PC Windows 10 con ARM? Intel avvisa: occhio ai brevetti

09 Giugno 2017 151

Intel l'ha presa larga, ma l'obiettivo è chiaramente Microsoft, Qualcomm e i partner che realizzeranno PC Windows 10 con architettura ARM entro la fine dell'anno, come preannunciato al Computex. Apparentemente, il post pubblicato sul sito ufficiale Intel in vista del quarantesimo anniversario del lancio del primo processore x86, l'8080, doveva svolgere una semplice e giusta funzione celebrativa, ma scorrendo tra le righe si individua un monito piuttosto esplicito rivolto a chi intende utilizzare l'emulazione x86 con processori ARM. L'ipotesi prospettata da Intel è che si possano violare brevetti in suo possesso.

Intel non cita espressamente Microsoft e le altre aziende coinvolte nel progetto, né tanto meno l'architettura ARM, ma prima cita l'esempio di Transmeta ...

Ci sono stati report su alcune aziende che possono provare ad emulare l'ISA (Instruction Set Architecture, ndr) x86 proprietaria di Intel senza l'autorizzazione di Intel. L'emulazione non è una tecnologia nuova, e Transemta è stata l'ultima compagnia a dichiarare di aver prodotto un processore compatibile x86 con la tecnica dell'emulazione (morphing code). Intel ha fatto rispettare i brevetti relativi ai miglioramenti del set di istruzioni SIMD contro l'implementazione x86 di Transmeta anche se usava l'emulazione. Transmeta non ha avuto un successo commerciale ed è uscita dal mercato dei microprocessori 10 anni fa.

... e poi arriva alla stoccata finale che lascia intendere in maniera molto poco velata la volontà di contrastare tentativi analoghi, se gli stessi avverranno violando i diritti di proprietà intellettuale detenuti dall'azienda di Santa Clara:

Solo il tempo dirà se nuovi tentativi di emulare l'ISA x86 incontreranno un destino diverso. Intel accoglie con favore la concorrenza nel rispetto dei termini di legge, e siamo fiduciosi che i microprocessori Intel, che sono stati espressamente ottimizzati per implementare l'ISA x86 di Intel per quasi quattro decadi, forniranno esperienze incredibili, la coerenza tre le applicazioni e un'ampia gamma di offerte per i consumatori e le imprese. Tuttavia non accettiamo l'illegittima violazione dei nostri brevetti e ci aspettiamo che altre società continuino a rispettare i diritti di proprietà intellettuale di Intel.

e ancora ..

Protezioni della proprietà intellettuale molto forti consentono ad Intel continuare ad investire le ingenti risorse richieste per far progredire l'ISA x86 e Intel manterrà la sua vigilanza per proteggere queste innovazioni e questi investimenti.

Perché Intel si sia preoccupata così tanto di ribadire la volontà di prevenire un abuso dell'emulazione x86 è facile da intuire: benché l'azienda abbia diversificato - in maniera più decisa negli ultimi tempi - la sua attività, trasformandosi da chip-company in una data-company, il business dei processori è ancora rilevante. L'arrivo di Qualcomm con la sua architettura ARM anche nello spazio dei PC Windows 10 potrebbe dare uno scossone al mercato e sottrarre quote di mercato ad Intel.

Per il momento si tratta di un ''semplice'' ammonimento preventivo. Microsoft e soci avvisati, sperando che il progetto che stanno portando avanti non subisca rallentamenti: a farne le spese, sarebbero infatti gli utenti finali.

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone 8 Plus, in offerta oggi da Tiger Shop a 765 euro oppure da Amazon a 839 euro.

151

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ricky aty

ciao esistono computer fissi con cpu ARM azinda chiamata trovare su google Avantek computer sulla sezione ARM desktop processori ARM della cavium

ricky aty

ciao ste esistono computer fissi basati ai processori ARM cerca su google Avantek computer sulla sezione ARM desktop basati sui processori ARM della cavium

ricky aty

vorrei provare questi cpu ARM con win 10 :)

ricky aty

e una ricerca tecnologica fai andare avanti questa tecnologia

ricky aty

certo la microsoft fa bene a cambiare strategiemi piacerebbe provare questi cpu ARM che gira con windows 10

pietro

Il discorso di per sè non fa una piega, ma non so se l'm3 sia più performante dell' a10x, più che altro girando su os diversi oltre che ad avere architetture diverse, diventa un problema trovare il modo per fare un confronto prestazionale oggettivo.

Su una cosa però metterei la mano sul fuoco, la parte grafica di a10x credo sia parecchio più performante di quella del miglior m3

pietro

Beh, l'utente medio non sa nemmeno cosa c'è nel PC, quindi tantoemo sa di architettura, lo vede fuori e vede più o meno come va.

Questa può essere una chiave di ragionamento, i prodotti Windows con soc arm, una volta sul mercato funzioneranno bene?

adolf_intel

Capisco il tuo ragionamento, ma se vuoi rimpiazzare un prodotto con un altro, il tuo deve essere compatibile, altrimenti è un prodotto inutile.
A me interessa soprattutto il punto di vista dell'utente, che si ritrova confuso davanti a varie macchine che sembrano tutte dei PC con Windows 10, ma solo alcune sono dei veri PC, capisci perchè ogni volta che vedo proposte di Windows su ARM mi viene il voltastomaco?

pietro

Ripeto, tu, partendo dalle prestazioni, parti già da un presupposto sbagliato. (Anche in termini di efficienza delle stesse tra l'altro)

Il punto è che tirano fuori un prodotto che va a coprire una fascia dove Intel è sguarnita, a prescindere da quanto faccia schifo la soluzione, Intel stessa viene spinta proporre una soluzione concorrente.

Non me ne frega niente di quanto è come vada, non ci devono fare le workstation con sti soc, ma dispositivi fanless con modem integrato, a bassissimo consumo, con una buona grafica a prezzi si presume aggressivi, e visto che di prodotti simili sotto il rene se ne trovano pochi, a me, schifo non fa.

Se poi ci fermiamo sull' "INTTEL E MELIO" allora ti do ragione anche se mi dici che gli asini volano

Boronius

Secondo il mio parere Microsoft fa bene a diversificare, restare legati ad una unica tecnologia di CPU è pericoloso per un produttore di sistemi operativi, e infatti abbiamo visto con il discorso del mobile. Una piattaforma come il .NET può funzionare con qualunque CPU moderna, inclusi MIPS e anche i 68040 presumo, la obbligatorietà del software legacy x86/x64 con il passare degli anni diminuirà in modo drastico, viceversa il .NET diventerà sempre più potente e facile da programmare sia in ambito server che desktop che mobile, raggiungendo e superando perfino Java (ricordo a tutti che oggi come oggi già è possibile programmare in C# su Linux con ottimi risultati)

adolf_intel

Ed ecco il pollo che aspettavo.
L'emulazione di x86 su ARM è lenta (emulazione o ricompilazione che sia); anche se può eseguire del software x86, nel migliore dei casi avrà la velocità di un Pentium 3. E anche se non fosse così, è legalmente ambiguo, dato che sia Intel che AMD hanno i diritti sulle varie estensioni di x86 (tra cui soprattutto AMD64).
Inoltre, non mi sembra che i SOC ARM siano a "bassissimo costo" ultimamente. Sicuramente la fascia bassa la userebbero per PC a basso costo tipo sulle 180-200 euro; ma quelli più di fascia alta andrebbero su PC a basso consumo, quindi con un prezzo medio-alto, con cui l'utente si aspetta di poter combinare qualcosa.
Questa non è concorrenza, ma mettere casino in un mercato: se io sono un utente che non so nulla di CPU e compro un PC con Windows 10, mi aspetto che questo sia in grado di eseguire tutto il software per Windows, o no? Glielo spieghi tu a un cliente che ti ha appena speso 500-600 euro di PC che non può eseguire Autocad perchè ha una CPU ARM?

P.S. Non ho idea di cosa intendessi quando hai scritto "Windows 10 farà girare proprio i software win32, exe compresi su arm (solo 32bit)". Ti riferisci alle API Win32 (che non solo a 32 bit, ma anche a 64 da 10 anni a questa parte), oppure ti riferisci alle applicazioni per Windows a 32 bit? Oppure ti riferisci ad ARM a 32 bit? (che è morente).
Ho visto anche io la presentazione di Microsoft in cui hanno fatto vedere alcune applicazioni x86 eseguite su uno snapdragon, e non son se ti ricordi, laggava parecchio e faceva fatica a riprodurre un video in 1080p.

pietro

Che schifo la concorrenza.
Non hai pensato che magari Intel potrebbe riprendere la produzione di soc a bassissimo costo e consumo per rispondere a Qualcomm/ms?

Ezio

i prezzi di arm sono a prescindere bassi. e l'835 non è un'esclusiva, lo montano cinesi di 300 euro. un tablet xiaomi con Windows e 835 ad esempio

ste

Infatti ovviamente parlavo dei processori mobili di intel, non di certo di quelli desktop

ste

Peccato che 1 non hai la controprova perché non utilizzano lo stesso sistema operativo e soprattutto 2 no un m3 non ci sta nel ipad pro, non trovi nessun tablet windows spesso 6.1mm che pesa 460 grammi con schermo da 10,5 pollici e quel volume e quella batteria che faccia 10 h di schermo

adolf_intel

Io non posso credere che quì ci sia gente che veramente crede che dei PC con processori ARM siano una cosa buona.
Ma vi rendete minimamente conto del disastro che porterebbe? Un PC non x86 non è un PC. L'emulazione x86 su ARM è lenta da fare schifo e legalmente borderline; senza x86 Windows è limitato alle sole applicazioni UWP quindi è inutile.
L'unica cosa che qualsiasi persona minimamente informata di tecnologia dovrebbe volere è concorrenza per Intel da parte di AMD, ma nel mercato x86, perchè senza di esso, il PC come piattaforma è finito.
E adesso aspetto gli espertoni di turno che dicano le loro boiate.

Rock21

Intel ma sparisci !!!!!!!!

Davide

riesce (in realtà no perché non è compatibile ma ipotizziamo che lo sia) ad accendersi e poi si brucia visto che dissipa 40W. Prendi anche solo un Core M3, il più scarso che trovi, e avrai comunque performance migliori dell'A10X.

ste

Infatti metti il tuo bel i3 dentro ad un ipad o ancora meglio ad uno z4 tab, poi vedi se riesce ad accendersi

nitrusOxygen

Direi dell'anno, forse si sono già scordati le multe pagate per concorrenza sleale!

IRNBNN

Personalmente dati i problemi con alcuni bios ed i prezzi ancora elevati di ryzen preferisco intel (poiche ha una piattaforma piu rodata e molto piu ottimizzata dai software di terze parti), ma intel ha abbassato leggermente i prezzi dall'uscita di ryzen senza contare che ora finalmente sta tirando fuori cpu con piu core e la serie i9...direi che AMD ha fatto smuovere un po le acque.

IRNBNN

La barzelletta del mese

romeop

d'accordo in pieno, intel ha affossato i lmobile di Microsoft che giustamante ha bussato a Qualcomm

Freerider

Beh è diminuito ma i compiti sono molti diversi. Su mobile non serve tutta questa potenza ma serve più che altro RAM (ma nemmeno quella). Tutta la potenza che c'è ora serve per colmare lacune software (non me ne vogliano i f4n di un qualunque OS). Un SoC mobile non potrà mai essere paragonato ad uno "normale" perché i compiti che svolge l'OS sono molto diversi. Su desktop bisogna prevedere l'utilizzo di software che potrebbe impattare sul processore, mentre su mobile le attuali app non richiedo tutta questa potenza di calcolo. Gli unici dispositivi che potrebbero avere bisogno di potenza attualmente sono i win10m e l'S8 per via di continuum che deve gestire un bel po di cose tra parte deskotp e smartphone. Anche le app per il foto ritocco su mobile si basano sulla potenza di calcolo del cloud, allo smartphone è chiesto davvero poco lavoro se non gestire le risoluzione esagerate che ci stanno mettendo sopra.

floc

il fatto che si rinnovino più spesso non vuol dire che siano più utili ma che diventano vecchi prima. Ed è una SOSTANZIALE differenza ed è l'errore in cui cadono molti.

Davide

l'i3 asfalta l'a10x senza diritto di replica, senza contare che ormai ARM va avanti solo grazie ai miglioramenti del pp e poco più. Faceva anche i numeroni in passato (+40-50%) ma il 50% di poco resta poco e mezzo.

yammocaccadiblog2

Si rinnovano gli smartphone molto più spesso dei pc. Quindi direi che c'è anche una perdita di utilità Di utilità dei pc.

yammocaccadiblog2

Con l'evoluzione attuale è tutto da vedere.

MatitaNera

nel business senza dubbio, nel consumer invece direi di sì

IlRompiscatole

Azz, mi hai preceduto :-D

IlRompiscatole

"Intel accoglie con favore la concorrenza nel rispetto dei termini di legge"
ahahahah

yammocaccadiblog2

Sembra che l'unico che stia piangendo sia tu

yammocaccadiblog2

Dici? Vuoi mettere un apple a10x contro un i3?

Diplo

Non puoi intaccare 10 anni di dominio(scorretto oltretutto) in 3 mesi dall'uscita delle nuove cpu AMD.

Davide

non diciamo boiate. Un i3 p1scia in testa al miglior processore ARM e poi lo prende pure per il cul0. Sono potenze neanche paragonabili.

Davide

ARM al massimo riuscirà a fare concorrenza nella fascia sotto ai Core M. Al di sopra non ha chance. Il loro problema è che essendo una architettura non pensata per le alte prestazioni, non appena cercano di "andare forte" i consumi esplodono. Già in passato ci sono stati chip ARM per server che alla fin fine consumavano più della controparte x86. Con l'uscita degli Xeon D Intel ha segato le gambe sul nascere alle proposte ARM.
In ambito high performance dubito vedremo mai una CPU ARM competitiva.

Freerider

Mah, per me no, al build di due anni fa hanno fatto il botto con HW spettacolare (Surface book, Surface hub), l'anno scorso un'ottima build con altro ottimo HW (Surface AiO) seguita però da troppi ritiri delle funzioni che avrebbero dovuto rilasciare. Mentre il build di quest'anno supera di gran lunga qualsiasi evento dei competitors, sperando però che tutte quelle funzioni non facciano la fine di quelle di CU.

ste

Spero vivamente che MS, apple e google li facciano pentire di questi anni passati a "vivacchiare" sugli allori, neanche 3 anni da il divario tra il peggior i3 e il miglior soc arm era imbarazzante, adesso invece siano quasi al sorpasso, se non è gia avvenuto

Matteo

Intel... https://uploads.disquscdn.c...

ste

Però devi considerare che negli ultimi soc arm è integrato tutto: wifi, lte, gps etc..

floc

no, ho gestito 2 parchi macchine di un certo tipo per diversi anni ed è appunto quello che scrivevo. Sono le logiche di rinnovo ad aver ridotto il mercato alla stagnazione, non la perdita di utilità del pc in quanto tale.

ste

Ce ne sono un infinità rispetto ai processori mobili x86, costi minori, consumi ridotti, dimensioni inferiori, tutti i cip (wifi, gpu, modem) integrati nel soc, non necessitano di ventole Etc.. Poi invece nell'ambito desktop per ora è un'altra storia.

Simone

Il pepe al xul0 di Intel ora è doppio

MatitaNera

da qualche anno è palesemente troppo, facciamo qualche mese ?

MatitaNera

d'accordissimo sulla produttività, mai detto il contrario, forse però ti sfuggono i numeri in gioco tra consumer e business (e le logiche di rinnovo)

floc

forse non li usa chi il massimo scrive sul blog o su fb mentre è al cesso... Aziende e produttività personale si fanno ancora su pc, il fatto che il mercato sia in crisi è perchè le aziende stringono i cordoni della borsa e non cambiano il parco macchine, non perchè non servano. I vari soloni che dichiarano che "ormai si fa tutto dal tablet" non hanno capito un tubo del mercato e della realtà.

Del Fante Guido

La possibilità di PC Arm, permetterà di abbassare i costi ed avere piu concorrenza visto che AMD non ha intaccato minimamente il dominio intel

xan

tutti i programmi windows che non sono sul windows store usano win32 che usa x86.

l'unico modo per usare questi programmi senza modificarli è implementare x86

PS se ti limiti allo store microsoft, puoi fare quello che dici te

xan

riassumendo quello che dici: Windows 10 S potrebbe non infrangere alcun brevetto.

inoltre considera che le app in UWP (il .net di w10) gia girano senza problemi sia su ARM che su x86 senza cambiare 1 riga di codice

Freerider

Beh MS da qualche anno a questa parte ha cambiato nettamente marcia, gli ultimi eventi di MS sono stati una spanna sopra a quelli dei diretti concorrenti. Se intel avesse tenuto il passo, MS avrebbe potuto mette in piedi cose ancora migliori.

Recensione TerraMaster NAS F4-220: adatto a casa e in ufficio

Asus VivoBook Flip 14: eccolo nella nostra anteprima video da IFA

Asus ZenBook Flip 14 e 15: la nostra video anteprima da IFA 2017

Recensione Surface Pro Core i5 e Core i7: fanless è meglio