Hygon Dhyana, avviata la produzione della CPU cinese x86 su AMD Zen

10 Luglio 2018 20

Aggiornamento del 10/07/2019

L'azienda cinese Hygon ha annunciato di aver iniziato la produzione di massa della prima CPU cinese x86 per server basata tu architettura AMD "Zen". Il processore è il frutto di un accordo siglato a metà 2016 da AMD e un'azienda cinese a proprietà statale (THATIC). Come parte di questo accordo, la compagnia chiamata Haiguang Microelectronics Company, HMC, di cui AMD detiene il 51% delle quote e THATIC il 49%, avrebbe concesso in licenza l'architettura "Zen" ad un'altra società chiamata, appunto Hygon, nella quale, sempre AMD ha una partecipazione del 30% e TATHIC del restante 70. Questa stessa Hygon ha quindi realizzato i design della CPU Dhyana che verrà prodotta da terzi, verosimilmente TSMC o altre fabbriche cinesi.

Un giro di cavilli burocratici studiato appositamente per poter permettere ad AMD di incassare i 293 milioni di dollari della concessione in licenza della propria tecnologia, senza che questo accordo interrompesse il patto stretto con Intel e VIA Technologies proprio sul cross-licensing delle architetture x86.

L'inizio della produzione di massa e la conseguente distribuzione di queste CPU permetterà quindi al governo cinese di avere maggiore controllo sulla vendita e sui prezzi di questi chip, ma soprattutto di controllare tutto il software a bordo degli stessi allontanando la possibilità che i governi esteri ci avvedano tramite backdoor.

Articolo originale del 11/06

Hygon Dhyana è la prima CPU server x86 nata dalla joint venture tra AMD e THATIC (Tianjin Haiguang Advanced Technology Investment Co., Ltd.), annunciata dall'azienda di Sunnyvale due anni fa. THATIC, realtà riconducibile alla Chinese Academy of Sciences, aveva staccato un assegno da 293 milioni di dollari per sfruttare la tecnologia AMD ed impiegarla per la creazione di CPU per il mercato server cinese.

Stando a quanto riporta il sito Phoronix, il produttore cinese Chengdu Haiguang IC Design Co (Hygon), ha iniziato a rendere disponibili alcune patch per kernel Linux che permettono di supportare questa nuova CPU. Al momento non ci sono dettagli di tipo tecnico sul prodotto, ma la CPU Dhyana (inserita dal produttore nella famiglia Hygon) è basata su tecnologia AMD e più precisamente derivata dall'architettura Zen.

Le patch in questione sono costituite da circa 200 linee di codice, e stando alla fonte si tratta di patch piuttosto semplici che fanno intuire come in realtà Dhyana potrebbero essere dei processori AMD Zen appositamente rimarchiati per il mercato interno dei server cinesi.


20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Boronius

Avevano fatto uno smartphone Android con CPU MIPS però non so che fine abbia fatto

DeeoK

Non dico non fossero eccellenti, ma questo non giustifica l'impiego di MIPS attualmente, considerato che mi pare sia parecchio che non vengono più commercializzate.

Boronius

R3000, ma sono CPU obsolete, comunque eccellenti per la loro epoca

DeeoK

Quali processori MIPS hai usato, di recente?
Quella su GCC mi giunge completamente nuova.

Boronius

Mah, leggevo in giro che il compilatore GCC compila alla grande per MIPS, viceversa per x86-x64 esiste di meglio. Per ARM non so dire. Personalmente MIPS è il mio preferito, semplice e potente

Maurizio Mugelli

i processori li producono i soliti tmsc/samsung/glofo quindi non vedo perche' dovrebbero essere realizzati in modo diverso dal solito, quanto ai progetti sono del tutto identici ad epyc embedded 3000, al punto che le patch al kernel linux si limitano ad un cambio di ID e poco piu', usa perfino lo stesso microcode quindi la differenza e' inferiore fra quella che c'e' fra epyc e ryzen.

Maurizio Mugelli

stanno portando avanti vari progetti, hanno varie architetture proprietarie e semiproprietarie ma ancora sono lontani da avere qualcosa di realmente efficiente, piu' hanno un'altra architettura basata su x86 con le licenze di VIA e le licenze di POWER 8 tramite IBM.

Maurizio Mugelli

improbabile, si parla di un multidie stile epyc e threadripper, troppo costoso.

sgru

orde di laptop cinesi con questa cpu

Opinionista

Dopo le elezioni.

opt3ron

Genio!

DeeoK

Perché avrebbero dovuto puntare su MIPS?
Linux gira da qualche decennio su x86-64...

Vash

te voglio vede' a dire in cinese la ics finale ^.^!

Vash

e ke ne sai, anche VASH con questa afa beduina puo' sclerare

Tk Desimon

A quando i thleadlippel?

Boronius

Per i cinesi non era più conveniente farsi da zero una CPU multicolore compatibile con MIPS? Tanto più che utilizzano Linux a quanto sembra, a che gli serve un x64? Boh

kong

il vero Vash farebbe commenti più intelligenti

Gpat. (Android/macOS)

Se l'architettura è quella, ne dubito...

Vash

ale' vai di cinesone.... radiazioni atomiche dentro il case, consumi da stufetta termoelettrica ma costa 1\10.....

Maledetto

Attenta AMD, che te sei nata così!

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex

ASUS Project Precog: il notebook a doppio schermo del futuro | Anteprima

HDblog @ Computex 2018: live blog continuo dalla fiera

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB