Intel rimuoverà il supporto al BIOS legacy entro il 2020

23 Novembre 2017 78

Durante il recente UEFI Plugfest, Intel ha annunciato che entro il 2020 abbandonerà definitivamente il supporto al vecchio BIOS, per passare definitivamente a piattaforme basate su firmware UEFI.

Il BIOS (Basic Input/Output System) nasce a metà degli anni 70 e, anche se nel corso di questi decenni si è molto evoluto, ha mantenuto nel tempo la sua funzionalità di base, che è quella di effettuare il POST (power-on self-test) per identificare e inizializzare i componenti hardware, per poi passare all'avvio del sistema operativo, fornendo al contempo alcune funzioni I/O di base per i vecchi sistemi operativi.

Il passaggio dal BIOS tradizionale al firmware UEFI (Unified Extensible Firmware Interface) è in atto già da diversi anni, non a caso lo ritroviamo da tempo sulle schede madri che, per facilitare e garantire una transizione completa e indolore, hanno mantenuto fino ad ora il supporto opzionale al BIOS.

L'abbandono del BIOS legacy, al momento almeno per Intel, porterà all'impossibilità di utilizzare sistemi operativi e software a 32bit (Virtualizzazione a parte), rimuovendo anche il supporto per hardware di vecchia generazione, ormai obsoleto.

UEFI è uno standard più flessibile e sicuro, necessario visti i progressi tecnologici in ambito hardware e software compiuti in questi 40 anni; la maggior parte di noi non noterà neanche questo abbandono del vecchio BIOS, fatta eccezione per quei professionisti che lavorano ancora con hardware e software datati.


Il top gamma più piccolo e pontente sul mercato? Samsung Galaxy S10e, in offerta oggi da Techinshop a 457 euro oppure da Unieuro a 779 euro.

78

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Dartagnan92

forse quelle entry level di alcuni produttori o di preassemblati

Sagitt

adesso, ma negli anni passati si sono viste schede madri ancora con bios

Dartagnan92

non usano il bios classico... usano l'uefi che ha il csm che è un sorta di layer per il supporto a codice di avvio non uefi, per poter avviare OS che non supportano uefi, e volendo il csm si può disabilitare ottenendo così di fatto un uefi puro.

Francesco

ma toglieteli sti antivairus

Liuk

Un tatto con tanto di tutto.

Sagitt

Sì no ok ma ci sono prodotti di varie fasce..

DonatoMonty81

Come che c'entra? I produttori continuano a usare il BIOS classico perché spinti dalle grandi aziende e pubbliche amministrazioni che fanno ancora larghissimo uso di software che gira su sistemi vecchi e che quindi verrebbero tagliati fuori dalle macchine che supportano solo UEFI

Ansem The Seeker Of Darkness

meno macchinose che cercare prodotti di 20 anni prima.

Macchinose per i più...

Ansem The Seeker Of Darkness

esistono le macchine virtuali per certe necessità.

Ansem The Seeker Of Darkness

si ma continui ad usare la cpu del 2003. Che poi oggi certe cose è molto meglio virtualizzarle proprio perchè trovare hardware compatibile con xp o precedenti è quasi impossibile.

Esatto. Infatti io di tatto bene ho tanto

Liuk

Vista va usato con Tatto.

Io ho dovuto mettere gli occhiali grazie a vista... XD

Liuk

Vista mi provocava sordità!

Eh e poi criticavano vista...

Liuk

Principalmente le stampanti che spariscono improvvisamente dono un aggiornamento cumulativo.
(Rabbia, forte rabbia!)

Gpt lo digerisce anche vista... Strano che faccia rogne

V4N0

Enterprise + WSUS e passa la paura!
Anch’io non amo particolarmente W10, ma la combo sopra mi ha levato dalle balle mille casini...

Sagitt

Che c’entra ciò ?

ale

Fare una ricerca su Google prima di dire inesattezze era difficile ? Se avessi cercato avresti visto come il supporto ad UEFI esiste da vista 64 bit e successivi. Volendo c'era anche Windows XP 64bit bit edition che supportava l'UEFI, ma si parla della versione di Windows non per x86 ma per itanium (ia64) che è cosa ben diversa. Ma giusto per dire che il supporto c'è dalla notte dei tempi, in Linux lo hanno introdotto nel 2000 secondo Wikipedia, pensa un po'. Su server è da non so quanti anni che si usa UEFI, sebbene sia relativamente nuovo in campo consumer.

Domenico Belfiore

Sin ora non ho mai visto girare Vista e Seven su Uefi

DonatoMonty81

essendo del settore, ti riporto la parte dell'articolo in cui viene spiegato il motivo:
"la maggior parte di noi non noterà neanche questo abbandono del vecchio BIOS, fatta eccezione per quei professionisti che lavorano ancora con hardware e software datati"

densou

falso, è un discorso di driver cui Intel non vuol saperne. Semmai è GPT a far rogne con 7 (serve qualche trucchetto per farglielo digerire) ;)

ale

Windows supporta l'UEFI da vista addirittura, se nel 2020 hai ancora bisogno di XP che è un OS non più supportato dal 2014 credo che giustamente Intel ti dica cavoli tuoi. Senza contare che ammesso che il BIOS sia ancora compatibile, pensi di trovare ancora i driver per XP ? Ricordo che nel 2020 scadrà perfino il supporto a 7 per cui, figurarsi.

Se vuoi usare OS vecchi hai due scelte, o tieni un hardware vecchio (che tanto per farci girare XP va bene qualsiasi catorcio, tanto è a 32bit e che te ne fai di un hardware moderno) altrimenti usi una macchina virtuale che a mio avviso è la soluzione migliore nonché più sicura.

Domenico Belfiore

Sarebbe utile anche a chi ha bisogno di utilizzare versioni precedenti di Windows

RBMK_1000

Ahahah

Srnicek

Mi successe la stessa cosa con la mia P8H67-M PRO e il Core i5 3550, compatibilità solo mediante aggiornamento del bios, ho dovuto farmi prestare una cpu compatibile da un amico perché con la mia non funzionava proprio.

eh, dipende dalla richiesta... comunque non penso siano prezzi assurdi. parliamo per 500-1000pz comunque.

Mistizio

Ma di che prezzi si parla? Chiedo per curiosità, non per bisogno

Nod32. Con quello secondo me vai tranquillo e pacifico

"Per niente alla fin fine perché a nessuno interessa usare il DOS su un computer moderno. "

Come ti sbagli...

riccardik

Dipende dai casi, potrebbe arrivarti quella con già il bios aggiornato

Che non è il massimo... C'è sempre qualcosa bloccato o non gestibile

Certo, ma non sulle mainboard nuove

losteagle17

Teoricamente x le aziende c'e la Enterprise.

ale

Che tenere la compatibilità al BIOS vuol dire tenere la compatibilità di fatto con il processore 8086 del primo PC mai costruito, non mi pare una cosa normale.

Mentre con UEFI il processore può partire direttamente in modalità 64 bit, chiamata modalità long mode, quando con il BIOS il processore partiva in modalità reale a 16 bit e poi l'OS doveva andare a impostare la tabella delle pagine e fare lo switch in modalità protetta a 32/64 bit.

E il tenere tutta questa complessità complica il set di istruzioni, complica il progetto intero alle CPU, perché è tutta roba che va implementata necessariamente in hardware o quantomeno in software a livello di microcode della CPU. Per niente alla fin fine perché a nessuno interessa usare il DOS su un computer moderno. E se proprio esiste la virtualizzazione a livello software.

ale

Windows 7 supporta UEFI.

ale

Ed era ora, per colpa del vecchio BIOS i processori moderni sono ancora costretti ad essere in grado di emulare un 8086, quindi un processore a 16bit con 20 bit di indirizzo!

Sagitt

Io vorrei capire come è possibile che nel 2017 (ma anche dal 2010 in poi) produttori usino ancora il bios classico...

Boronius

Anche qui da noi in azienda Kaspersky ci ha provocato un sacco di rogne, troppo invasivo. Stiamo pianificando di cambiarlo.

qandrav

eheheheheh

Certamente... Ma i P4 non vanno denigrati... Sono CPU polivalenti... Calcolo e riscaldamento

sbiki85

No, non parte

faber80_

ah sicuro, già fatto, ma..... non è raccomandabile XD

Sono pronto... XD

Anche il P4 riesce a gestire una VM base, TE LO GARANTISCO! XD

faber80_

per gli upgrade dopo i casini di AU già ho disabilitato il servizio wupgrade... tutti felici.

faber80_

il cliente deve solo avviare la macchina, vedrà due windows, di solito non è complicato. Riguardo la potenza, eh beh, di sicuro deve avere almeno 4gb di ram e un secondo disco da cui avviare la vmachine per non far impazzire il pc. Ma come potenza va bene un pò tutto, basta che non sia un atom, p4 o celeron dual scrauso.

Repox Ray

Soprattutto questi lettorini del menga con importatori rimachiatori e strutture di driver e hal che manco ai tempi delle chiavi di licenza su porta parallela...

Huawei MateBook: X Pro 2019 e 14 ufficiali, prezzi Italia del 13 | VIDEO

Recensione Lenovo Yoga Book C930: il ritorno del convertibile 4 in 1

Devolo Magic 2: Powerline a 2400 Mbps e Wi-Fi Mesh | Video

Xiaomi Notebook Pro e MacOS: binomio possibile? Video