Il P2P è in calo negli USA ma in crescita in Europa

29 Maggio 2012 11


Il termine Peer-to-Peer (P2P) è un termine che quasi tutti gli utilizzatori di computer conoscono e almeno una volta hanno utilizzato per "scovare" file di qualsiasi tipologia (audio,video ecc). La comunità del file sharing attraversa momenti non proprio felici, questo perchè sono continue le continute manovre di organi di controllo e nazioni che da anni cercano di arrestarne la crescita.

In questo periodo il peer to peer risulta in calo negli Stati Uniti, mentre in Europa e nel resto nel mondo continua a crescere, risultando il principale traffico sul web. Lo scorso anno negli USA il sistema BitTorrent aveva raggiunto il 17.3% del traffico online mentre oggi non riesce a superare l'11.3%; in Europa invece l'utilizzo di questa piattaforma arriva addirittura al 20% con il solo traffico eDonkey che si attesta al 9.39%.

I dati, forniti da Sandvine, stanno in pratica cercando di spiegare come sia possibile una simile differenza tra Europa e USA. Una prima ipotesi farebbe pensare che, per l'assenza di servizi in grado di far passare film e serie TV in modo legale, si vada oltre oceano per ricercare le stesse cose e quindi rivolgendosi di fatto al P2P.



In America infatti circa il 32.9% utilizza Netflix confermando che, l'utilizzo di questi canali legali possa esser forse la soluzione e un importante deterrente per la pirateria. Vedremo come la situazione evolverà anche se si pensa che sia impossibile fermare totalmente il peer-to-peer.

Via

Condividi


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
gianluca torregiani

interessante... grazie dell'informazione

Dro1D

Non ho ben capito cosa vuoi dire. Se ti dovesse servire, se vai sulle impostazioni del router (192.168.1.1 nella barra degli indirizzi del browser) e modifichi i DNS di default con quelli di Google (8.8.8.8 e 8.8.8.4) eviti tutti i blocchi dei siti in italia. Il tutto è legale.

gianluca torregiani

ah guarda: io non so di cosa tu stia parlando. agisco secondo quello che dicono gli altri perché in queste cose chiunque è più esperto di me xD

gianluca torregiani

ah guarda: io non so di cosa tu stia parlando. agisco secondo quello che dicono gli altri perché in queste cose chiunque è più esperto di me xD

gianluca torregiani

ah guarda: io non so di cosa tu stia parlando. agisco secondo quello che dicono gli altri perché in queste cose chiunque è più esperto di me xD

Dro1D

gianluca torregiani

iclaudio

basta usare i DNS di Google. Connessione diretta, altro che proxy...

iclaudio

ho letto che non lo hanno bannato dalle reti italiane ma hanno propio chiuso il sito....almeno credo

iclaudio

parlare con gli "scaricatutto" è come parlare ad un muro...i servizi li paghi piu o meno asseconda cosa vuoi...ho degli amici scariconi e ci parlo spesso ma se poniamo che io voglia una canzone che costa 50cent la compro....loro invece non si pongono il problema del costo di una canzone...loro vanno per discografie intere! se io gli domando del costo di una canzone loro mi fanno "si lo so ma se voglio tutta la discografia? he he he non gliene frega nulla del costo alto o basso ..per loro deve costare tutto poco asseconda dei loro bisogni....dai comunque sta gente scarica gratis pure i giochi e le app per android da 79cent ...ma ancora stiamo qui a discutere????? he he un mio amico si crede furbo scaricando l'app di android gratis poi regala allo stato 3€ al giorno per il pacchetto delle sigarette ha ah ah ah ah ah

gianluca torregiani

ci vai di proxy, mi hanno detto

Antonio Exidor

Se in Italia fosse introdotto un servizio tipo Itunes per i films e telefilms con una politica dei prezzi low-cost la pirateria sarebbe ridotta ai minimi termini. Ma si sa che nel nostro belpaese non si muove foglia (mediatica) se Silvio non ci guadagna...
Ho visto la pubblicità del cubo di Telecom, trasmettono Lost che è già stato visto e rivisto (Sky, Rai2, Rai4) ed uno poi lo deve pagare anche!!!! Pazzi!!! E' per colpa dei miopi operatori italioti che la pirateria dilaga. Mettiamoci pure il carico da 90 della crisi e secondo voi dovrei pagare 8 euro per vedere un film in sala o mi conviene vederlo a chilometro zero dopo un paio d'ore di mulo? Ed allora perchè non metterlo su itunes o similia ad un prezzo basso una volta che il film è uscito dal circuito delle sale cinematografiche?

iclaudio

hanno bastonato pure kikasstorrent...he he

Toshiba Chromebook 2: la recensione di HDblog.it

AMD Radeon R9 390X: più veloce della GeForce GTX 980 nei nuovi Benchmark

Monitor ASUS ROG Swift PG278Q con G-Sync | Recensione di HDblog

Nvidia GeForce GTX 980 "Maxwell": La recensione di HDBlog