Recensione NAS Synology DS218+

16 Novembre 2017 299

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Synology DiskStation DS218+ è un NAS di ultima generazione per la casa o per il piccolo ufficio. Ha due vani per dischi fino a 20 TB, due slot di memoria RAM per un massimo di 16 GB e uno dei migliori sistemi operativi per NAS: DSM. Costa 369 euro - hard disk esclusi - ed è il diretto successore di un modello famoso: il DS216+.

In ufficio, oltre alle funzioni da File Server, il nuovo NAS Synology si rende utile con decine di app ed estensioni, con una gestione guidata del RAID e con la crittografica hardware AES-NI. DS218+ può diventare server dei servizi di rete più comuni: DHCP, stampa, Samba, scansione virus, HTTP, Mail, sFTP, rsync e via dicendo - oppure comandare un sistema di videosorveglianza da 25 camere IP. Se potenziato nella RAM, riesce anche a gestire macchine virtuali in modalità basica.

A casa, le funzioni da ufficio possono far da contorno a quelle multimediali. Synology DS218+ trascodifica 2 flussi H.265 HEVC fino ai 4K@30 fps, può essere un Plex Server a basso consumo oppure il centro della distribuzione della libreria audio, della collezione di foto. Synology lo abbina alla sua tecnologia QuickConnect per l'accesso semplice da remoto (nel 99% dei casi, senza dover toccare il router con NAT o altri instradamenti) così da usarlo a mo' di server cloud personale. Questa nuova versione ha un aspetto elegante e moderno, quindi può stare in bella mostra, vicino al PC o alle casse.



Detto questo, mettiamo in chiaro una cosa: recensire un NAS tanto completo è un'impresa. Bisognerebbe usarlo per mesi, collegarlo in un contesto già attivo (una rete a regime, un'abitazione esigente) e monitorare, di volta in volta, le difficoltà, cosa va bene e cosa va male, dove ci sono imprevisti e dove ci sono vantaggi. Questo perché, molto probabilmente, un NAS Synology di questa fascia non ha difetti tecnici. Ci sono dei limiti decisi in fase di progettazione, ma possono essere una questione di licenze, un prezzo di listino oppure la necessità di non fare concorrenza ad un prodotto della stessa linea.

Per dire: installare un DS218+ a casa ed usarlo per una o due settimane non può che portare ad un giudizio positivo. Per questo mi limiterò a darvi sopratutto informazioni sui consumi, sulla velocità di scrittura dello spostamento di file, sulla sua discrezione sonora.

Scheda tecnica Synology DS218+

  • Processore: Intel Celeron J3355 Dual Core (2.0 - 2.5 GHz)
  • RAM: 2 GB DDR3L 1866 MHz (1 slot libero per espansione) / Max 16 GB (2x 8 GB)
  • Trascodifica: H.264 (AVC), H.265 (HEVC), MPEG-2 e VC-1 / Risoluzione massima: 4K (4096 x 2160) fino a 30 fps
  • Archiviazione: due vani (hot-swappable) / Capacità massima: 20 TB
  • Ventola 92 mm / Rumore indicativo 19.3 dB / Alimentatore 60 watt
  • Porte: Giga Ethernet, 3 USB 3.0 (1 frontale), eSATA
  • Peso: 1.30 kg / Dimensioni: 165 mm x 108 mm x 232.2 mm
  • Filesystem interni: BTRFS e EXT 4 / RAID 0, RAID 1 e SHR (Synology Hybrid RAID) / Crittografia hardware AES-NI
  • Filesystem esterni: Btrfs EXT4 EXT3 FAT NTFS HFS+ exFAT (venduto a parte)
  • Applicazioni: Synology Office (docs, spreadsheets, pdf, etc), Synology LiveChat, Synology Mail, Photo Station, Video Station, Music Station, Download Station, Virtual Machine Manager e altre.
Lo slot RAM accessibile e quello interno (nascosto dalla protezione metallica) di Synology DS218+.

DS218+ usa il processore Celeron J3355, Dual Core a 2.0 GHz con 2.5 GHz di frequenza Turbo. È una buona soluzione per NAS server, perché ha equilibrio tra consumi (TDP di 10 watt), interfacce (USB 3.0, SATA3) e funzionalità multimediali pure (QuickSync). Synology pre-installa 2 GB di RAM DDR3L a 1866 MHz e consiglia di aggiungere un banco da 4 GB quando necessario. In realtà, quei 6 GB di RAM ufficiali possono diventare 10 con un banco da 8 GB installato nello slot nascosto dai dischi, e possono salire fino a 16 GB smontando il telaio per accedere al secondo slot soDIMM. Attenzione: è una modifica che invalida la garanzia.

Synology DiskStation DS218+: consumo su presa.

Con i 2 GB di RAM standard, il NAS è reattivo ed ha i consumi previsti. 5.7 watt con dischi in standby, e 25-30 watt con dischi in funzione, da acceso, con QuickConnect per l'accesso remoto attivo. I picchi del grafico sopra sono dovuti ad un test di riproduzione 4K e Full HD H.265, alla creazione di una macchina virtuale e alla copia di file da e verso il NAS. Per consumare meno bisogna scendere di categoria e quindi di funzionalità, oppure farsi in casa una soluzione ad-hoc basata su SoC Atom o ARM meno potenti e più efficienti. Il compromesso è rinunciare all'integrazione software di Synology, lavorare sull'assemblaggio hardware e, probabilmente, accettare un telaio più grezzo, meno versatile.


Installare i dischi non richiede viti grazie al sistema ad incastri di Synology.

Da acceso, DS218+ si percepisce. Il girare della sua ventola da 92 mm non è fastidioso ma è costante. Unito al rumore degli hard disk (e qui dipende dai modelli installati) ha un impatto sonoro simile a quello di un PC inattivo - ma acceso. Io ho installato due hard disk Seagate IronWolf da 8 e 6 TB (includi nel kit fornito per la recensione) ed ho regolato la ventola da DSM in «modalità silenziosa». Nel silenzio della mia stanza, in rapporto alla mia workstation Ryzen con impianto MasterLiquid Pro 240, percepisco il NAS acceso. In negozio o in ufficio questi discorsi non hanno senso; a casa bisogna pensarci, soprattutto se il DS218+ è installato in camera da letto.

La ventola mantiene i miei hard disk da 7200 rpm ad una temperatura costante di 31°C. L'ho vista arrivare a 35°C durante l'indicizzazione ma non ho mai ricevuto la notifica di sistema in surriscaldamento. In fin dei conti la struttura interna è semplice, perché le porte SATA sono divise quel che basta a far circolare aria tra i dischi.

Si possono ricevere notifiche via email, SMS o push. Si può collegare ad un UPS per una programmazione energetica. Si può configurare un sistema di pianificazione e controllare l'intensità dei LED di stato. Sarà davvero difficile sentire la mancanza di qualche opzione. Così come sarà difficile vederlo in affanno durante il trasferimento dei file. Con «NAS Performance Tester» ho una media di 110 MB/s in scrittura e in lettura (10 copie da 1 GB) e risultati appena migliori quando sposto foto o video da una cartella Samba su Windows. Navigare in remoto via LTE (app disponibili per iOS e Android) ha una velocità soddisfacente con la mia linea Vodafone da 40/6 Mbps.

Considerazioni finali

In conclusione, il NAS Synology DS218+ è consigliato a chi cerca un primo server domestico, che sia per i file, per i film, per le foto o per altri servizi di rete; è semplice da potenziare, ha un sistema operativo aggiornato, è veloce e adatto ad installazioni a vista, non nascoste. Considerate tutte le sue applicazioni - e la qualità delle stesse - è adatto ad un piccolo ufficio o a funzioni da server secondario in una rete più strutturata, così come l'ideale per il gestionale, per il backup, per la videosorveglianza di un'attività commerciale. Conoscere tutte le opzioni del suo pannello di controllo richiede qualche giorno di utilizzo, ma c'è una struttura modulare e una procedura guidata per il primo avvio. È complesso ma ha logica.

Tuttavia può essere sprecato per la certi utenti domestici, così come può essere un aggiornamento poco consigliato a chi possiede un DS216+. Considerazioni sul prezzo a parte (perché la somma finale dipende tanto dai dischi, da comprare o da convertire, di questa o di quella marca, da 500 GB o da 8 TB) dovrebbe avere una CPU migliore per fare il salto di qualità. Per altri dettagli tecnici ed informazioni sulle applicazioni, sulle tecnologie e sulla gamma DiskStation, visitate il sito italiano Synology.

Synology DS218+: pregi e difetti

Sistema operativo stabile, aggiornato e versatile.Nessuna anomalia su temperature e consumi.Facile da potenziare (RAM) ed espandere con dischi esterni.Bel design frontale, non deve essere nascosto.Trascodifica fino a 4K H265/H264 a basso consumo (su 2 flussi).
CPU Celeron in difficoltà con macchine virtuali.Una sola porta Ethernet non fa usare il Link Aggregation di Synology.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 544 euro oppure da Amazon a 594 euro.

299

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Matteo Discardi

Motivo in più per prenderlo il NAS. Uno dei benefici infatti è il controllo remoto tramite App.

Alessandro

gli hd con crittografia "hardware" che di ci te sono una fregatura, cioè hanno la chiave autocreata che si, i neffetti è una crittografia reale SOLO SE il ladro smontasse solo l'hd.... ma se si porta via "tutto" praticamente si porta dietro con se pure l'hardware su cui far partire l'hd quindi lo vedrebbe come fosse non crittografato l'hd.

ho fatto tale scoperta con bitlocker e win 10, praticamente molte schede madri hanno attivo il odulo TPM di default, e bitlocker NON CHIEDE alcuna password quando crei il volume crittato! per fartelo chiedere c'è da agire disattivando tpm dal bios.... allafine la crittorafia di un PORTATILE è NULLA se fatta hardware, tanto u nladro non portera mai via solo l'hd interno ma tutto il pc e praticamente accendendolo il pc è come se non fosse crittografato, in fase di boot la chiave viene presa dall hardware e quindi è una BARZELLETTA pensare di aver il disco crittografato ehehehehhe

da li ho capito che la password devi sempre inserirla te, ma allora non è piu "hardware" la crittografia. pero l'hd di backup dei nas alla fine credo che basti atatccarlo al pc, chiuderlo con bitlocker.... ma ogni volta che si deve rifare il backup del nas, va di nuovo DEcrittografato al pc... poi riattaccato al nas, du palle.....

sopaug

se vuoi un nas prima ci sono synology e qnap, POI il resto del mondo. Non ho esperienza di sistemi di videosorveglianza ma non avrei dubbi su quale nas comprare a prescindere, mi pagherei le licenze.

Sulla crittografia fai un'osservazione giusta, i dischi esterni di backup non mi risulta si possano cifrare, se è una necessità devi mettere il disco in un bay. Oppure comprare un disco di backup esterno che si occupi lui di cifrare in hardware (ce ne sono a bizzeffe).

Resta da valutare quale sia il rischio furto che hai...

Alessandro

mi chiedevo una cosa, l''hd usb esterno da collegare ogni tanto come backup... deve essere SENZA crittografia? no perchè il il nas lo vorrei sicuramente con codifica hardware AES e dischi crittografati, ma poi c'è da capire se lo stesso nas gestirebbe anche il backup esterno crittografato, senno è tutto un cavolo un ladro entra ruba il nas ( inservibile) e mahari l'hd i nchiaro ( servibile di tutti i dati) e non ho risolto una cippa riguardo la privacy, avendo semplicemente spostato il problema dal nas ad un supporto esterno.

altra cosa.... che stavo valutando seriamente, siccome in famiglia ogni tanto parliamo di comprar un sistema di sorveglianza con 4 telecamere ( 8 sembrano eccessive non servono), siccome anche li sembra un macello mille marchi, mille standard diversi.... e le 4 cam le vorrei PTZ per inquadrare dove serve.... mi chiedevo se valga la pena UNIFICARE TUTTO tra nas e sistema di sorveglianza, senza andar ad aver nas + nvr.

solo che mi son informato qnap e synology danno solo due licenze e le restanti SONO COSTOSE, mentre asustor sembra ( dalle recensioni) un filo inferiore come settings della videosorveglianza ma ha un grande PRO, ti da 4 licenze incluse! quindi questa cosa praticamente mi obbligherebbe ad andar diretto su asustor....... uff è un dilemma del cavolo pero mi farebbe piacere saper che ne pensi del nas + videosorveglianza separata ( se ha dei vantaggi) o se è meglio aver meno grattacapi e aver tutto centralizzato con il nas.

sopaug

leggo un po' di confusione :)

Prima di tutto dovresti capire l'uso che vuoi farne. C'è poco da imparare, il nas ha un sistema operativo molto semplice e intuitivo se resti su modelli soho di synology (che ti consiglio) o qnap.

Il distinguo di prezzo lo fanno le bay e la potenza.

Se il nas deve fare semplicemente storage i modelli entry level sono di potenza sufficiente. E' chiaro però che la decodifica dei file video la deve effettuare quindi una tv o un box android dedicato leggendo i lfile dal nas, che è la soluzione più flessibile perchè lo strumento di decodifica è proprio quello più suscettibile di miglioramenti e aggiornamenti ed è preferibile separarlo anche in ragione del costo relativamente basso della sua sostituzione, mentre non è così per un nas o per la tv magari. Idealmente si può anche prendere un nas insieme a una smarttv che oggi legga tutto, e metterci in mezzo un box android per decodificare in un secondo momento, quando la tv non supporterà più i codec.

Per il discorso bay bisogna ragionare diversamente, un nas con 1 sola baia ha davvero poco senso, il nas deve essere prima di tutto un sistema resiliente quindi servono almeno 2 o 3 bay, per un raid 1 o un raid 3 che ti mettono al riparo dal crash di un disco. Idealmente dovresti anche fare un backup, quindi serve o un disco esterno di dimensione adeguata o un'altra bay dove tenere il disco per il backup, oppure un cloud se hai una linea adeguata.

Alessandro

pensa che ancora non ho comprato un nas..... ma sta ritornando la scimmia in questi giorni!cmq mi sembra di capire che sia sempre meglio prender un modello fascia bassa per smanettarci e casomai far upgrade in la.... o sbaglio? altrove lessi che i file del nas anche se in chiaro sono illeggibili se si stacca l'hd e si attacca al pc... sara vero?

a tal proposito cmq sai quasi che pensavo, prima prendo un nas 1bay a pagarlo il meno possibile di qnap o synology, che mi pare di aver capito che DAL PRIMO ALL ULTIMO nas hanno bene o male lo stesso OS, stesse funzioni, insomma stesse "potenzialita" su quello che serve per IMPARARE, poi in caso posso sempre acquistar un secondo nas piu potente 2bay (stessa marca o quella opposta syno/qnap) e relegare il primo nas a semplice backup del primo nas....un backup in "remoto" che se non fosse cosi dovrei cmq fare con un hd usb portatile da attaccare ogni 30 gg... per salvare tutto esternamente al riparo dalla corrente!

Diego Oliva

mi sono dovuto avvicinare ai nas per necessità.
Amore mai sbocciato perchè l'unica necessità mia visualizzare le copertine dei file flac che il mio pioneer np-01 le visualizza solo tramite dlna (problemi di firmware vecchio).
Ho un qnap tas-168 con un wd red 2tb che ad oggi mi stanno stretti.
Avrei preferito usare solo HD esterni senza avere cavi e un altro oggetto che ci mette 5 minuti per avviarsi e spesso si blocca nello spegnimento.
Avevo pensato di cambiarlo con qualcosa di ancora più semplice e compatto

mauro morichetta

Sinceramente il NAS è una tecnologia che non ho mai affrontato, dovrei informarmi meglio...anche se a casa sto davvero poco.

Gianclaudio Lertora

lho preso con due dischi da 6tb, due wd red.
è colpa tua ric, sappilo :)

VUW 818

Con un po' di ritardo ma ti rispondo io con un'immagine:
https://uploads.disquscdn.c...
Il massimo è 8GB per slot, quindi 16GB ma espandere l'altro slot significa invalidare la garanzia.

Salvador Valandro

Ho da poco acquistato un Ds118. Per l'uso che ne faccio (media server) è una bomba. Un'unica pecca: irraggiungibile dall'esterno. Ho letto da qualche parte che è colpa del modem fibra di Tim. Qualcuno da di cosa parlo e ha risolto?

Massimo Mollica

davvero troppo gentile, si devo come minimo un caffè!

AntonioSM77

Guarda.. è il tuo primo NAS. Con questi prodotti è sempre così. Parti piano (assecondando le tue esigenze personali). Poi ti rendi conto, con il tempo, che puoi farci anche quest'altra cosa e poi quell'altra.
Io cominciai con un nas solo per farci backup, adesso lo uso per salvarci foto (anche quelle fatte da telefonino in stile Google Foto), salvarci video personali, film e musica per usarlo come media server sia in casa che fuori.
Il semplice backup è diventato una sincronizzazione cloud in stile dropbox con sincronizzazione sul salvataggio del file e possibilità di recupero delle versioni precedenti.
Server WebDAV per la sincronizzazione delle password per Enpass.
Strumento di condivisione file da e verso i clienti/amici (ho una 200/20mbit).
Server FTP.
Server Openhab per la domotica casalinga.
Gestione note in stile Google Keep.
Server Web/MySql per i test (per lavoro mio).
CloudSync. Sincronizzazione di alcune cartelle del NAS con servizio cloud. Ad esempio ho delle cartelle, che per stare più tranquillo oltre che sul nas voglio siano caricate anche sul mio spazio Microsoft (visto che ho 1TB). Lo fa il nas in automatico.

Io ho un ds213+ che praticamente con tutte queste funzioni è alla frutta... se non fosse per questioni economiche sarei già passato ad un 4 bay.

Askbruzz

Sapevo che erano altrettanto buoni, ma non sapevo di tutti questi passi avanti... Ora come ora che nas consiglieresti? Nel mio caso vorrei 4bay, possibilità di vedere i miei video sulle mie due tv e la possibilità di collegarmi da remoto in più persone, soprattutto da cell... Grazie mille. :)

DuN3DaiN

Qualche anno fa il margine era meno marcato ma oggi Qnap è nettamente avanti a Synology sia come parco prodotti che come soluzioni hardware/software senza considerare il settore Enterprise dove vince a mani basse.
Qnap è molto più sul pezzo e proiettata nel futuro e lo si vede nello sviluppo di Nas ibridi o Nas per scenari particolari come contesti centralizzati con elevate necessità di troughtput per arrivare ai Nas Ryzen presentati recentemente...
In ambito software per funzionalità sono equiparabili ma Qnap anche su questo versante e soprattutto nel settore enterprise ha sorpassato abbondantemente Synology riprogettando completamente il suo sistema operativo adesso basato su FreeBsd per utilizzare Zfs che non è minimamente paragonabile a Btrfs sopratutto in scenari mission critical...
Senza contare che Btrfs ormai (purtroppo) è un cavallo azzoppato supportato da Oracle che però spinge i clienti ad utilizzare Xfs abbandonato da RHEL e adottato a mani basse solo da Suse e Facebook ma sono contesti particolari
Poi ovvio che noi per un utenza domestica si battezza un budget e si valuta di volta in volta il prodotto più performante da una parte e dall’altra e più adatto alle nostre esigenze

Alberto Castellani

Chissà se puoi recensire anche un qnap base tipo ts-228? Un tuo parere sarebbe interessantissimo in quanto ne ho sentito parlare bene e costa molto poco, ma magari c'è la fregatura.

Askbruzz

Capisco, grazie... In effetti l'apparato piùvecchio in casa è la mia tv. Serie 4 di circa 4 anni.... Potrei prenderlo e nel caso non regga x ciò che mi serve provare una cpu migliore... Un xeon. Vabbè intanto vedo cosa ci sarà per il black friday poi valuterò

floc

come NAS in senso stretto va benissimo, Network Attached Storage. Se vuoi fargli fare anche da mediaserver... Decisamente non è la cpu giusta se i client non possono leggere direttamente. Ma ripeto, per me che ho molti client anche vecchi in famiglia è importante, magari tu hai tutti device nuovi o ne hai pochi e non ti interessa poter transcodificare, è una valutazione solo tua.

Samuele Molina

Questa serie qui.
https://uploads.disquscdn.c...

Antonio Novelli

Questo? o hai già qualche modello in particolare da consigliarmi? https://uploads.disquscdn.c...

Samuele Molina

Vai di WD Mycloud. Per un utilizzo basico è l'ideale

Alessandro

non ho mai avuto un nas ma magari quando lo avro.... trovero altre cose da fargli fare oltre al classico "backup" e file cloud personale.......

ma a detta di tutti i synology son quelli con interfaccia piu friendly

Askbruzz

Ah pensavo, guardando online review e test, che io celeron si comportasse più che bene come nas... Soprattutto se paragonato ai modelli di nas base e pari prezzo

floc

dipende dai file che devi leggere, guarda cosa puoi riprodurre direttamente con i due client e in base a quello decidi. Il celeron che vuoi acquistare va bene proprio solo come nas.

Antonio Novelli

Ma un qualcosa di più economico per un nabbo come me? Lo userei principalmente, anzi solo per questo, per vedere serie tv scaricate sul pc

Askbruzz

Ti ringrazio. La versione che vorrei prendere è quella con Celeron 1610 e 4 gb di ram... Leggendo quello che hai detto ne deduco che forse, per me, sarebbe meglio dirottare si un nas fatto e finito e stop. I questo caso però il prezzo lievita se riuscito al gen8 base.
La transcodifica, così si due piedi, direi che mi servirebbe poco.... Credo. Lo sfrutterei su due smart tv e al max sul mio mi mix

floc

di gen8 ce ne sono diverse incarnazioni con cpu molto diverse, intanto è da valutare quello a seconda di quello che vuoi fare, con lo Xeon E3-1220Lv2 top di gamma saresti copertissimo fino all'h264 in 1080p ma oltre non ce la farebbe in ogni caso, è comunque una cpu low voltage e non ha molta forza bruta se non lavora in hardware.
Per il discorso rumorosità devi giudicare tu, ha una ventola da 102 che fa tutto, secondo me quando transcodifica non solo lo senti comunque ma rischi anche di fargli del male perchè se vedi come è ingegnerizzato praticamente non ha ventola attiva diretta sulla cpu
In idle invece probabilmente senti più i dischi quindi non me ne preoccuperei molto.
Purtroppo in ottica transcodifica o si usa una cpu molto recente che faccia tutto in hw oppure cpu anche vecchie ma molto potenti, in questo caso con gli evidenti svantaggi nei consumi compensati solo da un utilizzo collaterale del server che le giustifichi.
Xpenology non mi piace, è efficace oggi ma a lungo termine mi spaventa, è pur sempre nato da un accrocchio, guarderei più verso freenas anche se mi rendo conto che magari sia un approccio più ostico.

KenZen

Personalmente, per 120e, resterei come sei. Se per te il domani non è un'incognita...
Saluti

Askbruzz

Ciao, scusami se mi intrometto.... Come lo vedi un microserver gen8 come nas? quello che mi blocca un'po' è la configurazione e la rumorosità... Tieni conto che al momento la mia idea sarebbe quella di metterci xpenology.

Askbruzz

X quello io sono orientato su un microserver hp... Però la fase di configurazione e la rumorosità mi bloccano un po'...

ste-87

ho una linea che fa pietà (7Mb/s nominale, reale 4.5Mbps di portante abbassando l'snr) e quindi i download di diversi Gb diventano un bell'impegno, da qualche ora a decine e decine di ore...quando posso lascio l'app download station a scaricare direttamente dal NAS programmando gli orari di download invece che il pc accesso solo per scaricare risparmiando un pò di corrente e rumore visto che il pc l'ho in camera

Il problema è proprio quello: secondo te/voi varrebbe la pena tenere un NAS del genere che per l'uso che ne faccio dove i 2Gb già preinstallai sono abbondanti o è meglio cambiarlo con il 218play con 1Gb (non espandibile però) risparmiando 110€?

Cioè l'investimento di questi 120€ di differenza tra i due modelli, potrebbe valerne la pena nel lungo periodo o posso risparmiare qualcosa ridimensionando un pochino la spesa, senza pentirmene magari tra 3-4 anni?

KenZen

Hai fatto benissimo a prendere questo se l'utilizzo è principalmente quello descritto, anzi, direi che è anche troppo.
Per la ram il problema non si pone. Puoi sempre aumentarla in futuro ma, ripeto, per l'utilizzo che ne fai, non è necessario.
Una domanda: Download Station a che ti serve?
Saluti

Thomas Scaccabarozzi

Io ho un DS216+II e sono realmente soddisfatto

Alessandro

si ma vedendo lato hardware gl iasustor sono tanta roba, è vero non hanno modelli LOWend ma pardono gia con il minimo a 180euro ed i lsecondo in potenza a 250 euro ma sembrano ben corazzati riguardo specifiche tecniche, poi dietro c'è cmq asus.... brand importantissimo.

bho devo vedere al black friday se esce qualche offertona ..... thecus anche sarebbe decente per prezzi MA valutando le app per android nel play store hanno tutte punteggio BASSO, insomma alla gente non funzionano le app :(

Askbruzz

Tempo fa avevo cercato informazioni e alla fine erano usciti vincitori I synology, seguiti dai Qnap e infine asustor.
I synology vincono a man bassa per quanto riguarda il software, anche se quello Qnap non è poi così male

Askbruzz

Per il Black Friday credo che mi farò un bel microserver gen8 della HP :) Almeno può montare 44 dischi ed è espandibile per il futuro.. Unico interrogativo è la licenza iLO...

ste-87

ho acquistato questo NAS 2 settimane fa per la mia abitazione principalmente per storage, plex server e download station e mi sto trovando benissimo, mi sto chiedendo però se per l'uso che ne faccio varrebbe quasi la pena aver preso il DS218play risparmiando qualcosa come 120€ indicativi sui 360€ che l'ho pagato

floc

"android se non erro si pappa qualsiasi file..giusto?" assolutamente no! :) Ogni telefono supporta determinati codec a seconda delle capacità hardware di decodifica del SOC che ha, per dire il citato h265 a 10 bit lo leggi solo su tegra x1, snap821 e snap835, via software non hai la potenza adatta per farlo a prescindere dal codec che puoi installare.
Ed è per questo che ti suggerivo di valutare CHI andrà a pescare dal nas perchè se hai un pur ottimo snap 625 e hai un film in h265 10 bit dovrai transcodificarlo per vederlo (a meno di non avere 2 versioni della stessa cosa, ma è un workaround decisamente poco efficiente).
H265 è molto supportato ormai, ma così non si può ancora dire per la versione 10 bit, acquistando qsa in quest'ottica è necessario controllare che il supporto ad h265 sia dunque previsto anche per la versione 10 bit (anche identificata come "main10")

Sul discorso "nas con porta hdmi" è una valutazione tua per costo e utilizzo, però tieni conto che il nas facilmente è una cosa che cambierai molto più in là di un qualsiasi altro device, il suo compito principale è lo STORAGE e per questo invecchia molto lentamente.

Quanto a marca e modello, a prescindere dalle caratteristiche i nas esistono di 2 brand, qnap e synology, il resto lascialo stare, molti altri produttori hanno buone intenzioni ma sono un pezzo dietro :) Per la capienza poi compri tu i dischi che pensi possano fare al caso tuo, ci sono serie fatte apposta per i nas come i wd-red con firmware ottimizzati per i filesystem utilizzati e un uso 24/7 a basso carico come è tipicamente uno scenario casalingo.

Insomma uno strumento definitivo che costi poco ancora non esiste, o compri un arm come il 218Play che decodifica tutto e rinunci a plex in transcodifica (e amen!) oppure il 218+ che è un modello tecnicamente migliore con piattaforma x86 ma che deve essere abbinato a un player h265 10 bit se vuoi vedere tale formato.

La crittografia serve se qualcuno fisicamente si porta via il nas e vuole leggerti i dati senza sapere la password del tale utente, a meno di scenari particolarmente a rischio o utilizzi aziendali francamente non la considererei come parametro per l'acquisto. In ogni caso ormai è gestita quasi sempre via hw ad un costo di risorse molto basso.

Alessandro

non so come ringraziarti per le spiegazioni, davvero ottime!
android se non erro si pappa qualsiasi file..giusto?basta installar mx player o vlc ed in pratica leggi qualsiasi tipo di file, idem se si hanno vari tablet e laptop per casa... quindi bho a conti fatti quali sarebbero i device che dici necessitano della transcodifica? su 2 piedi mi vengono in mente solo le smart tv vecchiotte......o i tv box davvero economici.

Forse non son sicuro sui tablet/smartphone android ma in teoria la decodifica la fanno lato software (non so se degrada la qualita o perde frames..) in caso il SOC usato non supponga l'accelerazione hardware alla decodifica... ma tipo le ultime serie di snapdragon dal 625 IN SU, hanno tutte l'h265.

secondo te ha un senso comprarsi il nas con uscita HDMI? praticamente attaccandoci una tastiera usb ed un mouse , unisce un nas + t box per aver tutto in 1..... è questa l'unica "utilità" anche se non è a buon prezzo, mediamente per aver hdmi si paga 50...70 euro in piu, che è PROPRIO' il costo di un buon tv box.

sono indeciso se prender un asustor AS3102T o se basta un AS1002T. il primo è sui 240 ha 2gb ram cpu piu potente e hdmi + transcodifica, il secondo perde hdmi e tarns ed ha solo 512mb ram ed una cpu meno potente, ma purtroppo guardando alle prestazioni disco con crittografia attiva, la cpu meno performante dimezza le prestazioni.
Essendo il mio primo nas devo ancora capir se si riesce a crittografare l'intero disco o solo certe cartelle ma suppongo che se si voglia star sul sicuro con la crittografia, è doveroso puntar su un nas che abbia prestazioni decenti. Magari sono malato di sicurezza ma se salvo la mia vita digitale su un nas non vorrei finisse in mani sbagliate.....solo perchè non ho attiva la crittografia :)

floc

sul discorso "non leggerlo" hai capito giusto, cerchi di aprire il file e se non sa come decodificarlo ti fa una pernacchia e non lo apre, fine.

DLNA in parole molto povere è lo standard aperto per la comunicazione di file multimediali tra dispositivi, un dispositivo server DLNA "pubblica" l'elenco dei file disponibili e un player compatibile DLNA li pesca da lì, se può riprodurli direttamente bene, altrimenti chiede al serve una transcodifica (decodifica al volo) in un formato che può leggere, ad un ovvio "costo" in termini di risorse che il server deve avere, essendo in grado LUI a questo punto di decodificare il file. Se nessuna delle due opzioni è disponibile non riesci a vedere niente.

Plex è fondamentalmente un server DLNA avanzato che oltre al semplice accesso ai file offre una indicizzazione avanzata con raccolte copertine trame di film, ricerca dei sottotitoli, accesso remoto, un motore di transcodifica più efficiente "proprietario" ecc, devi installarlo sul tuo server e sul tuo client e al posto che usare il DLNA dal menu della tv o del mediaplayer usi l'app apposita disponibile per android, tv samsung ecc, gira più o meno dappertutto. Il vincolo però è che solo su piattaforma x86 la parte server supporta la transcodifica, quindi a seconda dello scenario che ti immagini devi acquistare hardware adatto Se hai un player avanzato tipo una nvidia shield Tv sai che si mangia tutto quindi della transcodifica puoi fregarten, se invece hai una vecchia smarttv che non pensi di cambiare ecco che se vuoi usare plex la transcodifica invece potrebbe servirti.

Il discorso sulla qualità che fai ha senso, la transcodifica fa perdere un po', (su dlna si nota di più che tramite plex ma è comunque vero) quindi dovendo partire "da zero" è più conveniente investire su un player, che costa meno e cambi anche più agevolmente. Dipende anche qui dal "parco player" che hai, io con il server plex ci servo tutta la famiglia con device molto eterogenei e che non saranno mai tutti all'ultimo grido e quindi ho un server in grado di transcodificare perchè mi è utile, ma non è un obbligo assoluto.
Ogni smartphone codifica a modo suo, credo che il più usato sia ancora h264 in generale, ma è inutile fare le verginelle, "in giro" ormai si trova e si troverà sempre di più h265 a 10 bit quindi è su quello che bisogna regolarsi acquistando qualcosa OGGI. Poi sta a te la scelta di gestirlo lato player o lato nas in funzione di quanto detto prima. Se il device su cui riprodurre è praticamente solo uno conviene investire sul player e usare il nas come mero contenitore.

Manuel Bianchi

Dipende dal "PC"

Alessandro

grazie mille delle info, mi devo andar a leggere(imparare..) la differenza tra plex vs dlna, e poi ho un altro dubbio, qquando hai detto "che invece non sarebbe in grado di leggerlo" significa proprio che praticamente una smart tv o tv box che NON è compatibile h265, visualizza soltanto il nome del file/video ma quando si va a farlo partire dovrebbe dire qualcosa come "file sconosciuto o non compatiblie" , giusto?

sinceramente non ho enormi pretese per un nas ma dato che ne voglio uno ( il mio primo) sto cercando di capir se sia effettivamente importante aver la codifica h265 ...non ho film in tale codifica MA suppongo che gli smartphone odierni quando facciano video in 4k ( chissa se anche in 1080p viene usato l'h265....) , anche se forse ragionandoci, u nnas con tale funzione serve soltanto per "TRANS" decodificare al volo i file...che quindi potrebbero deteriorarsi si qualita visiva finale..... ma a sto punto tantovale spender quel pizzico in piu per un tv box che si pappa diretti gli h265 e alla fine decade TOTALMENTE tutto il discorso sul faris o non farsi un nas h265............

in soldoni, NO NON SERVE a una cippa....serve solo se si ha un hardware in "lettura" che fa schifo come una smart tv o tv box di infimo livello..... xfavore correggimi il discorso se dico cavolate assurde :)

the_joker_IT

sui dischi vai su Western Digital Red senza alcun dubbio, se puoi spendere qualcosa in più prendi i Red Pro. Sui NAS per l'uso che hai descritto un DS216j o un TS-231 ti basta e avanza. Prova le varie interfacce grafiche nella demo dei due produttori e scegli quale ti piace di più. Dire che è meglio una o l'altra crea spesso incidenti nucleari tra le fazioni... Valuta tu.

floc

cerco di chiariti un po' le idee.

Un conto è la DEcodifica, ossia l'apparecchio riproduce direttamente l'h265, è quello che avviene quando attacchi un player direttamente alla tv. non è questo il caso visto che nessuno dei due device ha una porta hdmi che io sappia.

Un conto è invece la TRANScodifica, il che vuol dire che il nas legge un file (h265 10bit nel nostro esempio, perchè sono i più recenti e quindi più problematici) e lo converte al volo per poterlo far leggere a un client in rete (attaccato poi a una tv, o la smarttv stessa in rete volendo) che invece non sarebbe in grado di leggerlo.

Questa cosa il ds218Play non può farla se utilizzi Plex (perchè plex su quella piattaforma non supporta la transcodifica) può farla invece tramite DLNA semplice.

Invece il 218+ ha una cpu x86 che supporta gli h265 ma NON a 10 bit e quindi anche in fase di transcodifica (che invece essendo x86 potrebbe fare tramite plex) non può maneggiare gli h265 10bit, nè tramite plex nè tramite DLNA semplice.

Alessandro

la transcodifica al volo delle versioni PLAY, mi spiegheresti in soldoni a cosa serve? non mi è chiaro, cioè se dentro butto un file formato h265 ad esempio, significa si sobbarca lui del lavoro e tramite la porta HDMI porta alla tv il video gia decodificato? ...ok ma se invece non compro una versione play, che succede, praticamente son costretto dalla smart tv o dal box tv android a "pescare" il file dal nas come un semplice FILE, ma poi sarebbe la tv stessa (se smart) o il tv box a DEcodificare il flusso video e dici che NON SEMPRE VIENE FATTA BENE questa procedura o nel farla si perdono frames o qualita visiva?

motivo per cui, una DEcodifica su nas in teoria aggiungerebbe piu qualita visiva? bho mi sembra complessa la cosa

Alessandro

anche io.... stavovalutando se andar su synology,thecus, qnap, o asustor. sembrano i 4 marchi migliori

Ngamer

infatti il plus mi sa che costa di piu ed è la versione per casa :P

floc

questo è fuor di dubbio. Ma anche in campo mobile non sono ancora tanti a leggere h265 main 10, snap 821 e 835 e tegra x1, fine :)

Palux

Cambi molto più facilmente un media player che non legge il formato X, che un NAS che costa una certa cifra.
Ma sono completamente d'accordo con la tua puntualizzazione, che va fatta quando si parla di riproduzione, soprattutto col "nuovo" H265.

Alessandro

Mi correggo. Ero interessato al DS216j

RECENSIONE Teclast F5, convertibile economico ma convincente

Microsoft Surface Go: piccolo e compatto | Anteprima video

Lenovo Yoga C930 ufficiale: 2-in-1 premium con altoparlante rotante | Video

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex