Recensione Synology RT2600ac: un nuovo protagonista

15 Dicembre 2017 53

RT2600ac è il secondo router wireless prodotto da Synology. La società si è imbarcata in un'avventura tutta nuova da un paio d'anni forte della sua reputazione fantastica - e di un know-how invidiabile - maturata in anni e anni di presenza nel mondo del networking, soprattutto con i NAS.

Insomma, non parliamo di un debuttante allo sbaraglio. E si vede. Non solo RT2600ac ha ottime prestazioni, è efficiente e potente, ma ha anche una marcia in più rispetto alla concorrenza, ovvero il sistema operativo SRM, un parente molto stretto del DSM impiegato nei NAS. Rispetto a quest’ultimo c’è ancora qualche carenza, in particolare nelle app aggiuntive, ma una volta provato diventa poi difficile tornare indietro. Specialmente per gli utenti più esigenti.

Aspetto e confezione

A vedersi, RT2600ac non è granché. È bello grosso e tutto in plastica nera. Ma non vuol dire che Synology abbia lasciato il design al caso: semplicemente, ha scelto di preferire praticità ed efficienza a un bell'aspetto. I grandi piedini posteriori tengono il router sempre sollevato, e grazie alle tante griglie di aerazione (passiva, ovviamente) le temperature di esercizio sono sempre bassissime - anche quando i carichi di lavoro si fanno importanti.

Io apprezzo questa scelta, anche perché preferisco occultare dispositivi del genere, ma non voglio che le prestazioni ne risentano. Le antenne esterne removibili e l'ottima efficienza termica significano che il router starà bene anche in luoghi angusti, come un ripiano di un mobile, dietro a una pila di libri o una scatola di arredamento. Le attenzioni necessarie per evitare surriscaldamenti non graditi sono minime.


I piedini sono però una notizia meno buona per chi vorrebbe montare il router al muro, visto che non si possono rimuovere. I fori sul fondo dello chassis ci sono, ma è praticamente impossibile usarli se non con soluzioni creative, tipo viti telescopiche o supporti costruiti ad hoc - che comunque non sono inclusi nella confezione.

Nella confezione, a proposito, c'è giusto l'essenziale: router, antenne, cavo di alimentazione, cavo ethernet e manuale di avvio rapido. Carina, comunque, la scatola in carta riciclata.


La scheda tecnica

La classe di prestazioni del router è chiaramente indicata dal nome. 2600ac significa, in breve, che le velocità teoriche raggiungibili sono di 800 megabit per secondo sulla banda dei 2,4 GHz e di 1,733 gigabit per secondo sulla banda dei 5 GHz. Il succo è che, probabilmente, pochi dei dispositivi in vostro possesso oggi potranno sfruttare appieno la banda messa a disposizione dal router, ma è un buon investimento per il futuro.

A muovere il tutto c’è una vecchia conoscenza degli appassionati di smartphone. La CPU è costituita da due core Qualcomm Krait, architettura ARM personalizzata che si vedeva spesso nelle schede tecniche dei cellulari tra il 2013 e il 2015. La RAM, DDR3, ammonta a 512 MB.

L’archiviazione interna è fondamentalmente inesistente, ma si può espandere con facilità. Ci sono due porte USB (una 3.0 e una 2.0) e, cosa rara, uno slot per schede SD a dimensioni intere - vale a dire che la scheda, una volta inserita, non sporge dal router. Idealmente c’è tutto quel che serve per un’infrastruttura di rete a 360 gradi:

  • SD per installare le app aggiuntive
  • USB3 per l’hdd/NAS esterno (c’è anche il pulsante fisico per l’espulsione, così non si rischia di perdere dati)
  • USB2 per la stampante o la chiavetta Internet di emergenza

Le quattro porte Gigabit Ethernet sono standard, e forse su un dispositivo così largo e ambizioso non ne sfiguravano due in più. In compenso, la prima può essere usata come porta WAN aggiuntiva, il che permette di sfruttare in contemporanea due connessioni Internet. Può servire per garantire ridondanza - se una non funziona subentra l’altra - oppure una ripartizione del carico di lavoro. Probabilmente la maggior parte degli utenti domestici non la sfrutterà mai, ma per un’azienda piccola/media può essere un vantaggio decisivo.

Menzione speciale, infine, per i LED di stato e attività, che prima di tutto hanno un’intensità discreta, e inoltre si possono disattivare (tranne quello di stato), anche con pianificazioni giornaliere/settimanali.

In sintesi
  • CPU dual-core Qualcomm Krait @ 1,7 GHz
  • RAM 512 MB, DDR3
  • Antenna 4x4 MIMO
  • 1x porta WAN
  • 4x porte LAN Gigabit, porta 1 sfruttabile anche come seconda porta WAN
  • Espansione: 1x USB Type-A 3.0, 1x USB Type-A 2.0, 1x lettore SD
  • Pulsante WPS, Wi-Fi, espulsione USB e SD
  • Classe Wi-Fi: 2600ac, dual band
  • Velocità massima sui 2,4 GHz: 800 Mbps
  • Velocità massima sui 5 GHz: 1.733 Mbps
Il sistema operativo: la star

Synology Router Manager, o SRM, è il sistema operativo che la società ha sviluppato basandosi su quello per i suoi NAS chiamato DSM (ovvero DiskStation Manager). Ci si accede con il solito metodo, ovvero attraverso il browser web del computer, ma sembra di usare un sistema operativo desktop come Windows, Linux o macOS. Per trasmettere meglio questa sensazione, gli screenshot sono stati catturati con il browser a schermo intero.

L’organizzazione a finestre e applicazioni comporta vantaggi pratici notevoli. Per l’utente è più facile da navigare, anche perché riprende alcuni concetti di UI arcinoti come il pannello di controllo e la tendina delle notifiche. Ciò significa che, anche se ci sono tantissime funzioni e opzioni da esplorare, non ci si sente mai sopraffatti, senza controllo.

L’esperienza d’uso è ottima perché il sistema è ben rifinito. Si vede che non è un progetto appena nato, ma che è frutto di anni di sviluppo minuzioso. Per dire, c’è addirittura un multitasking visuale per trovare rapidamente tutte le finestre aperte. Si può cambiare lo sfondo del desktop e della pagina di login. È supportato il menu contestuale via tasto destro. Le finestre sono ridimensionabili e massimizzabili, e quando si spostano sono in semitrasparenza. Si possono selezionare più elementi sul desktop. C’è una funzione di ricerca universale. Le icone sul desktop si possono organizzare in cartelle. Ed è tutto tradotto in un italiano (quasi) impeccabile.



Alcune cose andrebbero addirittura implementate su un OS desktop “vero”. Per esempio, se cerchi di attivare una funzione che non si può attivare perché prima bisogna attivarne un’altra, SRM non solo te lo spiega e ti dice dov'è, ma si offre di portartici automaticamente. Per contro, alcuni meccanismi appaiono un po’ contro-intuitivi, sulle prime: in particolare quando premi OK per chiudere la finestra il sistema ti risponde “non hai cambiato nessuna impostazione” e quella rimane aperta. Ma sono quisquilie, considerando il quadro generale.


Ad elencare tutte le possibilità che offre il software facciamo notte, ma è piuttosto corretto dire che difficilmente qualcuno osserverà delle mancanze, e che tutti apprezzeranno non solo l’estrema granularità con cui ogni funzione è implementata, ma anche la facilità con cui si possono applicare. Tra le chicche più meritevoli di menzione:

  • Monitoraggio traffico con tre livelli di priorità assegnabili per dispositivo
  • Pianificazione settimanale, sempre per dispositivo, delle ore di accesso a Internet
  • Accesso da ovunque al router con supporto DynDNS, servizio proprietario Synology QuickConnect e app mobile
  • Supporto a vari profili IPTV
  • Gestione automatica delle bande Wi-Fi a 2,4 e 5 GHz in base al numero di client collegati e al traffico della rete
  • Controllo genitori per dispositivo, con due livelli di oscuramento: solo siti pericolosi e siti pericolosi + per adulti
  • Monitor grafico dell’utilizzo di risorse, inclusi CPU e RAM

L’aggiunta di un hard disk (o un NAS con connettività USB) esterno rende il router ancora più completo. È possibile attivare un server DLNA per i contenuti multimediali, creare condivisioni di rete e perfino impostare delle destinazioni per il backup di Apple Time Machine.


Tramite l’applicazione integrata File Station si possono esplorare i file e impostare condivisioni più avanzate; e basta scaricare l’app DS File, per Android o iOS, per accedere ai propri documenti da ovunque. L’app Cloud Station, scaricabile gratuitamente dallo store, permette di impostare di fatto la propria rete cloud personale, con applicazioni per computer e mobile, con tanto di possibilità di recuperare vecchie revisioni dei file.

Separatamente si può scaricare un completissimo download manager, che supporta tra gli altri Torrent ed eMule. Non ha niente da invidiare al Transmission che spopola sui sistemi NAS basati su Unix/Linux; è anche possibile attivare l’aggiunta automatica dei file .torrent quando vengono posizionati in una cartella ben precisa, per dire. E ha una grafica infinitamente più matura, curata.

Il router Synology non sarà mai un sostituto di un NAS. Non sa cosa significhi RAID. Ma in ambienti casalinghi potrebbe essere sufficiente; oppure potrebbe dare una bella svecchiata a NAS più vecchi, o base gamma. Alla fine l’unico requisito è che si colleghino alla porta USB.


La provenienza dal mondo dei NAS si vede anche dal parco applicazioni aggiuntive: le più curate ed evolute riguardano backup, condivisione, archiviazione e gestione dei propri file sulla rete locale e su internet. Ma Synology si è applicata anche in campo più prettamente networking: c’è un’intera app dedicata alle VPN, e un’altra rende il router un piccolo server DNS casalingo.

Per chi richiede la massima sicurezza, è anche possibile scaricare Intrusion Prevention, sistema di protezione avanzato che analizza tutti i pacchetti dati in entrata alla ricerca di potenziali minacce. Possiamo accomunarlo come modus operandi agli antivirus dei sistemi desktop, e anch’esso ha le sue controindicazioni in termini di prestazioni: quando è attivo il carico della CPU supera spesso il 50 per cento, rimanendo stabile sul 76 per cento quando si imposta la più aggressiva modalità prevenzione, che oltre a rilevare elimina anche i pacchetti pericolosi.

Le prestazioni

Per il resto, le prestazioni del sistema sono sempre non solo buone e in linea con le promesse della scheda tecnica, ma soprattutto consistenti. È piuttosto scontato in caso di comunicazione tra porte cablate, ma tra client Wi-Fi e client Ethernet è già meno comune.

La portata del segnale wireless è sempre difficile, se non impossibile da giudicare in modo affidabile per le tante variabili in gioco, ma un paragone diretto in vari punti della casa con il router Technicolor della fibra TIM dimostra attenuazioni del segnale inferiori di 3 dBm in media - e di 1 dBm rispetto a un ASUS DSL-AC52U. Si è dimostrata anche più stabile anche la visione di contenuti in streaming, sia dalla rete locale che da Netflix, con una totale sparizione delle sporadiche riduzioni di risoluzione - o dei buffering - osservate con gli altri due.

Fatto salvo per il citato Intrusion Prevention, processore e RAM riescono a gestire bene ogni tipo di carico di lavoro. Anche caricando la Download Station di molti download in contemporanea, l’UI rimane ragionevolmente reattiva - a patto di non esagerare con i lavori paralleli; con una decina di torrent attivi la CPU sta tra il 70 e l’80 per cento, ma quando se ne avviano una ventina in contemporanea l’interfaccia diventa poco reattiva, per un po’. È un’osservazione scontata e un calo di prestazioni fisiologico, comunque.

La gestione da smartphone

Viviamo in un’era in cui in molte famiglie non c’è più nemmeno un dispositivo che si collega alla Rete via cavo, e sempre più persone fanno a meno anche dei computer tradizionali. Il primo scenario va bene per l’RT2600ac, ma il secondo un po’ meno.

La procedura di configurazione guidata iniziale si porta a termine facilmente con un semplice smartphone, ma l’app di gestione ufficiale (Android e iOS) non offre tutto ciò che ha l’interfaccia Web. Tra le funzioni principali troviamo il monitoraggio traffico, il controllo genitori, le funzioni di rete principali e la gestione degli aggiornamenti. Ci sono altre app che coprono altri aspetti specifici (come DS File, DS Photo, DS Get), ma per fare certe cose, chi ha solo tablet e smartphone in casa deve necessariamente ricorrere al sito, e in modalità desktop.

Certo, è difficile che una persona che spende circa 200 euro per un router sia sprovvista di almeno un PC in casa. Ma con il passare del tempo lo sarà sempre meno. E poi, a prescindere, lo smartphone è più pratico, ce l'hai sempre dietro ed è sempre acceso. C'è da lavorarci a livello assoluto, ma è giusto osservare che, se si guarda la concorrenza, ci troviamo già davanti a una delle alternative più complete sul mercato.

Conclusioni

Resta da valutare la questione affidabilità; purtroppo il paio di settimane in compagnia di questo router non è minimamente sufficiente. Il dispositivo è però già in circolazione da diverso tempo, e una ricerca nei vari forum, ufficiali e non, evidenzia che le lamentele sotto questo punto di vista sono poche. Oltretutto, gli aggiornamenti firmware arrivano con una certa frequenza, con un bel mix di correzioni di bug, patch di sicurezza e nuove funzioni.

Per entrare in un mercato affollato come quello dei router non basta fare un prodotto valido. In linea di massima l’essere umano è avverso ai cambiamenti e deve essere motivato a provare ciò che non conosce. Devi offrire qualcosa di migliore o diverso da ciò che già c'è: un game changer, se vogliamo. Forse non è il termine più giusto per questo RT2600ac, ma è una delle scelte migliori sul mercato. La reputazione di Synology sta venendo su davvero bene.

Sistema operativo versatile, potente e intuitivoTemperature d'esercizio bassissimeSlot SD e dual WANOttima copertura Wi-Fi
App aggiuntive ancora scarseGestione da mobile limitata rispetto all'UI web desktopCi potevano stare due porte LAN in piùVoluminoso e tutto in plastica
Schermo enorme ma dimensioni decisamente contenute. Display bellissimo e batteria ampia? Samsung Galaxy S8 Plus, in offerta oggi da Tiger Shop a 575 euro oppure da ePrice a 627 euro.
Apple Iphone 8 Plus 256gb Grigio Siderale Space Grey è disponibile da puntocomshop.it a 899 euro.

53

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
pisqua187

si chiamano contratti unilaterali. se non ti piace puoi benissimo recedere il contratto anticipatamente ma se hai le rate degli apparati in comodato d'uso "dovresti" saldarle.

pisqua187

mi è arrivata la comunicazione a casa!

jonname84

Puoi provare ad utilizzare freenas, solo che difficilmente arriverai alla resa qualitativa dei sitemi synology e qnap.
Purtroppo/per fortuna il vero valore aggiunto di queste soluzioni sta proprio nell'ottimizzazione e la flessibilità del software impiegato.

Mrnikifabio

Vorrei provare a implementare una cosa simile su un raspberry: niente monitor, Un intero os con ambiente grafico a finestre gestito dal browser...

Oliver Cervera

Eh ma questo è Hdblog non smallnetbuilder, che è l'eccellenza per l'home networking :)

Alessio Alessio

oppure era una battuta :)

LeChuck

Ci sono i Fritz!Box. Il 7490 e il 7590 che offrono tutte le funzioni possibili e immaginabili, tra cui il VoIP, anche su rete tim, cosa che ti posso confermare visto che uso un 7490 su fttc tim e non ho mai avuto problemi. Però, a causa di tim, il 7590, l'unico a supportare il profile 35b su fttc (per i 200mbit/s) riesce ad agganciarsi solo a 100mbitps. AVM, due mesi fa, ha detto di essere in contatto con tim per investigare la situazione ma, da allora, non si sono più avute notizie.
Per quanto riguarda il VoIP, l'unico problema è recuperare i dati di accesso (guarda il forum di hwupgrade per questo), che è un'operazione non banale, fatto quello il resto è una passeggiata e puoi buttare lo scassone Tim.
Per quanto riguarda i 3€/bolletta, non credo siano scalabili. Puoi anche dirgli che glielo rispedisci, ma non ho ancora letto nessuna testimonianza positiva al riguardo.

xm4rcell0x

Consiglio spassionato, cerca klik network , BMG 256kbps sulle ADSL e Fritz box come modem, né vincoli assurdi e né fatturazione ogni 28 giorni.

xm4rcell0x

È sicura questa cosa dell' aumento dei 5€? Hai qualche fonte? Perché se è così potrei rescindere dal contratto senza pagare penali!

Emilio Groppetti

A me hanno dato il modello citato sopra un paio di settimane fa

alex-b

Boh visto che dici che ora montano technicolor (avuto con fastweb e effettivamente mai un problema) provo a chiamarli e vedere se me lo cambiano

Emilio Groppetti

Strano perché ultimamente danno il technicolor tg789vac v2 (esperienza personale) che dicono non essere malaccio. La soluzione cascata è fattibile anche con il tuo. Dovrebbe esserci un metodo per usare la telefonia con alcuni fritzbox ma non è completamente affidabile.

alex-b

Infatti ci stavo pensando (al router in cascata). Non so che marca è, l'unica cosa che leggo è che è fabbricato in cina da sercomm corporation

Emilio Groppetti

Se è il technicolor non è neanche malaccio. Il problema è il supporto telefonia come giustamente hai fatto notare. Una soluzione sarebbe usare il router tim come modem e telefonia e collegare un altro router in cascata per la gestione della rete.

Emilio Groppetti

Direi che costa di più e oltretutto da venditori terzi

Emilio Groppetti

Piccolo appunto per il recensore: per le prossime prove di router aggiungerei qualche test di copertura wifi e di prestazioni della parte storage (vedi recensioni di smallnetbuilder). Vorrei aggiungere che il router è disponibile da inizio 2017 quindi se alcuni problemi non sono stati risolti non ho molte speranze per il futuro perché oramai non è più il caso di parlare di "firmware acerbi".

alex-b

quindi? Ce l'ho già, vorrei cambiarlo perché fa pena...

Albi Veruari

E perchè dovrei pagare se non l'ho richiesto nel contratto? Di che parli.

Albi Veruari

Su Amazon il router Tim originale costa dai 15 ai 30 euro. Autoconfigurante tra l'altro.

alex-b

Domanda parzialmente ot: dove lavoro ho messo tim fibra e mi hanno appioppato il loro modem a 3 euro al mese, anche perché il telefono funziona solo collegato direttamente al router (credo sia voip stile fastweb). Ora, sto avendo due problemi, uno di linea, che è ballerina (segnalazione fatta e sono in attesa che risolvano) ma la conseguenza di questo problema è che ogni volta che salta la linea il router non riesce più a ripristinare il segnale wifi correttamente (i vari dispositivi danno errore di password o comunque di internet assente). La soluzione a ogni santo sbalzo di linea è riavviare il router. Esiste un router di terze parti che risolva questo problema e che permetta di collegare il telefono direttamente al router? Così gli restituisco pure sta ciofeca e risparmio i 3 euro mensili.

Emilio Groppetti

Sul supporto ti do ragione perché,avendo anch'io un nas synology, so di cosa stai parlando. Tuttavia posso testimoniare che ultimamente anche asus segue molto i suoi router di fascia medio alta. Al momento di synology io troverei più appetibile il modello precedente (rt1900ac).

Stranger Thing

Forse per l'hardware hai ragione, ma in questo caso conta molto anche il software di gestione (con tutto ciò che ci gira intorno) e il supporto, gli aggiornamenti e lo dico da possessore di Nas synology. Certo non costa affatto poco, ma è una garanzia, al netto di problemi hardware.

jonname84

Sono distro linux pesantemente moddate, se vuoi vai a fare un giro sul sito synology e trovi sicuramente una versione demo della piattaforma NAS che dovrebbe essere simile a quella del router come logiche di funzionamento

AceDuff

Non metto in dubbio la validità degli Zyxel, dico solo che l'R7000 che ho in casa non mi ha mai dato un singolo problema (blocchi, rallentamenti, disconnessioni, ecc) e nel trasferimento wifi da un pc ad un altro ha una velocità considerevole per un AC1900.

Repox Ray

Erano.
Lo Zyxel che ho preso costa quanto un pari caratteristiche netgear e siamo su un altro livello per prestazioni.

Repox Ray

Di male in peggio: li hai pure bevuti...

Aster

Netgear e per i centri commerciali ormai e il marketing da blog

Aster

Non e vero

GTX88

hai fatto il passaggio peggiore che si possa fare in questo campo

Emilio Groppetti

Secondo me l'hw è decisamente sproporzionato rispetto al prezzo a cui viene proposto. Aggiungendo qualcosa si acquista un router "normale" ma comunque di buon livello e un nas sempre synology tipo il ds116 con prestazioni complessivamente migliori. Avrebbe un senso a 150/170 euro, quotazione a cui farebbe concorrenza agli asus e ai netgear di fascia media pur avendo qualche funzione in più.

Francesco R

ahaha! work in progress... :) https://uploads.disquscdn.c...

SamBeOne

cassetta oltrepo e tovaglia a quadretti colorati top of the top

KibaNoOu

Ne sto valutando l'acquisto soprattutto perchè è l'unico router che ha il supporto per la rete mesh senza dover cambiare tutto.

https://uploads.disquscdn.c...

pisqua187

purtroppo per te il mese scorso telecom ha cominciato a inviare le fatture degli apparati a tutti!
quindi ti becchi 12€ a bimestre di costo non per comodato d'uso ma per rata d'acquisto..
e da gennaio tutto aumenta di 5€!!! yupppyyy

SommoPastore

Tutto filtrato, l'adsl vodafone è orribile (tutto filtrato) come la vsr, peggior operatore proprio non potevi trovarlo

AceDuff

Mah insomma, sono tra i migliori a livello consumer per prestazioni. ;)

BuBy

io invece sono rimasto molto deluso da Synology, ho acquistato un NVR.. mamma mia prestazioni scandalose :( inutilizzabile se vuoi guardare le camere da cell :(

Albi Veruari

Nono sono proprio i prezzi con i quali ho comprato i miei 2 modem (originali Tim e autoconfiguranti) su Amazon.
Comunque si, dal sito Tim costano 200 euro però basta qualche ricerca.

Squak9000

Sono rimasto molto colpito da Synology... per i suoi NAS.
Il loro sviluppo e supporto soni eccezionali... prevedo grandi cose per i Router.

Alessio Alessio

poi con quello della tim ci scoli la pasta.. con questo???

SuperQuark

Secondo me sei stato anche di manica larga ma TIM te li fa pagare quasi 200€...

Mrnikifabio

Qualcuno sa se l'os SRM è basato su qualcosa di particolare? se si parlasse di Linux chi si occupa di interfacciarsi in quel modo con il browser? Qualche gestore grafico?

Luigiantonio Calò

si vede che hai molte poche pretese per la tua rete...

matteventu

Zyxel é un'ottima marca, i Netgear *sono* giocattoli :)

Repox Ray

Un router/ap che mi ha sorpreso è stato lo Zyxel. Tanta roba, fa sembrare i Netgear dei giocattoli per qualità e stabilità del segnale.

Repox Ray

Non sei credibile come recensore, se apprezzi quei vini lì...

Maltob

Scusate ma come si fa a passare dei file tra due computer via lan?

deepdark

Ancora immaturo, ma la garanzia di aggiornamenti synology e il fatto che possa essere usato come nas (ma non ho capito se le prestazioni sono adeguate), sono due frecce enormi a suo favore. Router da comprare tra qualche mese cmq.

dimebag darrell

OT, a breve farò il passaggio da Tim a Vodafone ADSL,come vi trovate con la Vodafone station Revolution?

cipo

Non è mai specificato quanti decibel hanno le antenne o me li sono persi..?

Samsung Notebook 9 Pen 13", convertibile con S-pen integrata | Video dal CES

Dell XPS 15 2-in-1: video anteprima dal CES

RECENSIONE Acer Predator Helios 300: il gaming si fa "portatile"

Recensione Acer Spin 5 con CPU Core i7 Quad Core e penna attiva