Recensione TerraMaster NAS F4-220: adatto a casa e in ufficio

03 Ottobre 2017 39

TerraMaster​ ​ci​ ​ha​ ​inviato​ ​un​ ​esemplare​ ​del​ ​suo​ ​NAS​ ​F4-​220,​ ​un​ ​"​4​ ​bay"​ ​con​ ​connessione​ ​Ethernet Gigabit​ ​e​ CPU Dual​ ​Core. E' un server NAS per casa e per piccole aziende/uffici disponibile in Italia per circa 300 euro. Nella​ ​confezione​ ​troviamo​ ​tutto​ ​l’occorrente​ ​per​ ​metterlo in funzione. Un alimentatore​ ​da 12V​ e ​7.5A, il manuale​, un cavo​ ​Ethernet​ ​CAT​ ​6, delle viti​ ​per il fissaggio​, due piedini​ ​di​ scorta, delle etichette​ ​per​ dischi​ ​e​ cavi, un cacciavite​ ​a​ stella. Al momento è una delle migliori dotazioni di serie.

NAS F4-220 ​arriva​ ​protetto​ ​da​ ​una​ ​pellicola​ ​in​ ​plastica,​ ​chiusa​ ​da​ ​un​ ​sigillo​ ​adesivo. Si presenta​ ​con ​un​ ​colore​ ​argentato e​ con ​la​ ​scocca​ ​quasi​ ​completamente​ ​in​ ​alluminio. L'eccezione è nel vano frontale per i dischi ​e​ ​la​ ​parte​ ​posteriore​ ​dove​ ​risiedono​ ​le due ventole​ ​di​ raffreddamento ​(ne​ ​parleremo​ ​dopo). I​ ​quattro​ ​supporti​ ​per​ ​i​ ​dischi​ ​sono​ ​di​ ​ottima​ ​costruzione,​ ​in​ ​plastica​ ​ma​ ​solidi. Permettono​ ​una​ ​rimozione​ ​veloce in caso di​ ​danneggiamento​ ​con un gancio che si fissa nella parte interna del NAS.

La CPU è un ​Intel​ ​Celeron​ ​J1800, ​Dual​ ​core​ ​con​ ​​frequenza​ ​operativa​ ​di​ ​2.41 GHz​ ​e ​1​ ​MB​ ​di​ ​cache​ ​L2. Personalmente​ ​non​ ​condivido​ ​l’utilizzo​ ​di​ ​questa​ ​CPU​ ​in​ ​quanto troppo​ ​datata. Non è una questione di prestazioni ma un​ ​discorso​ ​legato al​ ​risparmio​ ​energetico: un NAS nasce per restare acceso 24 ore al giorno nei mesi e negli anni. La​ ​CPU​ ​ha​ ​un​ ​TDP​ ​di​ ​10 watt​ a causa dell'architettura a​ ​22nm​ del​ ​2013. Purtroppo​ ​non​ ​possiamo​ ​sapere​ ​se​ le frequenze scalano quando il carico è basso ma, a giudicare dal consumo su presa, sembra​ ​di​ ​no. La​ ​temperatura​ ​non​ ​è​ ​mai​ ​troppo​ ​alta: ​circa​ ​37°C​, ​segno​ ​che​ ​il​ ​percorso​ ​dell’aria spinta​ ​dalle​ ​due ​ventole​ ​passa​ ​direttamente​ ​sul​ ​dissipatore​ ​in​ ​alluminio​ ​(vedi paragrafo​ ​"Ventole​ ​e​ raffreddamento").

Scheda tecnica TerraMaster F4-220

  • Processore Intel​ ​Celeron​ ​J1800​ a ​2.41 GHz
  • Memoria​ RAM: 2 GB​ ​DDR3L​ ​(espandibile​ ​fino​ ​a​ ​10 GB)
  • Drive​ ​Bay 4​ ​(+​​1​ interno​ ​- segue​ ​nella​ ​recensione) / Archiviazione max: 40 TB
  • Porte:​ ​2x​ ​USB​ ​2.0, USB​ ​3.0 / ​Rete RJ-45​ ​1 GbE
  • File​ ​System​ ​Drive​ ​Interni: EXT4 / Drive​ ​Esterni: EXT3​ ​-​ ​EXT4​ ​-​ ​FAT​ ​-​ ​NTFS​ ​-​ ​HFS+
  • Dimensioni: 227​ ​x​ ​225​ ​x​ ​136 mm / Peso a vuoto: 2.28 kg
  • Materiali alluminio​ ​e​ plastica / Garanzia di 2 anni
  • Raffreddamento: 2​ ventole​ ​da​ ​80 mm​ ​con​ Smart​ ​Mode (High, Med, Low)

TerraMaster F4-220 ha​ ​2 GB​ ​DDR3L​ ​saldati su scheda con un​ ​connettore​ ​DIMM​ ​interno per l'espansione. Non​ ​abbiamo​ ​notato​ ​ ​aumenti​ ​di​ ​prestazioni importanti ​passando a 4 GB​ ​con un ​modulo​ ​Hynix​ ​da​ ​2 GB​ ​a​ ​1600 MHz.​ I vantaggi dovrebbero essere evidenti durante la copia su dischi lenti in scrittura, con un vero effetto cache limitato, comunque, ai GB di RAM aggiuntivi. Niente di risolutivo ma di certo un piccolo aiuto quando lo spostamento riguarda file più piccoli.

Ventole​ ​e​ raffreddamento

Il​ ​raffreddamento​ ​della​ ​CPU​ ​è​ ​affidato​ ​al​ ​grande​ ​dissipatore​ ​in​ ​alluminio​ ​con​ ​le​ ​alette​ ​a portata​ ​di​ ​aria​ ​(davanti​ ​ad​ ​una​ ​delle​ ​2​ ​ventole). Le​ due ​​ventole​ ​presenti​ ​sulla​ ​parte​ ​posteriore​ ​del​ NAS​ ​possono​ ​essere​ ​gestite​ ​in​ modi diversi. La​ ​Modalità​ ​Intelligente​ ​permette​ ​di​ ​regolare​ ​automaticamente​ ​la​ ​velocità​ ​della​ ​ventola​ ​in base​ ​alla​ ​temperatura​ ​di​ ​esercizio.​ ​In​ ​questa​ ​modalità​ ​le​ ​ventole​ ​oscillano​ ​tra​ ​i​ ​1100​ ​RPM​ ​e​ ​i 1400​ ​RPM,​ ​mantenendo​ ​le​ ​temperature​ ​del​ ​processore​ ​sempre ​sotto​ ​i​ ​38°C. Di contro​ ​la temperatura​ ​dei nostri​ ​dischi meccanici,​ ​compresa tra​ ​i​ ​45°C​ ​e​ ​i​ ​55°C, resta sopra la soglia ideale.


Le​ ​altre​ ​impostazioni​ ​sono​: ​Bassa​, ​Media​ ed​ ​Elevata. In​ Modalità ​Elevata il​ ​rumore​ ​aumenterà,​ ​ma​ ​in modo compatibile all'uso in ufficio; per casa, viceversa, si rischiano fastidi.​ Qui la​ ​temperatura​ ​degli HDD​ scende ​sotto​ ​i​ ​42°C​ con un guadagno di​ ​12°C rispetto alla Modalità Intelligente.

Supporti ​dischi​ ​(e​ ​i​ ​5​ ​connettori)

Togliendo​ ​i​ ​quattro​ supporti​ ​per​ ​i​ ​dischi​ si scopre un quinto ​connettore​ ​SATA libero (e non previsto). ​​A quanto pare, la​ ​scheda​ ​madre di F4-220 è la stessa di un modello pi​ù evoluto dotato, appunto, di una quinta porta SATA. La buona notizia è che tutto resta perfettamente funzionante; ​abbiamo​ ​installato​ ​un​ ​vecchio​ ​SSD in questo connettore​ ​per avere​ ​un​ ​accesso​ ​ai​ ​file​ ​interni​ ​più​ ​scattante​ ​in​ ​caso​ ​di​ ​necessità.​ ​Non possiamo assicurare longevità a questo metodo (perché un aggiornamento firmware potrebbe renderlo inutile) ma a fine settembre 2017 tutto funziona.

Il NAS di TerraMaster ha​ ​porte​ ​USB​ 2.0 e USB 3.0 ​che​ ​possiamo​ ​utilizzare​ ​per​ ​condividere​ ​i file (o fare backup) di un hard disk o di una​ ​pennetta​ ​USB. Ad​ ​una​ ​delle​ ​due​ ​porte​ ​USB​ ​è​ ​possibile​ ​collegare​ ​anche​ ​una​ ​periferica​ ​wireless​ Wi-Fi ​specifica dell'azienda, ma lo sconsigliamo per i limiti di velocità di rispetto alla rete cablata. Per​ ​sfruttare​ ​come​ ​si​ ​deve​ ​questo NAS​ ​è​ ​necessario​ ​collegarlo ​ad​ ​un​ ​router​ ​che​ ​abbia almeno​ ​una​ ​porta​ ​Ethernet​ ​1000​, ​non​ 10/100.

Consumi e gestione energetica

Il​ ​consumo​ ​massimo in​ ​fase​ ​di​ avvio​ ​e​ ​spin​ up​ ​dei 5 dischi è pari a​ ​55​ ​Watt. Lo abbiamo misurato in due configurazioni software.

La​ ​prima​ ​settimana​ ​abbiamo​ ​utilizzato​​ ​il​ ​NAS​ ​senza​ ​alcun​ ​risparmio​ ​energetico dei​ ​dischi, quindi accesi​ ​24h​ ​su​ ​24h​ ​senza​ ​pause. In​ ​IDLE​, i risultati dicono ​33.3 watt (lettura) e​ ​36.7 watt (scrittura). Nelle​ ​168​ ​ore​ ​di​ ​test,​ ​il​ ​consumo​ ​medio​ ​è stato di ​34.6 Wh​ ​per​ ​un​ ​consumo totale​ ​di​ ​4.14​ ​kwh. La​ ​seconda​ ​settimana​ ​di​ ​test​ ​abbiamo​ ​utilizzato​ ​il​ NAS TerraMaster​ nei medesimi modi, ma con​ spin​ ​off​ ​dei​ ​dischi​ ​attivo. Il​ ​consumo​ ​istantaneo​ ​in​ ​IDLE​ è sceso a ​20.3 watt​ (lettura) ​e​ ​32.5 watt​ (scrittura). Durante​ ​le​ ​168​ ​ore​ totali ​di​ ​test,​ ​il​ ​consumo​ ​medio​ ​si​ ​è​ ​attestato​ ​su​ ​25.6 Wh​ ​per​ ​un​ ​totale​ ​di​ ​2.93 kwh.


La​ ​differenza​ ​in​ ​consumo​ ​totale​ ​delle​ ​due​ ​configurazioni​ ​in​ ​un​ ​anno di​ ​utilizzo​ ​è​ ​pari a​62.75​ ​kwh. Il​ ​problema​​ ​è​ la​ ​lentezza​ ​con​ ​il​ ​quale​ ​il​ ​NAS​ ​effettua​ ​la​ ​fase​ ​di​ ​spin up​ a dischi spenti: circa 58 secondi. E' ​un​ ​difetto​ ​serio in contesti lavorativi e ​può​ ​dare ​fastidio​ ​se​ ​non​ ​imbarazzo ​davanti​ ​ad​ ​un​ ​cliente​ ​che​ ​aspetta. Il​ ​tempo​ ​di​ ​spin off,​ ​quello​ ​in​ ​cui​ ​il​ NAS​ ​va​ ​a​ ​spegnere​ ​i​ ​dischi,​ non​ ​si​ ​può regolare,​ ​quindi​ ​il compromesso è​ ​disattivare​ ​la​ ​funzione​ ​di​ ​risparmio​ ​energetico per garantire​ ​prontezza di accesso ai dati. Con lo svantaggio di consumare di più.

Software e sistema operativo

Il​ ​primo​ ​avvio​ ​del​ ​NAS F4-220​ ​deve​ ​essere​ ​effettuato​ ​senza​ ​alcun​ ​disco​ ​connesso; a procedura ultimata​ ​verrà​ ​chiesto​ ​di​ ​inserire​ ​i​ ​dischi. Il​ ​sistema​ ​operativo​ ​“TOS”​ - ​Terramaster​ ​Operating​ ​System​ ​viene​ ​installato​ ​subito​ ​dopo​ ​il riconoscimento​ ​dei​ ​dischi​ ​inseriti.​

A seguire ci​ ​verranno chieste​ ​la​ ​prima​ ​configurazione e la scelta/creazione del​ ​RAID​ (la seconda operazione è molto lunga). Il​ ​sistema​ ​operativo,​ ​in​ ​stile​ ​MacOS​, ​è​ ​​intuitivo​ ​ed​ ​intelligente; rilascia​ anche ​notifiche​ ​in​ ​caso di​ ​aggiornamenti​ ​software​, ma la loro ​ ​frequenza​ ​​è​ bassa: ​in​ ​3​ ​mesi​ ​di utilizzo​ ​è​ ​stato​ ​rilasciato​ ​un​ ​solo​ update del firmware. Le​ ​applicazioni​ ​a​ ​nostra​ ​disposizione​ ​non​ ​sono​ ​molte,​ ​praticamente​ ​lo​ ​stretto necessario​ ​all’utilizzo​ ​delle​ ​funzioni​ principali.


Servizi di accesso remoto

Ci sono diversi modi per accedere al NAS TerraMaster da remoto. Possiamo​ ​collegarci​ ​al​ ​sistema​ ​tramite​ ​HTTP​ (con ​l’indirizzo​ ​IP)​ ​oppure​ ​configurare​ ​un servizio​ ​di​ ​Dynamic​ ​DNS​ ​per​ ​avere​ ​sempre​ ​un​ ​URL​ ​associato​. La​ ​porta di​ ​default​ ​è​ ​la​ ​8181. E' possibile usare anche il protocollo​ ​SFTP/FTP​ ​con​ ​programmi​ ​tipo​ ​Filezilla e​ ​Cobian​ ​Backup​ (ad esempio, per​ ​effettuare backup​ ​automatici​ ​anche​ ​da​ ​esterno), oltre ai​ ​classici​ ​protocolli​ ​in​ ​uso​ ​dalla​ ​quasi​ ​totalità​ ​dei NAS: NFS, Telnet, SNMP, server web, WebDAV, UPnP e via dicendo. Il sistema permette l'installazione di moduli/plugin per espandere le funzionalità di rete (vedi schermata sopra).

In conclusione, ci​ ​sentiamo​ ​di​ ​consigliare​ ​l’acquisto​ ​del TerraMaster F4-220. Un utente esperto troverà tutto il necessario per un setup avanzato e dedicato (anche in ufficio) così come un principiante riuscirà a metterlo in funzione seguendo la procedura guidata. Maggiori informazioni e dettagli nella pagina dedicata a F4-220 di TerraMaster Italia.

Autore: Davide Labruna


39

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Beralios

Quello di cui stai parlando altro non è che un repository, dovresti provare a mettere su un SVN o un git. In qui modo non solo avresti tutti tuoi file disponibili ed accessibili da qualsiasi pc in rete ma avresti anche la possibilità di vedere i file di tuo zio ed eventualmente modificarli.

domedele

Asustor. E' praticamente un Asus. Software solidissimo e anche a livello hw hai qualcosa in più rispetto ai rivali (memoria, hdmi). Ottimo supporto, case metallico e non plasticoso

maxR

Qnap o Synollogy....

Edoardo Parodi

Intanto grazie a tutti, ho ordinato da amazon un TS-321p così inizio a vedere come mi trovo e nel caso ho un mese per il reso

DuN3DaiN

Sono più o meno confrontabili quelle tra i brand migliori ovviamente e ti consiglio di andarle a provare sui loro siti visto che hanno quasi tutte un nas in prova è accessibile collegato alla rete

Luca

Hai ragione, al posto di sistema operativo intendevo interfaccia... Quale azienda ha quella più comoda - funzionale, con anche le app migliori, perché credo che avere un hardware al top, ma poi un collo di bottiglia per la cattiva scrittura delle app, faccia decadere tutto l'utilizzo da mobile, o sbaglio?
Comunque ti ringrazio per tutte le delucidazioni che mi stai dando!

a'ndre 'ci

beh ovvio, 80MB/s di totale; se ci sto già scrivendo a tonnellate con torrent, il resto diminuisce.
comunque, torrent spu**ana i dischi troppo in fretta; per ovviare gli faccio scaricare su una chiavetta USB e poi copiare sul disco quando il download è terminato

DuN3DaiN

La transcodifica è quella che ti fa (per esempio) YouTube su un video nativo in 4K ovvero tramite una codifica al volo ti scala la risoluzione per farti risparmiare banda e dati...quindi se hai il nas a casa e tu sei al mare e vuoi vederti un video archiviato in 4K che occupa 10Giga il Nas effettua una transcodifica al volo e te lo scala a 480p così da fartelo vedere in spiaggia se vuoi... come puoi immaginare questo impatta parecchio sull’hardware
Sull’Os forse hai le idee un po’ confuse...
su questi prodotti non hai possibilità di scelta di sistema operativo
Tutti i maggiori brand utilizzano una versione Linux opportunamente personalizzata

Luca

Ne volevo uno con 2 baie, la capacità degli hdd pensavo a 4tb +4tb (oppure 6+6 sto valutando), da mettere in raid 1
Effettivamente non so ancora bene cosa ne farò in più a quanto ho già indicato, e probabilmente lo capirò solo una volta che lo avrò in mano, proprio per questo non volevo qualcosa di troppo limitante
La transcodifica a cosa serve?
Inoltre come sistema operativo quale consigliate?
Grazie

Massimo Olivieri

attiva torrent o jd2 poi vedi come scendono.... 40-60MB/s era per dare un idea, i soc ARM non hanno un chipset dedicato per le porte come come un x86

a'ndre 'ci

synology DS216 (ci sono varie versioni che cambiano a seconda dell'uso principale)

o

QNAP TS-228

a'ndre 'ci

con un QNAP arrivo a 80MB/s su ARM e condivisione SMB 2 :)

a'ndre 'ci

io ho preso il QNAP TS-228.
è bello. ha tante funzioni compreso server DLNA e PLEX.
Se ti interessa usare Plex, unica nota, qualsiasi NAS basato su CPU ARM NON fa transcoding.

ha anche applicazioni di cloud personale, backup foto e simili e volendo anche webserver e mail server xD

Maurizio Mugelli

doppio dei core

Marco Salvini Photography

Io mi sono creato una piattaforma con Ubuntu server su un j1900 (ASRock Q1900DC-ITX) e devo dire che a livello di prestazioni non è affatto malvagia.

Repox Ray

Purtroppo sei oltre il mio livello di esperienza...

A casa ho un NAS molto di base (MyBookLive) ed eseguo anch'io il mirroring "on the fly" di alcune cartelle dei pc di casa con sw tipo goodsync, ma nulla di più: per me il NAS è solo e sempre il "destinatario" del backup dei pc, non uso mai sincronia bidirezionale. Per le cose "comuni" a più persone allora la directory di lavoro è direttamente sul NAS.

Poi ho un secondo NAS, con 2 dischi in RAID, che la notte copia tutti i dati dal NAS primario per preservarli in caso di problemi.

Al lavoro invece abbiamo roba da grande azienda, si lavora in remoto su server farm quindi è tutta un'altra faccenda.

VV

ha anche questo la mini chiavetta usb all'interno per il boot(come per il modello a 2 bay)?Dalle foto non sono riuscito a vederla.

Davide

Presi un anno o poco più fa un Nas Terramaster offline. IN pratica una mega chiavetta con degli hdd dentro. Davvero soddisfattissimo. Soprattutto il customer care notevole, rispondono alle mail in pochi minuti.

Massimo Olivieri

quello che influisce sul NAS è il soc x86 vs ARM con pro e contro.
- x86 sono più preformanti nel copia/incolla 110MB/s e in gestione di più servizzi in background, di solito ha più funzionie e applicationi, ma costano di più.. scaldano di più e sono più rumorosi

- ARM sono meno preformanti (copia/incolla 40-60MB/s) se usati pesantemente come muletti un pò si rallnetano ,ma scaldano di meno ...meno rumore e di solito costano di meno.

- LA ram serve se devi far girare servizzi applicativi: SQL, siti web ecc... insomma un uso server.

un buon punto di partenza è Qnap TS-231+ (plus) equilibrato in costo/prestazioni/servizzi/app

PS Tieni presente che a volte sul usato si fanno ottimi affari se cerchi bene.

Repox Ray

Era una battuta

Repox Ray

Ma la maggior capacità di gestire velocemente l'smb non fa passare in secondo piano tutti i maroni che abbiamo elencato prima. Se questo Terratec ha colli di bottiglia per i canali sata, l'armada ce l'ha sulla potenza di calcolo, ma per entrambi si finisce ad avere un nas che non riesce a saturare una gbeth comunque. E se non altro l'Armada non ha 10w di TDP e costa parecchio meno.

Roberto

Ciao.. ti vedo MOLTO sul pezzo.. QUINDI.. entro a piedi pari e ti chiedo un consiglio..
Devo OBBLIGARE mio zio (mio collega in studio) a smettere di tenere acceso un pc di 12 anni fa, per copiare i dati da un computer all'altro semplicemente trascinando i file da esplora risorse (LASCIAMO PERDERE I COMMENTI..).

Quello che ci serve.. è un sistema che faccia da hd di backup sincrono dei rispettivi dati in ufficio.

Mi spiego meglio (io sono PC A, lui PC B, il mio portatile PC A1, il suo PC B1):

Io lavoro sui dati del mio HD sul PC A, e mano a mano che aggiorno, sposto, copio, tolgo, vorrei che succedesse la medesima cosa sul backup sul server (oggi già lo faccio su hd interno mio di backup tramite programmi quali syncredible o goodsync). Quando accendo il PC A1 vorrei che i file si aggiornassero anche su quello (già oggi avviene, in quanto la cartella di lavoro è inserita nella dropbox di lavoro..).

Nel frattempo, mio zio lavora sul PC B e mentre lavora sui suoi file, va ad aggiornare in automatico anche quelli sul server e sul PC B1.

In più.. nessuno dei due, vuole avere copia dei dati dell'altro.. che saranno, tuttavia, ACCESSIBILI, consultabili e fruibili, direttamente dal server.

Tutto questo in forma automatizzata e senza bisogno di macchinosi sw alternativi..?

Cosa consigli a riguardo?

Grazie mille

Maurizio Mugelli

la potenza di calcolo e' significativamente superiore rispetto alle piattaforme armada coeve, specie in cose tipo l'overhead di smb con molti client attivi o per mettere su piccoli server sulla rete aziendale si sente.

Repox Ray

Dipende tantissimo dal livello di rumore che puoi tollerare, dal numero di dischi che vuoi, dalla quantità di funzioni che vuoi che svolga. Vai dal fanless singolo o doppio disco di Western Digital (MyBookCloud/live/duo) ai synology al microserver hp (quest'ultimo in pratica te lo fai te come vuoi, hai potenza da vendere ma anche un discreto ventolone, non lo terrei in salotto).

Repox Ray

Una disgrazia, insomma. Un Armada fa uguale consumando e costando un decimo

Maurizio Mugelli

j1800, ovvero un celeron baytrail dual core da 10w.

Maurizio Mugelli

j1800 ha soltanto due porte sata native e due canali pci-e disponibili, mi immagino che gran parte del problema dipenda dall'avere quelle 5 porte sata in una configurazione ibrida, 2 native + 3 su controller aggiuntivo

DuN3DaiN

Per prima cosa le baie 2 o 4 devi quantificare la mole di dati che hai da backuppare + i film e le serie tv + un tot di margine per essere future proof. Devi anche immaginarti il tipo di raid da utilizzare Raid 1/5/6 e sottrarre lo spazio da destinare a ridondanza. Poi hardware se non usi tante VM 2/4Gb sono sufficienti

Per accesso ci sono 7000 modi
da pc puoi muoverti http/https (se vuoi pagare per un certificato e o fartelo tu e non pagare nulla) aprendo una finestra del browser e copiare con selezione e sposta come fosse una cartella su win o aggiungere una risorsa di rete e vederlo come un hdd tipo file di Apple
per i neofiti Su win o su tablet/smartphone si possono usare i loro software/app
Per tutti gli altri questi nas supportano tutti i protocolli di trasferimento dati come ftp/ftps/sftp/nfs/smb etc
per venire in contro a tutte le esigenze su Qnap recentemente hanno introdotto anche il servizio IFTTT quindi puoi automatizzare certi processi per esempio: Se si viene taggati in una foto su Facebook, la foto viene scaricata automaticamente sul NAS oppure puoi automatizzare il backup diretto delle foto da smartphone a Nas..

Luca

qualcuno che consigli un nas per uso casalingo, come archivio dati (accessibili anche dall'esterno e per backup costanti dei dispositivi (5 pc e backup foto dallo smartphone in automatico), possibilità di vedere film-foto anche dalla smart tv

per il salvataggio - accesso ai file salvati come funzionano?
non ho ancora capito se bisogna sempre passare dalla loro interfaccia o se si può semplicemente copiare - incollare - vedere i file dall'esplora risorse di windows
grazie

Sisslith

Ma dove lo hai letto scusa?

Pippo

che nas mi consiglieresti per uso domestico come rapporto qualità/prezzo?

Askbruzz

Ciao, io ti posso consigliare, x quella fascia di prezzo questo:

Il Synology DS216j

Sisslith

Fa meglio il mio sempron dual Core da 45w che uso nel nas

Repox Ray

Non c'é scritto anche "PentiumIII" lí sotto?

Repox Ray

La cpu del 2013 con tdp 10w, un tempo di wake dei dischi di 58 secondi, un idle timer non modificabile, ventole a palla per stare sotto o i 50°...
... e lo consigliate?

Edoardo Parodi

sarebbe il mio primo nas e stavo appunto pensando a questo, leggendo i commenti precedenti mi sono un attimo trovato spiazzato, avevo pensato a questo rispetto al qnap per la ram maggiore e upgradabile, ma a essere onesto non ho esperienza di quanto la ram influisca sulle prestazioni di un nas.
Se qualcuno ha voglia di consigliarmi (e spiegarmi perchè) un nas 2 bay sui 200 euro ha una birra pagata ;)

Sisslith

Spero che lo sticker Intel sia stato messo a caso, dato che risale all'epoca conroe

Aster

O synology

Ansem The Seeker Of Darkness

A quel prezzo prendo sempre la QNAP onestamente.

Vaio S11 e S13 sono leggerissimi, potenti e ricchi di porte | Anteprima Computex

ASUS Project Precog: il notebook a doppio schermo del futuro | Anteprima

HDblog @ Computex 2018: live blog continuo dalla fiera

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB