LG Ultrafine 5k e 4k, i monitor perfetti per i nuovi MacBook Pro

28 Ottobre 2016 60

Apple non ha presentato un nuovo monitor Cinema Display in occasione dell'evento stampa dedicato ai nuovi MacBook Pro. La casa di Cupertino ha preferito stringere una nuova alleanza con LG, per completare la dotazione di serie dei portatili MacBook Pro. Dettagli a riguardo sono emersi sia nel corso della presentazione - alcuni display di LG sono stati collegati ai MacBook Pro durante le sessioni dimostrative - sia, successivamente, con l'annuncio ufficiale da parte di LG e l'inserimento dei nuovi monitor nell'Apple Store.

Si tratta nello specifico di due modelli, l'LG Ultrafine 5K da 27"e l'LG UltraFine 4K da 21,5". Il primo ha una risoluzione di 5120 x 2880 pixel, un valore di 218 ppi, è in grado di offrire una copertura del 99% dello spazio colore P3 e utilizza la tecnologia IPS. LG sottolinea che si tratta del primo display 5K al mondo con Thunderbolt 3, tramite la quale può essere trasferito il segnale video, l'audio, i dati e, al tempo stesso, effettuare la ricarica del MacBook Pro collegato, il tutto con un unico cavo. Non manca una fotocamera frontale, microfono e altoparlanti integrati.

L'LG UltraFine con display da 21,5" ha risoluzione 4k (4096 x 2304 pixel), un densità di pixel pari a 219 ppi ed offre, anch'esso, una copertura del 99% dello spazio colore P3. La tecnologia è sempre di tipo IPS e restano invariate le potenzialità offerte dal connettore USB Type C (unico cavo per video, dati e alimentazione).

LG UltraFine 4K sarà disponibile a partire da novembre, mentre LG UltraFine 5K all'inizio di dicembre, con una distribuzione inizialmente prevista per il mercato statunitense. Il primo dei due modelli è stato già inserito nell'Apple Store italiano ad un prezzo di 749 euro e con tempi di consegna previsti in 5-7 settimane. Per il secondo, come detto, saranno necessarie ancora diverse settimane - nello store USA viene riportato al prezzo di 1,2999.95 dollari, senza data di consegna stimata.

Per chi attendeva la presentazione di un nuovo Apple Cinema Display l'appuntamento è genericamente rimandato al 2017, stando a recenti rumor.

L'atipico che non delude in Italia? Meizu MX6 è in offerta oggi su a 215 euro oppure da Amazon a 270 euro.

60

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sagitt

a me è appena arrivato, a parte l'italiano assurdo nei menu per il resto funziona molto bene e la qualità è ottima Asus PB258Q

L'acchiappafantasmi

E... non apre il link, avevo visto questa mattina

Sagitt

che ne dici ne vale la pena? per poco più ci sono i dell ultrasharp ma senza casse! li ci vogliono poi altri 40€ per una soundbar che rovina anche parecchio l'estetica

L'acchiappafantasmi

Grazie

L'acchiappafantasmi

Quale di preciso, se posso chiedere

italba

Capito il discorso, ma le premesse sono sbagliate. Ti sei mai chiesto perché nelle batterie per auto ci sono solo due contatti ma in quelle di notebook e telefoni ce ne sono di più? I contatti aggiuntivi portano segnali di controllo, non è il computer a misurare la capacità della batteria ma è la batteria stessa, ed è sempre la batteria che chiede di essere caricata o no. Prima che riprenda la carica di una batteria al 100% passa un tempo piuttosto lungo, te ne puoi accorgere da solo se lasci collegato il telefono al caricabatteria e guardi il grafico della batteria. Non c'è nessun bisogno di fare manualmente il lavoro che già fa il circuito di controllo alimentazione interno, tra una carica e l'altra passano giorni interi

N#R#S©

vade retro lg!

DiRavello

Si come no

LaVeraVerità

No, intendo dire che, in una situazione come quella descritta ovvero maacbook alimentato perennemente (durante l'uso si intende) dal monitor tramite l'unico cavo type-c praticamente è sempre in carica secondo lo schema:
1) carica
2) raggiungimento del 100%
3) distacco automatico della carica
4) naturale autoscarica
5) raggiungimento della soglia di riattivazione della carica
6) riattivazione della carica con conseguente diminuzione del totale dei milliampere caricabili durante la vita della batteria
7) raggiungimento della carica massima
8) goto 3

Tutto questo processo, invisibile per chi bada solo a lavorare col proprio pc alimentato dalla rete, porta ad una progressiva diminuzione della carica conferibile durante la vita della batteria.... inutilmente.
Il profilo corretto di utilizzo delle batterie all litio, teso a massimizzarne durata e capacità nel tempo, prevede un uso normale della batteria nel quale ad un consumo normale si alternano cicli di carica normali. In questo modo tutte le componenti della cella sono sollecitate in maniera uniforme. Una batteria la cui capacità oscilla per tutta la sua vita utile tra il 99,5% e il 100% di carica è destinata ad avere una vita utile ridotta. L'ideal per un pc connesso in maniera continuativa all'alimentazione sarebbe lo smontaggio della batteria ed il suo utilizzo medio, diciamo fino ad una capacità residua del 30% circa con successiva ricarica almeno una volta a settimana. Questo però è ovviamente possibile dove la batteria sia staccabile con facilità, difficile dove la batteria sia integrata ma con alimentazione indipendente, impossibile dove la batteria sia integrata e l'alimentazione non sia indipendente (appunto come quella proveniente dal monitor lungo il cavo utilizzato anche per veicolare il segnale video).

italba

Ma allora spiegati meglio! Stavi dicendo che il notebook dovrebbe andare comunque a batteria e che il caricabatterie andrebbe sconnesso appena si arriva al 100%, o che bisogna scollegarlo quando non serve, a computer spento e batteria carica? O credi forse che a computer acceso e caricabatterie collegato la corrente passi prima dalla batteria, ricaricandola, e dopo vada dalla batteria al computer?

Sagitt

ma cosa vai raccontando. il mio macbook 2010 è stato collegato all'alimentazione praticamente sempre e tutt'ora avrà un buon 80% della batteria.

Sagitt

ma per piacere. ho preso per 300€ un asus 2k con tanto di casse audio (pannello LG) che supporta anche displayport, vga e hdmi.

LaVeraVerità

Beh, nemmeno quelle di 6 anni fa allora. L'ultima che mi sono fumato lasciandolo sempre attaccato era del 2010.

LaVeraVerità

Oddio, sta diventando difficile capirsi. Non è quello che intendevo ma non importa. A volte capita che scrivendo non ci si capisca, facciamo che ci ribecchiamo alla prossima, ok?

italba

??? Se il notebook non è connesso al caricabatterie (che fa anche da alimentatore, la batteria non si usa proprio) e lo usi si scarica in mezza giornata, altro che 1% al mese! Se si scarica lo dovrai ricaricare, o no? O credi che il notebook lo si tenga normalmente spento e lo si faccia andare una volta al mese? Poi, se non lo usi e non lo devi caricare, OVVIAMENTE è meglio staccare completamente la spina, come per qualunque apparecchio elettronico, ma per motivi di sicurezza, non di usura della batteria!

Gianluca Pertosa

Le batterie di vent'anni fa non sono quelle di oggi, ti scrivo da un MacBook di due anni collegato perennemente alla corrente

LaVeraVerità

Si, l'autoscarica è ridotta (1% al mese a tempreratura di 25 gradi). No, non si scarica prima se non la tieni attaccata al caricabatterie. Ci mette lo stesso tempo perchè l'autoscarica è solo funzione del tempo. A perdere toto carica (quella necessaria per riavviare la ricarica) ci mette lo stesso tempo, sia che il caricatore sia connesso, sia che non lo sia (scusando il periodo cacofonico).

italba

E se invece non la tieni connessa all'alimentatore si scarica prima e di cicli ne fai comunque di più. L'autoscarica delle batterie al litio è ridottissima, quindi, anche se fosse vero quello che dici tu, la batteria si deteriorerebbe comunque di più se ricaricata ogni giorno. Inoltre nelle batterie al litio (intendo proprio DENTRO le batterie) ci sono dei circuiti elettronici apposta per evitare di scaricare completamente la batteria e di far partire la ricarica ogni 5 minuti

Mattia Righetti

Il problema non è il 4K, il problema sono i 21.5"... Chi se li cag° ancora i monitor inferiori a 24" ???

Fabri Fina

il senso di un 21.5" 4k me lo dovete spiegare. Ho un un 20 pollici 1680*1050 e difficilmente vedo i pixel e credo che un full hd per questa dimensione sia eccezionale. Il 4k è totalmente inutile, utile invece su dimensioni maggiori ad esempio a partire da 24

IL_Luca

Il Thunderbolt Display costava 1100€ ma vabbè

barone2k

Io tengo il portatile sempre attaccato da anni e mai problemi.

Aster

si compra altro:)anche se ibm ha detto che i macbook aziendali sono piu economici

LaVeraVerità

Chiaro che se la batteria è murata dentro il problema non si pone.

Aster

il punto e che se lavori poi ti devi spostare nella sala riunioni o per una consultazione nel desk nel altro ufficio che fai spegni e metti la batteria,e con il macbook come fai:)

LaVeraVerità

Magari hai ragione e sono migliorati i circuiti di ricarica ma sono esperienze difficili da dimenticare e nel dubbio...

LaVeraVerità

Sei male informato. Per ciclo di carica, con le batterie al litio, si intende il numero di volte che può essere effettuata la ricarica della capacità totale che è cosa diversa dal numero di volte che lo attacchi al caricatore. In poche parole se una batteria, poniamo da 10.000 mAh, è data per 500 cicli questo significa che la puoi caricare fino a 10.000 x 500 = 1.000.000 mAh e non conta se questo milione glielo infili dentro in 500 cariche complete (fermo restando che la scarica completa è da evitare) o in 500 x 10 = 5.000 eventi di carica, caricandola ogni volta solo quando ha perso il 10%. Questo significa che se il notebook è costantemente collegato e la batteria si scarica (per normale autoscarica) anche di poco, parte una fase di ricarica, minima ma inutile ai fini dell'utilizzo del dispositivo, visto che è allacciato alla 220. La somma di queste ricariche minime porta, senza che te ne accorga al deterioramento progressivo della batteria.

Aster

non lo metto in dubbio,ho distruto una decina di notebook cosi,ultimo i dell aziendale della mia fid,sempre al dock batteria cambiata in 3 anni,ma almeno nei ultimi mei samsung e thinkpad attivando limitazione di carica al 80% o anche meno non e mai successo niente batteria sempre al top anche dopo anni,stesso discorso per il macbook pro 13 retina

LaVeraVerità

Ti rispondo da un portatile a cui ho levato la batteria e se l'ho fatto ti assicuro che dipende da una esperienza più che ventennale (con i notebook)

Aster

a parte che con la dock tutti lavorano cosi,dipende dal prodotto ce chi resiste ce chi rovina la batteria

CAIO MARI

4K reale è 4096x2160 mi pare

Cristiano Cambarau

Secondo me rimane sempre un accessorio il monitor Apple.
E non tutti vogliono spendere 2/3000 € per un monitor in stile Apple ed a prezzi Apple. Quando ci sono proposte migliori sul mercato ad un terzo del prezzo. La partnership con lg,è un alternativa valida. Anche se l'unico degno di nota è il 27 5K.

italba

Io sono tre anni che adopero il notebook costantemente connesso e non gli è successo assolutamente niente, ed anche la batteria del Compaq di prima dopo cinque anni ancora dà qualche segno di vita. Se il notebook è collegato all'alimentatore la batteria si scollega quando ha raggiunto il 100% e poi non viene più usata, il computer utilizza direttamente la corrente dell'alimentatore. Certo sarebbe meglio usare il notebook direttamente senza batteria (funziona, prova!) e conservarla in frigorifero all'80% di carica, ma ormai è più facile che si cambi il notebook perché superato piuttosto che si debba cambiare la batteria, inoltre le batterie al litio funzionano per un certo numero di cicli di carica, con l'alimentatore perennemente collegato i cicli di carica sono molti meno

IL_Luca

Vabbè, mettila come vuoi. Il concetto è che imho non ci saranno i nuovi Thunderbolt Display

Cristiano Cambarau

Non è che li consiglia. A quanto pare sono una loro esclusiva questi monitor lg. Li hanno fatti apposta per Apple.

Cristiano Cambarau

Sono i 4K reali dei monitor. L'uhd invece è lo standard delle TV.
Comunque vorrei sapere chi compra un monitor da 21 pollici, oggi come oggi sono anacronistici.
Invece il 5K è interessante,ma è sovrapprezzato. Il dell stessa risoluzione,sta a 800€. Però ha bisogno di 2 DP per andare a risoluzione nativa.

Matteo

I famosi utenti Mac, i MACachi :D

Sistox

O forse lavorano....

LaVeraVerità

Ma a qualcuno dei malati di mente che progettano questi affari è passato per la testa che tenere in carica costante la batteria di un portatile è il modo migliore di fòtterlà?

Giovanni Calice

anche perchè 1920x2=3840

Giovanni Calice

scusatemi ma il senso quale sarebbe? non faccio prima a comprare un macpro invece di un macbook se poi devo collegarci un monitor esterno?

AllBlack

Vabbè a dire la verità anche io in questo momento sono a lezione, ma sto facendo economia applicata all'ingegneria, quindi...

valkirion

nono penso che li vedi dopo le 14 che sono ritornati

danieleg1

e per te seguono?

valkirion

è perchè stanno a scuola a quest'ora

AllBlack

Noto con piacere che almeno qui non sono passati quei gran c@proni di hater.
L'accoppiata MacBook Pro+Monitor LG è intrigante, ma non rientra nelle mie esigenze.

Elias Koch

apple non ha mai fatto schermi, ha sempre e solo ribrandizzato gli lg. Quindi direi che sono diventati piú onesti

Danilo Mancino

Per essere solo monitor sono abbastanza spessi, come fa il Surface Studio ad essere così sottile, considerando che lì il computer si trova nella base?

danieleg1

E' semplicemente un "vero" 4k, la maggior parte sono UHD (3849x2160)

Simone

Sono i nuovi Macbook a non essere perfetti per questi monitor!

Recensione Acer Aspire VX 15: gaming economico e competitivo

Surface Laptop, Studio e tutta la gamma Surface alla MS House | Video

Recensione HP Spectre x360 13: il convertibile migliore

NAS Drobo 5N2: recensione by HDBlog.it