Intel: le DIMM 3D XPoint "Optane" arriveranno nella seconda metà del 2018

15 Novembre 2017 4

Durante l'UBS Global Technology Conference, Intel ha rilasciato finalmente nuovi dettagli sulle DIMM di prossima generazione basate su tecnologia 3D XPoint "Optane", quella che per intenderci abbiamo visto all'opera sui prodotti per datacenter, SSD cache, nonché sui più recenti SSD consumer 900P.

Stando a quanto dichiarato da Navin Shenoy, Vicepresidente esecutivo e General Manager del Data Center Group di Intel, i primi moduli DIMM 3D XPoint arriveranno sul mercato nella seconda metà del 2018, con soluzioni che saranno inizialmente indirizzate esclusivamente al mercato server/datacenter.


Intel svelò i primi prototipi DIMM 3D XPoint a inizio 2016, una collaborazione con Micron che ha già dato buoni risultati nel segmento SSD, ma che ha invece visto il produttore andare piuttosto cauto per quanto riguarda lo sviluppo delle DIMM basate su tale tecnologia.

In quell'occasione l'azienda fornì pochi dettagli sulle caratteristiche del prodotto, mentre ora inizia a dare qualche informazioni più concreta, segno che il progetto è probabilmente al suo stadio finale.

I numeri forniti da Navin Shenoy dicono che Intel si aspetta un'elevata adozione di memorie DIMM 3D XPoint, tanto elevata che Intel stima un volume d'affari di 8 miliardi di dollari nel 2021. Le DIMM 3D XPoint Optane garantiranno una densità decisamente più elevata rispetto alle soluzioni attuali, il tutto, si spera, con prestazioni nettamente superiori.


L'attesa nel proporre le nuove DIMM Optane è determinata da diverse ragioni: dalla necessità di affinare il prodotto per garantire affidabilità e prestazioni di livello enterprise, passando a un adeguamento della catena di produzione che possa sostenere un'elevata domanda (insieme agli altri prodotti che già utilizzano la tecnologia 3D XPoint).

A questo si aggiunge poi lo sviluppo di una piattaforma hardware e software che supporti il nuovo standard, nettamente diverso rispetto alle classiche DIMM DDR4 attualmente in commercio. Intel utilizzerà molto probabilmente un'interfaccia proprietaria che sarà supportata inevitabilmente da hardware di nuova generazione; molto probabilmente, vedremo le prime DIMM Optane sulla prossima piattaforma Xeon Scalable che dovrebbe arrivare proprio il prossimo anno.


Fotocamera Wide per eccellenza? LG G7 ThinQ, in offerta oggi da Clicksmart a 299 euro oppure da Media World a 379 euro.

4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bach05

Non credo arriveremo subito a prestazioni da RAM.

Tom Smith

Ci speriamo tutti. Ma probabilmente rimarrà nei server almeno all'inizio

I-lorenzo

Posso capire per i server e i produttori di portatili o preassemblati, ma per il resto non vedo tutto questo mercato, chi si assembla un PC oggi non metterebbe mai una cosa del genere, investirebbe i suoi soldi o per un SSD più capiente o in altre componenti

Davide

da quello che si è visto con gli SSD mi aspetto latenze bassissime e quindi un boost sensibile nelle performance. Lato server diventano molto interessanti perchè sono persistenti e quindi faranno convergere RAM disk e hard disk normali.
Potrebbero essere quell'evoluzione delle memorie che si aspetta da decine di anni.

Recensione Lenovo Yoga Book C930: il ritorno del convertibile 4 in 1

Devolo Magic 2: Powerline a 2400 Mbps e Wi-Fi Mesh | Video

Xiaomi Notebook Pro e MacOS: binomio possibile? Video

Alienware Area-51m è un mostruoso "portatile" con CPU desktop | Video