Intel Optane DC Persistent Memory: arrivano le RAM non-volatili

31 Maggio 2018 31

Intel ha presentato Optane DC Persistent Memory, un nuovo tipo di memoria basato sulla tecnologia 3D-XPoint, compatibile con i classici slot DIMM delle RAM DDR4, ma a differenza di queste capace di mantenere i dati in memoria anche in assenza di alimentazione. Intel parla da tempo di questa tipologia di memoria, ma evidentemente solo ora è riuscita a concretizzare il progetto per portarlo sulla catena di produzione.

Le nuove memorie Optane hanno poco a che fare con le stick Optane M.2 commercializzate da Intel lo scorso anno, delle vere e proprie cache, utili per velocizzare quei sistemi dotati ancora di vecchi hard disk meccanici. Optane DC Persistent Memory coniuga invece le caratteristiche di una RAM ad alte prestazioni con quelle di una memoria flash, permettendo appunto di mantenere i dati a sistema spento e divenendo di fatto una RAM non-volatile.


Le differenze però non si limitano solo a questo: Optane DC Persistent Memory offre una maggiore densità (fino a 512GB a modulo), supporta l'accesso casuale a bassa latenza e, a detta di Intel, ha una resistenza in scrittura superiore alle memorie flash.

Intel non si è completamente sbilanciata sulle specifiche tecniche di Optane DC Persistent Memory, sappiamo che verrà commercializzata in tagli da 128/256 e 512GB e inizialmente sarà destinata ad ambiti server/datacenter. I primi dati sulle prestazioni ci dicono invece che la latenza è leggermente peggiore dei classici moduli RAM DDR4, un piccolo prezzo da pagare per avere una RAM non-volatile di questo tipo che quadruplica tra l'altro la capacità (i moduli RAM arrivano a 128GB).

Intel Optane DC Persistent Memory sarà supportata solo dalla prossima generazione di processori Xeon, inoltre sarà necessario adattare i software per sfruttare questa nuova architettura. Una volta ottimizzata però, il guadagno in termini prestazionali e pratici non sarà di poco conto: basta pensare a un classico server che all'avvio deve caricare in memoria terabyte di dati, ma che con Optane DC Persistent Memory si troverà i dati già pronti in memoria, velocizzando quindi tutte le operazioni.


31

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
(

Io non ho detto che ce ne siano molti.. ma avere un restart che da minuti a secondi non ti fa comodo?
Apparte che è la minor cosa ma non mi volevo dilungare troppo.
Grazie a questa tecnologia puoi avere un ulteriore livello aggiuntivo di storage direttamente mappato in memoria.
Con enormi benefici di velocità.
Se vogliamo parlarne nel dettaglio sono ben contento.

sopaug

ne hai visti tanti di datacenter se parli di accensioni riavvii e spegnimenti...

Alessio Ferri

Anche io ho un monitor di m*rda :) che ci mette anni ad avviarsi

Alessio Ferri

Fin qui è certo, però metà non basta se vuole sostituire la RAM, se vuole solo fare cache per avere accesso diretto allora no problema

Alessio Ferri

Allora sì.

Homer76

Io intendevo semplicemente scrivere che hw e sw attuali non sono in grado di sfruttare ram che mantengono il contenuto dopo lo spegnimento del sistema.

franky29

Sui telefoni sara devastante

franky29

Beh sicuramente ci sarà l'opzione per svuotare la memoria

ydlale

Pure non vedo utilità in questa tecnologia, sopratutto nei server che riavvio viene fatto ogni morte di Cristo.
Io ho un ssd samsung evo 860 che costa 80 euro riesco avviare windows 10 in 6 s . il monitor non sie ancora avviato mentre windows e pronto.

Tom Smith

Certo ma a prestazioni sta a metà tra una ram e un ssd

The_Th

Si ma non è che i server li riavvii spesso... Anzi tendenzialmente mai...
Poi se parli di ambienti virtualizzati le macchine fisiche stanno accese anni...

(

Ottime per i datacenter, saranno di sicuro un investimento da fare. Accensioni, riavvii e spegnimento di server molto pou veloci.
Peccato che le cpu sono diventati esponenzialmente sempre più veloci e la velocita di accesso in RAM è sempre stato lento . Il vero collo di bottiglia nella velocità è sempre l'accesso in memoria.

Rin-_

Senza led RGB non servono a niente

carlo994

Non si potrà nemmeno più dire spengo il computer così ripulisco la ram

Celletti81

Bene, se il riavvio impiegherà veramente pochissimi secondi, non avrò più sbattimenti in ufficio nel riavviare DC e file server. peccato che la spending review aziendale farà arrivare questa tecnologia quando sarà già superata, mica si può avere tutto però.

ice.man

ma, sicenramente non so
uno dei motivi per cui si fa il riavvio è re-inizializzate tutta una serie di settori di memoria e registri del processore
un po come la differenza tra tra cold restart e hot restart

Alessio Ferri

Bisogna niente, bisogna che progettino una memoria con al limite latenza doppia delle DDR accessibile, non dico a byte, ma almeno a 128/256 byte.
Invece di mettere una memoria seriale a blocchi con latenza 100x su un bus MOLTO parallelo per cui invece di iniziare a trasmettere subito devi aspettare l'ultimo bit.
Inoltre i processori hanno bisogno di bandwith e qui non c'è n'è, 1 o 2 Gbits/s non sono sufficienti.

Ripeto, puoi iniziare a lavorare sui processori solo quando hai roba molto meglio di così.

Alessio Ferri

Proprio, guarda. Xpoint rimane una memoria seriale a regioni, puoi metterla nel formato che vuoi, ma sempre una memoria seriale a regioni sarà.

Tom Smith

Optane non è un comune ssd. È molto più veloce e lo sarà ancora di più in formato dimm.

Alessio Ferri

La RAM risponde in ns e gli SSD in us, non vedo come potrebbe sostituirli, oltre che il bandwith di decine di Gbit/sec.

Massimo Fonetico

Si inizia lato server, poi arriverà su pc premium, e dopo (molto dopo) fino ai pc da 400€ del MediaWorld

Massimo Fonetico

La password ormai con face scan e finger print la si userà sempre meno... Lato notifiche si potrebbe implementare un secondo processore basic per la sola gestione delle notifiche push (magari direttamente su smartwatch) inoltre il pc potrebbe "spegnersi" anche mentre è acceso, occupando energia per il solo processo attivo, senza dare energia al resto della ram non necessaria che in quel momento non viene utilizzata (oggi se hai 2 blocchi da 32gb di ram, dai energia a prescindere a tutto anche se devi leggere un documento su blocco note).

Inoltre si riducono le dimensioni dato che non si avrà più bisogno di blocchi ram e di hdd

E avendo un ramdisk da 1tb significa che puoi avere tutta la ram che vuoi togliendo memoria fissa, quindi ad es potresti usare 200gb di ram se necessario (ad oggi inutile ma in futuro, o semplicemente per professionisti, può tornare utile)

ghost

Appunto credo rimarrà relegata ai server

Davide

effettivamente non avevo pensato allo spegnimento. Si potrebbe spegnere del tutto la CPU e mantenere lo stato risparmiando batteria (non sarebbe un connected stand by però, quindi non riceveresti mail, notifiche o altro) ma i tempi di avvio non cambierebbero molto. Io con il fast boot sul portatile arrivo alla schermata di login in un paio di secondi (con un SSD SATA da 128GB neanche molto prestante) e l'operazione più lunga resta immettere la password.

I-lorenzo

Perché non sui telefoni?

Andre

"Intel Optane DC Persistent Memory sarà supportata solo dalla prossima generazione di processori Xeon"....

Mi sa che non sono molti i pc consumer con processori xeon

ghost

Non ne vedo l'utilità (lato consumer) sarà solo una memoria più veloce

Homer76

Bisogna riprogettare i processori, riscrivere gli OS e gli applicativi... La tecnologia è molto promettente, ma onerosa da implementare.

Massimo Fonetico

La persistenza serve eccome: un esempio stupido, se spegni il pc, si riaccende in 0.5 secondi! Praticamente le batterie dureranno molto di più perché non ci sarà più differenza tra shutdown e standby

Davide

questa cosa avrà un impatto devastante sui database server, che potranno avere tutto in RAM e su disco allo stesso tempo. Se funzionano come le xpoint normali anche la latenza sarà davvero bassa.
L'unico dubbio che mi viene è che nel disegno Intel stessa non le ha posizionate al livello dell RAM ma un filino sotto, segno che probabilmente questa prima generazione non sarà così performante.
Vien da sè che per l'utenza desktop il guadagno è relativo solamente alla capacità della memoria visto che la persistenza non serve a nessuno di noi.

leo1984

finalmente ramdisk "eterni"!

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3080, il 4K non sarà più un sogno! Video

NVIDIA GeForce RTX 3090, 3080 e 3070 ufficiali, caratteristiche e prezzi ITA

Recensione MateBook 14: è il migliore tra i notebook Huawei

Apple annuncia i processori proprietari per Mac basati su architettura ARM