soli 600 MB/s.

Per chi fosse al primo approccio con un SSD PCI-E NVMe di ultima generazione, abbiamo confrontato il Samsung 970 EVO 500 GB con il 960 PRO 500 GB e altri SSD SATA targati Samsung.

Clicca per ingrandire.

Il divario prestazionale tra un SSD PCIe e un SATA 3 non è certo una novità; tuttavia è evidente che il nuovo 970 EVO offre buone prestazioni anche rispetto al velocissimo 960 PRO. Intelligent TurboWrite ha un ruolo importante nei risultati: in un test combinato come Anvil's Storage, il 970 EVO riesce infatti ad avere un margine massimo di circa il 21%. Tuttavia,se analizziamo le prestazioni casuali in lettura 4K (Crystal Disk Mark), i valori sono allineati con Samsung 960 PRO (1040 vs 980 MB/s).

Considerazioni finali

Dopo l'ottimo aggiornamento agli SSD SATA serie 860, possiamo confermare che Samsung offre miglioramenti sostanziali anche con i nuovi SSD PCI-E NVMe serie 900. Il nostro Samsung 970 EVO da 500 GB sì è dimostrato più veloce di un Samsung 960 PRO di pari capacità grazie al nuovo controller Phoenix e alle V-NAND 64-Layer di ultima generazione. A questo si aggiunge una garanzia che passa da 3 a 5 anni, e valori di resistenza in scrittura superiori del 50% (rispetto a 960 EVO 500 GB).

Samsung 970 EVO da 500 GB ci ha convinto, è veloce in tutti gli applicativi e ha dimostrato buone temperature d'esercizio; a questo proposito va segnalata l'ottima gestione della tecnologia Dynamic Thermal Guard, nonché il design rivisto che prevede una copertura in nichel per il controller. D'altro canto, bisogna evidenziare come gli SSD 960 PRO/EVO siano sul mercato dal 2016 quindi un miglioramento prestazionale del +30% non ci sconvolge; è quello che tutti si aspettavano da moduli top di gamma come questi.

ll passaggio a Samsung 970 per chi proviene da una piattaforma con 960 PRO/EVO non stravolgerà le prestazioni, mentre chi usa un SSD SATA dovrebbe valutare l'aggiornamento. Ad inizio giugno 2018, Samsung 970 EVO da 500 GB è disponibile online a circa 180 Euro, ovvero il prezzo di un Samsung 860 PRO 512 GB con interfaccia SATA 6 Gbps. Se mirate alle prestazioni, e se la vostra scheda madre supporta lo standard NVMe, Samsung 970 EVO è un modulo SSD consigliato.

Schermo Oled da 6 pollici in dimensioni contenute? LG V30, in offerta oggi da Tiger Shop a 404 euro oppure da Amazon a 522 euro.

27

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Pier84

Le temperature dentro il case come sono?

Mario Rossi

certo, il problema e' trovare un case thunderbolt.Io ci sto impazzendo.

Mario Rossi

qualcuno ha idea di dove acquistare un case esterno, ovviamente thunderbolt non sata, per il samsung 970? esistono o sono una chimera?

Albi Veruari

Io ho montato il 960 evo e sinceramente non è che cambia molto nell'utilizzo giornaliero. Almeno è utile perchè insieme ci ho messo un hdd da 1tb e ciao.

Lorenzo Poli

noncicredo

Si, lo so. La domanda (sottintesa) era: "perchè usare una versione così vecchia?"

Federico Ferrara

Leggero OT: se volessi scegliere un ssd da montare esternamente a un iMac questo andrebbe bene?

Michele Bruno

La differenza grossa la vedi da un SSD Sata 3. Questo fa a dir poco sbavare.

L0RE15

su Amazon io ne trovo un tot, basta cercarli! Ad esempio Transcend MTS600 disponibile in vari tagli da 64 GB a 512 GB (venduto e spedito da Amazon)...

virtual

Sì appunto i 2260 sarebbero perfetti ma né su ePrice né Amazon ne ho visti di disponibili. Hai qualche altro sito affidabile?

L0RE15

2230, 2242, 2260, 2280 e 22110

2260 si trovano abbastanza agevolmente

L0RE15

appunto: un po' datato ormai...

Salvator3Gallo

Confermo, questi Samsung sono superiori.

virtual

Sul mercato si trovano SSD M.2 più corti di 80 mm, tipo per esempio 2260? Perché ho un amico con un laptop dove non è possibile farci stare un 2280.

Frazzngarth

Ahahhahahhhahahh

Lorenzo Poli

È il Creators Update di (appunto) marzo 2017

Salvator3Gallo

Se vieni da un buon SATA come l'860 e ci fai un utilizzo medio non tanto. "utilizzo medio" però può essere una cosa soggettiva.

CaptainBracc

Per un utilizzo medio, quale office, internet, postprodizione semplice di RAW su Camera Raw e Photoshop, non c'è un miglioramento apprezzabile e tangibile tra un SSD sata (es. 860 EVO) e questo?

Top Cat

Ti ringrazio per la delucidazione.
Ora mi sono fatto un'idea precisa.

77fabio

Dipende da quanto tempo sei disposto ad apsettare per l'evasione... Dell'ordine ovviamente.

77fabio

Gli adata hanno la metà degli IOPS di picco cioè sono meno veloci del 50% rispetto a questi nelle operazioni di tutti i giorni. Non guardare solo alla velocità di lettura e scrittura sequenziale che vale SOLO se lavori con file di enormi dimensioni. Per l'utente domestico e per la maggior parte delle operazioni il valore importante da valutare sono le scritture e letture casuali. Questo non vuol dire che gli adata fanno schifo anzi, costano meno ma devi sapere per cosa spendi.

77fabio

Ma stesse prestazioni dove che gli adata hanno la meta degli IOPS???

77fabio

Quelli di due generazioni fa avevano grossi problemi di thermal throttling ma tutti guardavano solo ed esclusivamente alla velocità di scrittura e lettura sequenziale urlando al miracolo e spendendo un patrimonio per averne uno nel PC gheming senza considerare che quello è un vantaggio solo per pochissimi utenti e di sicuro non per il gheming... La scorsa generazione ha mitigato il problema ma senza sconvolgere le prestazioni (in termini di IOPS che sono quelli che rendono un PC più scattante) rispetto ad un normale ssd sata. Ora pare che la musica stia cambiando, gli IOPS sono aumentati notevolmente e dal test pare che ci sia anche una buona gestione delle temperature. I dischi più veloci (e costosi) in termini di IOPS rimangono gli intel con la tecnologia optane 3dxpoint peccato che hanno ancora capacità ridicole e danno il meglio solo con CPU ram e scheda madre costosissime...

santosssss_unofficial

Samsung sempre al top di qualsiasi cosa

Rieducational Channel

Tao a quanto li fa?

Aster

Bene finalmente abbiamo fatto chiarezza sulle memorie mlc e tlc.

MartinTech

sicuramente scegliere un ssd è più facile... :P
https://uploads.disquscdn.c...

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex

ASUS Project Precog: il notebook a doppio schermo del futuro | Anteprima

HDblog @ Computex 2018: live blog continuo dalla fiera

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB