Recensione: Case Thermaltake Overseer RX-I

20 Dicembre 2011 3


In questi giorni i nostri lettori avranno sentito parlare molto di Thermaltake grazie alla collaborazione che HDBlog ha stretto con l'azienda per un ricco contest a premi (Contest Thermaltake e HDBlog: in regalo alimentatore da 800W, case Armor A30 e Gaming Keyboard); oggi ci troviamo a parlare ancora del brand Taiwanese, ma questa volta occupandoci di un nuovo prodotto rivolto ai gamers e agli appassionati.

Al centro della nostra attenzione ci sarà infatti il Case Overseer RX-I, un Full-Tower dal design accattivante ma che guarda soprattutto alla funzionalità e alle performance.


Vediamo subito come si presenta sulla carta il nuovo chassis targato Thermaltake:


Descrizione Esterno

L'Overseer RX-I viene proposto nella classica confezione che all'esterno mostra già molte delle caratterisiche dello Chassis; la scatola è in robusto cartone e all'interno contiene spessi strati di polistirolo:



Il bundle prevede il manuale cartaceo, fascette raccogli-cavo, speaker di sistema, un set completo di viti, 2 prolunghe/adattatori 3 pin/molex, una prolunga/adattatore ESP +12V.


Il Thermaltake Overseer RX-I ha un design aggressivo e molto elaborato che ricorda, soprattutto frontalmente, l'MK-1 che già avevamo esaminato qualche tempo fa. Il telaio è costruito in acciaio laminato e ha un peso di poco superiore ai 10 Kg, nella norma se consideriamo che siamo di fronte a un full-tower.



A un primo sguardo notiamo subito la spiccata predisposizione di questo case per configurazioni ad alto profilo che necessitano di un' efficiente ventilazione interna. Il pannello laterale oltre ad essere finestrato, per ovvii fini estetici, presenta una griglia (con filtro antipolvere pre-installato) che supporta una fan da 200mm:



Il pannello sinitro ha invece un particolare design "bombato", caratteristica che potrà tornare utile in fase di installazione per sistemare i cavi nelle configurazioni con molte periferiche.


Descrizione Esterno (continua)

La parte frontale del case è costruita con una struttura in plastica e, come detto in precedenza, molto elaborata sotto il profilo estetico; per tutta la superficie Thermaltake ha previsto un design forato a nido d'ape con filtri anti-polvere (che vedremo in dettaglio più avanti).


Sul top è presente un vero e proprio vano dove trova posto il pannello I/O che integra: connessioni USB 3.0 (2 porte) e 2.0 (2 porte), una porta eSATA, audio HD e pulsanti Power-Reset; tra i due pulsanti è previsto anche un led Blu


Poco sopra è posizionata una docking station SATA con suppoto Hot-Swap per unità da 2,5 o 3,5 pollici:


Sulla parte superiore ritroviamo una griglia a nido d'ape, necessaria per favorire la ventilazione interna dei componenti:


Passiamo ora al retro dello chassis, sempre molto curato ma con un design abbastanza lineare; si nota subito che la struttura sul top (come vedremo removibile) è abbastanza rialzata in quanto deve ospitare due fan da 200x25 mm:



La parte medio-alta ospita il vano I/O della motherboard e la fan da 120mm, in basso troviamo il vano PSU e gli slot di espansione PCI con a fianco i fori di supporto per il passaggio dei tubi dell'impianto a liquido.



Interno

L'interno dell' Overseer RX-I è studiato per gestire, come tutti i case Full-Tower, configurazioni ad alto profilo con schede video fino a 34,4 cm; una parte dei 58 cm dell'altezza sono dedicati, come detto in precedenza, agli appositi vani per le fan da 200mm ricavati all'esterno del telaio.


Il top del telaio (al di sotto delle fan) offre lo spazio necessario per installare un sistema a liquido Thermaltake LCS, di conseguenza l'utente non avrà difficoltà nell' utilizzare anche altri sistemi di dissipazione a liquido All-In-One.


In alternativa si può optare per un'impianto esterno facendo passare i tubi dalla parte bassa del case:


La cura per la gestione dei cavi è da sempre un elemento importante nei case Thermaltake; anche in questo i passacavi presenti abbondano: 5 di grandi dimensioni con bordi gommati e ulteriori 3 di dimensioni standard.


Nell'immagine seguente invece il lettore può notare meglio la bombatura del pannello sinistro che si intravede sotto l'ampio vano del socket della scheda madre.


La facilità, nonchè la velocità, nell'installazione è un altro elemento divenuto importante nei case di ultima generazione; il vano per la motherboard (foto sopra) permette per esempio di installare il dissipatore della CPU direttamente sul case con la scheda madre già montata.

Ma non è tutto, tutte le altre periferiche possono essere installate senza toccare il cacciavite; da quelle ottiche con sistema tool free, a quelle PCI che vantano comode viti a pomello:



Per inserire gli hard disk negli appositi vani basta applicare una leggere pressione ai gancetti posti ai lati dei cassetti per poi estrarli:


Dettagli

In questa ultima parte della recensione daremo un'occhiata agli altri dettagli, non secondari, del Thermaltake Overseer RX-I. Iniziamo dalla base del case, impeccabile per design e funzionalità, che ha le sue "fondamenta" nei quattro generosi piedini appositamente rialzati.



Un'ampia parte della base è occupata dal filtro anti-polvere (removibile) da 240mm che copre la ventola della PSU e quella opzionale da 120mm.



Rimanendo in ambito filtri, di ottima fattura sono quelli posti sul pannello anteriore in corrispondenza delle periferiche ottiche:




La manutenzione dei filtri, e in generale la pulizia delle ventole, non sarà un problema in quanto il pannello anteriore e quello superiore sono facilmente removibili:



Temperature e Conclusioni

Prima di concludere vi proponiamo il consueto grafico con le temperature di esercizio registrate nel case; la configurazione hardware adoperata per il test è la seguente:

CPU Intel Core i7-3960X – Dissipatore Intel RTS2011LC – Scheda Madre Gigabyte X79 UD-5 – 16GB di Corsair Vengeance PC15000 – Scheda Video Sapphire HD6970 – Hard Disk Hitachi 7k1000 – PSU Thermaltake Toughpower 1350W


Sicuramente la stagione invernale aiuta a tenere temperature piuttosto basse, tuttavia va considerato che abbiamo adoperato l'Overseer RX-I senza alcuna ventola aggiuntiva e quindi i valori possono migliorare ulteriormente, o comunque mantenersi su ottimi valori anche in estate.

Oltre alle performance, che erano abbastanza prevedibili, in generale il nuovo case Thermaltake ci ha convinto per la sua funzionalità e la consueta cura dei dettagli. Abbiamo apprezzato in particolare la comodità che abbiamo incontrato nell'installazione dei componenti nonchè la relativa velocità, favorita per esempio dal sistema di montaggio tool free.

Insomma dopo l'MK-1 la tradizione dei Full-Tower Thermaltake continua nel migliore dei modi; l'Overseer RX-I è già disponibile sugli shop online a circa 100 Euro.


Bordi Edge e potenza ma con risparmio garantito? Samsung Galaxy S6 edge, compralo al miglior prezzo da Stockisti a 349 euro.

3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
alessandro

ottima recensione. ma se ho una scheda madre sprovvista di connettore interno usb 3.0 come posso far funzionare l'usb 3 del pannello frontale?

alessandro

ottima recensione, ma se ho una scheda madre sprovvista di connettori interni usb3, come posso far funzionare gli usb3 sul pannello frontale?

Francesco

Thermaltake e' una garanzia

Recensione Acer Aspire VX 15: gaming economico e competitivo

Surface Laptop, Studio e tutta la gamma Surface alla MS House | Video

Recensione HP Spectre x360 13: il convertibile migliore

NAS Drobo 5N2: recensione by HDBlog.it