Intel annuncia un ottimo Q4 2017 grazie alla divisione server e datacenter

26 Gennaio 2018 17

Sia l'amministratore delegato che il responsabile finanziario di Intel sono soddisfatti del trimestre appena passato. Il fatturato è stato definito record, per un totale di circa 17 miliardi di dollari, una crescita del 4 per cento rispetto all'anno precedente.

Il trimestre di fatto si è concluso in perdita di 687 milioni di dollari: ma la ragione è una serie di tasse extra dovuta alla nuova legge fiscale negli Stati Uniti (è un fenomeno che abbiamo visto in buona parte delle ultime trimestrali delle società americane). Il vantaggio è che, dall'anno prossimo, la pressione fiscale dovrebbe essere nettamente inferiore rispetto al passato: Intel prevede un 14 per cento, contro il 23 per cento del 2017.

Principale responsabile dei buoni risultati finanziari della società è la divisione che produce chip e altri equipaggiamenti per server e data center, che è cresciuta del 21 per cento rispetto all'anno scorso. La divisione PC, invece, è in leggera perdita, del 2 per cento, ovvia conseguenza del lento, ma inesorabile, declino del settore. La divisione PC è ancora la principale fonte di reddito di Intel, ma ormai di pochissimo: rappresenta il 53 per cento del totale, con la divisione server al 47. È facile prevedere che entro l'anno prossimo i ruoli si invertiranno.

Intel è anche riuscita a ridurre le proprie spese, passando dal 33,2 al 30 per cento del fatturato - un risultato che aveva promesso di raggiungere ben più in là negli anni, addirittura nel 2020. E ha anche osservato come i suoi principali progetti emergenti stiano crescendo: si parla per esempio dei chip riprogrammabili in tempo reale (+35 per cento), dei chip IoT (+21 per cento) e dei chip di memoria (+9 per cento). In quest'ultimo caso si è arrivati addirittura a generare profitto.

Intel ha anche parlato di Meltdown e Spectre, le falle di sicurezza di dominio pubblico da qualche settimana. Ha detto che non si aspetta che la situazione intaccherà le proprie finanze, e che chip immuni verranno rilasciati sul mercato entro l'anno. In ogni caso, per approfondire vi rimandiamo al nostro articolo sull'argomento.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 579 euro oppure da Amazon a 632 euro.

17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tom Smith

Nel tuo sito si parla di mercato x86 in generale non cpu desktop consumer pertanto non conta nulla. Quello che fa confusione sei tu. Io intendevo +75% e -6%. Il fatto che intel possa comprarsi amd senza battere ciglio, dato che ha 10 volte i dipendenti di amd tanto per dirne una, non centra e non fa testo. Il fatto che i guadagni derivino dalle gpu non è vero ed è una tua invenzione.

piervittorio

Appunto, i dati sono oggettivi, io ti ho riportato quelli delle consegne di PC X86, forniti periodicamente da Gartner Group, che è la "bibbia" del settore, e che puoi facilmente trovare in rete...
Che poi tu non sappia leggerli, è un altro discorso, come dimostra il fatto che confondi margini, fatturato e market share.
E no, se consideriamo i "soldi guadagnati", Intel può comprarsi l'intera AMD con gli utili di una trimestralità, se solo l'antitrust USA glielo lasciasse fare, mentre all'opposto quei quattro spiccioli che guadagna AMD (perdita di 16 milioni nel secondo trimestre e guadagno di 71 milioni nel terzo, ovvero 55 milioni di utili in SEI MESI!) derivano dalle GPU, che nel 2017 hanno fatto scintille a causa del mining.
Questi numeri, come dicono gli americani, sono peanuts.

Tom Smith

Lol i grafici non puoi leggerli a tuo piacimento sono oggettivi. Intanto tira fuori i dati del calo del settore Cpu per PC che non mi è pervenuto. Secondo devi considerare che le percentuali di intel e amd probabilmente sono dei soldi guadagnati non delle cpu spedite...

piervittorio

Devi analizzarlo rispetto la trend del mercato, non devi guardare i numeri assoluti... nel Q3 le vendite di PC sono scese (fonte: Gartner Group) del 3.6%, e quelle di intel del 6%.
Ovvero l'impatto effettivo ed attualizzato di AMD sulle vendite intel è stato -2.4%, ovvero poco o nulla.
Ovviamente, rispetto alle quote risibili di mercato che aveva AMD, questo 2.4% di mercato sottratto ad Intel, significa un incremento percentualmente enorme, ma numericamente irrilevante.
Se poi consideri che nel Q4 probabilmente il mercato ha continuato a perdere, come negli altri trimestri, il 3-5%, ed Intel ha perso solo il 2%, ci vuole poco a capire che Intel ha recuperato quel poco che AMD gli aveva eroso.

mruser2

Cosa vuoi che succeda.. una lieve diminuzione della quotazione per scarsa fiducia ecc ma poi dato che il problema coinvolge anche la concorrenza e che moltissimi decideranno di comprare direttamente una cpu nuova farà fare un nuovo balzo in avanti

ice.man

rileggi il titolo: si parla di divisione server e datacenter

Tom Smith

Sbagliato. Intel ha fatto -2 perchè i coffe hanno smorzato le vendite della concorrenza. Giusto per dire i numeri precedenti. Nel q3 intel aveva fatto -6 mentre amd +75.

piervittorio

In realtà il mercato dei PC è andato pure peggio, dunque la verità è che ha guadagnato ancora quote rispetto ad AMD (per performi meglio del mercato, stai sempre erodendo quote ai tuoi competitor).
Numeri alla mano, l'impatto di Ryzen sulle vendite di CPU Intel, è stato assolutamente nullo.

c0s87

sui conti no ti garantisco che già al prossimo quarto vedrà una flessione, perchè ad oggi siamo a 18 miliardi di $ , questo è il danno quantificato a tutte le farm e aziende per colpa delle falle, dovuto alla mancata performance che si accusa con le patch. Ora è vero che i server AMD stanno prendendo sempre piu piede, ma rimane il fatto che tutto quello che adesso è in funzione lavora il 18/20% in meno.

al404

sono ironici?
aspettiamo a vedere cosa succede dopo l'annuncio delle falle sulle CPU

cipo

..dipende.. chi è informato e vuole comunque Intel e non ha particolari urgenze, aspetterà di valutare i nuovi processori Intel con progettazione aggiornata priva del Bug.

Tom Smith

Nel q3 aveva fatto -6%. Con coffelake si è ripresa.

Paul'S

gli utenti comuni comprano quello che trovano sugli scaffali dei centri commerciali ...

Leox91

Insomma, e dai tempo no? Non parliamo mica di processi chimici super veloci...che diavolo :|

ice.man

gli effetti di Meltdown arriveranno tra 6 mesi minimo
.
adesso i vari vendor di server hanno appena iniziato a potenziare la propria offerta con chip AMD, solo dopo i clienti potranno iniziare a comprarli

M_90®

Insomma solo un -2, amd non è riuscita neanche a scalfire lo strapotere intel.

Barty

Poveri server

Huawei MateBook: X Pro 2019 e 14 ufficiali, prezzi Italia del 13 | VIDEO

Recensione Lenovo Yoga Book C930: il ritorno del convertibile 4 in 1

Devolo Magic 2: Powerline a 2400 Mbps e Wi-Fi Mesh | Video

Xiaomi Notebook Pro e MacOS: binomio possibile? Video