Recensione Wacom Bamboo Slate

18 Dicembre 2016 86

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Wacom Bamboo Slate permette di avere una copia digitale di un foglio scritto a penna. Non è una tavoletta grafica e non è uno scanner; non ha nemmeno bisogno di un computer per funzionare. Basta usare una penna apposita su di un blocco di carta comune, e poi premere l'unico tasto presente per salvare su tablet o smartphone Android o iOS. Non occorre farlo subito; Bamboo Slate tiene in memoria 100 pagine, quindi si possono scaricare i documenti anche in un secondo momento.

Dall’app è poi possibile condividere, modificare, esportare in diversi formati (PNG, JPEG, PDF e WILL), dividere un documento tornando ad un certo punto della scrittura con una sorta di slider-moviola. Pagando un tot al mese, si possono anche convertire le note in vero testo (o i disegni in formato vettoriale SVG) per poi fare ricerche all’interno delle singole parole.

Bamboo Slate è una buona idea se siete abituati a scrivere su carta e vi farebbe davvero comodo avere poi una copia digitale di qualità. Non è una tavoletta grafica, dicevo, ma supporta 1024 livelli di pressione quindi “legge” anche i dettagli del tratto. E’ disponibile in due versioni: formato A4 e formato A5. La prima costa 149 euro, la seconda 129 euro. La confezione comprende una cartuccia di ricambio per la penna, ma vi consiglio di aggiungere 10 euro e comprare una scorta da 3.

Wacom Bamboo Slate è disponibile in due versioni: A4 e A5.

Io l’ho usata per qualche giorno come alternativa ai miei quaderni delle recensioni di cui vi parlo nel video. Poi l’ho passata ad un amico grafico e illustratore per avere un riscontro più credibile. Ed ecco cosa ne è uscito.

Wacom Bamboo Slate: l'esperienza di disegno

Tempo fa ebbi modo di provare la soluzione antenata della Slate, ovvero la Wacom Inkling. L’esperienza non fu delle migliori, in parte credo anche per la tecnologia che si trovava in giro all’epoca su smartphone e tablet. Il sistema era macchinoso e l’Inkling si avviò presto a sparire dai miei orizzonti lavorativi e non. Per questo motivo mi sono avvicinato alla nuova Bamboo Slate con un po’ di diffidenza.

Togliamoci subito il dubbio. Bamboo Slate non è una sostituta di una tavoletta grafica. Se pensate di comprarla per disegnare fumetti o illustrazioni, risparmiate (molti) altri soldi e rivolgetevi agli altri prodotti “pro” in catalogo. La mission di questa Slate è l’evoluzione di quella della Inkling: consentire di prendere appunti e fare sketch in mobilità in maniera tradizionale e allo stesso tempo avere già pronta un versione digitale da editare o condividere.

La penna Wacom ha cartucce di ricambio e 1024 livelli di pressione.

La sua curva di apprendimento è nulla: non dovete far altro che fare quello che fate di solito con un blocco notes e una penna biro, ovvero scrivere, disegnare, prendere appunti al volo su idee che vi passano per la mente. Il tutto usando strumenti che sapete già usare. La penna è veramente valida, ha una impugnatura solida, pesa il giusto e ha un ottimo grip; è semplicemente una buona penna! Nella confezione viene fornito un blocco A5 con una leggerissima trama puntinata, ma va detto che potere usare qualsiasi tipo di carta (fino a 8 mm di spessore) perché la tecnologia è tutta contenuta nella tavoletta e nella sua interazione con la penna.

La precisione del tratto è notevole, direi quasi perfetta e, al netto di poche piccole sbavature, anche i livelli di pressione sono decisamente buoni. Potete eseguire disegni al tratto e ritrovarli in digitate con una conversione pressoché perfetta. Wacom ha fatto davvero un buon lavoro migliorando di parecchio la buona idea di partenza di Inkling.

Questo è l'unico pulsante di Bamboo Slate. Il LED a lato diventa blu quando sta registrando il movimento.

E' tutto perfetto? Non proprio. Come tutte le nuove tecnologie, anche questa ha bisogno di un approccio aperto; per quanto si cerchi di imitare la semplicità degli oggetti di uso quotidiano, dovremmo sforzarci di capire come funziona la tecnologia che stiamo usando. Per semplificare, immaginate la Slate come un registratore. Un registratore dei movimenti della penna che tenete in mano. Esattamente come un registratore normale, se volete smettere di registrare qualcosa e cominciare con un’altra dovrete mettere in pausa/stop e poi riprendere.

Ecco. Slate funziona esattamente così; prima di iniziare un nuovo sketch dovrete premere l’unico pulsante presente che dirà al vero cuore del sistema (la tavoletta) che può iniziare a registrare. A questo punto la palla passa a voi e alle vostre necessità; disegnare, scrivere, fare bozzetti, etc. Finita la pagina, dovrete interrompere il processo per dare modo alla tavoletta di memorizzare tutto quello che avete scritto. Se cambiaste semplicemente foglio, infatti, vi ritrovereste con un file digitale in cui il materiale di tutte le pagine scritte si sovrappone perché la Slate non sa quando avete girato pagina.

Due esportazioni in PNG di schizzi presi a mano libera e in modalità live.

Da un certo punto di vista questa è sicuramente una interruzione nel normale flusso di idee, dall’altro questo piccolo sacrificio porta un ovvio vantaggio: avere disponibile una copia digitale del lavoro appena fatto da condividere subito o quando il dispositivo si sincronizzerà con la app InkSpace di Wacom.

E qui arriviamo alle note dolenti. L’applicazione in se è davvero limitata seppur di facile utilizzo e configurazione. Per sbloccare alcune features in più dovremo pagare un abbonamento mensile! E questo potrebbe anche starci se non fosse che l’unico servizio che offre davvero l’app è sincronizzare tutto su cloud… appoggiandosi a Dropbox.

Schermate dell'app InkSpace su Android. Le funzionalità sono basilari.

In sostanza l’applicazione si limita a mostrarvi una libreria dei vostri lavori salvati, e ve li fa aprire con minime possibilità di editing. Per apportare modifiche più consistenti sarete costretti a passare il file ad altre app. Per quello che sono riuscito a capire dagli scarni menù, l’operazione è consentita solo salvando il file su Dropbox e riscaricandolo per aprirlo altrove - e questo sì che è un stop per il nostro normale flusso di lavoro! Avrei preferito un’app meno cloud-dipendente e con maggiori possibilità di editing. Anche a pagamento, certo.

Nota a parte merita il discorso del “live writing”. Anche in modalità live, la Slate ha una sensibilità notevole, soprattutto se pensiamo alla categoria di prezzo rispetto alle tavolette grafiche; i lag sono quasi assenti ma, soprattutto - ed è qui che è iniziato il vero apprezzamento per questo prodotto - i suddetti sono ininfluenti!



Non sarebbero un problema perché la vostra concentrazione è comunque volta a quello che state disegnando su carta e non al display. In prospettiva, può essere anche una funzione davvero utile per chi deve tenere lezioni e ha la possibilità di fare streaming del display del proprio telefono o tablet su uno schermo più grande. Questa funzione fa assomigliare Slate un classico digitalizzatore Wacom ma è quasi nascosta: va attivata nelle Impostazioni, ed è poco pratico. Inoltre la configurazione di per sé è semplice ma non di rado scoprirete di star prendendo appunti… al contrario.

Considerazioni finali

Arriviamo alle conclusioni. Devo dire che dopo una iniziale diffidenza, ho trovato la Slate davvero una buona idea per chi ha bisogno di prendere appunti (leggi: studenti) o buttare giù idee visive (leggi illustratori, grafici, etc.), tanto per averne copia cartacea quanto per la comodità di poterle condividere (previo l’accoppiamento con un tablet/smartphone) con altre persone. Visto il prezzo attuale, mi sento di poterla consigliare a chi ha necessità di questo tipo e magari è spaventato dal prezzo impegnativo di prodotti più blasonati (un iPad Pro?) e anche dal fatto di doversi confrontare con un accessorio troppo tecnologico. Qui sarete solo voi, una penna e un foglio di carta a dare sfogo alla vostra creatività. Il resto è semplicemente complementare.

Autore: Fabrizio Spinelli

Meglio Moto G4 ma Plus nel 2016? Motorola Moto G4 Plus, compralo al miglior prezzo da Amazon a 217 euro.

86

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
toma8a

Non ho capito bene, ma la possibilità di mettere in cloud i documenti creati è solo sulla app a pagamento? e il costo è mensile? mi sembra assurdo... Per il resto posso dire che il prodotto è ottimo! ... l'idea di base è geniale! ossia: poter archiviare in formato digitale, appunti che normalemente sarebbero cartacei. Per tutti gli altri utilizzi (disegno, ocr ecc) credo che esistano altri strumenti specifici.
Bravi, ottima recensione! Grazie

Nicolas Zannerini

scrivi qualcosa di comprensibile che occupi la pagina. Non due nuemrini in croce. Voglio vedere se riesci a scrivere VERAMENTE oppure parli a caso

M3r71n0

Ascolta Nicolas, già il semplice fatto che me lo chiedi lascia intendere che non mi credi, quindi rimarrebbe tale anche se ti mandassi una relazione tecnica scritta a mano.
Comunque, questo mi hai chiesto... https://uploads.disquscdn.com/...

Nicolas Zannerini

scrivimi una frase di 10 righe

RiccardoII

Cit.
Hahahahaha grande gark!

RiccardoII

E allora sono io che sono troppo conservatore hahahahaha

Gark121

Cinico, drastico e senza mezze misure, ma ho anche dei difetti, tranquillo :P

riccardik

anche io parlo di scrittura, lo uso ogni giorno per prendere appunti :P

RiccardoII

per carità prodotto stupendo!
ma io parlo di scrittura: ho provato a prendere appunti durante la lezione e non riesco :|
il touch and feel della penna è troppo diverso da quello a cui mi sono assuefatto in 20 anni di carta e penna :(
ps. aggiungo che non ho ancora provato il pro 4 ! ho "giochicchiato" con la penna del pro4 ma sempre su un pro 3 !
pps. spero che con il pro 5 si raggiunga la definizione hahahaha

RiccardoII

anche se spesso sei cinico, drastico e senza mezze misure mi trovo sempre d'accordo con te! hahahaha
hai completamente ragione: software troppo acerbo! ma anche il fatto che dovrei pagare l'abbonamento per avere due funzioni in più.. LOL
quello che volevo dire: base del prodotto interessante! :D guarderò altre review per vedere eventuali Tips & tricks mancati e vedere se esiste concorrenza :P

Gark121

No ma se avesse una integrazione con qualche App di editing, oppure una penna cancellabile, con 2-3 tasti per avere giusto un paio di colori (almeno sul digitale), sarebbe già tutt'altra cosa. Probabilmente adesso userei quella assieme al mio z2 Tab invece di aver preso un altro Tablet con un os che continuo a trovare scomodo su Tablet (e infatti giro con un mouse in borsa) al doppio abbondante de prezzo. Però boh, così era troppo limitata per me. Cerco sempre di parlare sinceramente, ovviamente è tutto molto personale, ma questo credo sia scontato quando si commenta su disqus. Ognuno dice quello che pensa e quello che ha provato.
Per me, il punto forte del digitale è poter passare in un attimo da tastiera a penna e avere quei 4-5 colori per rendere subito facilmente visualizzabile i collegamenti tra i vari pensieri o cosa metto in un grafico senza parlare della possibilità di scarabocchiare i pdf senza dover stampare tonnellate di carta.
E con questo tutto ciò sarebbe perso. Non escludo che per qualcun altro sia diverso, ma per me è così.

Ed è un piacere parlare con te :)

riccardik

io ho un pro 3 e mi trovo alla stra grande :)

riccardik

funziona tanto male?

Gark121

Io uso un Synaptic di fascia bassa sa un anno. Ti abitui e funziona. E offre decine di possibilità in più. Questo è uno scanner di cose scritte a penna. Una roba che faccio con camscanner e il cellulare da anni a costo 0. Di "digitale" non c'è niente. Nulla di ciò che rende gli appunti digitali utili.

Gark121

Si. Pure il feeling di non avere modo di correggere gli errori comodamente con un click. O quello di integrare con una tastiera le parti testuali.

Dike Inside

Il feeling di scrivere sulla carta è completamente diverso.

RiccardoII

io sono del parere di ricc!
ho provato bene il surface 3 pro: la scrittura funziona ma con troppi "ma". è ancora troppo innaturale come feeling, troppo diverso da tutti questi anni di carta e penna!
e stiamo parlando di un ntrig di alta qualità! come sarebbe l'esperienza su un synaptics di fascia media? mmmm ho i miei dubbi!
con questa soluzione ibrida integri il classico "carta-penna" con un pannello wacoom di qualità !

RiccardoII

capisco capisco!
se ci fosse un estensione per one note desktop sarebbe il top! e ovviamente più funzioni di editing :P
conosci altre marche concorrenti a Bamboo? giusto per vedere la concorrenza.
ma mi sa che carta e penne rimarrà in auge ancora per un bel po' :P

RobyMax1

Io ho valutato molto molto attentamente il mercato.
Qui devi usare la sua penna, si quella tavoletta e collegate il tutto al telefono.
Leggevo che ha spesso problemi di sincronizzazione.
Rocketbook cosa poco, ti farò le fotocopie ai fogli per creare nuovi quaderni e l'applicazione riconosce in automatico la pagina.
In più puoi dividere per argomenti.

Gark121

seriamente ritieni sta cosa più flessibile del più scarso tablet con tastiera del mondo?

Gark121

sempre su ebay

Droidosauro

esatto, mi riferivo proprio a questo prodotto

eros

ma dovrei fare ogni volta la scansione con cellulare mentre con questa tavoletta è automatico il passaggio.

Vitto422

Grazie ancora!
Non mi pare si trovino facilmente purtroppo...

Gark121

dell venue 11 pro 7140. comprato su ebay ricondizionato dall'inghilterra.
occhio che ha un digitalizzatore synaptic e non wacom, e quindi se ti interessa disegnare e non scrivere consiglio di cercare il modello successivo, che si chiama latitude 11

momentarybliss

per me serve a ben poco se non c'è un riconoscimento della calligrafia che digitalizza in automatico almeno in formato txt. tanto vale allora prendere appunti e poi usare camscanner che è pure gratis o qualsiasi app similare

Riccardo P

Ma anche no :)

Vitto422

Potresti dirmi di che Tablet si tratta? Grazie!

Ampelio Attanasi

Se rendessero i sistemi "Boogie Board" un po' più smart sarebbero definitivi. Mancano di cancellazione selettiva e possibilità di fare recall delle pagine, ma se ci fossero sarebbero perfetti.

Gark121

Francamente ci ho pensato a lungo, e letta la recensione sono più che felice di non averla presa e aver speso il doppio per un Tablet con digitalizzatore.
Questa roba è semplicemente uno scanner con la cronologia. Niente colori, dimensioni delle pagine fisse, 0 editing, scritte a tastiera (e non so voi, ma io scrivo ben più velocemente sulla tastiera che a mano, e anche rileggere ciò che ho scritto è molto più comodo). Uno strumento estremamente limitato e comunque non così economico.
Senza considerare i limiti piuttosto evidenti dell'app.

Riccardo P

È un oggetto secondario al piano focale. Dispiace non ti piaccia ma ha il suo perché.

spino1970

Sì, se ti accontenti

Dean

Guarda io ho lo spark (simile a questo,ma in versione quaderno) preso a 70 euro con il black friday. per le innumerevoli riunioni e teleconferenze che faccio è di una utilità estrema per predere appunti e note, al volo e con una penna vera. Poi ha un sistema di riconoscimento del testo che mi permette di annotare in one note ed editare volendo, in più mi resta la versione cartacea. ho già il mio computer del lavoro (un portatile dell, senza digitalizzatore) per cui comprarmi anche un surface non avrebbe senso. Hai ragione,siamo in tempi di evoluzione e questa è semplicemente l'evoluzione di un block notes :) non è un prodotto per tutti ovviamente e se serve una soluzione "all in one" allora ti dico che hai ragione, meglio un 2 in 1 con digitalizzatore. ma per chi preferisce scrivere a mano senza stare a rompersi a fotografare gli appunti per conservarli in digitale,ha un suo perché e, te lo dico per esperienza, una sua utilità in ambito professionale ce l'ha eccome.saluti

dario

speriamo! sbavavo già sul 7... che sfiga.

Sì, il telefonino è un gingillo molto versatile

spino1970

Conosco anche gente che si registrava i concerti live col telefonino convinta di avere un disco registrato in studio...

Ngamer

io ho un bamboopad da piu di un anno , una versione inferiore a questa ( pagato forse meno di 40 euro non ricordo ) non è una tavoletta da disegno di qualità e si vede pero per quello che costa funziona bene :)

M3r71n0

Allora è un altra cosa...
Spero per te in un Note 8 acquistato con super offerta
XD

Il sottofondo musicale è da film horror!

dario

eh mica l'ho cambiato volontariamente, mi si è distrutto in rovinosa caduta dopo 3 anni di onorato servizio (note 3)... l'assenza di successori da prendere con operatori a rate mi ha costretto a ripiegare su s7... davvero uno smarthone superbo, ma il note fa categoria a sè.

M3r71n0

Redimiti figliuolo e torna sui tuoi passi
XD XD XD

Io facevo così

È vero! Esiste davvero. https://uploads.disquscdn.com/...
Non lo sapevo

M3r71n0

Lo so. E' indubbiamente un pò pesantuccia/mal ottimizzata
un pò in stile samsung :D

spino1970

Hai vinto te...

kpkappa

Non conoscevo, grazie per l'informazione.
Provata ma non mi fa impazzire.

riccardik

il più economico che mi viene in mente è l'asus 10 pollici con zstylus che costa intorno ai 200 :) la qualità della penna sarà magari inferiore però è mille volte più flessibile

comatrix

Si ma anche prima non aveva praticamente concorrenti eppure come detto offrivano software inclusi

dany7

Ho controllato: l'abbonamento costa 3€/mese

Radames Lovato

https://uploads.disquscdn.com/...

Recensione Acer Aspire VX 15: gaming economico e competitivo

Surface Laptop, Studio e tutta la gamma Surface alla MS House | Video

Recensione HP Spectre x360 13: il convertibile migliore

NAS Drobo 5N2: recensione by HDBlog.it