Occhiali olografici. Microsoft ci pensa

21 Maggio 2017 19

E se la tecnologia di Realtà Aumentata sviluppata da Microsoft venisse integrata in un dispositivo molto più compatto degli Hololens? Sarebbe probabilmente un passo avanti importante per consentire l'utilizzo degli ologrammi negli ambiti più disparati - da quelli consumer per arrivare ad impieghi professionali. Un recente progetto di Microsoft Research testimonia gli sforzi della casa di Redmond per rendere più confortevoli i dispositivi olografici.

L'idea è semplice, la realizzazione un po' meno: prendere la componentistica necessaria alla visualizzazione degli ologrammi - gruppo ottico, specchi e cristalli liquidi - ed integrarla nella montatura degli occhiali. Pur non trattandosi di un dispositivo standalone come Hololens, visto che l'hardware che genera gli ologrammi (CPU, GPU, RAM, etc) sarebbe comunque esterno, la riduzione degli ingombri rispetto alla vistosa visiera di Hololens è notevole.

Tra il progettare il prototipo (ved. video in alto) e una versione commerciale del prodotto il basso non è certo breve, anche alla luce delle difficoltà tecniche emerse e risolte in parte. Il primo ostacolo riguarda la qualità dell'immagine olografica prodotta: a causa delle dimensioni ridotte, i proiettori delle immagini olografiche hanno richiesto un lavoro di ottimizzazione al fine di rendere le immagini effettivamente usabili.

Microsoft, ad esempio, ha impiegato la tecnica del motion tracking oculare per migliorare il dettaglio visivo nel punto in cui cade lo sguardo; sfruttando la GPU (esterna, come detto), è stato inoltre possibile apportare ulteriori correzioni alla resa olografica, comprese quelle che compensano deficit visivi dell'utente, come l'astigmatismo.

Il progetto presenta due grossi limiti che al momento non appaiono facilmente risolvibili: il primo è la già citata dipendenza da un hardware esterno - lecito mettere in conto una connessione cablata ad un'unita di calcolo addizionale - in secondo luogo le immagini olografiche generate dai particolari occhiali sono monoscopiche e non stereoscopiche. Come ogni progetto di ricerca, non è detto che quanto mostrato sarà trasposto in un prodotto consumer/pro.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Punto com shop a 699 euro oppure da Amazon a 748 euro.

19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Simone

Tipo? Sostituito al 100% con Windows Hello e il volto.

Alpha

Dipende dall'utilizzo

Squak9000

Quello sarà il futuro

Squak9OOO

Non esistono gli ologrammi...

Santo

Tutto ciò mi ricorda la S.O.L.A.

grisp

https://uploads.disquscdn.c... skynet è arrivata!

Michele M.

L'effetto combinato del colore verde e delle aberrazioni fa molto retro-futurismo anni 80! Mi piace :D

manu1234

Tipo magic leap, sono talmente comodi che è come non averli

Squak9000

Ma gli Hololens sono comodissimi!

Simone

Vai su WBI oppure MSPU

ste

Do uno sguardo grazie

Simone

Abbastanza inutile quello comunque...

Simone

Surface Modern Keyboard?

ste

dove l'avete vista?

momentarybliss

Un ologramma deve essere un immagine tridimensionale visibile a occhio nudo nello scenario, se può essere visualizzata solo indossando delle lenti è una contraddizione in termini. Probabilmente questo studio serve a MIcrosoft per vedere come ridurre l'ingombro degli Hololens

TheBestGuest

Senza un rivoluzione nelle batterie, la tecnologia farà sempre più fatica ad innovarsi :(

Simone

Chissà il prezzo

manu1234

E fingerprint

Simone

Dopo l'assenza di Hololens 2 mi aspetto molto dalla prossima "gen".
Uscendo fuori tema, Microsoft certifica una nuova tastiera Bluetooth (se non sbaglio 4.1) con tanto di USB e tastierino numerico

Recensione TerraMaster NAS F4-220: adatto a casa e in ufficio

Asus VivoBook Flip 14: eccolo nella nostra anteprima video da IFA

Asus ZenBook Flip 14 e 15: la nostra video anteprima da IFA 2017

Recensione Surface Pro Core i5 e Core i7: fanless è meglio