Ubuntu 18.10 si chiamerà Cosmic Cuttlefish

09 Maggio 2018 107

Mark Shuttleworth, papà di Canonical, ha annunciato da poche ore sul suo blog ufficiale, il nome della prossima versione di Ubuntu, distribuzione Linux molto nota e apprezzata dagli appassionati.

Ubuntu 18.10 si chiamerà Cosmic Cuttlefish, verrà rilasciato ad ottobre 2018 e come da tradizione, il nome in codice rappresenta un nuovo animale seguito da un aggettivo, in questo caso Seppia Cosmica. Shuttlewort ha poi sottolineato nel suo lungo intervento che uno degli aspetti più importanti della nuova distribuzione sarà la sicurezza.

Negli ultimi anni, anche un ambiente come Linux è stato pesantemente esposto a malware ed altri tipi di minacce informatiche, c'è dunque bisogno di lavorare ad un miglioramento della sicurezza di tutta la piattaforma. Mark rivolge, infine, un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito allo sviluppo della versione attuale di Ubuntu, Bionic Beaver.

Appuntamento dunque tra sei mesi per il rilascio della prossima release stabile.


107

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Homer76

No, soprattutto, perché la pesantezza dipende dall'ambiente desktop e, da questo punto di vista, Ubuntu ha provato (senza successo, almeno per ora) a svilupparne uno proprio più leggero del Gnome standard.
Comunque sia, Ubuntu non è pesante.
A dire il vero, se installata su un pc non più vecchio di 10-12 anni, neppure Windows 10 lo è!

Tk Desimon

Ma Ubuntu non è la versione più "Windows"? Cioè lenta e pesante?

Homer76

Mint è semplificata, ma non ha la stessa diffusione di Ubuntu. Qualsiasi problema tu abbia, basta una piccola ricerca e trovi la soluzione. Lo stesso succede se vuoi installare qualcosa: stai certo che su Ubuntu è stato testato.

Oliver Cervera

meglio undows xp
xd

Tk Desimon

Ma e mint? Lo uso ogni tanto...

DeeoK

Ora come ora mi riconosce pure la Broadcom sul portatile di 10 anni fa.
Diciamo che la situazione negli anni è drasticamente migliorata.

Aster

prova boot repair

Aster

A si ok hai ragione,infatti per i neofiti consigliavo mint e il suo tool per i driver prima che diventasse di default sulla sezione deglutire aggiornamenti delle distro ubuntu based,e anche manjaro aveva un ottimo tool,ormai togli qualche scheda wifi strana broadcom il kernel ha tutto o basta collegarsi in lan(tranne debian o trisquel che non mettono driver proprietari)

DeeoK

Per le stesse per cui ti sei sentito in dovere di commentare in un certo modo ad una news su un sistema operativo che non tocchi da anni.

lore_rock

Ma dal momento che ho un pc performante per quali ragioni dovrei togliere windows?

Code_is_Law

Si Windows 10 confermo che non funziona .. bloccata la possibilità di farlo

Homer76

Premesso che apprezzo Debian e non sono felice di alcune scelte fatte suUbuntu, reputo quest'ultima migliore per una postazione di lavoro da usare quotidianamente. Infatti, la produttività è maggiore perché qualsivoglia operazione è immediata anche per il (quasi) neofita.
Poi, non è che si pianti ogni 5 minuti...anzi, è abbastanza stabile anche per via dell'ottimo supporto all'hardware (usa indiscriminatamente driver proprietari...).

DeeoK

Sui portatili non mi riferivo ai pacchetti ma più a problemi di compatibilità, di driver e via dicendo.
In passato notai che non tutte le distro si comportavano allo stesso modo, ma è anche vero che erano tempi diversi.

Aster

In teoria si,ma per installare dipende sono anni che non ci provo,ultima prova con w10 pro 2 settimane fa ha funzionato

Aster

si su portatili,no niente pacchetti strani,cosi a caso il centro notifiche degli aggiornamenti si bloccava

Code_is_Law

Perché non ho attacco m2 interno e comprare adattatore sata -m2 non mi convince come scelta.. le distro Linux dovrebbero funzionare anche da unità esterna

DeeoK

Beh, è un tema, al massimo torni a quello di default.

DeeoK

Era un esempio, Canonical non è tenuta a forkare Budgie come non sta forkando Gnome. Gli sviluppatori che contribuiscono a Gnome possono contribuire a Budgie e per Canonical non cambierebbe nulla.
Personalmente ho apprezzato la scelta di Gnome di avere una UI più pulita ed essenziale e mi piace la shell come strumento. Il problema è che con il tempo ho visto che Gnome ha bellamente ignorato i problemi per concentrarsi su roba inutile. C'è un eccessivo spreco di spazio, scelte confusionarie sulla gestione estetica (in alcuni casi le impostazioni stanno nel pannello superiori, in altri sull'applicazione, etc), tutto è troppo grande e non configurabile (totalmente orientato al mondo touch, perché tutti sappiamo che Gnome ha un'elevata diffusione lì), parecchie funzioni vanno installate con le estensioni che sono gestite da cani insieme alle API, GDM spreca secchiate di risorse, l'uso della RAM è imbarazzante, la gestione del multimonitor è scadente, la gestione degli workspace idem, è ostico cambiare alcune applicazioni predefinite (tipo il file manager), il desktop non supporta più le icone, tutta la shell gira su un solo processo (e di crash ne ho visti, personalmente) e queste sono solo i problemi che mi sono venuti in mente adesso.

E si parla di problemi presenti da anni.

IRNBNN

Ci stavo pensando effettivamente, ma per ora aspetto

IRNBNN

Molto piu leggera

Dea1993

si ma se parli addirittura di forkare budgie, a quel punto devono avere tanti sviluppatori attivi a mantenere, migliorare e aggiungere funzionalità solo sul DE.
invece così attualmente canonical ha solo qualche sviluppatore che pensa a patchare gnome, è molto diverso rilasciare patch dal doversi mantenere un intero DE.
poi ripeto, anche se ora non lo sto usando perchè è troppo avido di risorse, penso che attualmente gnome è il miglior DE (performance a parte), meglio anche di plasma che sto usando.

DeeoK

Ni: un conto è finanziare un intero DE, che tra l'altro nessuno ha voluto adottare, un altro è finanziare un progetto a sé stante. Le cifre in gioco sono decisamente diverse e Canonical sta già investendo in Gnome.

L'avere una fondazione conta fino ad un certo punto, soprattutto se la fondazione è quella di Gnome.

Dea1993
ma se un'azienda come Canonical vedesse interesse non ci metterebbe molto a supportarlo (o a forkarlo, conoscendo Canonical)


il punto è che canonical ha abbandonato unity proprio perchè non vuole investire troppi soldi per il desktop visto che con quel settore non ci guadagna nulla, per questo è passata a gnome, per avere un ambiente stabile e sviluppato da una fondazione e non semplicemente da una community.

Dea1993

secondo me sei tu che non sai fare xD
non si è mai sentito che linux non vede gli SSD.
magari su quell'SSD c'è installato sopra windows con il suo inutile avvio rapido attivato, e quindi se non hai fatto un riavvio ma uno spegnimento, windows non è stato realmente arrestato, ma entrato in una sorta di ibernazione e non rilascia il drive quindi altri OS non possono usarlo.
oppure c'è qualche altro casino, ma se non riesci ad installare linux su SSD non è certo colpa di linux.

PS: non c'è bisogno di disattivare UEFI, linux lo supporta, inoltre ubuntu e fedora (non so quali altre distro) hanno anche la certificazione per poter essere avviate col secure boot attivo.

DeeoK

Ma io non sono un'azienda.
Oracle ha montagne di soldi ma Java l'ha rovinato e si è ripreso solo da quando ci mette mano la community.
Non metto in dubbio il fatto che per una distro che punta a settori enterprise Gnome sia una buona scelta dal punto di vista del supporto ma l'esperienza insegna che per quel che riguarda manutenzione, stabilità e performance è ben lontana da essere una scelta ottimale. I rilasci regolari sono pagliacciate: il grosso dei rilasci è composta da aggiornamenti di applicazioni "core" di cui molti possono agilmente sbattersene. Non è che se in Gnome 3.28 mi piazzi Gnome Recipes allora la mia esperienza utente migliora.
Budgie ha indubbiamente rilasci lenti ed indubbiamente non c'è niente di sicuro, ma se un'azienda come Canonical vedesse interesse non ci metterebbe molto a supportarlo (o a forkarlo, conoscendo Canonical).
Ho usato Gnome per anni e non riesco a vederci un futuro, solo investimenti in roba secondaria ignorando gli enormi buchi strutturali. Uso Budgie da 7 o 8 mesi ed un futuro ce lo vedo, per quanto lento ad arrivare.

Dunkirk

No infatti, disattivato secure boot, uefi, c@**i e mazzi unità SSD vuota.
Non rilevato ma i due dischi meccanici si. Perfetto.

DeeoK

Sicuro, soprattutto sui portatili; poi dipende anche dai pacchetti installati.

DeeoK

Hmm, no.
Il fatto di usare le stesse librerie non significa che diventi un doppione di KDE. Mate e Gnome 3 usano le stesse librerie ma sono decisamente diversi.
Le librerie sono solo lo strumento di programmazione per la realizzazione di un software, non implicano nulla sul design se non questioni di integrazione.
Ad ogni il team Gnome non sembra voler cambiare percorso quindi reputo saggio slegarsi da loro, anche in virtù del fatto che l'alternativa, le QT, sono indubbiamente una buona alternativa.

DeeoK

Esatto, neanche lo usassi da 10 anni a questa parte.

Aster

e perche non lo installi su ssd interno e lo togli dopo?Anche windows non si installa su ssd esterno

Riccardo

strano, su portatile hp non ho avuto problemi.

Riccardo

si esattamente il "problema" icone su desktop. ovviabile con l installazione di nautils ma parliamo sempre di una soluzione non nativa.

budgie non mi dispiace e posso affermare in tutta tranquillità che, in 6 mesi e poco piu di uso quotidiano non ho mai avuto un problema o impuntamento di sorta.

Sagitt

Siamo li

Sagitt

Per l’utente comune ubuntu è la via giusta

Sagitt

Usa il creatore dischi dalla live, consiglio
Usa gparted per formattare e smontare oa usb

Sagitt

Meglio le LTS
In particolare server

Sagitt

C’è irrisoriamente meno supporto, nel senso che ubuntu è piú diffusa tra i comuni mortali e hai una wiki e canale irc di suopprto piú pratico

Code_is_Law

Si .. quello che voglio fare io è installare tutto sul ssd esterno senza modificare il bootloader del ssd interno .. installo Ubuntu creando le partizioni efi e selezionando il disco esterno come disco dove installare la distro ma al riavvio il menu di selezione del os da scegliere in fase di boot non funziona . Non trova proprio il ssd esterno

Sickboy

Ma infatti non capisco...ho pcie, ssd, nvme e microsd (lol) con linux sopra...boo

Dea1993

solite frasi fatte da chi di linux non ha mai visto nulla

DeeoK

Dell vende XPS con Ubuntu e SSD PCI-e...

DeeoK

Che gran boiata.

Dea1993

major update?? tipo passando da creators update a fall creators update?? perchè questi aggiornamenti alla nuova release di windows 10, mandano a fanc.lo il grub, e lo devi reinstallare

Wukepi

Abbandonando le GTK+ e passando a Qt diventerà semplicemente un doppione di Plasma, a quel punto meglio concentrare tutti gli sforzi su quest'ultimo e reinventarsi come estensione dello stesso Plasma... Personalmente ccomunque un sistema come Budgie potrebbe funzionare egregiamente sotto base MATE, che le GTK+ continua ad usarle. Il problema di GNOME è più legato a sottoprogetti come gnome-shell, che purtroppo sono partiti svariati anni fa come banali esperimenti, con scelte di architettura totalmente sbagliate che però gli sviluppatori di GNOME potrebbero essere disposti a cambiare solo in una eventuale major release. Lo stesso problema storicamente lo aveva avuto KDE, risolto poi nel passaggio a KDE 5 Plasma...

Aster

A me il contrario,lo uso da due anni fisso mai un problema,al contrario di manjaro a volte su diversi pc succede

Dea1993

si ma gnome e kde sono gli unici 2 DE a non essere solo frutto di una community.
gnome ha alle spalle una vera e propria fondazione (probabilmente motivo per cui tutte le principali distribuzioni si affodano a gnome, vedi redhat, centos, fedora, ubuntu, debian), plasma ha alle spalle un'organizzazione no-profit.
guardacaso gnome e KDE, sono gli unici a supportare il protocollo wayland (se gli altri non si adeguano è inevitabile che in futuro spariranno).
le grosse distribuzioni, non si affideranno mai a progetti mantenuti da chissà chi, senza una precisa tabella di marcia, con update non regolari.
questo è il motivo per cui gnome, seppur con i suoi problemi di performance, è il DE più utilizzato dalle distribuzioni non comunitarie.
quindi dopo ciò che ho detto, mi sembra chiaro che gnome non campa solo per il nome, ma per quello che è.
budgie, così come cinnamon, xfce, mate, e tutti gli altri DE, non sono niente, sono solo progetti realizzati da community più o meno grandi, gnome ha una fondazione, ha rilasci regolari, da sicurezze e affidabilità alle aziende

DeeoK

Dal 2011 ad oggi le cose sono cambiate parecchio.

DeeoK

AntergOS l'ho usato per qualche mese ma l'ho trovato poco stabile con problemi relativamente frequenti con i pacchetti.

DeeoK

Per un uso lavorativo meglio Ubuntu LTS o Debian.
Per un uso domestico consiglio Solus che è semplice da usare ma ha tutto quel che serve.

R_mzz

Aggiornato, forse

Huawei MateBook: X Pro 2019 e 14 ufficiali, prezzi Italia del 13 | VIDEO

Recensione Lenovo Yoga Book C930: il ritorno del convertibile 4 in 1

Devolo Magic 2: Powerline a 2400 Mbps e Wi-Fi Mesh | Video

Xiaomi Notebook Pro e MacOS: binomio possibile? Video