Intel cancella l'IDF, il mercato IT sta cambiando

18 Aprile 2017 15

Intel ha deciso di porre fine all'importante appuntamento che ha consentito annualmente di fare il punto sulle novità hardware e sulle nuove tecnologie messe a punto dall'azienda. Questo il comunicato ufficiale:

Intel ha evoluto il proprio portfolio di eventi ed ha deciso di eliminare il programma IDF da ora in avanti. Grazie per i quasi 20 grandi anni con l'Intel Developer Forum! Intel ha numerose risorse disponibili sul sito Intel.com, compreso un Resource and Design Center con documentazione, software e tool per designer, ingegneri e sviluppatori. Come sempre i nostri clienti, partner e sviluppatori dovrebbero rivolgere le loro domande ai propri rappresentati Intel.

Intel non ha fornito spiegazioni più dettagliate delle ragioni che hanno determinato la scelta di porre fine alla serie di eventi IDF, ma ha confermato ad Anandtech che la sua attività si è progressivamente evoluta nel corso degli anni, sino ad abbracciare settori come l'IoT, l'intelligenza artificiale, l'automotive. Di conseguenza, un'unica conferenza non è ritenuta più sufficiente.

L'IDF sarà quindi sostituito da una serie di eventi che l'azienda terrà nel corso dell'anno, verosimilmente dedicati a specifici settori di attività. Di fatto, poco cambia, ma gli utenti che nel corso degli anni hanno seguito con interesse l'appuntamento annuale di Intel, la notizia non restano indifferenti. E' il segno di un mercato che cambia e di un business non più solo basato sullo sviluppo di processori per sistemi desktop.

Il piccolo della gamma Xperia con un grande cuore? Sony Xperia Z5 Compact, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 597 euro oppure da Amazon a 707 euro.

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mtvittori

Comunque il 13 pro con tb ha sempre un dual core ma a 28w, son più potenti degli altri in serie u ma sempre meno della serie hq. Comunque nella serie u un i7 non cambia così radicalmente da un i5: ci sono delle differenze ma così ecclatanti.

iGmb

Ah perfetto, grazie mille Kolsch per questa infarinatura! :)

Kölsch

Figurati, non è scontato districarsi tra le CPU mobile Intel. Allora tra gli i5u e i7u cambia solo il clock. La differenza prestazionale è irrisoria, però quella manciata di mhz può fare comodo. Valuta tu in relazione al rapporto qualità prezzo. Immagino che l'i5 sui MacBook Pro sia della linea hq, bene gli hq sono molto più potenti degli u e hanno normalmente 4 core fisici invece di 2. Consumano anche di più però.

Un i5/7u va benissimo per un uso generalista anche orientato alla produttività (Office ma anche applicazioni multimediali o sviluppo). Lavoro con un Notebook Dell' con i7 5500u e mi trovo bene, mostra i suoi limiti solo in applicativi pesanti (rendering di progetti imponenti, cose che non andrebbero fatte su notebook). Gli hq sono certamente più spigliati anche in quest'ultimo ambito più stressante.

Francesco Renato

E' evidente che il modesto aumento di potenza dei processori non rende necessari s.o. innovativi, ormai MS deve fare i salti mortali per convincere gli utenti che la nuova versione di Windows è veramente utile.

Marco Seregni

Mi pare abbia acquistato Mobileye e si stia concentrando più sul software per ora (=sarà l'hardware ad adeguarsi alle esigenze software e non il software a regolarsi sulle possibilità dell'hardware). Mi pare che Nvidia non sia da considerare un "concorrente" di Intel sotto questo punto di vista (per lo meno per il momento), anzi le loro attività mi paiono complementari. Poi magari in futuro le cose cambieranno. Il grande concorrente secondo me è Qualcomm, anche per il settore auto.
Ovviamente parlo per le idee che mi sono costruito da semplice appassionato del settore ma che nella vita si occupa di altro, potrei aver preso un gigantesco abbaglio, ben lieto di essere smentito in caso^^

MirkoHW

che c'entra MS?

ghost

Mi pare ci sia nvidia

Francesco Renato

Ormai c'è poco da promettere, negli ultimi 10 anni l'aumento di potenza dei desktop è stato quasi inesistente, Intel e Microsoft ormai fanno solo fumo.

Davide

infatti non c'entrano assolutamente niente con questa scelta

ally

il problema di Intel non è ryzen, ma tutti i settori esterni alle cpu desktop/server. Nel mobile non è riuscita a spuntarla su arm, nell'Iot stessa storia. Se si aggiunge che arm sta tentando di entrare nel settore server e molti device casalinghi possono tranquillamente passare ad arm vista la potenza di calcolo richiesta... nel settore auto come è messa?

LOL619

E' solo che un evento dedicato agli sviluppatori si può ad oggi gestire in modi molto diversi da 20anni fa e per i nuovi prodotti ci sono vie di marketing migliori

Ryzen centrerà con intel solo nelle CPU di 12-18 mesi in avanti... i processori mica puoi decidere in un mese di cambiare qualcosa

Luca Lindholm

Nooooo, ma i Ryzen non stanno portando alcun effetto al mercato delle cpu, noooo...

Yomura A. E.

Non volgiono perdere la faccia. Punto.
Si sono resi conto che promettere per una data questa o quella cosa, arrivare alla scadenza della promessa e doversela rimangiare perchè qualche incapace non è riuscito a fare il suo lavoro entro i limiti temporali preventivati li scredita e fa venire dei dubbi sulla loro affidabilità a tutti i loro clienti. Non è una cosa da poco.

IlRompiscatole

Ti sei perso i Ryzen :-)

Max

Semplicemente lo sviluppo di Intel ormai è così ridicolo da non valere un forum.... Si salvano solo perché il focus ormai è tutto sul mobile e loro non hanno concorrenza sul mercato PC

Cube Mix Plus è il tablet Windows 10 che non ti aspetti: Core M3-7Y30 a 280€

Da Macbook Pro a XPS 15 9560: live Q&A oggi | Replay

Tutte, ma proprio tutte, le novità di Windows 10 Creators Update

Recensione Dell XPS 13 2-in-1