Seagate: hard disk il doppio più veloci grazie alla tecnologia Multi-Actuator

18 Dicembre 2017 74

Seagate sta ottimizzando la nuova tecnologia Multi-Actuator che a quanto pare permetterà di aumentare drasticamente la velocità degli attuali hard-disk. Con posto sul blog ufficiale, il produttore spiega il funzionamento di questa nuova metodologia, non del tutto nuova, ma fino ad ora troppo costosa da realizzare per essere implementata sui dischi rigidi.

Il vecchio hard disk rotativo ha fatto passi da gigante per quanto riguarda la capacità, con modelli che attualmente riescono ad offrire fino a 14TB di spazio. L'incremento della capacità però non è andato di pari passo con le prestazioni, infatti anche i più recenti e capienti hard disk non superano la soglia dei 250-260 MB/s quando si tratta di transfer-rate.

Con la tecnologia Multi-Actuator, Seagate riuscirebbe a cambiare le cose in modo radicale, il tutto senza particolari innovazioni tecnologiche.

Per capire come funziona la tecnologia Multi-Actuator, dobbiamo prima ribadire il funzionamento dei tradizionali hard disk. Prendendo ad esempio il modello di punta Seagate, questo disco integra 8 piatti e 16 testine che leggono i dati su entrambi i lati del piatto mosse dall' attuatore.

Purtroppo queste testine sono allineate su un unico braccio, muovendosi così all'unisono. Visto che non è possibile allineare simultaneamente tutte le testine sui piatti, solo una testina può effettivamente leggere o scrivere in un determinato momento. Questa caratteristica porta a un'inevitabile perdita di prestazioni, sia per quanto riguarda il throughput che l'accesso casuale ai dati.

Con la tecnologia Multi-Actuator, Seagate utilizza due bracci attuatori, ognuno di queste guida otto testine e di conseguenza si può leggere/scrivere contemporaneamente da due testine.

Al momento Seagate non ha parlato concretamente di prestazioni, ma soprattuto non ha confermato che questo nuovo approccio sarà pienamente compatibile con gli attuali standard degli hard disk da 3,5", tuttavia è verosimile che l'azienda abbia ottimizzato il progetto da questo punto di vista, soprattutto per cercare di rientrare dai costi che implica la tecnologia Multi-Actuator.


74

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tk Desimon

no problema... XD

aaronkatrini

Scusami, Italiano non è lingua madre per me :)

Paolo

vertex 3... 2 dischi da 128 1 morto dopo 4 anni l'altro ancora va e sono circa 7 anni

Alessio Ferri

I dati importanti sono nell'ssd, difficile che si rompa e sa molto bene quando arriverà a fine vita è una copia nell'hdd.
Ma si sta parlando al più di un GB di roba, nulla di più.
Il resto è riscaricabile/ripristinabile senza grossi problemi

SommoPastore

I vertex morivano di loro grazie ad un controller ed un firmware del tutto inadeguati. Non credo che qualcuno abbia mai visto morire un ssd per limite scritture se non mettendolo sotto un endurance test ;)

Vincenzo

Grazie darò un occhiata ai Black

Vincenzo

Be niente di eccezionale, il seagate è più prestante,considerando anche che ha i suoi anni

Jhonny

wd Black edition 4tb 210mb/s

Repox Ray

Pensala come "attuatore" = "motore passo-passo". Se vuoi muovere 2 testine servono 2 motori, è così purtroppo.

Repox Ray

Non si può, i server da rack (formato 1U, 5U ecc.) prevedono solo vani da 3.5". Un disco da 5.25" non avrebbe mercato in ambiente server/cloud, che è il segmento in cui i produttori di HDD meccanici fanno ancora i big money.

Tk Desimon

*Gli*

NaXter24R

Si. Considera però che lavoro con molti file video. Su file più piccoli chiaramente non è una spada, ma come HDD generico va più che bene, soprattutto in proporzione al costo

Tk Desimon

750 via SATA la vedo dura... Xd

MestiereMan

Se si parla di hard disk per utenze professionali sono molto robusti (più delle memorie flash, ssd ecc...) Però è innegabile che la meccanica è sempre delicata. Per l'utenza media (poca memoria ma veloce e abbastanza stabile) vanno benissimo gli attuali ssd

Lorenzo

Bhe con le nuove tecnologie come 3d xpoint si hanno degli SSD mooolto longevi. Vai a dare un'occhiata ai tbw dei nuovi SSD Intel. Costano un rene ma d'altronde era così pure per gli SSD nand, diminuiranno con il tempo. Forse l'unica cosa di quelle memorie è che hanno ancora densità troppo basse

Emiliano Frangella

Ti do quasi ragione.
Ho un hdssd firecuda ibrido ...va abbastanza bene

Emiliano Frangella

Anche le RAM gddr5 delle schede video

Emiliano Frangella

In scrittura ??

Emiliano Frangella

La velocità di rotazione è la stessa

il Gorilla con gli Occhiali

Benissimo.

Dexter

il "punto debole" degli Ssd è sicuramente il numero limitato di cicli di scrittura, e difficilmente nell'immediato futuro potrà eguagliare l'hard disk meccanico IN QUESTO. Quindi dipende molto dall'utilizzo che se ne fa. Su un server o dispositivi sempre accesi per anni con grande utilizzo di scrittura (e qui entra in gioco anche il tipo di file system utilizzato, ad esempio Windows fa largo uso di scrittura su disco anche per file temporanei) ad esempio non avrebbe senso mettere un ssd a scapito di un hard disk meccanico. Su un computer consumer/casalingo o comunque non acceso 24 ore su 24 per anni allora l'ssd può durare tanto tempo

NaXter24R

Sui 150 più o meno. A volte più a volte meno. Son nella media.

Georgi Mihaylov

leggendo il titolo mi viene anche 'ci saranno anche il doppio di rotture', gia gli attuali 7200 fanno pena...figuriamoci se vanno il doppio o il tripplo

Georgi Mihaylov

boh..gli hdd nemmeno ci arriveranno nella maggioranza delle volte a 10 anni

aaronkatrini

io ho l'impressione che i hdd meccanici sono piu longevi, cioè i ssd durano se usati normalmente quasi 10 anni, invece i hdd tradizionali molto di piu, qualcuno conferma?

Alessandro Apo

Mhm... i dati dovrebbero essere disposti esattamente a metà da un parte e metà dall’altra per leggere e scrivere cosi velocemente...

aaronkatrini

io ho comprato dal cinese una penna nera un mese fa, funziona ancora

boosook

Sai che a questa cosa ci avevo pensato anch'io, una sorta di "barra" che sta ferma e riesce a leggere una traccia... Evidentemente non è così banale da fare! :)

GianlucaA

Secondo me l'unica via è riprogettare le testine in modo che leggano su tutta l'amliezza del disco senza muoversi. Il punto è che conviene investire negli ssd. Tempo 4/5 anni e saranno alla pari anche come capacità.

Maurizio Mugelli

non credo che le prestazioni salgano linearmente, comunque un discreto incremento dovrebbe esserci.

Maurizio Mugelli

io stasera ho mangiato lenticchie e salsicce.

Maurizio Mugelli

avevo un disco scsi da 80mb con testine indipendenti, costava piu' o meno come un'auto.
semplicemente e' sempre stata una tecnologia troppo costosa per usi consumer

Elenina

si si, il confronto io lo intendevo solo con gli ssd (diciamo) tradizionali, quelli che si usano come dei normali hard disk, collegati tramite cavo sata.

Pip

neanche tanto, gli ssd sono limitati dalla solita interfaccia sata, su pci superano i 2Gb/s.
Senza contare che separare il movimento di ogni testina richiede così tanto spazio da non essere possibile con l'attuale dimensione

Elenina

oppure creare nuovi hard disk piu grandi , magari da installare nei vani da 5,25 quelli dove si mettono i dvdrom, e mettere 4 attuatori in ogni angolo dell'hard disk, solo cosi si potrebbe "forse" adottare questa tecnologia piu' facilmente e velocemente.

Elenina

dovrebbero fare un solo attuatore che muove 8 coppie di testine separatamente per 8 piatti.
mmm....la vedo dura....

Vincenzo

Io parlo di test con crystalmark e simili, il seagate ora che è pieno arriva a 160 170 se no 190 come minimo

Elenina

bingo,...... un hard disk come quello in video con tutte le testine separate fulmina qualsiasi ssd, ma credo sia praticamente impossibile realizzarlo.

Elenina

se e' solo elettronica compravi una pcb per quell'hard disk e recuperavi tutto, tornava come prima.

Elenina

io ho usato parecchi hard disk negli anni nuovi e vecchi ma oltre i 150-160 mb.s mai nessuno c'e' mai arrivato.

Elenina

praticamente con un solo disco(8 piatti) e 2 testine(16 testine) che si muovono separatamente in coppia e' come se si facesse un raid 0 con due dischi separati, e' la stessa cosa.
facciamo finta che su quel disco invece di 2 testine separate, si potrebbe farlo con 4 coppie di testine che lavorano indipendenti una dall'altra, sarebbe come avere un raid 0 con 4 hard disk. l'idea e' favolosa mi domando come mai ci hanno messo cosi tanto per arrivarci, forse non e' tanto facile implementare questa nuova tecnologia dentro dei dischi da 3,5 booo.....in teoria facendo cosi si arriverebbe sui 500mb, con 4 testine indipendenti addirittura a 1000 mb.

Vincenzo

Che prestazioni hanno?

NaXter24R

Io ho due Toshiba, costano poco, sui 60€ circa, e vanno benone da più di due anni ormai

Vincenzo

Quale sarebbe un modello di HD meccanico che arriva a 250 mb/s? Il mio vecchio seagate da 1tb che ormai ha 5 anni quando lo presi e lo testai scriveva e leggeva a 190/200 e mi sembrava già un fulmine rispetto ad altri... Ora mi servirebbe uno da 2 tb

Jhon Thali

Per colpa degli smartphone che ormai montano tutti RAM DDR4 e quindi la domanda è aumentata notevolmente mentre la produzione è rimasta tale.

Sisslith

È morta l’elettronica.

Sisslith

E di grazia, dove li tieni? Nei cd? Nel claud? LoL

Roberto

troppa domanda...da maggio che ho comprato 2x8 gb di ram ddr4 3200mhz a 134 €, adesso costano 190€... il 40% in più.... e già prima costavano tanto..... altro che bitcoin...bisognava investire in RAM! :-D

NaXter24R

Io stavo guardando al 4tb su Amazon, spesso costa una fischiata, 2.5", e dentro è un Seagate che preso singolarmente costa di più. Come disco da archivio per tutte le cose meno importanti non è malvagio

Midnight

Troppa domanda

RECENSIONE Teclast F5, convertibile economico ma convincente

Microsoft Surface Go: piccolo e compatto | Anteprima video

Lenovo Yoga C930 ufficiale: 2-in-1 premium con altoparlante rotante | Video

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex