Dispositivi elettronici in aereo: le regole potrebbero cambiare!

05 Aprile 2013 26


Come molti di voi sapranno, durante il decollo e l'atterraggio di un aereo non è possibile tenere accesi i propri dispositivi elettronici; questo messaggio viene ripetuto all'inizio e alla fine di ogni volo di linea e spesso crea disagio ai passeggeri che non riescono a fare a meno del loro device. Le cose però potrebbero cambiare molto presto.

Attualmente, è possibile utilizzare i propri dispositivi, preferibilmente in modalità aereo, solo durante alcune fasi del volo. E' vietato, ad esempio, utilizzarlo in condizioni critiche come l'atterraggio o il decollo. In queste situazioni, l'apparecchio deve essere spento per non interferire con i sistemi informatici a bordo.

La Federal Aviation Administration (FAA) potrebbe però permettere l'utilizzo delle apparecchiature elettroniche come e-reader e laptop in "modalità aereo" anche durante i decolli e gli atterraggi. Secondo il New York Times, la FAA sta esaminando l'impiego di elettronica in volo e potrebbe andarci piano con le rigide regole di spegnimento. Tuttavia, ciò non si applicherà di certo ai telefoni cellulari.

La notizia arriva dopo le numerose richieste da parte del pubblico di chiarimenti scientifici circa l'utilizzo nelle fasi delicate suddette dei dispositivi come gli e-reader. La FAA ha incontrato le principali aziende produttrice come Amazon e la Consumer Electronics Association ed ha in programma di rivelare le proprie conclusioni il 31 luglio 2013.
Battery Phone a meno di 150€? Xiaomi Mi A2 Lite è in offerta oggi su a 129 euro.

26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
IulianPeride

fidati, se quello che hai detto è vero, intel i7 1.6ghz (scarso ma non scarsissimo), 6gb ram allora hai un problema se si accende in 5 minuti..
Un mio vecchio pc che uso per backup con amd dual core 2.3ghz, 2gb di ram ci mette intorno ai 40 secondi con windows 7 ed ha pure il hard disk a 7200rpm quindi..

Marioz

No nessuno eppure fa schifo!!!

gianluca torregiani

io avevo sentito che le tecnologie delle cabine di pilotaggio sono vecchie di 50 anni, e che anche un peto tra un po potrebbe interferire. migliorare quelle no?

Gios

Probabilmente, da quello che hai scritto nella risposta non hai capito niente di quello che ho scritto, e ti mancano dei concetti:

1)conduttore cavo chiuso

2)Interferenza costruttiva, distruttiva

3)Decade di differenza

Provo ad accennarteli.

Quando tu hai un cavo elettrico percorso da corrente questa genera un campo EM alla stessa frequenza del segnale che la percorre. Questo campo elettro/magnetico su device low voltage ha potenze e ampiezze di campo elettrico molto piccole, trascurabili negli spazi comuni.

L'aereo è un conduttore cavo chiuso in cui i campi em rimbalzano al suo interno generando una distribuzione variabile all'interno della carlinga.

All'interno di un aereo ci sono mediamente 200/400 persone con altrettanti device accesi (se la legge lo permettesse) e questi ovviamente presi separatamente genererebbero un campo molto piccolo; presi insieme invece si possono avere dei punti in cui si ha interferenza distruttiva totale (per cui tutti i campi si annullano) o interferenza costruttiva TOTALE, dove tutti i capi si SOMMANO in apiezza: ciò significa che se mediamente ogni device generasse un campo di 10/1mV/m , avendone 400 di device avresti in alcuni punti campi di 4/0,4V/m .
Essendo ingegneri e non sassi, si deve progettare un sistema sul peggior caso possibile, ossia che tutti i segnali si sommino!

Tutte le line BUS in device ad alte prestazioni (cellulari pc, tablet) sono linee ad alta frequenza ( sui 100MHZ) e producono campi em in un intorno di quella frequenza.

Tra 100MHz e 4GHz c'è una decade di differenza nella quale si dovrebbe attenuare un rumore di 4/0,4mv fino a 100 volte meno rispetto al segnale radar che è a 4/5 GHz con una ampiezza di 1microvolt/m / 100nanovolt/m.

Sostanzialmente in meno di una decade dovresti abbattere un rumore che è 10^7/10^6 volte più grande rispetto al segnale radar fino a diventare almeno 10^2 volte più piccolo del segnale radar: dovresti attenuare il rumore di 10^9, 10^8 volte ....su per giù dovrebbe attenuare di 160db, 180db in una decade.

Con i cellulari accesi che lavorano a meno di 1/8 di distanza dal segnale radar e con ampiezze dei campi em più grandi tutto questo va moltiplicato ed aumentato.

Proprio per i motivi che ti ho detto, diviene lampante che device come gli ebook che hanno bus a frequenze molto più basse e con voltaggi e potenze molto più basse l'interferenza è quasi nulla, per cui si possono tenere accesi senza alcun problema.

Spero di averti chiarito le idee..

Ps nel commento di prima mi sono dimenticato di mettere V/m e ho indicato i campi em come volt

IulianPeride

quel pc ha qualche problema :)

Munalibre

le chiamate non le permetteranno mai.. molte linee aeree hanno abilitato il wifi su parecchi voli, ma al tempo stesso non danno la possibilita' di chiamate o skype, sopratutto per non disturbare i vicini

callea

Gli apperecchi elettronici compresi i cellulari se potessero rappresentare un pericolo non salirebbero nemmeno.

In aereo non fanno salire nemmeno una bottiglia d'acqua, ma i cellulari sì.

Ergo, i cellulari sono meno pericolosi per il volo di una bottiglia d'acqua.

E va anche considerato che non fanno nessun controllo che ogni passeggero abbia effettivamente messo il cellulare in modalità aereo.
Considerando la scrupolosità dei controlli e della sicurezza, la conclusione è una sola: non rappresentano un pericolo.

Io mi attengo comunque alle regole come è giusto che sia.

Stefattone

Guarda sono tornato 10 giorni fa da Tokyo e ti assicuro che di certo non ho viaggiato in taxi. Detto questo, la mia critica, che credo tu non abbia colto, è nei confronti di quei consumatori che hanno lamentato disagi per l'impossibilità di usare un computer (offline) durante quei 40 minuti in tutto tra partenza e arrivo. Siamo davvero così assuefatti dalla tecnologia da sentirci in disagio con due pause da 20 minuti che fra le altre cose costituiscono il momento più eccitante del viaggio?

Filippo Giacometti

E, se non ricordo male, il sistema ad essere più disturbato di tutti è il FADEC. Confermi o smentisci?
Un allievo pilota

fire_RS

Nell' articolo si dice che in teoria dovrebbe stare totalmente spento..ma io questa cosa mai l' avevo sentita

Danilo Piteo

Cioè tu stai affermando che

1) un qualsiasi pcb è un circuito a RF

2) che le emissioni elettromagnetiche di un ereader/notebook/mp3 possono arrivare a decine di volt e con frequenze che vanno da 1 a 4 ghz (che sono quelle utilizzate dai radar in ambito aereo)

?
Secondo me hai le idee confuse.

Marioz

Non ho mai spento il telefono in aereo...credevo avessero fatto la modalità aereo apposta...infatti uso sempre quella...ora ho capito tutto. Non è un problema per nessuno tenere spenti i telefoni x venti minuti...quelli di ultima generazione si accendono perfino in pochi secondi...capirei se ci mettessero il tempo del mio pc windows 7 hp con 6GB di Ram intel core i7 1.6ghz che ci mette 5 minuti abbondanti per accendersi XD

Stefano

in modalità aereo va bene visto che in quel modo il cell non trasmette è quindi non può disturbare i sistemi di bordo !

fire_RS

Veramente io lascio anche in fase di decollo e atterraggio il Cel acceso(ovviamente in modalità aereo)..

Stefano

La ragione principale per cui viene richiesta la disattivazione degli apparati elettronici durante la fase del decollo ed atterraggio è strettamente legata alle possibili interferenze che questi apparati potrebbero generare nei sistemi di controllo degli aeromobili in delle fasi particolarmente critiche e non solo nei sistemi di comunicazione ! Quindi vi suggerisco fare ciò che vi viene detto per la sicurezza di tutti ! Un pilota !

Imperium

Con rayanair filmai con il cell tutto il decollo dal finestrino xD

JFunky

Va bene tutto, basta che questo non serva ad avvicinarsi al permettere le chiamate!

Dario Pisani

Sarò all'antica, ma la regola cè e va rispettata! mi è capitato più volte ( volo molto per lavoro a dire il vero ora poco ;) ) di trovare il "fenomeno" di turno che non può fare a meno di accoppiarsi a facebook in fase di decollo con il suo device di ultima generazione, e deve naturalmente tenere le spalle alte per non farsi notare dall'assistente di volo, ma non troppo per farsi notare dalla figa vicina di posto....
e dai, ma basta! spegnete e riaccendete quando si può, senza dover sempre essere "fenomeni"
di sicuro male non fa, rispettare la regola!
ps: sono un device di ultima generazione dipendente, mi piace la figa, e ho rubato anche le caramelle.
la mia accusa è diretta al "FENOMENO" di turno, rispetto chi trova un disagio nel seguire questa regola!

Gios

Guarda che i bus dei pc e simili sono circuiti RF a qualche Mhz e sono delle linee a microstrip sostanzialmente.....

Gios

Una motivazione scientifica valida potrebbe essere questa:
Il segnale rf del radar ha una potenza di qualche microwatt con una ampiezza del campo elettrico sul centianio di microwat/decine di microwat.

Avere 200 device elettronici in cabina (che ricordo essere un conduttore cavo chiuso) porta ad avere delle somme per interfereza (costruttiva o distruttiva) dei campi em generati dai device elettronici; questi possono arrivare anche a decine di volt di ampiezza a frequenze non molto lontane da quella del radar (al piu una decade).
Un filtro per quanto buono e selettivo possa essere non è in grado di attenuare cosi tanto rumore (che puo avere comunque alcune frequenze spurie più in alto, vicinissime al segnale radar), che è circa 1 milione 10 mila volte più grande del segnale radar.

Si tende a far staccare i device elettronici quando si atterra e decolla per la presenza aggiuntiva a quote più basse dei trasmettitori dei cellulari e degli altri radar presenti in pista.....diciamo che si tende ad eliminare almeno il rumore eliminabile e diciamocelo....20 minuti senza oggetti elettronici danno cosi fastidio?

Vito Magarelli

Stessa esperienza con il tablet i aereo; oltretutto se per i tablet ha un senso voglio capire perchè anche gli ebook hanno lo stesso trattamento visto che i consumi di elettricità sono quasi nulli...

Munalibre

non sai sui voli interni americani quanti ragazzini usano l'ipod o comunque lo smartphone in fase di decollo... se ne fregano... ma non comporta nulla...

Danilo Piteo

Forse non hai mai viaggiato in aereo ne hai letto bene l'articolo ;)
Attualmente durante decollo/atterraggio non puoi tassativamente utilizzare o tenere acceso qualsiasi dispositivo elettronico, si tratti pure di un lettore mp3.
SI vuole cambiare la norma in modo da poter tenere accesi almeno dispositivi che non emettono in alcun modo onde elettromagnetiche, cosa che effettivamente doveva già venire logica di per se, ma tant'è ..

Trizio

Semplicemente io uso il tablet per leggere e venti minuti + venti minuti su un viaggio di 1 ora e 1/2, senza una ragionevole motivazione, sono comunque una scocciatura. Nulla di drammatico ma una scocciatura.
Ora viaggio con il tablet sul quale leggo e con un libro di carta piccolo(!) per il decollo e l'atterraggio.
Se bastasse così poco per "interferire" con l'aereo sai che facilità di dirottamento !
Basterebbe accendere un vecchio Nokia o Motorola e oscureresti tutte le comunicazioni.
In realtà credo che il massimo che potesse succedere era il rumore nelle cuffie come nei vecchi stereo con il cellulare vicino. Ma credo che ora siano molto bene schermati.
Mi sembra roba da caccia alle streghe.

Stefattone

Disagi per non poter utilizzare un portatile in modalità offline durante quei 20 minuti di decollo o atterraggio? Magari tenerli spenti o accesi in effetti non cambia niente ma io vorrei proprio sapere quali possano essere questi disagi di cui parlano

Danilo Piteo

Una delle regole messe li a membro di segugio apposta per non essere rispettate già di loro insomma..

Migliori Notebook, Portatili e Ultrabook | i top 5 sotto i 600 euro | Aprile 2020

Huawei MateBook D da 14, 15" e X Pro 2019 arrivano su Amazon | Video

ASUS ROG Zephyrus G14, portatile con pannello LED personalizzabile | VIDEO

Migliori mouse PC e MAC da comprare a aprile 2020: i top 5 scelti da HDblog