App Linux su Chrome OS: audio e grafica stabili non prima di dicembre

15 Maggio 2018 14

Ci vorrà tempo per un'esperienza di sviluppo appagante con le applicazioni Linux su Chrome OS: Google non si è addentrata molto nei dettagli tecnici in fase di annuncio all'I/O 2018, ma alcune fonti hanno parlato in via anonima con The Register e sono emersi diversi spunti di discussione interessanti.

Google prevede di avere pronto un primo supporto basilare, ma stabile, con Chrome OS 68, che sarà distribuito a luglio 2018; tuttavia, il team di sviluppo pare avere difficoltà nell'integrazione di driver audio e video; quindi, ci vorrà almeno Chrome OS 71 (dicembre) per un supporto stabile a grafica e suono nelle applicazioni.

Come già annunciato, l'emulazione Linux avviene attraverso una macchina virtuale completa, che si chiama crosvm, arricchita da alcuni tool installati nel sistema Linux che migliorano l'interazione tra il sistema nativo e quello in esecuzione nel contenitore. È quindi lecito aspettarsi un certo calo delle prestazioni rispetto a un'esecuzione in un ambiente nativo. Sempre The Register riporta che:

Solo metà degli attuali Pixelbook di Google sono in grado di garantire un'esperienza desktop Linux decente per uno sviluppatore, e i sistemi di fascia più bassa che costituiscono il grosso delle vendite semplicemente non avranno le risorse per eseguirlo.

Non è chiaro se Google rilascerà l'emulatore Linux su un numero ristretto di Chromebook o meno; tuttavia, è bene precisare che la frase qui sopra si riferisce all'esecuzione di un ambiente grafico completo. È irrealistico aspettarsi che un Chromebook entry-level con processore ARM riesca a far girare Android Studio, per esempio, ma tool testuali più semplici come Git e Atom sono molto meno esigenti.

Schermo enorme ma dimensioni decisamente contenute. Display bellissimo e batteria ampia? Samsung Galaxy S8 Plus è in offerta oggi su a 515 euro oppure da ePrice a 577 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Simone Bonfrate

si però già con ciò si apre un mondo

TLC 2.0

Domanda: Chrome Os richiede hardware specifico per girare oppure può essere installato su qualsiasi portatile più o meno recente (ovviamente su ssd)..ho qualche portatile e qualche Thinkpad e vorrei provarlo su un portatile

NicoRoma90

sì approvo ciò che dici... esistono servizi per sviluppare online, tipo koding o altri simili che ti permettono di avere un ambiente di sviluppo per molti linguaggi di programmazione da browser, ma in fin dei conti per me sono abbastanza scomodi...

developer su chromebook al momento non è gran che

Dea1993

in effetti nei chromebook manva una via di mezzo...
ci sono o le robe ultraeconomiche da 200 euro, oppure i prodotti premium da 1000 e passa euro, e solitamente hanno anche schermi piccoli (io cercherei un 15.6 pollici eventualmente, o minimo minimo un 14, così che anche se devo usarlo senza uno schermo esterno, non affatico troppo la vista).
poi vabbè un chromebook per programmare va bene giusto se fai programmazione web, visto che per il resto che applicazioni fai?? android?? non ci gira Android Studio... Windows? e come le fai le applicazioni? Linux? forse quando implementeranno il supporto... ios/macos?? stesso discorso che per windows.

Dea1993

be si che non fosse una sorta di virtualbox lo davo gia per scontato

NicoRoma90

"forse intende che è un tool a riga di comando???" ma non avrebbe senso lo stesso la frase, Atom se è inteso com editor di testo, non mi sembra esista la versione da riga di comando in stile nano, vim o emacs.

per il resto son d'accordo con te, a parte il fatto che se devo sviluppare, non mi prenderei un chromebook a prescindere, visto che quelli decenti costano tanto

DeeoK

KVM consente la paravirtualizzazione di sistemi guest e penso che sarà utilizzato in questo modo per ridurre l'overhead.
Con "non sarà una vera e propria VM" mi riferivo al fatto che probabilmente non sarà una VM completa (come si potrebbe avere, che so, con VirtualBox).

Dea1993
non sarà una vera e propria VM, sfrutterà KVM


ehmmm KVM che sarebbe? :D (kernel-based virtual machine)

Dea1993

be oddio tra mono e supporto alle applicazioni win32, ce ne passa :)
mono ti da il supporto solo alle applicazioni C# e .NET, le applicazioni win32 non sono solo quello

Dea1993

forse intende che è un tool a riga di comando??? comunque se usi atom hai gia git incluso.
comunque sia android studio penso proprio che sia impossibile da far girare su hardware così limitato (ma mai dire mai), se geekbench serve a qualcosa (nel senso che quei 10'000 punti in multicore, corrispondono ai 10'000 punti in multicore di una cpu x86), magari con i migliori SOC ARM, e 8gb di ram, anche android studio riesce a girare

NicoRoma90

"""
È irrealistico aspettarsi che un Chromebook entry-level con processore ARM riesca a far girare Android Studio, per esempio, ma tool testuali più semplici come Git e Atom sono molto meno esigenti.
"""

Git tool testuale??!?!??!

redshift

kvm e' una VM vera e propria

Simone Bonfrate

Spero anche in un supporto di Mono così non solo avremo il supporto ad app Linux ma anche ad app in win32

DeeoK

Atom è in Electron. Non è Android Studio ma neanche Gedit. Su un prodotto di fascia bassa non so come girerà.
Al di là di questo finalmente viene fuori qualche dettaglio sulla virtualizzazione. A quanto pare non sarà una vera e propria VM, sfrutterà KVM che servirà principalmente ad isolare lo spazio utente. Vediamo un po' cosa ne verrà fuori.

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB

Recensione AMD Ryzen 5 2600, un nuovo riferimento per la fascia media

Recensione AMD Ryzen 5 2600X

Le novità di Intel: CPU, portatili e non solo | Video #parliamone