Acer Aspire Switch 11V: la recensione di HDblog.it

15 Ottobre 2015 177

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Di questi tempi sembra che ogni laptop destinato alla mobilità debba per forza di cose essere un 2-in-1, avere uno schermo che si stacca e separa, offrire l’alternativa tablet indipendentemente delle dimensioni. Microsoft ha basato gran parte della (bella) presentazione di Surface Book proprio su questi discorsi, e con lei tutti gli altri produttori di PC.

Dopo anni di chiacchiere e di investimenti su "quanto è comodo lo schermo touch", su "quanto possiamo fare a meno della postazione fissa", su "ci serve uno smartphone nuovo!", siamo tornati al punto di partenza e abbiamo fatto il giro - come scrissi tempo fa a proposito di Surface Pro 2. La produttività da tastiera è tornata protagonista, e questo può solo che far bene all’industria notebook e PC.


Acer produce 2-in-1 da una vita, e infatti è l’unica azienda ad avere sul mercato diverse generazioni dei suoi ibridi Aspire Switch. La più evoluta della categoria 11 pollici si chiama Aspire Switch 11V, e rappresenta l’aggiornamento estetico e tecnico al modello Switch 11 uscito lo scorso anno. Per due settimane ho avuto modo di provare un esemplare di pre-produzione, un po’ grossolano in alcuni aspetti ma comunque molto vicino a quella che sarà la versione dei negozi. Sarà in vendita da novembre in Italia. Avremo 2 configurazioni, con o senza disco aggiuntivo nella tastiera, e prezzi pari a 599 e 649 euro. Questi sono i listini suggeriti; online sarà chiaramente tutto diverso.

Ergonomia e tastiera dock

Inizio col dirvi che Switch 11V è una macchina piuttosto pesante. La configurazione con hard disk nella tastiera supera i 1.5 kg, con lo schermo responsabile di 770 grammi. Ha anche un aspetto un po’ spesso e cicciotto, ma questa è una scelta di progettazione e design che alla fine permette di avere qualche vantaggio pratico (migliore dissipazione del calore, una cerniera più stabile e flessibile). Di fatto, questo 11V è una versione più grande e molto meglio rifinita di Switch 10E, il 10 pollici che ho provato in estate.

Pesantuccio, è vero, ma costruito con criterio e rifinito parzialmente in metallo, parzialmente in plastica, con una buona dose di gomma morbida a facilitare il grip nei punti a contatto con i piano di appoggio. I grammi extra fanno anche in modo che la cerniera si pieghi all’indietro, che il portatile si inclini più di tutti gli altri rivali senza ribaltarsi, e questo è uno degli aspetti influenti per l’ergonomia. L’ho sempre detto: tra i 2-in-1 e i portatili classici la prima differenza è nell’angolo di inclinazione. Le altre riguardano la comodità di utilizzo, e in questi aspetti Aspire Switch 11V si avvina parecchio a quella comodità che diventa immediatamente familiare.

La sua tastiera è ottima, larga e comodo, un po’ leggerina nel rumore generato ma comunque stabile al centro, posizionata alla giusta distanza tra schermo, poggiapolsi e touchpad. Si può usare per scrivere a lungo e potrebbe essere uno dei motivi per cui preferite questo Acer ad altri ibridi. Il touchpad no, tutt’altro. Ha quelle incertezze nelle scrolling delle pagine e nel riconoscere le gesture che ormai sono tipiche tra i PC Windows di fascia media, una mancanza che è stata quasi del tutto risolta su Ultrabook top di gamma (vedi Dell XPS 13, ma anche lo stesso Acer Aspire S7) e che quindi non ha scuse. Peccato, perché tutto su Windows 10 gira meglio quando il touchpad è buono.



Temperature e prestazioni

La parte veramente positiva di Aspire Switch 11V riguarda le temperature e le prestazioni del SoC Core M 5Y10C. Con 4 GB di RAM (al momento non sono previste versioni con 8 GB) e un modulo SSD M.2 SATA LITEON da 64 GB non al top della categoria per le velocità registrate ma comunque valido, si riescono ad avere buoni benchmark e prestazioni. Sotto trovate qualche schermata. Switch 11V, vuoi per le dimensioni del telaio vuoi per la maturità raggiunta dalle board Core M a un anno dal lancio, riesce a tenere la CPU a 1700 MHz (oltre ai soliti picchi a 2 GHz) per diverso tempo - e non è scontato che sia così.

È un piacere vedere girare questa CPU proprio come dovrebbe dopo un intero 2015 passato a recensire macchine via via sempre meno grossolane, questo sì, ma comunque davvero efficienti solo quando spinte da SoC modificati (vedi Macbook 12) o più evoluti (vedi UX305 e T300 Chi). Switch 11V ricorda molto l'implementazione di Dell Venue 11 Pro, anche lui non sottilissimo ma adeguato. Anche perché, non va dimenticato, il prezzo dei Core M è ancora molto alto per gli OEM (281$ per unità secondo intel.com).

Ed ho buone notizie anche sulle temperature. Non ho mai superato i 61°C sui due core, normalmente i sensori rilevano 50-55°C nell'uso non intenso, con una massima di 40°C a contatto nella zona posteriore. C'è da dire che tra il provare queste macchine adesso e provarle in pieno agosto c'è una certa differenza, ma posso comunque scrivere che Switch 11V non raggiunge mai valori termici fastidiosi o pericolosi senza rischiare di essere smentito.

ATTENZIONE! Acer Aspire Switch 11V usa un digitizer Synaptic di tipologia differente dai precedenti. Di fatto, non sono riuscito ad usare la penna Dell Active Stylus 750-AAHC (compatibile con tutti gli altri simili) come avrei voluto. Una chiacchierata con Giacomo di tabletpc.it mi ha fatto capire che al momento è difficile dire di più. Acer non ha informazioni definitive, quelle online sembrano confermare l’uso di una versione inedita del digitalizzatore ma non c’è modo di chiudere il cerchio. È una considerazione da tenere bene a mente perché probabilmente sarà necessario acquistare una nuova Active Pen compatibile con la nuova edizione.



Autonomia e punti deboli

La nota dolente dell'implimentazione Acer è l'autonomia. Non è colpa di Switch 11V: è la scelta di una batteria da 34 Wh abbinata ad una display Full HD. Il totale non supera le 5 ore in WiFi, difficilmente riuscite a fare un andata e ritorno Roma Milano con Frecciarossa senza ricorrere all'alimentatore. La configurazione che ho provato ha il deficit del disco meccanico nella tastiera (ed è anche un prototipo, non va dimenticato), ma la sostanza non dovrebbe cambiare. Peccato. Dopotutto i vincoli energetici al TDP del SoC Intel non sono stretti (altrimenti non girerebbe così tanto a quelle frequenze) ed è un compromesso da accettare.

Così come bisogna capire prima dell'acquisto se è veramente necessario avere un HDD nella dock. La sua installazione (Acer usa un Western Digital da 500 GB e 5400 rpm) rende la base più stabile, l'ho scritto sopra, ma togliere la finezza dell'essere fanless, fa sì che il povero Switch 11V debba attivare e gestire un modulo meccanico che non ha niente a che vedere con le prestazioni della SSD, porta a certe noie software ed è anche rumoroso perché installato in un ambiente completamente muto. Ovviamente vibra, e lo sentite sul poggiapolsi. L'ho detto anche nella video recensione: vi sconsiglio di acquistare 2-in-1 con hard disk nella dock. Se vi serve più spazio, comprate una microSD di qualità.



Considerazioni finali

Acer Switch 11V è da scegliere per la sua tastiera comoda, per la flessibilità e la robustezza della cerniera dock, per le prestazioni spinte costantemente su buoni livelli della piattaforma Intel e per le basse temperature di cui è capace. Anche il digitalizzatore integrato, lo schermo Full HD (niente risoluzioni assurde) e la porta USB 3.0 rientrano nei pregi della macchina. Di contro, touchpad e fotocamere (1 e 2 megapixel) sono sotto tono, ma sopratutto autonomia che risente della batteria installata e raggiunge al massimo le 6 ore, non di più.

È una buona macchina, ma proprio per i motivi che vi ho appena riassunto non è adatta a tutti i contesti di utilizzo. Perde un po' di quella flessibilità che dovrebbe essere propria di ogni 2-in-1 ed è quindi da prendere in considerazione - a patto che sia chiaro quanto detto sopra. Sarà disponibile in Italia da novembre con listini a partire da 599 euro. Lo street price sarà per forza di cose più basso perché finirà per scontrarsi con macchine simili vendute già da alcuni mesi, quindi cercate online l'offerta migliore prima di procedere. Magari a natale avremo davvero sconti degni di attenzione.

L'iPhone più grande di sempre? Apple iPhone 6s Plus è in offerta oggi su a 468 euro oppure da Amazon a 735 euro.

177

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Davide Marzola

Scusa Mattia,
a parte che trovo la tua affermazione "Peccato che dentro ci sia Windows" una sterile e inutile polemica, ma guarda che se vuoi (e soprattutto se sei capace) ci puoi installare il Sistema Operativo che ti pare........ Quindi quale è il problema? Ricordati che un computer non è un elettrodomestico che fa quello per cui i suoi bottoni sono progettati, ma proprio perchè un computer è tale, quando le risorse Hardware lo permettono, il resto lo fa l'utente.

Mattia Rossi Fomenti

Bella macchina. Peccato che dentro ci sia Windows.

Salvo Errori

domanda , questo olenovo yoga 3 11 , che possiede lo stesso processore ?

Lucio

mi rispondo da solo e lo scrivo se fosse di interesse ad altri : su altra recensione in inglese, viene detto che il modello senza HD nella dock NON puo' prevedere l'aggiunta successiva di un HD, perchè mancano i connettori e l'alloggiamento. In quello con hd nella doc invece viene indicata la possibilità di sostituirlo con un altra unita' SSD successivamente. Quindi conclude che esistono due modelli ben distinti di dock

Lillo il commentatore®

in effetti prezzo spropositato

Nicolas

Guarda, il T300Chi l'ho venduto sia per i difetti che avevo riportato sopra ma sopratutto perché finivo per usarlo meno di quanto mi aspettavo. Oggi sarei curioso di provare un 2 in 1 ma sui 10", mentre per schermi più grandi continuo, anacronisticamente, a preferire normali ultrabook. Non saprei darti un consiglio preciso perché molto dipende dalle abitudini e dalle esigenze, non nego che un pensierino al Surface lo farei nonostante tutto.

Salvo Errori

quindi tra uno yoga pro 3 un asus t300chi oppure un surface 3 pro quale mi consiglieresti per università ?

Lillo il commentatore®

posti il link? grazie

Jack Pagoda

Ma alla fine è arrivato in italia? Sul sito di Acer italia e nei principali store online non ve n'è traccia. O_O

Lear

Mi accodo, dove si può trovare la versione recensita? Per ora si trova solo la versione con 128GB a più di 700€.

Fabio GBM

Ragazzi ci sono novità sulla disponibilità? Non l ho ancora visto in nessun negozio..

Aster

Eco vedi a parte che parli senza conoscere e così sbagli a dare dei giudizi,non e la missione della vita imparare la grammatica italiana visto che non sono italiano,non siamo tutti figli di papa fuori corso,questo e u blog non un posto dove si fa a gara chi e più bravo o ne sa di piu

Fabio GBM

Beh allora dedicati alla tua professione (che sicuramente non riguarderà la grammatica italiana): la vedo difficile avere un dottorato con GLI 3 anni di informatica :)

Aster

Se non mi conosci che ne sai;)Purtroppo non sono un ingegnere informatico,gli 3 anni di informatica e il dottorato li ho fatti per passione,come professione faccio altro

Fabio GBM

Leggendo il mio primo commento noterai che ho scritto che dipende da cosa ci deve fare, perchè per alcune cose ( tra cui quelle che ho elencato ) non basta un semplice Atom.
Parli come se fossi un Ingegnere Informatico con dottorato, quando hai fatto semplicemente 3 anni di Informatica. Ti capisco: al massimo avrai ordinato qualche vettore, ma non vuol dire debbano farlo anche gli altri :D

Aster

Perché mi manca il fascino delle notti passate ad aspettare la compilazione del kernel e ovviamente il mio commento era riferito a prestante per programmare;)

Fabio GBM

Ma uno che ha studiato INFORMATICA per 3 anni perché parla? soprattutto se non sa nei confronti di chi lo sta facendo e cosa studia :)

Aster

perche tu al università facevi queste cose?!non esistono i laboratori di informatica?!sembra che tutti qui studiano al caltech a fare i dottorato:)in tre anni di informatica non ho mai visto nessuno lamentarsi dei netbook ne tanto meno mettersi a programmare per notti intere aspettare il kernel compilarsi

Salvo Errori

tra questo lo swicth 12 ed asus chi t300 quale consigli per università a prestazioni ?

danilo saitta

oBook 11 ONDA che ne dite di questo notebook di fascia bassa?? una recensione seria servirebbe, ha un prezzo alletttante!

Nicolas

Da possessore di T300Chi (abbastanza paragonabile) posso dire che un'autonomia così ridotta si fa particolarmente sentire e, a dirla tutta, farsi una giornata di università col tarlo di dover avere sempre appresso l'alimentatore diventa una rottura. Perché, alla fine, 5/6 ore di autonomia con produttività blanda si coprono bene ma si è quasi obbligati a far quello e nient'altro perché altrimenti il pc si scarica in un battibaleno. Al di là dell'autonomia, considerando i vari compromessi che questi pc si portano quasi sempre dietro, di 2 in 1 sopra i 10" o si va su fascia altissima (Surface) oppure, francamente, tornando indietro virerei su un ultrabook.

Fabio GBM

Ragazzi ma questo Core M 5Y10c com'è paragonato ai Core i3 (o i5) di 4a generazione?

Fabio GBM

Mi sa che forse non ha sbagliato completamente indirizzo. Ovviamente dipende da cosa deve fare, ma non è da tutti i pc saper gestire al meglio cose come vari databases Oracle o modificare i kernel Linux che gira su macchina virtuale ;)
Quantomeno non bastano i vari Atom che ormai ti tirano appresso :D

ferrarista10

pensa io ho la ventola sempre a palla, quando stacca e sento l'hard disk soltanto mi rilasso xD

ferrarista10

surface pro

Lillo il commentatore®

prestante per programmare?
hai sbagliato indirizzo universitario :)

Doncoco

una domanda che pongo a tutti e anche a ricky, per uno studente universitario, che tipo di 2 in 1 consigliereste? In pratica quello che interessa e sia il pennino per prendere eventuali appunti grafici e che sia anche prestante in modo da supportare dei software per programmare ecc.

PensieroLeggero

io ce l ho da un pò,preso online ovviamente

henshin88

ma è disponibile in Italia ?

PensieroLeggero

L estetica è secondaria alla funzionalità, almeno x me. Ti assicuro che è molto efficace e flessibile

Francesco

Grazie 1000! effettivamente si ma mi sembra trooooppo brutto!!! Quasi Quasi mi butto su un cinesone... (Cube i7 Stylus).

PensieroLeggero

acer switch 12.5 €480

PensieroLeggero

è incredibile che il RECENSORE continua a evitare anche solo di menzionare lo SWITCH 12 , quando invece inserisce il T300chi (che gli è inferiore !)

kloniac

mi spiace contraddire ma ho un aspire 8942 che uso da anni sempre acceso, batteria in perfette condizioni e la scheda grafica ancor di più e attualmente posso installare giochi dal calibro di gta5 e giocarci senza problemi ad alta risoluzione senza fps bassi anzi mi meraviglio che dopo tanti anni supporta configurazioni ad alte prestazioni.

L'uso della tecnologia è molto soggettiva.

GeneralZod

Un bel 2in1, ottimo per uso casalingo. Il prezzo è quello di lancio, giustamente alto. Si assesterà a breve. Resta la perplessità del marchio non sempre all'altezza delle aspettative.

Riccardo P

Poco comodo? Ha tutte le porte in versione micro, ha una tastiera Bluetooth, una cerniera che si piega meno. È un ottimo 2-in-1, questo è più portatile.

tecnologiaperta

scusa hahhahahaa

TheAlabek

Emh se vedi bene ho completato la risposta...si passa in modalità tablet è presente nelle impostazioni la specifica opzione (se passare a tablet automaticamente, se richiedere o se lasciare la scelta all'utente)

tecnologiaperta

si, grazie, ma la mia domanda era diversa, quando ribalti la tastiera e lo usi come fosse un tablet, windows lo capisce e passa in modalità tablet da solo?(es quando stacchi la tastiera a un 2-1 questo cambia interfaccia in automatico)

Angelo Manenti

Che senso ha mettere ancora dischi tradizionali meccanici su prodotti come questi???

arvin

Infatti sembravano anche a me le scythe...

TheAlabek

Si ma non tutti possono permettersi 200€ in più ne, magari, sono interessati a farlo.
Le fasce di prezzo esistono per un motivo, paragonare prodotti in diverse di esse è privo di utilità, sopratutto con una differenza così marcata

NEXUS

Si certo il surface pro 3 è di categoria premium però ora con l'abbassamento dei prezzi non si distacca molto da questi e alla fine io preferisco spendere 200 eu in più ma ho un prodotto nettamente superiore

Francesco

Esistono core M 2in1 sotto i 500€?

ç

Inaccettabili 6 ore di autonomia (5 in wifi!!) su un dispositivo nato per essere usato "sulle ginocchia"...

TheAlabek

Restano comunque prodotti non comparabili, il budget è l'unico vero limite alla scelta del dispositivo e, anche solo 25€, posso sforarlo e rendere impossibile l'acquisto

Carlo

Dovrebbe essere di prima del 2008... Fine 2006/inizio 2007 credo... quindi anche gli yoga di lenovo di base con i3 andrebbero bene, ma per renderlo un pc longevo ti consiglierei di scegliere un modello con ssd, anche se ha poca memoria

NEXUS

sono 300 euro in più ma come ho spiegato ci sono tutti e anche di più, se poi prendi la versione con i3 e 64gb sei a 750 eu

DonDroid

Se è un yoga non è un 2in1

NaXter24R

In quel caso si, però facendo due conti sulla spesa secondo me conviene avere un meccanico. Il costo per gb è basso e fa sempre comodo

Recensione Acer Aspire VX 15: gaming economico e competitivo

Surface Laptop, Studio e tutta la gamma Surface alla MS House | Video

Recensione HP Spectre x360 13: il convertibile migliore

NAS Drobo 5N2: recensione by HDBlog.it