Recensione MSI Prestige PE62 7RE con Nvidia GeForce GTX 1050 Ti

28 Aprile 2018 124

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

I notebook da gaming sono macchine consigliate per il montaggio video o per il lavoro grafico perché hanno una scheda video dedicata e perché sanno come spremere l'hardware. Il problema è che, nel 90% dei casi, il loro telaio estremizzato non sa stare in ufficio: effetti RGB sulla tastiera, luci sul coperchio, finiture che riprendono dragoni o alieni, fulmini o auto sportive. Presentarsi ad una riunione importante con un Alienware 13 R3 può essere divertente, ma non è cosa da tutti.

La linea MSI Prestige cerca di aiutare questi professionisti con portatili gaming dall'aspetto tradizionale. Non sono dei top di gamma ma hanno un prezzo più basso e una destinazione d'uso meno vincolante. Sono i classici notebook consigliati per fare un po' di tutto, anche da tenere a casa come macchina principale, ma sempre con una naturale predisposizione per i videogiochi e per tutto quel che riguarda la potenza di calcolo.



MSI Prestige PE62 oggetto di questa recensione è un 15.6 pollici con processore Intel Core i7-7700HQ e scheda grafica Nvidia GeForce GTX-1050 Ti, rifinito in grigio argento, con una tastiera retroilluminata in bianco, e tante porte a grandezza standard. Ha l'hardware per giocare in Full HD a dettagli alti, per accelerare il rendering e le anteprime di Adobe Premiere Pro CC, per collegare due schermi esterni in 4K alle uscite HDMI e Mini DisplayPort.

MSI Prestige PE62 7RE: scheda tecnica

  • Schermo da 15.6 pollici 1920 x 1080 px / Opaco / Pannello CMN15D6
  • CPU Intel Core i7-7700HQ / GPU Intel HD 630 + GPU Nvidia GeForce 1080 Ti con 4GB GDDR5 (Optimus)
  • Memorie: 8 GB DDR-2133 Single Channel Samsung (max: 32 GB, 2 slot accessibili) / SSD PCI-Express Gen3 x4 128 GB Toshiba + HDD 1 TB 2.5 pollici Hitachi
  • Connettività: Wi-Fi ac Intel 3168 / Bluetooth 4.2 / Gigabit Ethernet
  • Porte: USB 2.0 / 2x USB 3.0 / USB-C / SD / HDMI / miniDisplay-Port / HDMI 1.4 / Jack audio 3.5 mm microfono e cuffia
  • Altro: 4 altoparlanti + woofer / Webcam 720p / Tastiera retroilluminata
  • Dimensioni: 383 x 260 x 27 mm / Peso: 2200 grammi / PSU: 19.5V 7.7A 150 watt

Per due settimane ho provato la configurazione PE62 7RE con Windows 10 Home. Il suo prezzo di vendita è compreso tra 999 e 1299 euro, con una distribuzione che prevede sia l'acquisto online sia la prova al centro commerciale. La catena MediaWorld, ad esempio, lo ha inserito di recente a volantino con una buona promozione.

I notebook MSI Prestige hanno diversi motivi di vanto. Tra tutti, la tastiera retroilluminata: ha tre livelli di luce bianca, il tastierino numerico a destra, tasti dedicati per regolare sia la velocità delle ventole sia il profilo colore del monitor. La sua corsa è di 1.5 mm. MSI pre-installa un software per registrare macro e personalizzare i suoi tasti, ed è un'ottima notizia per chi deve giocare o richiamare combinazioni di tasti ricorrenti (ad esempio, si può fare in modo che la pressione di un solo tasto produca una frase o lanci una serie di programmi).



La tastiera di Prestige PE62 è abbinata ad un touchpad dai tasti separati e precisi, con una superficie in plastica più ruvida al tatto rispetto al poggiapolsi quindi facile da localizzare. Anche il resto del telaio è in plastica; la finitura grigio chiara ha un effetto metallo sul coperchio e su gran parte degli interni mentre fondo e lati del notebook restano con il nero opaco non verniciato, grezzo. Questo approccio permette di avere un notebook che non trattiene le impronte digitali, ma non rende solida la struttura; c'è flessione al centro della tastiera e sul retro dello schermo. È un problema comune a tutti i notebook senza un rivestimento o un rinforzo in metallo; può essere solo un fastidio estetico nel caso del display, ma diventa una noia quando si scrive a lungo.

MSI ha inserito uno schermo opaco e Full HD, con luminosità massima inferiore alla media (160 nits) ma con una copertura sRGB e AdobeRGB superiore, rispettivamente, al 98% e al 84%. Ottimi sia il DeltaE a colori (3.9) sia il DeltaE sui grigi, mentre la gamma di 1.9 (ideale: 2.2) è dovuta soprattutto alla tipologia del pannello (TN) usata. Tipologia che limita gli angoli di visuale ad uno sguardo frontale, ma che può essere la preferita nel gaming per i tempi di risposta bassi e la, possibile, frequenza operativa superiore.

Il vero punto di forza di Prestige PE62 è nella suite software MSI True Color, dalla quale si possono attivare diversi profili colore e regolare tutti gli aspetti fondamentali ad una calibratura ottimizzata. È davvero raro trovare tutti questi comandi nella categoria portatili; c'è perfino uno strumento per la profilazione ad-hoc compatibile con i colorimetri più diffusi. Per quanto lo schermo TN di questo notebook possa essere un compromesso per alcune persone (ok nel gaming, ma per il resto si preferisce avere un comune IPS, soprattutto se di luminosità più alta), la gestione degli spazi colore compensa.

Comunque sia, il notebook MSI si rifà nelle prestazioni pure. Mi riferisco sia alla capacità di tenere il processore Intel Core i7 ad una frequenza alta su quattro core, sia alla capacità della GeForce 1050 Ti di agevolare sessioni di gaming (o lavoro grafico intenso) senza portare la macchina allo stallo. Il grafico dello stress test con Prime95 + Furmark che vedete sotto, mostra bene cosa intendo dire.

Per quanto questa sia una situazione operativa non reale (CPU e GPU al 100%, fisso), volutamente estrema e forse poco credibile, MSI Prestige PE62 inizia a ridurre la frequenza del Core i7-7700HQ dopo 10 minuti, senza crolli nel consumo della CPU (33 watt) e senza ripercussioni sulle temperature (93°C). Il sistema dà priorità alla scheda grafica Nvidia: frequenza fissa a 1450 MHz e temperatura massima di 72°C. C'è un leggero throttling termico, ma le prestazioni non crollano e il sistema resta reattivo.

MSI Prestige PE62: stress test.

In contesti di lavoro più reali (F1 2017 e la suite 3DMark), CPU e GPU riescono a lavorare su frequenze più alte perché l'intensità delle operazioni va a sbalzi. Nei 26 minuti di benchmark 3DMark Time Spy, Sky Diver e Fire Stike, la 1050 Ti supera i 1650 MHz, il Core i7 arriva a 3700 MHz, e le temperature medie sono di 51°C (GPU) e 62°C (CPU). Su F1 2017 gioco in Full HD con dettagli e filtri al massimo tenendo un framerate sempre sopra i 60 fps, anche nelle scene più complesse.



I compromessi di queste temperature interne e di queste prestazioni prolungate sono due: la zona tastiera arriva a 49°C nello stress test, ed è un valore che d'estate potrebbe creare problemi; e ci sono ventole rumorose al punto da farmi consigliare l'uso di cuffie quando si gioca. MSI PE62 7RE ha due ventole e 6 heatpipe: una per la CPU (con 2 heatpipe dedicate) e una per la GPU (con 4 heatpipe). Nell'uso di tutti i giorni, la prima oscilla tra 2000 e 3000 rpm, con picchi a 4000 rpm e un certo fastidio se siamo in ambienti chiusi; qui la ventola della GPU resta disattivata perché si usa la GPU Intel integrata, non la Nvidia. Al contrario, nello stress test, girano entrambe a 5200 e 4200 rpm, con un rumore generato difficile da ignorare.

MSI Prestige PE62: interni e aggiornamento.

Si può ridurre la rumorosità abbassando la rotazione delle ventole, o facendo in modo che il loro punto di attivazione sia più alto, vincolato ad una temperatura maggiore. Il software MSI Dragon Center ha profili prestazionali pronti per questo, e permette anche una buona flessibilità nella regolazione manuale. Inoltre i vari widget pop-up o in finestra, da tenere in sovra-impressione mentre si gioca o si lavora, ci permettono di tenere sempre d'occhio questi valori così da avere un'idea chiara di cosa sta succedendo.

Il problema è che le temperature del notebook non sono così basse da permettere un intervento risolutivo; se attivo la modalità silenziosa o faccio in modo che (esempio) la ventola della GPU si attivi solo sopra (esempio) i 70°C, rischio di surriscaldare la macchina e peggiorare la continuità delle prestazioni. Queste regolazioni sono più utili nell'uso leggero del computer, ma quando è richiesta potenza c'è poco da fare: le ventole devono girare e il sistema deve essere rumoroso. I portatili che riescono ad equilibrare questi aspetti usano accorgimenti software e hardware ad-hoc (una buona idea, ad esempio, potrebbe essere il repasting dei chip, o l'applicazione di dissipatori sul fondo), e sono ottimizzazioni che incidono nel prezzo di listino.



Inoltre va puntualizzato come il comportamento della macchina sia influenzato dal collegamento del cavo di alimentazione. Il grafico sotto mostra lo stress test eseguito a batteria. C'è un abbassamento della frequenza della CPU e un vero crollo del CPU Package Power con forte riduzione della temperatura sul chip Intel. Di contro la GPU ha benefici da questa ripartizione dell'energia: può alzare la sua frequenza sopra i 1600 MHz e, al tempo stesso, beneficiare della temperatura più bassa per ridurre, di conseguenza, la sua.

MSI Prestige PE62: stress test con alimentatore scollegato.

Quindi lavorare senza corrente elettrica riduce le prestazioni della CPU ma non quelle della GPU, scalda meno la macchina e abbassa un poco la rotazione delle ventole, quindi la rumorosità. Può essere un'idea se vi bastano circa 30 minuti di autonomia, perché è difficile chiedere di più quando si lavora a batteria. MSI Prestige PE62 usa una 44 Wh a cilindro (si vede bene nell'immagine interna sopra) e consuma 78Wh quando CPU e GPU Nvidia sono attive. Si scende a 18Wh nelle operazioni giornaliere (navigazione Internet con Google Chrome, due o tre programmi aperti in background, schermo con luminosità al 50%) e a 15Wh nello streaming online in Wi-Fi (Netflix, SkyGo, Youtube) soprattutto perché la gestione Nvidia Optimus spegne la GeForce e usa la Intel HD 630. La migliore autonomia non supera le 3 ore.

Autonomia MSI Prestige PE62

Consumo orario Autonomia
Lavoro Internet giornaliero 18 Wh 2.45 ore
Netflix / Streaming / SkyGo -15 Wh 3 ore
Giochi / Rendering / Stress Test* -78 Wh 0.56 ore
Ricarica PC chiuso (150 watt) +29% -

Luminosità schermo al 50% (circa 90 nit), audio al 50%. Modalità energetica "consigliata" ad eccezione della prova con giochi e rendering.

L'alimentatore da 150 watt carica il portatile in 3 ore ed ha watt a sufficienza per farlo anche quando è sotto carico massimo. Il consumo massimo, come si vede nel grafico, è di 130 watt.

MSI Prestige PE62 7RE: consumo su presa.

Prima di chiudere due aspetti sull'hardware: si può aggiornare la memoria RAM fino a 32 GB (2x 16GB) con DDR4-2133 MHz. La SSD Toshiba NVMe ha buoni valori in lettura e in scrittura, e non è partizionata, con tutti i suoi 128 GB dedicati al sistema operativo; l'altro disco, Hitachi da 1 TB, è per i dati. Benissimo l'audio con 4+1 altoparlanti. Attenzione alla porta HDMI: è una 1.4 quindi esce sì in 4K ma a 30 fps. Peccato per altri due dettagli: il lettore SD è vincolato ad una porta USB 2.0 quindi ha una velocità massima limitata durante la copia file (noioso quando dovete importare, ad esempio, GB di contenuti video), e peccato per il supporto GNU/Linux; una Ubuntu 17.10 LIVE va in kernel panic durante la fase di boot.

Considerazioni finali

MSI Prestige PE62 è consigliato come notebook adatto ad ogni contesto domestico, che sia la produttività leggera, quella d'ufficio, quella di un creativo o un programmatore. Spicca nella parte grafica con la scheda video Nvidia GeForce 1050 Ti, ed ha la garanzia di aggiornamenti hardware con accesso alla SSD, all'hard disk e, soprattutto, alla memoria RAM. È comodo con le porte a grandezza standard e con la tastiera retroilluminata, ed è versatile con i programmi di regolazione delle temperature e dello schermo di cui abbiamo parlato sopra. I compromessi sono due: la qualità costruttiva è solo sufficiente, e l'autonomia non ne permette l'uso lontano da casa o dall'ufficio. Se cercate un notebook da portare nello zaino e da usare durante gli spostamenti, meglio rivalutare le necessità, magari alzare il budget, e scegliere altro. Altri dettagli sul sito MSI Italia.

MSI Prestige PE62 7RE: pro e contro

Si può aggiornare e migliorare negli anni.La tastiera è larga e retroilluminata, il touchpad comodo.La suite software MSI fa regolare ogni aspetto del notebook.La GeForce GTX-1050 Ti è uno sfizio.
RAM Single Channel.Molte flessioni nel telaio (centro tastiera e schermo).Difficoltà con GNU Linux.Lettore SD lento nel trasferimento file.Ventole sempre su alti giri (leggi: rumorose).


124

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Gieffe22

su amazon de a 950 trovi il lenovo y720 con nvidia 1060 che lo asfalta, oltre ad avere uno schermo anni luce migliore.

Non ha l'ssd di serie, ma a differenza della scheda video lo puoi aggiungere tu in futuro. Una 1050 ha il collo tirato gia adesso, con la 1060 tiri tutto 1080p maxato e addirittura 2k a seconda del gioco

Alessandro_Ax

un ultrabook e questo pc hanno due target completamente diversi però. Prova a giocarci su un ultrabook, o prova a lavorare con questo mentre sei in viaggio (lontano da una presa elettrica). Per cui secondo me non sono direttamente confrontabili.

Fabrz

Probabilmente lo stesso che presi io, anche parlandone sul forum qualcuno mi aveva detto che il suo pannello TN Chi Mei non era un dramma. A qualcuno invece arrivava con un IPS lg o philips, non ricordo bene.

Il mio TN Chi Mei era inutilizzabile, mi tormentavo spostando continuamente la testa per poter leggere; era uscito Daredevil in quel periodo e pensavo non si vedesse nulla per scelta di regia nelle scene al buio. Quando riuscii ad aggiustare il mio precedente portatile, il più vecchio Asus N56, scoprii che in realtà nelle stesse scene al buio si vedeva un sacco di roba, la differenza era enorme. Anche sul vecchio N56 (che uso ancora adesso) c'è un pannello TN, ma di marca Samsung e secondo me è ottimo.

Fabrz

Infatti ho scritto quasi. Nelle ultime 16 recensioni sul canale youtube, 14 sono di Riccardo.

stiga holmen

..prova a vedere le recensioni passate..

Fabrz

Ma li fa quasi tutti Riccardo

stiga holmen

Solo Riccardo, le altre prove non accennano minimamente a Linux....

Fabrz

Questo è un laptop un po' tuttofare, secondo me è importante saperlo. Tra l'altro ho un portatile simile di diversi anni fa, cpu potente, gpu discretamente potente, poco portatile e facilmente aggiornabile. Per necessità ho installato sia Windows che Linux.

Fabrz

Parla regolarmente della la facilità di installazione di Linux con i Laptop che prova

Albi Veruari

A parte che era una frase provocatoria visto che mi ci trovo strabene, poi voglio vedere dove lo trovi un i7 8th gen, 16gb di ram, 960 pro da 250gb + mx300 da 500 gb e una 1070 a 1500 euro. Senza contare che il mio è un gs63vr, mica quelle patacche gaming per i brufolosi.Forse a Napoli lo trovi anche a meno ( si scherza..).

stiga holmen
Lettore SD lento nel trasferimento file.
Difficoltà con GNU Linux.

Non per difendere MSI, ma questi 2 "Contro" li ho visti solo per questo PC....negli altri vengono testate le stesse cose?

Flyn

Oeeee esageriamo dai!

Patafrosti

SI immaginavo di aver detto una cagata col monocoromatico, non mi sono effettivamente informato, comunque ho sbagliato "imponendo" il mio pensiero come verità ma io non preferirei mai un TN ad un IPS (entrambi 60 Hz e stessa fascia di prezzo) in un portatile venduto a quella cifra per me è follia :)

Francesco Volpe

Scusate l’O.T: volevo un parere sul Dell Inspiron 15 7000 Gaming la versione base quella con i5 8gb di ram e GTX 1050 da 4GB. Costo circa 800€ ma spero di ridurlo con lo sconto studente del 10% che ho richiesto.

Daniele Capello

Purtroppo è vero, sono davvero pochi in confronto a quelli per Windows, però ciò non toglie il fatto che è possibile giocarci, soprattutto grazie a Valve che investe davvero tanto in Linux ma ancora di più nelle API Vulkan

Daniele Capello

Io non provo a giustificare nulla, mi limito semplicemente a dire che esiste la possibilità di fare montaggio video professionale e gaming su Linux. Non ho mai detto che bisogna farlo su questo dispositivo, ma che sicuramente è una nota negativa da menzionare la mancanza di totale supporto.

Aster

Ti ripeto che lavoriamo ,editiamo ,giochIamo e facciamo moltre altre cose ogni giorno con linux cosa che non potremo mai fare con windows,cosi come facciamo cose con windows o osx che con linux non si fanno,Ma la tua mente e cosi chiusa che devo ricredermi sulla impressione degli applefan,c’è di peggio.

IlRompiscatole

Per quanto non mi piaccia il portatile in questione e trovi discutibile la scelta di un pannello TN non essendo un portatile orientamento al puro gaming é indubbio che i TN abbiano punti di forza e punti deboli rispetto agli IPS.
I VA sono un po' una via di mezzo ma anche loro con pregi e difetti.

Il gtg é indice di latenza generale del pannello. Non bisogna usarlo in bianco e nero per vedere la differenza con un ips :-)
La latenza crea ghosting ed abbassa la risoluzione temporale a parità di hz. É il motivo per cui su molti televisori vengono usati "stratagemmi" come l'inserimento di frame neri per limitare gli artefatti ed aumentare la risoluzione temporale.

É vero che ci sono ips buoni che possono avvicinarsi ai tn come ci sono tn buoni che si avvicinano agli ips come copertura colore e angoli di visione... però si avvicinano, non ci arrivano :-)
Bisogna vedere quali sono le nostre priorità e scegliere di conseguenza :-)

Claudio

ventole rumorosissime, telaio in plasticaccia iperflettente e poi chiedono 1000 - 1200 euro e lo ritieni un prodotto a buon prezzo?
a quelle cifre prendo un ultrabook top di gamma... ma per te riccardo un prezzo caro quanto è? 1 milione? perchè io buon prezzo considero 299-300. 1200 di certo non è la definizione di buon prezzo.

Patafrosti

Allora parla, non ti mangio

IlRompiscatole

Hai le idee molto confusissime :-)

Thomas

menomale, credevo di essere l'unico...
orribile a dire poco

Samuele Capacci

Mado si è orribile, è un oggetto aberrantemente grottesco. Cioè penso sia il più brutto portatile moderno che io abbia mai visto.

Samuele Capacci

Sembra un pc anni 90. In una sola parola, aberrante. Grottesco.

gamem

Sto solo dicendo che ho avuto schermi ips talmente scarsi da avere angoli di visuale pessimi, sono d'accordo con te sul fatto che un buon IPS avrà degli angoli di visuale migliori rispetto alla controparte TN.
Quindi montare un IPS economico alla fine non ha senso.

Patafrosti

Ok, rispetto il tuo parere ma non sono d'accordo, gli angoli di visione scarsi fanno parte dei TN, indipendentemente dal prezzo

gamem

Ripeto, un pannello IPS economico fa anche peggio di un Tn di fascia più alta, questa è una generalizzazione, andrebbero valutati i singoli casi.

Peppe

Pensa che avevo preso MSI gv62 7re..uguale a questo..lo cambiato con un HP omen ce010nl...stesso hardware..ma con ips lgphilips l 8gb di RAM in più hdd da 7200 SSD da 256 (Samsung 961)

Patafrosti

Belli quanto vuoi ma il problema degli angoli di visione rimane e in un portatile per me è un malus non da poco

manu1234

Sei tu che stai provando a giustificare l'uso di Linux in un prodotto in cui nessuno lo userà mai

Shaq Boom

Direttamente rottamazione

Michealknight

E chi se lo compra con i nuovi con i7 16 GB e 1070 che spesso scendono sotto i 1500.

Top Cat

Verde, vabbè se sei vegano ha un suo perchè.

Antonio Guacci

A me onestamente piace: così nero e verde, richiama perfettamente i colori di nVidia e ha un suo fascino.

Top Cat

L'HP che citi, una gran bella macchina.
Tranne per il colore verde, ma una rinuncia si può fare.

gamem

Tralasciando il fatto della latenza, ci sono pannelli TN talmente belli da essere paragonati ad un IPS, quindi dipende dal tipo di pannello, e quello montato su questo non è eccezionale, comunque ho avuto pannelli IPS che si vedevano peggio anche del TN del mio laptop (che comunque ha buon angolo di visuale e una buona leggibilità anche con molto sole).

Patafrosti

Si ma i giochi sono pochissimi

Patafrosti

GtG è grigio bianco grigio, comunque senza star qui anni a scrivere papiri quello che volevo dire dal principio è che tra un TN e un IPS moderni entrambi a 60 Hz i motivi per preferire il TN sono meno di quelli per preferire un IPS, la latenza non è un problema, ultimamente ci sono anche VA ed IPS da gaming, i TN sono arrivati prima perché sono stati i primi a superare i 60 Hz e sono i più diffusi ed economici tra i 3

Daniele Capello

Per gaming si può su Linux, soprattutto grazie a Valve:
https : //en . wikipedia . org/wiki/Linux_gaming#Proprietary_games
Poi per editing ricordo un prodotto molto importante, usato anche per la produzione cinematografica: Lightworks (https : //www . lwks . com)
https : //en . wikipedia . org/wiki/Lightworks#Use_in_films_and_TV_series

Il fatto che tu non conosca non giustifica il fatto che tu debba sparare su Linux, si può usare, anche per quello che dici te. Detto questo, il fatto che non ci sia il totale supporto di Linux è senza dubbio una nota negativa da menzionare, c'è chi magari vuole provare gli ultimi titoli realizzati con API Vulkan e su questo laptop non potrebbe senza compromessi nelle funzionalità.

Rin-_

Bah pannelloTN ingiustificabile, inoltre persino il mio portatile del 2014 ha una luminosità più elevata...Prezzo di listino folle.

gamem

Gtg è quanto ci mette il pixel per cambiare da una serie di colori, passando per il bianco, nero etc, quindi è solo un dato di riferimento.
Infatti questo è il metodo di paragone dove i pannelli fanno meglio, quindi se un pannello fa 1 ms in gtg e l'altro ne fa 5, anche nel lato pratico il primo avrà un tempo di risposta più basso, quindi il fatto che noi non abbiamo effettivamente quel tempo di risposta è giusto, per il fatto che tra i 2 pannelli le letenze siano simili è sbagliato, con i colori sarà anche più marcata la cosa.
Poi ti faccio una domanda, secondo te è un caso se praticamente tutti i monitor "da gaming" montano un pallenno TN?

M3r71n0

https://www.ubuntu-it.org/derivate/ubuntu-studio

Patafrosti

1) si i TN hanno un GtG più basso ma alla fine quello che conta non è quel valore, mica giochiamo in monocromatico, ci sono anche altri valori e a differenza del GtG non c'è tutto sto distacco
2) Volevo dire che essendo appunto un portatile è meglio avere degli angoli di visione migliori visto che lo schermo non è fisso, non parlavo della potenza

gamem

Wut
1: il tempo di risposta (gtg) non è "molto simile" (ma poi cosa vuol dire?) si parla di dati oggettivi, i monitor tn riescono a raggiungere un gtg in 1 ms, i pannelli ips in media 5 o più.
2: "in un portatile poi" ... è una macchina con prestazioni da desktop... la gtx 1050 ti (m) va praticamente uguale a quella desktop, il processore è uguale ad un i5, ma con 4 thread in più, ergo va benissimo per giocare anche a titoli impegnativi, e nei giochi ad esempio gli e sport queste piccolezze non dico che facciano la differenza ma aiutano.

Patafrosti

Quello è il GtG, il tempo di risposta effettivo che interessa a noi è molto simile tra le 2 tecnologie per questo tra un TN 60 Hz e un IPS 60 Hz non ci sono motivi tangibili per preferire il TN, in un portatile poi...

Flyn

Continuo a non capirti. Puoi fare quello che ti pare, ovviamente! Puoi giocare su osx :) Non aspettarti di farlo come si deve però.

Non mi attacco alle parole, sei tu a far finta di non capire.
Laptop venduto e certificato per windows, non per linux. Linux va? Tanto meglio.

gamem

Penso che tu abbia una convinzione errata...
I pannelli, ad esempio, a 120hz, posso essere ips così come TN, l'unica cosa che cambia è il costo per produrli.
Con un pannello ips, però, non si può raggiungere una latenza di 1ms, ma solamente con un TN, infatti in genere i pannelli ips hanno un tempo di risposta dai 5 ai 7 ms, per questo motivo ci sta che il monitor sia TN (poi che il costo del prodotto sia troppo elevato per quello che offre è un altro discorso).

Gieffe22

yes

Patafrosti

Che a 60 Hz preferire un TN ad un IPS non ha senso

Zlatan10

Nonno Barzagli...
Ahahahahahahhahahaahahha

Microsoft Surface Go: piccolo e compatto | Anteprima video

Lenovo Yoga C930 ufficiale: 2-in-1 premium con altoparlante rotante | Video

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex

ASUS Project Precog: il notebook a doppio schermo del futuro | Anteprima