Recensione Dell XPS 15 9560

21 Aprile 2017 876

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Una valutazione ponderata e attendibile di Dell XPS 15 9560 deve tener conto di un aspetto cruciale: la concorrenza non esiste. Tra i 15 pollici Windows, non ci sono alternative: HP Spectre X360 15 è un Dual Core, Asus ha CPU SkyLake, Acer non lavora su questa diagonale, Lenovo (720) potrebbe ma non si capisce quanto, quando e dove. Solo Apple, Macbook Pro 15 TouchBar, merita di essere affiancato per potenza (inferiore) e qualità generale (superiore) all'ultimo Dell, ma le differenze sono chiare e nette, ed il confronto stroncato da un risultato scontato: Mac come macchina professionale per chi non ha limite di spesa, vuole espansione e non usa la Adobe Creative Suite sul serio, Dell come macchina professionale per tutti gli altri.

MacBook Pro ha una costruzione più moderna ed una componentistica più pregiata (le 4 Thunderbolt a piena banda, l’impianto audio, tastiera e touchpad, la velocità della SSD PCI-E), Dell XPS 15 9560 paga il design di 2 anni fa ma risponde con una scheda grafica Nvidia che rende un +40% su certi contesti, con una batteria che regge 7 ore anche nella versione 4K, con la possibilità di aggiornare RAM e memoria SSD. E con un prezzo più basso, parecchio più basso.



Al netto delle offerte e delle promozioni periodiche dell’e-shop ufficiale Dell (mentre scrivo, c’è uno sconto di 200 o 300 euro sul prezzo di listino: la versione FHD i7/16/512 costa 1599 euro anziché 1799 euro) Dell XPS 15 9560 si compra con una spesa che va dai 1499 ai 2099 euro mentre Macbook Pro 15 parte da 2799 euro. Il risparmio è notevole anche considerando tutte la variabili del caso, ed è credibile in rapporto agli altri Ultrabook Windows. Prendere un Dell, adesso, conviene. A patto di essere consapevoli che potrebbe servire un po’ di lavoro per tirargli fuori l’esperienza migliore.

Ad esempio, il famoso freeze di Chrome ogni tot secondi dovuto ai driver della Intel Graphics HD 630 integrata, oppure la discussa caduta di connessione Wi-Fi a 2.4 GHz, certi casi tutto-sommato-rari di coil whine con alimentatore collegato. Sono impicci risolti da aggiornamenti software (oppure da un cambio di PSU e non dell’interno notebook) in modo più o meno repentino, ma anche segni chiari di una ottimizzazione driver che viene fatta dopo la distribuzione, non prima del lancio. Eppure non c’è alcuna esclusiva hardware: il Core i7 Kaby Lake HQ e la GTX-1050 sono da almeno 3 mesi, e senza questi problemi, alla base dei laptop da gaming.

Pollici Dimensioni (mm) Batteria (Wh) Peso (gr)
Dell XPS 15 9560* 15.6 357 x 235 x 17 97 2070
Macbook Pro 15 TouchBar 15.4 350 x 240 x 16 76 1830
MacBook Pro 15 (2015) 15.4 360 x 247 x 18 99.5 2040
HP Spectre X360 15 15.6 378 x 247 x 16 64.5 1820
Asus Zenbook Pro UX501 15.6 383 x 255 x 21 96 2060

*: la configurazione con batteria 57 Wh pesa 1800 grammi, ma non è consigliata.

Il vincolo di questa macchina è tutto qui. C’è flessibilità hardware e potenza grafica, c’è robustezza e autonomia. Ci sono porte comode e un lettore SD molto veloce, temperature basse a regime e ventole assenti nel carico di tutti i giorni. Il sistema operativo è sempre più alleato del touchscreen. Il touchpad è tra i migliori di sempre, l’alimentatore da 130 watt adeguato. Serve solo comprensione nell'accettare certi imprevisti, certi lavori da fare, quella manutenzione alla ricerca di un setup perfetto che fino a 2 anni fa era la norma ma che adesso pretendiamo arrivi di serie. La differenza con i Macbook Pro è soprattutto questa.

Se si esclude chi sfrutta le applicazioni Apple e quindi trova, per forza di cose, inadatto Windows, avviare per la prima volta macOS senza fare nulla per migliorarlo equivale a sfruttare il 95% delle sue potenzialità. Comportarsi così sul Windows 10 di Dell XPS 15 9560 significa usare l’80%, forse il 70%. Ripeto: ci sono differenze pratiche tra i due rivali. Tuttavia quando non bastano a chiudere il discorso, andrebbe valutato questo: Dell XPS 15 9560 arriva acerbo.



La sua implementazione hardware non mostra problemi nei test. Il pannello Sharp SHP1476 della versione 4K arriva a 397 nit (la versione FHD resta un po' più bassa; per riferimento: Macbook Pro 15 arriva a 541 nit), non usa la modulazione ad impulsi (PWM) per ridurre la luminosità e, con l'ultimo Windows 10 Creators Update, convive meglio con le UI delle applicazioni non ancora ottimizzate per schermi HDPI. La mia unità di test mostra un accenno di bleeding a schermo nero, un leggero alone rossastro visibile di lato e enfatizzato dal vetro. Leggo in rete (non ho gli strumenti per misurarlo) di un tempo di risposta basso e quindi di un pannello non adatto ai videogiocatori più esigenti - ma d'altronde questo non è un laptop da gaming ed è un compromesso che ci sta.

Scheda tecnica Dell XPS 15 9560 UHD

  • Schermo 15.6” 3840x2160 pixel Touch / Sharp IPS SHP1476 / Gorilla Glass
  • Processore Intel Core i7-7700HQ 2.8 - 3.8 GHz / GPU Intel HD630
  • Scheda grafica Nvidia GeForce GTX-1050 (4 GB GDDR5)
  • Memoria RAM 16 GB DDR4-2400 (2x 8 GB) / Max 32 GB
  • Archiviazione SSD Toshiba XG4 m.2 NVMe 256 - 512 GB / HDD 1 TB + 32 GB SSD
  • Connettività Wi-Fi ac Killer 1535 2×2, Bluetooth 4.1, Lettore impronte digitali
  • Porte Thunderbolt 3 (PCIe 3.0 x2), 2x USB 3.0, HDMI, jack 3.5 mm, lettore SD
  • Batteria 6 celle 97 Wh / Alimentatore 130 watt (430 grammi) / Webcam 720P

XPS 15 9560 è tra i migliori portatili per fedeltà di riproduzione dei colori: la copertura Adobe RGB sfiora il 100% con impostazioni di fabbrica. Dal software Dell PremierColor (realizzato in collaborazione con Portrait Displays, l'azienda di CalMAN) si riesce a ottimizzare la resa attivando i profili già pronti o calibrando ad-hoc con colorimetro X-Rite. Comodo il poter associare un profilo colore ad un determinato programma, così da trovarsi sempre con la regolazione giusta (ad esempio per un film o per il fotoritocco). In confronto con altre procedure di taratura mi è sembrata un po' svelta per essere accurata, ma la suite gratuita è uno dei suoi punti di forza. Fa piacere trovare questa attenzione; l'installazione senza bordi InfinityEdge avrebbe concesso a Dell la rendita ancora per una generazione, senza fare nulla. Ma sono stati curati i dettagli quindi bene così.

Molto meno elegante la scelta di installare moduli SSD di produttori diversi con prestazioni diverse a seconda della disponibilità. Trovarsi con un Samsung, un Toshiba o un Lite-On significa avere tempi di scrittura e lettura diversi. Le velocità restano alte perché l'interfaccia resta NVMe, ma in certi dettagli la differenza può essere importante: il mio Toshiba THNSN5512GPUK da 512 GB, ad esempio, ha prestazioni migliorabili nei file 4K. Chi si è trovato con un modulo Samsung PM961 raddoppia queste velocità.

Dell XPS 15 9560: upgrade hardware

La compensazione arriva una volta smontato il pannello, perché Dell XPS 15 9560 fa aggiornare la RAM DDR4, il modulo SSD e la scheda wireless Killer. Una mano esperta cambia anche la batteria, sostituisce la pasta termica per migliorare le temperature interne e quindi la capacità di stare ai massimi giri senza throttling, aggiunge dei pad termici per dissipare il calore dei MOSFET più vicini alle heatpipe attraverso il coperchio metallico. Queste possibilità di modding a XPS 15 9560 fanno perdere la garanzia e un po' di piacere estetico (l'assemblaggio con viti sporgenti, adesivo e pasta termica sbordante non è mai bello) ma migliorano la manutenzione e lo rendono più adeguato a sopportare il passare dei mesi e degli anni. Visto il prezzo di vendita, è meglio così. Aggiornare un Ultrabook da 15 pollici è cosa rara; Dell lo permette e non c'è molto altro da dire.



L'idea di abbassare le temperature attraverso il repasting viene fuori perché la GPU Nvidia porta al throttling termico del sistema quando si lavora con forte stress. Nel grafico Prime95+FurMark sotto, la riduzione della frequenza di clock della CPU è importante, così come lo è il cercare di restare sui 35 watt di TDP dopo una breve licenza extra soglia. Quando la scheda grafica è la integrata Intel, o quando il carico sulla GTX-1050 non è estremo, il Core i7-7700HQ resta alla massima frequenza in Dual o Quad Core per tutto il tempo necessario. Sotto c'è l'esempio del rendering con Premiere Pro. Nell'uso di tutti i giorni, il portatile lavora freddo con core attorno ai 50°C e ventole appena accennate; capita che un video Youtube o una pagina web piena di pubblicità ne faccia accelerare una, ma non si arriva mai al fastidio.

Benchmark Dell XPS 15 9560 (4K)

XPS 15 9560
i7-7700HQ/1050/4K
Predator 17-793
i7-6700HQ/1070
MSI GE62 7RE
i7-7700HQ/1050Ti
XPS 15 9550
i7-6700HQ/960M/4K
GeekBench 3 3752/14258 3716/13147 3647/13977 3315/11507
Cinebench R15 80.86/621 95.92/669 -/745 76.70/591
GFX Bench 4 Car: 1540/6553
Man: 3581/14114
TRex: 3348/25335
Car: 3547/16048
Man: 3720/24184
TRex: 3361/78679
Car: -
Man: -
TRex: -
Car: 1137/4665
Man: 1631/7545
TRex: 3345/17423
3DMark Time Spy: 1701
FireStrike: 5015
SkyDiver: 14613
Time Spy: 2528
FireStrike: 6956
SkyDiver: 20329
Time Spy: 5024
FireStrike Ultra: 3886
SkyDiver: 25119
FireStrike: 3961
SkyDriver: 12717
PCMark 8 Home: 3343 Home: 4541 Home: 4187 Home: 2924
CDisk Mark SSD Seq: 1626/902
4K: 22/66
Seq: 2529/1131
4K: 35/150
Seq: 552/490
4K: 22/106
Seq: 1737/590
4K: 42/158
Temp Max CPU: 93 °C
Esterna: 52 °C
CPU: 86 °C
Esterna: 50 °C
CPU: 86 °C
Esterna: 50 °C
CPU: 87 °C
Esterna: 50 °C
IPerf v2 Wi-Fi: 120/106 Wi-Fi: 78/52
Eth: 740/914
Wi-Fi: - Wi-Fi: 108/89

Test eseguiti con alimentatore collegato ad eccezione del controllo temperature. Impostazioni energetiche standard (Ottimizzato).

Sotto carico non è così: limiti prestazionali a parte, la zona alta della tastiera supera i 50°C e le ventole raggiungono RPM tali da farsi sentire anche da una stanza adiacente. Quando la GPU supera i 70°C e la CPU arriva a 90°C, si attiva una modalità di "protezione" che rende XPS 15 9560 un portatile rumoroso. Nel medesimo contesto si consumano 125 watt, appena sotto i 130 del suo alimentatore. Ci tengo a dire che questi livelli si raggiungono con i giochi, non con le applicazioni. E' il limite scontato dell'installare una scheda grafica di questa fascia su un portatile spesso solo 11-17 mm, dove per di più si deve gestire uno schermo 4K e si deve garantire una buona autonomia. E' complicato.


Ci sono dei compromessi tecnici, ma anche tanto margine per l'ottimizzazione. Nei primi, calore a parte, c'è la gestione stentata del display 4K. Sarà anche demerito di driver e impicci software, ma una timeline Premiere Pro complessa mette il modello UHD in affanno. Capitano rallentamenti con certi refresh o movimenti di finestre, e c'è una leggera latenza nel passaggio da un software all'altro quando questo si porta dietro un bel po' di RAM: un esempio è il multitasking spinto tra programmi aperti con diversi task in esecuzione. Sono inezie di poco conto (resta un portatile, non una workstation) ma che fanno ancora una volta preferire la versione con schermo Full HD. Di fatto, basta abbassare la risoluzione al modello 4K per trovarsi a lavorare su un portatile del tutto diverso, molto più reattivo e fluido.

Il margine per la messa a punto non riguarda solo la modifica hardware. Dell pre-installa la suite Dell Command - Power Manager per stabilire il comportamento delle ventole e della batteria. Oltre ad avere un portatile più o meno rumoroso, più o meno caldo e più o meno attento ai consumi, si possono migliorare i tempi di carica ed intervenire anche per disabilitarla quando si è certi che non servirà. Opzioni programmabili come Carica Avanzata e Spostamento del Picco fanno la differenza perché possono cambiare la resa del portatile, renderlo perfetto in un determinato momento. Come scritto sopra su PremierColor, è un'attenzione verso l'utente che fa piacere.

La preferenza alla versione Full HD assicura anche un'autonomia migliore. XPS 15 9560 4K riesce a coprire le 7 ore con schermo al 30% (adeguato in interni perché vicino ai 120 nit consigliati in una stanza ben illuminata) ma la versione FHD sfiora le 9 ore, ed è un risultato impressionante considerando l'hardware che c'è sotto. Vero che la batteria da 97 Whr regge il colpo, vero che Kaby Lake ha consumi ridicoli una volta a regime (vista l'analisi dell'andamento nella riproduzione Netflix HD nei grafici sopra? E' impressionante) ma c'è un giusto equilibrio ed è merito della componentistica. Il draining in standby è nullo. I tempi di ricarica adeguati alla capacità della 6 celle (ma l'alimentatore è più grande di quel che avrei voluto - si può usare la Thunderbolt 3 con PSU più snelli). Quando si può lavorare offline, senza internet - magari in treno per scrivere, fare una presentazione o un progetto AutoCad, si superano le 10 ore anche con display 4K. E' una durata da ultraportatile, a memoria la migliore autonomia per un Core HQ Windows.

Autonomia Dell XPS 15 4K

Consumo orario Autonomia
Internet work in Wi-Fi -15% 6.66 ore
Scrittura e lavoro offline -9.2% 10.8 ore
Youtube HD / Netflix HD -18% 5.55 ore
Giochi / Rendering / Stress test -49% 2.03 ore
Draining in standby (Wi-Fi) -0.18% 23 giorni
Tempo di ricarica (PSU 130 watt) +38% -

Luminosità schermo al 50% (circa 160 nit), audio al 50%. Piano energetico "ottimizzato".

C'è un imprevisto hardware che può essere più o meno importante a seconda di cosa si vuol fare. La porta Thunderbolt 3 è connessa con 2 linee PCI Express Gen 3 anziché 4, e questo significa avere una banda passante ridotta (16 Gbps) rispetto ai 40 Gbps previsti. Dell ha corretto questa indicazione nel suo sito ufficiale dopo che gli schemi a blocchi del portatile sono diventati pubblici - e dopo che i primi redattori hanno fatto caso a queste indicazioni. Cosa cambia? Niente per la maggior parte degli utenti, ma chi intende utilizzare periferiche esterne dove serve tanta banda sia in ingresso sia in uscita (un esempio: le GPU esterne per migliorare le prestazioni del monitor integrato) dovrebbe tenerlo in considerazione.

In tutto il resto è la macchina dell'anno scorso. Bella tastiera (50 grammi, 14 mm, retroilluminata), touchpad fluido e centrale, cerniera che si piega il giusto, webcam scomoda, finitura a copertura della fibra di carbonio che tende a trattenere le impronte. C'è il supporto HDCP 2.2 sulla HDMI, quindi anche adatto allo streaming in 4K (Netflix). Io trovo comodissimo il pulsante laterale per controllare la batteria. XPS 15 9560 è una macchina compatibile con Linux; in rete leggo di un ottimo supporto stock con Fedora 25 - oltre alla solita Debian/Ubuntu. Il BIOS, infine, è potente e versatile come da ultime implementazioni dell'azienda.

Pregi e difetti Dell XPS 15 9560

Il miglior hardware e il miglior display per un Ultrabook da 15 pollici.Si aggiorna: RAM, SSD e scheda wireless possono essere cambiati.Ha software che fanno la differenza: Dell PremierColor e Dell PowerManager.Comodo, silenzioso e freddo nell'uso di tutti i giorni.Di questi tempi, ha un prezzo di vendita conveniente.Compatibile con Linux (Fedora, Debian) quindi perfetto per il Dual Boot.
Alluminio esterno un po' dolce: il mio sample ha dei solchi dopo un maltrattamento leggero.La Thunderbolt 3 ha banda limitata dalla progettazione.Driver acerbi: serve il lavoro dell'utente per avere il meglio.


Considerazioni finali

Dell XPS 15 9560 migliora l'edizione passata nelle prestazioni, sopratutto grafiche (+30/40% sulla GTX-960M), nella cura verso il display, nell'autonomia e nel rapporto prezzo-prestazioni. E' ancora il 15 pollici Windows di riferimento. E' la macchina da lavoro perfetta per chi non ha intenzione di scegliere Macbook Pro 15 TouchBar. Rispetto all'ultimo Apple, usa hardware più potente, rassicura su quegli aggiornamento che il tempo potrebbe richiedere e riesce ad essere molto più conveniente. Perde in portabilità e pareggia l'autonomia solo nella variante Full HD (la consigliata) ma è una macchina equilibrata e adatta a tutti, meno snob.

Il vero compromesso è accettare il lavoro necessario per portarlo a regime. Al di là dei problemi con certi driver dovuti ad una messa in commercio affrettata (valgono su tutte le SKU, fino ad oggi su ogni singolo XPS 15 venduto o inviato per prova) è una macchina che richiede un utente dalle spalle larghe per dare il meglio. Si potrebbe semplicemente dire che è arrivato sul mercato acerbo, e forse è l'unica pecca delle macchine Windows di oggigiorno. L'azienda non ha colpe se l'utente non sa dove mettere le mani, se non conosce i metodi o se non ha tempo per capirli. Ma di certo qualcosa si poteva fare per garantire una base stabile, per affondare il colpo sfruttando l'azzardo solo-in-parte-riuscito di Apple.

Una scelta che vi fa onore? Honor 5c, compralo al miglior prezzo da Redcoon a 169 euro.

876

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
[-Mac-]

La TB3 ha comunque 40Gbps, sono le linee PCI ad essere 2, ma la banda resta comunque di 40Gbps.
Casomai il problema potrebbe essere il collegamento con una scheda video esterna tramite TB.
Ricordo anche che l'HDMI1.4 gestisce i 4K@30Hz.

[-Mac-]

No, questo ne ha 40 di Gbps, sono le linee PCI ad essere 2, ma la banda resta comunque di 40Gbps.
Casomai il problema potrebbe essere il collegamento con una scheda video esterna tramite TB.
Ricordo anche che l'HDMI1.4 gestisce i 4K@30Hz.

Radames Lovato

carcasse sono i notebook in generale... c'è un motivo se certi tipi di hardware hanno un determinato volume e prezzo,ti pare?in particolare per chi non vuole compromessi xD

[-Mac-]

La bellezza è soggettiva, se conta il peso con la versione FHD il peso è lo stesso, in ogni caso non che 1 etto in meno giustifica 1500€, anche perché con quei soldi oltre ad un XPS15 mi posso prendere anche un Surface Pro 4 con i7 che pesa 1Kg in meno del Macbook.
Non ti piace l'estetica di Windows 10: con Windows puoi anche modificare completamente l'interfaccia con appositi programmi e se vuoi proprio Mac OS che di certo non è un sistema immune ai virus (basta fare delle semplice ricerche per vedere che è così) puoi semplicemente fare un Hackintosh o installare Mac OS su macchina virtuale.
Ti ricordo che non c'è bisogno di nessun antivirus esterno da diverse generazioni Windows mette a disposizione un suo antivirus.

Youngstown

contando solo la forza bruta, hai ragione. Ma il design? il peso? la bellezza di un oggetto che non è solo una macchina da lavoro, ma anche un oggetto di arredamento? Poi non parliamo lato software: macos è decisamente più curato, più fluido e (anche se sta cambiando) meno esposto a virus, antivirus pesanti ecc. Pompo un xps, tutto bello, poi lo accendo e trovo quel design orribile di w10, le linee e i colori a caso, e mi viene male. Lo tollero solo se installato su una macchina da gaming che mi fa giocare serenamente in 4k, allora sì che ho un concorrente al macbook pro

Youngstown

il pc fisso non lo voglio vedere nemmeno dipinto, per me equivale alle prime biciclette con la ruota di due metri. Se non è portatile non serve. L'unica cosa fissa che posso tollerare è lo schermo da collegare saltuariamente a un portatile, che se fosse windows sarebbe sicuramente da gaming e non questa vecchia carcassa che è xps

SimoneCastellani

Ancora? Ma guarda che come ho scritto sopra non parlavo dell'os in se o di come funziona o come gira o mancate funzionalità, ho criticato il macbook per il prezzo eccessivo rispetto al dell, considerando anche l'inferiorità dal punto di vista hardware. Inoltre la maggior mole di software che gira solo su Windows è da tenere in considerazione.
Il macbook aveva senso quando veniva "solo" quei 500-600 euro in più rispetto ad un normale notebook e Windows si stava incartando con un os come vista. Ad oggi dove ci sono notebook all'altezza, con hardware superiori e prezzi moooolto inferiori, con win 10 e software multipiattaforma che girano perfino peggio su macos ( ad esempio suite adobe o programmi Autodesk) non ha alcun senso prendersi un macbook pro, se non per la semplice estetica (salvo alcuni casi particolari per esigenze software).

sMattoZ1

è praticamente la metà :/

eugenio Ambrogio

Recensione ottima potrei dire ma non sono d'accordo sul finale.
"L'azienda non ha colpe se l'utente non sa dove mettere le mani, se non conosce i metodi o se non ha tempo per capirli."
Invece ha colpe eccome, se compra 1500/2000€ di pc, mi aspetto che sia efficente sin da subito, ora io smanetto su i pc da quando c'era il DOS, ce l'ho come passione e dove mettere le mani lo so, ma per quale motivo devo farlo ? Non faccio mica il tecnico informatico, faccio il mio lavoro, qualsiasi esso sia, e vorrei accendere la macchina ed essere subito efficiente, sopratutto se ho spese quella cifra.
Quindi no, la colpa è loro eccome e non va bene affatto.
Punto secondo, trovo veramente assurdo che uno spenda 2000€ per una macchina e debba incrociare le dita nella speranza di beccare l'ssd migliore, oppure andare a sbattersi per vedere se c'è un modo per riconoscere il modello a priori.
Ora magari non sono cose che hanno rilevanza nella scelta tra il Dell e il Mac, ma giustificarle mi sembra davvero sciocco viste le cifre e l'ambito di utilizzo.

P.S
Fatela finita con quest'odio per Mac OS, differenze o meno, non voglio entrare nel merito che tanto non se ne esce, se uno può permettersi di spendere tot cifra in più per farsi una cosa che esteticamente gli piace di più, non capisco quale sia il vostro problema, ma andate in giro ad insultare quelli che si fanno un Audi A6 ? No perché anche l'A4 ha 4 gomme e un motore, così come le altre auto.

eugenio Ambrogio

Ecco non conosci Mac OS quindi fai più bella figura a scendere dal piedistallo e ti sto scrivendo da un fisso con windows e affianco ho un macbook pro.

Gark121

cad = gpu quadro = 1500€.

punto. con 850€ non riesci a prendere nemmeno un quad core decente, sinceramente, o alza il budget, o non avrà un prodotto adeguato alle sue esigenze.
per studiare, probabilmente gli basta un qualsiasi i5u (apri amazon e cerca il più conveniente 15" FHD che trovi con 8gb di ram e un i5u), ma per lavorare anche un minimo in modo serio serve una quadro.

con una quadro, la scelta si riduce molto, e in pratica le opzioni interessanti sono il thinkpad p50, il dell precision 7000 (il 3000 evitalo, fonde) e volendo qualcosa di più portatile (anche se meno potente), c'è il precision 5000, che in pratica è questo xps con una gpu diversa.
fine.
esiste anche hp, ma non conosco nessuno che ne abbia avuto uno e che non l'abbia detestato, per cui considerando i prezzi della linea z, direi che si può pure evitare.

Gark121

si, ci riesci, per gestire un 4k 60fps servono 10gbps, questo ne fa 16.
non riesci a gestire 2 monitor 4k, almeno non a 60fps.

comunque essenzialmente il limite è sulle gpu esterne, quelle non riesci a gestirle, il resto è fondamentalmente ok.

Fabio

io ho ordinato l' XPS 15: 8GB RAM, 256 GB SSD, FullHD no touch, ma ho notato che la batteria è la 56 wh e non la 97 wh, a quanto pare quest'ultima è solo per la versione top, secondo voi è così drammatica la differenza?

Merin

Non so se qualcuno lo ha già detto e nell'articolo, se non sbaglio, si accenna solo al modello di 2099€, ma sul sito esiste in vendita anche la configurazione con 1tb di ssd e 32GB di ram, a 2499€.

Fabio Giuliani

Come sfrutta le risorse che ha a disposizione. Un Mac è sempre al 100% in ogni condizione. Ho un MacBook Pro di quest'anno ma vengo da due generazioni di XPS. Ho restituito l'ultimo XPS perché aveva un coil whine insopportabile. Vi giuro ero davvero scettico nell'acquisto ma non vedevo altra valida alternativa all'XPS. L'ho preso (sapevo che avevo 14gg per restituirlo), vi giuro non tornerei mai indietro. Concordo che molti si fanno il Mac per "edonismo", ma dopo averlo provato vi dico che è una macchina formidabile. Non pensi a driver, a crash, etc.. Va sempre e comunque. Spezzo però una lancia a favore di Dell, quando li ho chiamati per il difetto mi hano detto che non garantivo la risoluzione del problema e mi hanno consigliato il rimborso, davvero onesti e veloci. Spero risolvano perché secondo me l'XPS è l'unica alternativa economicamente vantaggiosa al Mac (sempre pensando a quello che uno ci deve fare).

Fabio Giuliani

Poco prima di Natale presi il 9550, restituito dopo un mese causa coil whine insopportabile! Spero abbiano risolto con il 9560. Ho sempre avuto XPS ma alla fine sono passato a MacBook Pro: onestamente, macchina eccezionale anche se hardware molto inferiore. Del Dell rimpiango l'infinity edge che è veramente un piacere da vedere anche spento, ma lo schermo del Mac è superiore nel resto. Spero anche abbiano migliorato l'audio il 9550 era davvero orribile per un Laptop da 2k/€. Avevo un XPS 1645 che integrava un piccolo subwoofer e suonava benissimo. Comunque assistenza Dell sempre ottima e cordiali; mi hanno rimborsato in tempi brevissimi. Spero risolvano alcuni piccoli dettagli perché, secondo me, sono l'unica vera alternativa ad Apple.

Phabio Mocci

E io intanto devo rimandare il mio 4k DI NUOVO in assistenza per un rumore assurdo... Hanno cambiato la ventola e si è ridotto ma c'è ancora qualcosa che non va, inizia a far rumore anche solo aprendo una finestra su Edge...

[-Mac-]

Non è che quando disattivi un dispositivo da gestione risorse cessa l'alimentazione, al massimo smette di funzionare.

[-Mac-]

No, l'HDMI 1.4 supporta i 4K @30Hz, in ogni caso mettere l'HDMI 2.0 sarebbe stato inutile, visto che l'HDMI è collegata alla scheda grafica Intel che appunto supporta con uscita HDMI fino a 4k@30Hz (o meglio 4096x2304@30Hz), la scheda grafica Intel supporta
4096x2304@60Hz con l'uscita DP o con quella eDP (che è il tipo di connessione usato all'interno del notebook).
Collegare l'HDMI alla GPU Nvidia invece avrebbe causato un notevole surriscaldamento e di fatto avrebbe reso inutilizzabile la tecnologia Optimus se collegato ad un monitor esterno.

cenzi91

Su questo siamo d'accordo. In ogni caso l'hdmi è 1.4 quindi se si volesse collegare risoluzioni superiori al 2k a 60hz bisogna usare thunderbolt. Lo stesso vale per usb 3.1, Ethernet a 10Gb/s. Il tutto contemporaneamente. Sicuramente il throughput pcie è limitante per una scheda video di ultima generazione. Nei giochi si parla comunque di un 10% in meno (equivale circa ad una thunderbolt 2 in questa condizione). Certo visto il prezzo ci si aspetterebbe la versione più completa (per non parlare di HDMI 1.4 invece che 2.0).

giulia

grazie per la recensione!
ma quindi se collego un monitor tramite thunderbolt riesco o no a raggiungere i 4k?

Darkat

E pure farei la stessa scelta, purtroppo però la maggioranza la pensa diversamente XD perché il macbook "è bello", nota che non diranno mai "è migliore", mi riferisco a chi è inesperto ovviamente

fabio alba

grazie

TecnoAddicted

OT. Sto cercando un notebook da 15" 8gb di ram( mi sembra il minimo) ed SSD intorno ai 700/800€...qualche consiglio?

blablabla

E vabbè, per essere un 15" è davvero piccolo. Leggero non è, ma la compattezza è davvero di aiuto, basta uno zainetto piccolo o una tracolla da 14" per portarlo a giro. Da questo punto di vista sono molto soddisfatto, per le mie esigenze un 13" sarebbe stato un grande errore... E non ne potevo più di portare borse enormi

Nico Mastrandrea

basta disattivare il touch da gestione dispositivi e vedere se effettivamente consuma meno :)

sMattoZ1

:'D

GeekPod

grazieeee :D

Cottino

Minima esperienza. Per una buona ti serve come minimo una 1060.

fabio alba

Hardware in versione i7, 16 gb RAM, GTX 1050 e' sufficiente per una buona esperienza VR?

[-Mac-]

Esatto, molti pensano che il consumo elevato sia dovuto all'alta risoluzione, ma in realtà il touch incide pesantemente, ricordo che ci fu un portatile Samsung che usci in 2 versioni touch e non touch con schermi con la medesima risoluzione, la versione touch consumava un 10% rispetto a quella non touch.

benzo

lol :D

Aster

Devi provare allora con i tasti fn o installare un software(xrandr) per gestire i schermi,anche a me faceva così e in più anche l'audio dovevo impostarlo manualmente con l'uscita hdmi

Alex Alban

Ubuntu! Comunque il display viene visto dal sistema ma rimane nero

Aster

Lo immaginavo,magari prova un de diverso,io uso cinnamon perché xfce non mi gestiva bene displayport e thunderbolt anche sul thinkpad,hai installato Ubuntu?o altro?

Alex Alban

Funziona tutto tranne HDMI con Dock Dell DA200

Aster

Bravo,facci sapere qualche feedback

Alex Alban

E l'ho anche messo

MasterBlatter

La differenza di batteria tra la versione 4k touch e la fhd non touch è appunto da imputare al touch che, su schermi così grandi, e sempre attivo durante l'utilizzo, consuma molta batteria.

FrancHolic

Domanda: Un amico ha bisogno di un portatile adatto per lavorare con programmi CAD, per l'università e i primi lavori prima di un impiego stabile. La spesa vorrebbe si aggirasse tra gli 800 e gli 850 euro. Potete consigliargli un pc adatto, magari che possa aiutarlo prima di acquistare, in futuro, un prodotto ancor più professionale?
Vi ringrazio.

Massimiliano

Ciao una domanda OT: ho bisogno di clonare il contenuto dell'hard disk sulla mia nuova ssd SATA 3, compresa la partizione di recovery del mio notebook lenovo. Il software samsung data migration 3 non clona la partizione di recovery. Quale software posso usare? Grazie a tutti per le risposte compreso Riccardo! :-)

[-Mac-]

Ascolta, perché nella recensione e nei vari forum i possessori affermano che la TB3 del XPS arriva fino a 20Gb/s.

SimoneCastellani

No, non conosco macos, mi baso su quello che leggo sul web. Non parlavo comunque sulla bontà dell'os ma dalla presenza o meno di programmi. Il pc da fighetto è uscito da questo confronto, dove con un risparmio notevole in termini economici si ha anche un notebook superiore sotto il profilo lavorativo, per prestazioni e per completezza dei programmi e questi due dati sono oggettivi. Al macbook rimane una migliore qualità costruttiva e uno splendido design (che poi tutti copiano) per mostrarsi al bar.
Non dico che tutti quelli che comprano un macbook del genere sono degli emeriti stolti, ci saranno dei casi in cui si è costretti a virare sul mac per la scelta dell'os e relativi programmi che non esistono su Windows, ma ad oggi con i prezzi a cui sono arrivati e una superiorità che ormai è rimasta solo sul fronte del design, se determinati programmi girano anche su Windows non vedo il motivo, se non quello di farsi gli sb0roni al bar, di scegliere un macbook. E di questi tizi ce ne sono parecchi anche nel mio ambito (architettura) dove molti scelgono il mac solo per la mela dietro, dato che nel mio settore mancano tanti programmi su osx e altri che sono presenti girano meglio su Windows.

italy83

Poi il Mac è un 16.10 quindi ha una superficie maggiore

italy83

Io trovo scomodissimo scrivere con la tastiera decentrata , sempre usato tastierini separati

italy83

Evidente non conosci bene macOS se no sapresti il motivo per cui ci sono persone non fighett3 che lo scelgono , ma immagino che tu voce dei lavoratori puoi definire figh3tti persone che probabilmente ti prenderebbe solo a schiaff1 lavorativamente. Quanta supponenza e presunzione nei tuoi commenti.

italy83

Non ti azzardare a dire qualcosa in favore di un Mac , i professionisti bruffolosi lettori di hdblog che tutti i giorni lavorano come dei matt1 sanno che solo i fighett1 usano i Mac , le persone serie come loro che lavorano usano Windows , non gli salta minimamente per la testa che ci sono professionisti che preferiscono macOS e che come qualità a partita di prezzo un Mac resta comunque migliore , ma loro vedono solo la scheda tecnica da mediaworld.

theprov

Sono due anni che glielo dico, ho lasciato perdere.

cenzi91

va come se collegata a una pcie 3.0 x2 che equivale più meno ad un collegamento pcie 2.0 x4. Se cerchi bene su google trovi dei benchmark che dicono quando perdi. Equivale ad una full thunderbolt 2 circa.

SimoneCastellani

Che si lavori bene su entrambi non c'è dubbio, il problema rimane l'eccessiva disparità di prezzo in favore del dell che è anche più prestante. Per quello il discorso si riduce a dell=lavoro, mac= fighetti, perché tolta l'estetica curata e la mela non vedo per quale motivo un professionista dovrebbe virare su mac.
Se poi parliamo di programmi, sono rari i casi in cui sono presenti su mac e non su Windows, mentre ad esempio nel mio caso, (come nella maggior parte dei casi) osx non posso prenderlo assolutamente in considerazione per la mancanza di revit ed altri applicativi nel campo della progettazione (senza considerare che a parità di configurazione i programmi multipiattaforma come autocad girano peggio su osx).

Cube Mix Plus è il tablet Windows 10 che non ti aspetti: Core M3-7Y30 a 280€

Da Macbook Pro a XPS 15 9560: live Q&A oggi | Replay

Tutte, ma proprio tutte, le novità di Windows 10 Creators Update

Recensione Dell XPS 13 2-in-1