Recensione Acer Predator Orion 9000: un mostro per giocare e lavorare

07 Maggio 2018 145

Per un appassionato di informatica, assemblarsi il proprio PC è uno dei piaceri più grandi. È il frutto di ore e ore di accurata ricerca, selezione dei componenti, lunghe sessioni di investigazione e confronto sui forum. È un progetto, non un prodotto che compri fatto e finito. È più personale e istruttivo.

Non tutti, però, hanno le conoscenze, l’interesse o il tempo per scegliere questa strada. Si dice che oggi costruirsi un PC è più semplice di una volta. Io non sono molto d'accordo: dipende dalla cura e dal livello di dettaglio che si vuole raggiungere. Ma anche fosse vero, non è alla portata di chiunque voglia un computer per giocare o lavorare - quale che sia la fascia (e la potenza) di interesse.

Questa premessa è necessaria per capire che anche un prodotto come Acer Orion 9000 ha il suo scopo nel mercato. Non parlo solo del sia pur legittimo appassionato di videogiochi che vuole (può) concedersi il lusso di una macchina ai vertici della categoria, ma anche del libero professionista - o dell’impresa - che ha bisogno di tanta potenza e poche grane lato garanzia, installazione, manutenzione e assistenza.

È chiaro che rimane un prodotto di nicchia. Basta un'occhiata ai prezzi di listino per averne conferma definitiva. La configurazione che ho provato costa 5.000 euro, e ruota intorno alla formidabile accoppiata di Intel Core i9-7900X e Nvidia GeForce GTX 1080 Ti. Non c’è molto di meglio sul mercato.

Scheda tecnica e componenti

È difficile che i "desktop di marca" siano una scelta vantaggiosa a livello economico. Chi sa arrangiarsi potrà risparmiare qualche soldo, e magari scegliere componenti un po’ migliori. Beninteso, data la fascia di prezzo si resta sempre ai vertici. Ho apprezzato in particolare l'alimentatore, componente tanto sottovalutato quanto cruciale per la buona salute generale del sistema. È prodotto dalla rispettabile FSP, è modulare, ha potenza massima 1.000 W (sufficienti per gestire in scioltezza una seconda GPU) ed è certificato 80 Plus Gold.

Non ci sono molti dettagli sulla scheda madre. Il chipset è un Intel X299, e per il resto bisogna rifarsi alle specifiche del sito ufficiale. Non è un prodotto acquistabile al dettaglio: ufficialmente è marchiata Acer, che ne gestisce direttamente gli aggiornamenti. Come da tradizione, l’interfaccia UEFI è meno versatile rispetto a quello delle mobo desktop retail: assomiglia più a quella di un notebook, e l’interfaccia grafica è ancora testuale stile BIOS. Per un overclocker o uno smanettone non sono buone notizie, ma loro scelgono altro. Di seguito la scheda tecnica completa della configurazione in prova.



  • CPU Intel Core i9-7900X (Skylake-X) 10core/20thread @3.30 GHz con dissipatore a liquido
  • GPU Nvidia GeForce GTX 1080 Ti. Ventola singola stile "blower". 1481 MHz
  • 32 (2x16) GB di RAM Kingston DDR4-2666 PC-21300 1.333 MHz 2x16 GB
  • Motherboard Acer PO9-900 Intel X299:
    • 4x slot pci-e x16
    • 6x porte SATA interne
    • 2x slot m.2 con dissipatore passivo
    • 8x slot per la RAM
    • 5x porte USB Type-A 3.0 sul retro
    • 1x porta USB Type-C 3.1 sul retro
    • 2x porte USB Type-A 2.0 sul retro
    • SPDIF e audio analogico
    • Bluetooth 4.2
    • Wi-Fi ac dualband (Intel 7260)
    • Gigabit Ethernet
    • 3x porte USB Type-A 3.0 davanti
    • 1x porta USB Type-C 3.1 davanti
  • 256GB SSD Intel NVMe Intel 600p
  • 2TB HDD Toshiba DT01ACA
  • PSU modulare FSP da 1.000w 80 Plus Gold

Il nocciolo di Orion 9000, dicevo, sono la GTX 1080 Ti e il Core i9-7900X. Sono prodotti già sul mercato da tempo, e già testati in lungo in largo ormai. Non c’è più molto da scoprire a riguardo. Questo test si concentra quindi su come i due chip sono stati implementati da Acer, e come il computer si comporta in scenari d’uso reale.

La build

Il case di questo Orion 9000 è imponente anche per gli standard dei tower. Ci sono delle “lame” di contorno ai pannelli laterali che aumentano la profondità complessiva di circa 25 centimetri. È un case di buon livello, con tanti alloggiamenti per l’espansione e tutte le feritoie necessarie per nascondere i cavi, mantenendo l’ordine interno. Nel pannello anteriore si nascondono un masterizzatore DVD e un supporto per appoggiare le cuffie. In alto si trovano tre porte USB 3.0 e una USB Type-C 3.1, oltre agli ingressi per cuffia e microfono e il pulsante Turbo che attiva l’overclock di fabbrica. Le antenne Wi-Fi sono integrate nel case, e in generale garantiscono un’ottima ricezione.

Trasportare questo bestione da oltre 20 kg non è semplice, ma le due maniglie in alto e le ruote posteriori aiutano - finché non ci sono scale. Diversi i “punti luce”: due fasce anteriori, una striscia sulla paratia con finestra, le ventole anteriori e posteriore e svariati LED sulla scheda madre. Per default è tutto impostato in un bell’azzurrino coordinato; l’applicazione PredatorSense permette di modificare colori e animazioni per tutto tranne le ventole.



Ci sono alcuni accorgimenti interessanti relativi alla ventilazione: l’alimentatore è isolato dal resto del case con un carter in plastica, e una feritoia interna convoglia un po’ dell’aria delle ventole anteriori dietro alla motherboard, dove sono montati gli hard disk. Sul processore è infine montato un dissipatore a liquido realizzato da Cooler Master. Il radiatore è montato in alto, e si avvale di due ventole da 12 centimetri (non illuminate). L’accesso all'impianto è facilitato da una griglia fissata al case da solo un paio di viti. Il risultato complessivo è un computer estremamente espandibile: c’è spazio per ben 4 GPU e 6 tra SSD e HDD.

Accessori

La dotazione include un mouse ottico Predator (SM-9627) “quasi-ambidestro” (il corpo è simmetrico, ma ci sono due pulsanti aggiuntivi solo sul lato sinistro, raggiungibili con il pollice destro) con selezione DPI, e una tastiera a membrana (SK-9627). Entrambe le periferiche sono illuminate con lo stesso azzurrino del PC.

Il mouse è un po’ piccolo per la mia mano e il mio palm grip, e ha una gobba piuttosto pronunciata. Il claw grip è l’ideale, quindi. La tastiera ha un layout piuttosto pulito e ordinato, con pulsante “Game” che disattiva il tasto Windows. C’è l’essenziale anche a livello di controlli multimediali, senza strafare.

Nella confezione sono anche inclusi diversi cavetti per l’alimentatore: in pratica c’è tutto l’occorrente per montare una seconda Nvidia GTX 1080 Ti, incluso il ponte SLI.

Acer Orion 9000 è offerto con Windows 10 Home e qualche software proprietario: Acer Care Center, che include centro aggiornamenti, assistenza, tool di pulizia e manutenzione, e Predator Sense, tramite cui si possono regolare effetti di illuminazione, overclock della CPU, velocità delle ventole, e monitorare le prestazioni di CPU e GPU. Non manca infine il motore audio Sound BlasterX 720° Pro Gaming - con relativa applicazione di gestione Sound Blaster Connect.

Acer PredatorSense


Sound Blaster Connect

Come va

Ho usato Orion 9000 come PC principale per un paio abbondante di settimane. Ci ho lavorato tutti i giorni, giocato e fatto qualche progetto più impegnativo. È ovvio che una build con queste specifiche non può andare male in senso assoluto. Per il lavoro da ufficio - le solite decine di schede Chrome aperte, YouTube, Spotify Office, fotoritocco - è naturalmente esagerato. Non è un male in sé ("la potenza di fuoco non basta mai", insegna Billy Rosewood), ma se l'uso è solo questo tanto vale ridurre la potenza in favore di una minor rumorosità.

Il processore, però, diventa il punto di forza dell’intero progetto quando si passa a lavori più intensivi. I dieci core sono una svolta per chi deve compilare software, fare render con programmi che ancora non si sono “convertiti” alla GPU, modellazione 3D, decoding/encoding/transcoding video, esecuzione di più macchine virtuali e molto altro. Per fare un esempio concreto con Autodesk Revit: i tempi di render sono esattamente dimezzati rispetto al mio Core i7-5820K (Haswell-E) a 6 core. È un potenziale risparmio di ore al giorno.

Nel gaming non ci sono sorprese. La GTX 1080 Ti è ancora la GPU consumer più potente sul mercato. L’apporto della CPU in questo frangente è modesto, ma questa rimane la configurazione a GPU singola più potente che si possa comprare.

A grandi linee, funziona così: con tutti i dettagli al massimo, si può giocare senza incertezze in 4K a 30 FPS; in 2K a 60 FPS; in FHD a 120 FPS. Se il motore del gioco non è proprio recentissimo (o è ottimizzato particolarmente bene), si possono avere soddisfazioni anche maggiori. Con Bioshock Infinite e Doom, per esempio, si mantengono i 60 FPS in 4K, con picchi minimi trascurabili - qualche sporadico 53 o 54. Parimenti, va da sé, abbassando la risoluzione a 2K si riesce a giocare con grande stabilità a 120 FPS.

DOOM - Dati registrati con FRAPS sulla mappa 2: Foundry
BIOSHOCK INFINITE - Dati registrati con FRAPS usando il tool di benchmark integrato. I frame drop più significativi corrispondono a fasi di caricamento.

Con giochi più intensi come Final Fantasy XV o Forza 7, per un 4K a 60 FPS spesso non basta nemmeno scendere a dettagli medi o bassi. Con The Witcher 3 può bastare disattivare Nvidia HairWorks, ma in zone particolarmente complesse da renderizzare (penso a una battaglia con tanti avversari durante un temporale) qualche drop significativo è da mettere in conto. Insomma, se il 4K@60 sempre e comunque è l'obiettivo primario bisogna attendere la prossima generazione (oppure optare per una seconda GPU).

FINAL FANTASY XV - Dati registrati con FRAPS usando l’applicazione di benchmark ufficiale. I frame drop più significativi corrispondono a fasi di caricamento.
FORZA MOTORSPORT 7 - Dati registrati con MSI Afterburner giocando, in sequenza, la terza e la prima gara della Demo. I due frame drop a inizio e metà grafico corrispondono alle rispettive fasi di caricamento.
THE WITCHER 3 - Dati registrati con FRAPS seguendo sempre lo stesso percorso a cavallo durante un temporale a Velen.

Quale modalità è migliore? La testa dice 2K@60 FPS, ma cuore il 4K@30. Dopo aver ammirato i ricchissimi scenari medieval fantasy di The Witcher 3, ogni più piccolo dettaglio, rifrazione ed effetto ambientale di Forza 7, tornare indietro è difficile - anche per uno come me, la cui carriera videoludica è iniziata con il 320 x 240 di Doom e degli arcade al bar. Vedere per credere:

Temperature e rumore

Acer Orion 9000 non si può definire silenzioso, ma è efficiente nella dissipazione del calore. I test qui sotto illustrano un’ora di uso reale, non con benchmark sintetici, in tre situazioni - uso leggero, gaming e render CPU in modalità “Turbo” (overclock). Il dato più importante è che, sotto carico pesante, le temperature e la velocità delle ventole (e quindi il rumore) rimangono sempre costanti, senza cali di prestazione, anche dopo molto tempo. In generale, comunque, le parti più rumorose sono le due ventole del dissipatore a liquido della CPU; i 2.500 RPM sono la soglia limite del fastidio. Quando rallentano dopo un periodo prolungato a pieno carico (circa 3.000 giri in modalità automatica) si tira un bel sospiro di sollievo. La ventola della GPU è meno rumorosa, anche perché ha un tono più grave, girando più lentamente.


Impostando manualmente le ventole al 100 per cento - e accettando quindi un rumore ben più elevato - si possono raggiungere risultati anche più sorprendenti: perfino nel famigerato torture test Prime95 8k, e con la modalità “Turbo” attivata, la temperatura sul processore non sale mai oltre i 74 gradi - nemmeno dopo un’ora. Certo, non si può stare nella stessa stanza senza delle cuffie.

Conclusioni

Questa configurazione di Acer Orion 9000 è un po’ sbilanciata per un uso gaming “puro”, ma è l’opzione ideale per chi ha esigenze elevate sia per svago sia per lavoro. Il case è di chiara natura gaming ma non esagerato: perfettamente accettabile per un libero professionista, un po’ al limite per un ufficio o una scuola - se proprio, si possono disattivare i LED frontali, laterali e della motherboard (rimangono quelli delle ventole, però).

Il case è grosso e imponente, ma grazie a rotelle e maniglie non è troppo scomodo da spostare da una parte all'altra di un ufficio o un appartamento. È anche comodo da aprire e offre accesso rapido a tutti i componenti, per manutenzione ed eventuali upgrade. Non è troppo rumoroso per l’hardware che monta ed è ben ventilato. Si sarebbe potuto fare meglio con le periferiche di input e con l’edizione di Windows, ma non sono ostacoli insormontabili.

La configurazione in prova non pare disponibile presso nessun rivenditore affidabile e conosciuto. Perfino lo stesso Acer Shop offre solo la variante con doppia GTX 1080 Ti, a 5.999 euro (incluso il 15 per cento di sconto). È difficile da consigliare ad occhi chiusi. A degli svantaggi importanti - maggiori consumi, maggior rumore - non corrisponde il vantaggio prestazionale che ci si aspetta. Gli FPS non sempre raddoppiano, e il supporto non è universale.

  • Aggiornamento

Acer ci segnala che presto la configurazione in prova, da 4.999 euro, sarà disponibile presso Amazon e AK Informatica.

Configurazione ideale lavoro e gioco high endManiglie e ruote per facilitare il trasportoCase gaming ma non troppo tamarroEfficace dissipazione del caloreAlimentatore di qualità
Tastiera e mouse non all'altezza della fascia di prezzoWindows 10 HomeMotherboard poco configurabile e UI stile BIOS
L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 605 euro oppure da Amazon a 648 euro.

145

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Who83

Grazie, vedrò di informarmi allora.

Polezzz

Ci sono le 3200, anzi quelle che le "economiche" 2666 se costano di più magari avranno pure timing più spinti.

Maxim Castelli

È un commento scherzoso?
Perché l'alternativa è che ho di fronte un bimbo di 9 anni.
Preferisco credere alla prima alternativa.

Loris Piasit Sambinelli

anche schiacciare dei tasti davanti a uno schermo luminoso nel 800 sarebbe stato visto come stregoneria. I tempi forse son cambiati e la "morale" si è evoluta facendo un bel distinguo tra realtà virtuale e realtà?

Who83

Premetto che non sono retorico ma solo ignorante in materia: mi sto avvicinando ora al mondo del PC gaming. Perché dici che quella RAM non va bene?

Maxim Castelli

Beh, sicuramente sparare e dilaniare esseri umani non è morale. Nemmeno per finta.

Loris Piasit Sambinelli

un gioco amorale. Cosa è la morale per te?

NEX

Il cable management (questa é per Massimo Castle) mi ha fatto sanguinare gli occhi

M3r71n0

XD

efremis

Ahahah

Makiè

Bò, starà per me me, me inteso due volte.

Gark121

boh, io con macchine di un certo tipo ci lavoro e vedo ogni giorno il perchè certe cose costano care: il dell che ho linkato regge dei lavori con due xeon da 130W al massimo per ore con delle ventole che manco le senti, a 1200giri (non 3000....), e vedo ancora macchine analoghe del 2013 funzionare senza problemi nonostante siano magari accese 24/7 (o poco ci manca) da quando son state comprate.

la qualità della fascia bassa è sempre scarsissima, ma trovo che la fascia media ultimamente sia migliorata parecchio, complice il fatto che le cpu di quella fascia scaldano molto meno di una volta, quindi anche con una dissipazione discutibile restano pc funzionali.

ciò che invece non comprendo sono macchine del genere: 5000€ per cosa? un pc inguardabile, con una dissipazione MOLTO discutibile, grosso come una casa, e pieno di plastica e spazi vuoti.

qualunque tecnico di pc ti assembla di meglio a molto meno.

poi possiamo anche discutere sulla scelta dei componenti, su cui imho si può far moooolto meglio di così. un 1950x ti fa risparmiare almeno 300€ tra cpu e mobo, e alla fine offre prestazioni decisamente confrontabili (o superiori) se lo scopo è il calcolo multithread. se invece lo scopo è giocare (come l'estetica suggerisce), un 8700k offre maggiori margini di overclock a meno di metà prezzo (tra cpu e mobo), e in game la differenza tra 6 e 10-12-16-256 core è assolutamente nulla.

I'm Simone

Negli ultimi anni la qualità, tranne i top gamma, è scesa molto. Nelle recensioni vediamo solo PC fuori dalla portata delle nostre tasche per il 90% del tempo, ovvio che sembri tutto bello.

M3r71n0

Aaaaa, XD
ok.

Fab Pell

perchè quando funziona male il Core 1 sta al 100% mentre i restanti core dormono..

Gark121

Xeon silver 10c, quadro p6000, e dischi equivalenti.
Grossomodo dovremmo essere lì come potenza.

Gark121

Dell si fa pagare un pc costruito come d i o comanda. Al contrario di questo Acer.

Everything in its right place.

Comunque che un processore e una GPU del genere non tengano i 4K a 60 FPS senza problemi fa pensare

hammyboy

Lui non sta bene, ma tu sei messo peggio.

Andhaka

In effetti. :D

cheers

Andhaka

Mi sa che stai facendo un ragionamento già da persona che sa cosa sta facendo. ;)

La maggior parte delle persone non arriva nemmeno lì. Parte con "No, non sono capace, troppo difficile, io paura" senza nemmeno provare ad informarsi su cosa comporti un assemblaggio. ;)

Cheers

greyhound

Visto quanto costa questo con cio che ti risparmi poteresti fartelo assemblare e smontare una ventina di volte

greyhound

Tieni conto che pero in caso di componenti difettosi è difficile identificare il problema dopo l assemblaggio senza avere pezzi di scorta da sostituire uno ad uno.

Penso che pure questo sia un problema che scoraggia molti

riccardik

Hp, dell, non so chi altri le faccia oltre a loro

Andhaka

Quindi doppio fallimento.. con il primo sapiens e con il secondo pure. :D

Cheers

Polezzz

Noi siamo oggi
Homo Sapiens Sapiens, non più Homo Sapiens.

Polezzz

O anche un raid0 M2-500GB.

Polezzz

DDR4-2666 è uno scherzo?!

M3r71n0

Avevo visto, ma la mia domanda era: che c'entra?

Dunkirk

Un nuovo standard per l'edilizia e pesistica da palestra [cit. UltraAlem]

Damiano

Perfetto per giocare a Minecraft ahah (6000 fps)

ciro mito

Computer mausoleo

Luca Lindholm

Manco sono capaci a fare uno chassis decente!

La domanda a questo punto è: ma Acer perché è stata fondata?

-.-

massimo mondelli

Iyho ...

Danny #

Una schifezza favolosa.

Francesco

hp lol, ma vedi quanto può costare assemblata

Francesco

a me sembra un sidecar

Makiè

Sonicwall è una marca di firewall hardware.

Makiè

Hai ragione!

Makiè

Sicuramente meno LSD di quanti te ne sia fatti tu.

Makiè

Ti consiglio caldamente di lasciarlo perdere qualunque cosa ti dica.
È un bene per te e per tutti quanti.
Diffondi la notizia.

Top Cat

Ma tu sei Pip, il troll.
https://uploads.disquscdn.c...

Word_Life

Scrivi a Miyazaki, presto.
Se fanno in tempo lo mettono come DLC per la remaster di DS

GianlucaA

O tra le cariole da cantiere

ilmondobrucia

Ci gira crysis?

I'm Simone

Dell si fa pagare un sacco anche gli i3.

Cappello magico

Io un colloquio di lavoro con la Blizzard lo farei fossi in te :P

Cappello magico

Un po' bruttarello però…

Maxim Castelli

Claudio Giuseppe Fradale

Pensavo nelle monovolume

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB

Recensione AMD Ryzen 5 2600, un nuovo riferimento per la fascia media

Recensione AMD Ryzen 5 2600X

Le novità di Intel: CPU, portatili e non solo | Video #parliamone