Recensione Dell Alienware 13 R3 con display OLED

13 Luglio 2017 290

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

I portatili Dell Alienware non sono come gli altri. Restano macchine da gaming, ma hanno stile e tante personalizzazioni diverse dal solito. Ad esempio, le 7 zone colorate da personalizzare via software AlienFX (3 sulla tastiera, poi tasto di accensione, scritta sotto il display, touchpad e alieno sul coperchio), oppure il design con il retro sporgente, o ancora la porta AMP per il collegamento di docking station o GPU esterne. Anche la loro qualità costruttiva è migliore dei gaming laptop attuali: sono un mix di alluminio e plastica rifinito con parti lucide e parti opache, appena morbide, sempre comode per poggiare i polsi.

Infine la tastiera: è in contrasto con la tendenza attuale e non è ad isola, ma ha tasti da 18x18 mm con una corsa di 22 mm e lettere grandi, di spessore differente in base alla funzione. Al di là degli effetti scenici della sua particolare retroilluminazione, io l'ho trovata comoda e precisa proprio perché i tasti sono più larghi del solito. Si sbaglia poco, e c'è il giusto rapporto tra spazio dedicato al poggiapolsi e vicinanza al display. Riesco a premere i tasti funzione senza allungare troppo le dita e localizzo il pad direzionale leggermente spostato in basso senza doverlo guardare. È una tastiera silenziosa, perfetta per chi deve scrivere in zone che richiedono discrezione. Ho solo un appunto: il Backspace del mio modello ha un suono diverso dagli altri tasti, come se sotto ci fosse un qualche fastidio. E' un sample per la stampa, ma se fosse nuovo avrei dovuto mandarlo in assistenza.

I Dell Alienware non sono portatili comuni, ma il mio modello da 13 pollici ha un'altra caratteristica di nicchia: il display OLED. Per due settimane ho avuto il piacere di affacciarmi ad Internet guardando uno schermo di questa qualità. E' un pannello Samsung QHD con luminosità media di 358 nit, copertura sRGB del 147%, copertura AdobeRGB del 93%, contrasto tendente all'infinito e una latenza così bassa, un tempo di risposta, non misurabile dai normali strumenti.

Scheda tecnica Dell Alienware 13 R3 OLED

  • Schermo 13.3 pollici QHD (2560x1440) / OLED Modello SDCA029 / Touchscreen 10 punti
  • Processore: Intel Core i7-7700HQ Quad Core Kaby Lake / TDP 45 watt
  • GPU Nvidia GTX-1060 con 6 GB GDDR5 + Intel HD630 (Optimus)
  • Memoria RAM: 16 GB DDR4-2400 (8 GB x2) / Massimo 32 GB 2 slot
  • Archiviazione: SSD Toshiba 256 GB M.2 PCIe NVMe
  • Rete: Gigabit Lan Killer E2500 / Wi-Fi ac Killer 1345 + Bluetooth 4.1
  • Porte: 2x USB 3.0 con PowerShare / USB-C 3.1 / Thunderbolt 3 / 2x jack 3.5 mm
  • Uscita video: HDMI 2.0 / Mini DisplayPort 1.2a / Alienware Graphics AMP
  • Camera 720 p con sensore IR e supporto Windows Hello
  • Dimensioni: 330 x 269 x 22-24 mm / Peso 2460 grammi
  • Batteria 76 Wh / Alimentatore 19.5V 9.23A 180 watt (660 grammi)

Visto di lato, fa impressione. Usato per giocare a Middle-Earth: Shadow of Mordor o The Witcher 3: Wild Hunt e notare con quale qualità i colori escono dal display, le foglie autunnali della foresta siano vivide, i riflessi del lago siano profondi - e anche quanto le scene di buio siano riflettenti, è un'esperienza che ogni appassionato dovrebbe fare. Non sto parlando delle prestazioni, è l'impatto visivo, la sensazione di avere davanti qualcosa che non è una stampa su carta lucida ma che ci assomiglia parecchio. Non sono sicuro di aver fatto delle riprese degne di questa visualizzazione (è molto difficile per i riflessi e la saturazione) ma vi assicuro che il passaggio da un ottimo IPS (come quello di MacBook Pro 13 TouchBar che ho qua accanto) e questo OLED, lo posiziona in una categoria a sé. E poi, con quei dati tecnici, è perfetto per un portatile da gioco - ma i vantaggi, ripeto, sono evidenti in ogni momento della giornata lavorativa: anche il tempo di risposta così basso è visibile quando si scrive un testo.



I display OLED restano comunque dei prodotti particolari, soprattutto quando confrontati con i familiari IPS e TN. Ad esempio, più nero c'è nella pagina e meno consumano (questo significa che un foglio Word aperto a schermo intero, tutto bianco, consuma più della scena scura di un film - anche per questo Dell pre-installa Windows con tema nero), c'è un rapporto di contrasto di 2 milioni a 1, quindi il nero è ottenuto con una luminosità talmente bassa da non essere visibile (per questo diciamo che è "spento"), e poi la mancanza di retroilluminazione permette installazioni più sottili del solito.

Ma avere a che fare con un OLED significa anche perdere un po' di luminosità massima (cito i 570 nit di Macbook Pro, ma anche i 390 di Surface Laptop), tollerare un minimo di PWM a bassa frequenza, evitare immagini statiche quindi attivare impostazioni energetiche che mandino in standby lo schermo dopo pochi secondi (rischio effetto burn-in). Bisogna anche ricordare che questi pannelli invecchiano, perdono luminosità con gli anni - anche se dovrebbe succedere molto dopo il tempo di vita di un laptop così: si ipotizza un degrado del 50% dopo 6 anni di suo intenso.

Il LED del tasto di accensione può essere sincronizzato con il resto dell'illuminazione - oppure cambiato con altri effetti e colori.

Insomma, OLED richiede un uso consapevole, richiede cura, e questo per certi versi è un altro punto a suo favore. L'installazione su Dell Alienware 13 R3 ha una falla che complica le cose in ambienti esterni. Parlo del touchscreen e del conseguente vetro riflettente installato. Quando lo schermo riproduce il nero, si ha una profondità talmente importante da rendere il tutto uno specchio. E' un effetto amplificato rispetto a quello dei normali IPS ed è un peccato averlo qui, su un portatile da gioco, nemmeno convertibile. Difficile che ad un giocatore Windows di questa fascia interessi un touchscreen. Un pannello opaco avrebbe avuto più senso.

Credo che nelle intenzioni dell'azienda ci sia un po' di volontà nel rivolgerlo ad una utenza più ampia. Dell Alienware 13 R3 è pur sempre un 13 pollici ed ha porte e strumenti adatti ad un uso in ufficio, all'università, o come portatile unico di casa. Il vincolo è nel peso, ma di contro c'è una batteria capiente e una solidità non comune. A guardare la sua scheda tecnica viene fuori un portatile equilibrato e proprio per questo adatto a qualsiasi contesto, ma forse l'unico limite a cui va incontro è quello del gaming Full HD con impostazioni elevate. Una GTX-1060 può essere insufficiente ad un utente disposto a spendere parecchio per avere un laptop da gioco, anche perché di solito si cercano schermi più comodi. Per dire, è credibile considerare Dell Alienware 13 R3 come un portatile di fascia alta adatto a tutti i giorni. Guardate i risultati dei benchmark.

Benchmark Dell Alienware 13 R3

Acer
Aspire VX 15

i7-7700HQ/1050
Dell
XPS 15 9560

i7-7700HQ/1050
Dell
Alienware 13 R3

i7-7700HQ/1060
MSI
GT62VR 7RE

i7-7820HK/1070
recensione recensione recensione
GeekBench 4 3344/13053 3752/14258 4468/14541 4596/15173
Cinebench R15 82.86/704 80.86/621 95.20/697 94.84/930
GFX Bench 4
OffScreen
Car: 6678
Man: 10926
TRex: 29597
Car: 6553
Man: 14114
TRex: 25335
Car: 12045
Man: 21680
TRex: 52388
Car: -
Man: -
TRex: -
3DMark Time Spy: 1774
FireStrike: 5228
SkyDriver: 15357
Time Spy: 1701
FireStrike: 5015
SkyDiver: 14613
Time Spy: 3577
FireStrike: 8786
SkyDiver: 19490
Time Spy: 4900
FireStrike Ultra: 3794
SkyDiver: 11997
PCMark 8 Home: 3499 Home: 3343 Home: 3744 Home: 4248
CDisk Mark SSD Seq: 540/444
4K: 22/75
Seq: 1626/902
4K: 22/66
Seq: 1736/518
4K: 44/160
Seq: 3114/1639
4K: 52/171
Temp Max CPU: 88 °C
Esterna: 58 °C
CPU: 93 °C
Esterna: 52 °C
CPU: 99 °C
Esterna: 69 °C
CPU: 92 °C
Esterna: 76 °C
IPerf v2 Wi-Fi: 123/97
Eth: 625/512
Wi-Fi: 120/106 Wi-Fi: 176/145
Eth: 911/757
Wi-Fi: -

Test eseguiti con alimentatore collegato ad eccezione del controllo temperature. Impostazioni energetiche standard.

Nella tabella sopra non c'è (quasi) nulla di anomalo, ma può essere una buona idea confrontare i risultati della GTX-1060 con le 1070, 1050 e 1050Ti degli altri portatili. Piccole differenze, contano davvero poco nell'uso reale, mentre è importante dare risalto alla velocità in Wi-Fi ac e Ethernet 1000 del chip wireless Killer 1345. Una connettività stabile e mai in discussione è alla base di ogni piattaforma da gaming, soprattutto quando il multiplayer è tutto.

Il dato anomalo tra quelli sopra arriva dalle temperature massime. Non mi riferisco ai 99°C su core nello stress test Prime95+Furmark, e nemmeno ai 69°C di massima esterna - perché registrata all'uscita delle feritoie sul retro. E' il modo in cui vengono gestiti questi 90°C (la temperatura a regime nei giochi) a portare al throttling termico e all'andamento saltellante mostrato nel grafico sotto. Come sempre, è la GPU Nvidia a fare il buono e il cattivo tempo. Sotto carico consumi anche 80 watt e costringe la piattaforma a ridurre il TDP del pacchetto abbassando, di conseguenza, la frequenza operativa. Non c'è un crollo di prestazioni perché i core restano su livelli molto alti (quanto il throttling diventa un problema, i core scendono a poche centinaia di MHz) ma le ventole raggiungono il loro massimale (devo alzare il volume al 50% per coprirle) e la temperatura nella zona tastiera tocca i 54°C. Vi assicuro che in questo periodo dell'anno questa non è soltanto una sensazione.

Consumo su presa sotto carico. Alimentatore da 180 watt.

Cercando online, scopro che altri Dell Alienware 13 R3 Kaby Lake girano in maniera più discreta, e questo potrebbe significare differenze nella linea di produzione. C'è il re-pasting, certo, ma qui lo smontaggio si complica perché il pannello ad accesso facilitato lascia spazio a RAM, SSD e scheda wireless, non al processore. Bisogna smontare un nel po' di cose per arrivare all'impianto di dissipazione.

Voglio precisare che questo è un dettaglio: il re-pasting non è un'idea percorribile su un portatile come questo, ed anche le prestazioni al limite di cui vi ho parlato sono estreme. Nell'uso di tutti i giorni, Dell Alienware 13 R3 gira silenzioso e freddo (CPU a 50°C nella navigazione web o nel lavoro Office), con un consumo di 4 watt su CPU Package durante la riproduzione Netflix e ventole a giri tanto bassi da sembrare spente. Come tutti i prodotti recenti a base Kaby Lake, c'è una piattaforma hardware moderna e ottimizzata. E' l'installazione delle GPU Nvidia GTX-10 a spingere parecchio in alto i consumi, le temperature e tutto il resto, ma d'altronde è il prezzo da pagare per avere prestazioni paragonabili alle loro versioni desktop, il vero punto forte di questa generazione. Sono curioso di provare la soluzione Nvidia Max-Q con una 1080 nel telaio di un Ultrabook (17 mm).

Dell Alienware 13 R3 OLED usa la tecnologia Optimus per passare dalla scheda video integrata Intel alla dedicata. Senza questo software, non saremmo in grado di avere un'autonomia superiore alle 2 ore anche nell'uso desktop. Io sono arrivato a 5.2 ore di navigazione web e solito test Internet Work, ho fatto un po' peggio nella riproduzione Netflix di Castelvania, ed ho registrato buoni valori di ricarica con un +61% in 60 minuti. L'alimentatore da 180 watt, tra l'altro, basta a coprire il carico massimo quindi riesce sempre a caricare la macchina, anche quando è sotto vero stress.

Validare l'autonomia di un portatile con schermo OLED è complicato per i motivi che ho scritto ad inizio recensione. Il consumo varia parecchio in base al tipo di contenuto visualizzato. Ad ogni modo la valutazione di questo aspetto è positiva, vuoi per Optimus vuoi perché la batteria non è enorme (ci sono Ultrabook come lo Yoga 910 che ne hanno una simile) vuoi perché, come dico sempre, le prestazioni senza alimentatore fanno perdere dai 300 ai 400 MHz alla GPU con un calo, visibile, dell'esperienza di gioco. Ad ogni modo avete minuti a sufficienza (circa 60) per completare il rendering di un video complesso su Adobe Premiere Pro - e non credo si possa chiedere di più a questo 13 pollici.

Autonomia Dell Alienware 13 R3

Consumo orario Autonomia
Internet Work in Wi-Fi -19.4% 5.2 ore
Youtube HD / Netflix HD -23% 4.3 ore
Giochi / Rendering / Stress Test -102% 0.9 ore
Draining in standby (offline) -0.15% 28 giorni
Tempo di ricarica (PSU 180 watt) +61% -

Luminosità schermo al 50% (circa 160 nit), audio al 50%. Modalità bilanciata.



Considerazioni finali

La valutazione finale di Dell Alienware 13 R3 versione OLED è molto positiva, ma soprattutto perché lavorare con un display di questo tipo cambia la percezione dell'esperienza utente. In un certo senso, è un giudizio sbilanciato. Il portatile ha cura e gusto, offre software non banali per la personalizzazione estetica e per la regolazione di Windows (un esempio è la Modalità Gioco di cui vi parlo nel video). La sua scheda tecnica è moderna e adatta a più contesti: tante porte di espansione, la comodità del sensore IR e del software di eye-tracking Tobii, e un impianto audio di primo livello. E' un portatile molto piacere da usare anche per la sua tastiera, per il touchscreen e per la cerniera che si piega tutta all'indietro.

I limiti della necessità di scaricare il calore generato su un corpo così compatto causano qualche problema termico negli stress test e scaldano la zona tastiera oltre la mia fascia di comfort, ma questo succede quando si presuppone che sia soltanto un portatile da gaming, qualcosa da tenere sempre al massimo e da usare per ore nei giochi recenti. Io non la penso solo così; dopotutto un 13 pollici di questo ingombro non può essere visto come un portatile compatto più potente del solito. Dell Alienware 13 R3 ha un prezzo di partenza pari a 1479 euro e un prezzo massimo di 2179 euro. Al momento, soltanto quest'ultima versione ha il pannello OLED. Provatelo. Altri dettagli su dell.com.

Dell Alienware 13 R3: pregi e difetti

Il display OLED.Telaio solido e rifinito; è un 13 pollici compatibile VR.Alimentatore con cavo lunghissimo - finalmente.Componenti top: audio, schede wireless, uscite video e camera IR.Tastiera stabile, più larga del solito, e touchpad affidabile. Insieme al touchscreen fanno una dotazione di input notevole.Buon supporto GNU/Linux.
La zona tastiera supera i 50°C nei giochi.Manca un lettore di schede SD.Il pannello touch aumenta i riflessi e non serve nei giochi.Alcuni esemplari migliorano con il re-pasting.
Lo smartphone più richiesto del momento? Samsung Galaxy S8, in offerta oggi da Phone Strikeshop a 490 euro oppure da Media World a 549 euro.

290

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Luca Torresi

Riccardo P potresti dirmi se durante i tuoi test hai riscontrato dei problemi con immagini statiche per lunghi periodi?Hai notato dei piccoli fenomeni di burn-in durante la tua prova?
Vorrei acquistare questo portatile, ma purtroppo sono bloccato dalla paura di questo fenomeno.
Inoltre volevo sapere se esiste una utility come nei tv lg per la pulizia dell'immagine nei display oled.
Grazie in anticipo per il tempo che mi dedicherai.

Alla ricerca del tempo perduto

hai ragione, del resto nella mente di un pazzo il difetto è la norma

Alessio Brabus

Faranno mai un Dell XPS13 con questo bellissimo display?
Iin attesa che di decidano a darci dei monitor OLED anche per i nostri PC fissi, dato che da quando ho visto in azione una TV OLED, non c'è IPS, VA o TN che non mi faccia venira il voltastomaco...

Fiber to the gabinett

Gli altri non sono lavori seri? Non mi risulta.

Silvio Daniele Cavaliere

Mi piacerebbe tanto la recensione del razer blade. L'unico portatile da game che riesce a non essere tamarro.

c1p8HD

54 gradi zona tastiera significa inusabile... non me lo aspettavo da un prodotto così costoso e blasonato

c1p8HD

Ma anche no... già ora non è il massimo per luminosità, fra qualche anno farà pena soprattutto pensando al problema del burn-in che è impossibile evitare su un pc dove hai delle barre immobili per ore e ore... da prendere solo se si è abituati a cambiarlo ogni paio di anni

PluNdeR

pannello a 60hz ?

Sagitt

mi sembra corretto.........!!

franco

carino con ottimo hardware e componenti sostituibili
il difetto principale è che per giocare i notebook (tutti) non vanno bene

KologarnIlGigante

Onestamente togliere il lettore sd dai mac è stata proprio una scelta del "c4zzo". Di questo mattone non mi interessa.

KologarnIlGigante

E non centrano niente tra di loro.

KologarnIlGigante

Ha più o meno le dimensioni di una Punto ma è compatterrimo!

KologarnIlGigante

Apple è per perzone falzeh che bevono il kaffèééèèéé!éè1!!£1

KologarnIlGigante

Prego!

Michealknight

Per quella fascia di prezzo sì guarda prima alla GPU.

look47

Sono abbastanza d'accordo con te, un 13" da due kg e mezzo mi sembra insensato (non che lo potessero fare più leggero)

look47

È estate fratello, anche io ho letto "incomprensibili"

look47

Computer =scheda grafica non è un'equazione giusta

look47

Sogno da almeno 3/3500 €

look47

Display veramente al massimo, ho fatto fatica a distinguere la cornice inferiore dal display per tutta la durata del video. Per il resto macchina top, anche se non capisco il perché di un "ultrabook" così, difficile che uno giochi in mobilità, lo vedo un po' fine a se stesso

Menthis

Allora dammi dati statistici che dicono che la gente che lavora fuori sede non ha tempo per giocare la sera ;)

Alla ricerca del tempo perduto

personalmente della gente comune mi interessano i comportamenti di massa non quelli soggettivi, in quanto irrilevanti a fini statistici.

sickOfTech

Sbagli :)

Alex Alban

Ah ecco, menomale

ca600lg

I macbook hanno la barra Oled

Andreapso

Sì, il macbook Pro da 15 ^_^

Andreapso

Yes, it's a wonderful notebook ^_^

CAIO MARIOZ

A me sorprende che ci sia gente che lo compra, al posto di un Razer o di un ROG

Menthis

E chi te lo dice? per un periodo sono stato spesso fuori, la sera ero in Hotel e giocavo con il mio 3ds.

nessuno29

Puoi sempre tenerlo spento eh.

IlRompiscatole

- è folle che siano riusciti a farlo dissipando efficacemente il calore
- non sai di cosa parli, seriamente.
- ah no? :-D
il 13" non ha una gpu dedicata, ci credo che non va in throttling :-D
La 1060 da sola ha un tdp di 100 watt, questo portatile deve dissipare un carico cinque volte quello del mbp 13". Cinque volte. Ti pare poco? :-)

MBP 15 2013/14 750M
"Our stress test with Prime95 and FurMark shows that the CPU in particular reaches very high temperatures, close to 100 °C (212 °F). As we mentioned in the Processor section, we can see a drop below the nominal clock"

MBP 15 2015 M370X
"After our one-hour stress test with Prime95 and FurMark (Windows), the CPU runs at only1.2 GHz, while the graphics card is also limited to just 400 MHz"

MBP 15 2017 Radeon 555 (non top di gamma, vedrai che la top di gamma farà di peggio consumando di più)
"The processor quickly reaches temperatures of above 90 °C (~194 °F) and reduces its clock. We can see fluctuations between 2.2 and 2.4 GHz over the course of the test. The graphics card also runs at a slightly lower clock (693 MHz), but the GPU is cooler at 78 °C (~172 °F)."

Riguardo alla potenza della Radeon Pro 555:
"It is not surprising that the Radeon Pro 555 is on par with the old Radeon Pro 455 as well as the old Nvidia GeForce GTX 950M in the synthetic benchmarks. The current GeForce GTX 1050 on the other hand, is much faster. The suitable rival based on the Pascal architecture is the brand-new GeForce MX150 (laptop version of the GT 1030)."

In generale spesso i MBP vanno in throttling anche sotto carico misto (gioco ad esempio ma anche rendering sotto premiere con cpu e gpu attive non al 100%).

Non c'entra l'essere pc gaming, c'entra il capire come sia difficile dissipare tutto quel calore in così poco spazio e capire che il rapporto peso/potenza di questo coso è piuttosto incredibile :-D
Se non lo capisci puoi scrivere un commento come il tuo sopra, se lo capisci non puoi fare a meno di restare sorpreso :-D

John

A quel punto meglio una switch o una console portatile

John

Concordo, chi viaggia tanto per lavoro trova altro da fare e comunque questo tipo di portatili sono tutt'altro che comodi

CAIO MARIOZ

- appunto è folle
- perché dopo pochi anni puoi cestinarli
il mbp 15 2016 non va in throttling, nemmeno il 13 2017
ma non c'entrano nulla con questi laptop dato che non sono pc gaming

IlRompiscatole

Non ho capito il punto sulla lega di magnesio :-D
Va in throttling se fai partire due stress test (cpu e gpu)... difficile che succeda in un qualsiasi caso reale.
Prova a farlo su un mbp 15" con hardware nettamente inferiore e vedi che risultati ottieni :-D
Seriamente, riuscire a mettere una 1060 su un 13" é una roba folle :-)
Per quali motivi non sono adatti gli oled?

CAIO MARIOZ

magnesio ahahah una lega poverissima di magnesio
poi nei computer gaming non si sono mai utilizzati i pannelli oled, per evidenti motivi.
l'hardware è ottimo, non l'ho criticato, ma essendo su un 13 scalda a manetta e va in throttling.
ergo inutile spendere tanto quando non sfrutti l'hardware che hai pagato

IlRompiscatole

O.o
No, seriamente.. lo chassis di questo è in magnesio e la plastica esterna ha un rivestimento che ha retto anni sul vecchio 17x R4 senza mostrare il minimo segno di usura.
Parliamo del peso: poco più di 2kg per avere sopra una gpu che solitamente trovi dai 17" in su.
2000€ per uno schermo oled, una gpu superiore (parecchio) al top di gamma mbp 15" ed un rapporto peso/potenza incredibile.
Mi sa che ti ricordi male di cosa erano i portatili da gaming dei primi anni 2000.

Mi spiace ma da un punto di vista prettamente tecnico ed oggettivo l'hai fatta fuori dal vaso in ogni singolo punto :-D

marco

Molto bello..ma quella tamarrata di touchpad colorato se la potevano risparmiare

Fioravante Bisogno QV

su bestie del generi molti li ignorano

CAIO MARIOZ

no ovvio, ma è una comodità in più quando serve, altrimenti nessuno li farebbe

Fioravante Bisogno QV

perché uno usa il trackpad/mousepad/touchpad del portatile quando gioca

Alla ricerca del tempo perduto

una persona che viaggia molto per lavoro non ha il tempo per giocare

lupodany

io pure caro mio, dal 386 e si da anche il caso che vendere e riparare pc e mac sia anche il mio lavoro.
Vabbè io la finisco qua perchè non ti sopporto più; continua pure ad arrampicarti sugli specchi da solo che ho altro da fare. ciao

lupodany

va bene se vuoi la ragione te la do ma in quegli ero il proprietario di un negozio di pc e mac e non ho mai sentito quel termine. contento tu.. dai HAI RAGIONE brava paperella.

Gianni Papera

Nel senso che non sono andato a vedere nulla ciccio, io l'informatica la vivo da quando si cambiava floppy mentre si giocava.
Chi è andato a controllare le castronerie scritte sei tu e ancora continui e insisti.

Gianni Papera

Negli anni a cavallo tra il 2010 - 2012 venne usata in gergo la dicitura "aluminium" per distinguere i macbook pro Santa Rosa dagli unibody col nuovo design. Chiaramente non è mai stata una dicitura ufficiale, ma veniva usato soprattutto nei market dell'usato.

Ora io dico, è lecito non sapere un c4zz0, ma continuare a insistere come fai tu è veramente masochismo.

Menthis

Dipende, appunto, dallo stile di vita che hai. Una persona che viaggia molto per lavoro se ne fa poco di un fisso!

lupodany

vatti a vedere la partecipazione di apple e dimmi se puoi ancora definirle proprietarie. Gli Ax sono proprietari. I powerpc sono di motorola e imb. Informati! E ti sfido a trovare un errore nelle altre cose che ho scritto.

lupodany

nel senso che sei andato a vedere chi faceva i power pc.

Recensione TerraMaster NAS F4-220: adatto a casa e in ufficio

Asus VivoBook Flip 14: eccolo nella nostra anteprima video da IFA

Asus ZenBook Flip 14 e 15: la nostra video anteprima da IFA 2017

Recensione Surface Pro Core i5 e Core i7: fanless è meglio