Intel Optane: primi sample ai partner per i test

30 Gennaio 2017 8

Dopo i rumor dello scorso autunno, arrivano buone notizie per i sostenitori Intel e in particolare per chi aspetta che l'azienda presenti sul mercato la nuova tipologia di memorie Optane basate sulla tecnologia 3D XPoint e sviluppate in collaborazione con Micron. Il colosso americano dei semiconduttori avrebbe infatto spedito i primi sample ai partner per i test.

Secondo l'azienda californiana, Optane (o 3D XPoint) potrebbe essere il diretto successore delle attuali memorie NAND, spaziando da SSD con form-factor M.2/NGFF, arrivando a drive SATA-Express o PCI-Express (card). Questi SSD avrebbero migliori performance grazie a un nuovo protocollo NVMe che, comparato all'attuale AHCI/NVMe, permetterebbe di aumentare il valore queue depth da 32 a 65535 comandi.

Delle prestazioni in lettura-scrittura sequenziale e casuale avevamo già parlato, e anche se inferiori a drive PCI-E di ultima generazione (vedi Samsung 960 Pro) sarebbero mediamente più alte dei classici SSD Nand-based con form-factor SATA 3 o M.2 SATA.

Attualmente non ci sono molti altri dettagli tecnici (vedi controller) o di prezzo, tuttavia si vocifera che Optane potrebbe debuttare inizialmente con unità M.2 da 16 e 32GB.

Intel ha inizialmente parlato di Optane come soluzione nata per ottimizzare i costi dei data-center, ma per il momento non si capisce l'utilità di tagli di memoria così piccoli (discorso DIMM a parte), né in ambiente enterprise, né in quello consumer, dove, ricordiamo, è prevista la compatibilità solo con l'ultima piattaforma Kaby Lake.

Una scelta che vi fa onore? Honor 5c, compralo al miglior prezzo da Redcoon a 169 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Valce73

Forse qualche problema di troppo?
Costi troppo alti e problemi di compatibilità con le piattaforme in commercio.
E se pure non ci fossero problemi tecnici, che senso avrebbe produrre in grandi volumi se poi pochissimi li potrebbero comprare?

Bronx

Secondo me queste soluzioni non avranno molto successo rispetto alle soluzioni m2 standard diciamo

Mr.Matto

Si comincia a sentire la stessa puzza del progetto Larrabee ormai, per me.

Leox91

La stanno tirando per le lunghe eh.

Aster

un inizio finalmente

Dike Inside

Secondo me la risposta alle domande è molto semplice:
E' la prima generazione di una nuova tecnologia. Maturando avrà dei margini per superare altre tecnologie in alcuni aspetti, altrimenti Intel non ci avrebbe investito così tanto.

DKDIB

Tagli infimi, prestazioni non al top e compatibilità molto limitata...
Perché?

Petaloso

il prezzo dovrà tenere conto del fatto che nonostante sia una tecnologia nuova avranno comunque prestazioni inferiori a quelli di un 960 pro...

Cube Mix Plus è il tablet Windows 10 che non ti aspetti: Core M3-7Y30 a 280€

Da Macbook Pro a XPS 15 9560: live Q&A oggi | Replay

Tutte, ma proprio tutte, le novità di Windows 10 Creators Update

Recensione Dell XPS 13 2-in-1