Recensione: Alimentatore Antec VP550P, l'ideale per la fascia entry-level

12 Dicembre 2011


Dopo la recensione dell'Antec High Current Pro 1200 e quella più recente dell'High Current Gamer 520, continuiamo il nostro viaggio nel catalogo degli alimentatori del produttore americano con un prodotto rivolto alla fascia entry-level, parliamo dell'Antec VP550P.

La linea VP insieme alla BP fa parte della serie Basiq di Antec, una tipologia di prodotti che guarda esclusivamente ad offrire unità di alimentazione di qualità, senza particolari "fronzoli" (se cosi vogliamo chiamarli) e in genere senza quelle rifiniture che si ritrovano sulle PSU di fascia alta, facendone ovviamente lievitare il prezzo.


Il VP550P è un alimentatore da 550W e ha nel prezzo il suo cavallo di battaglia; allo stesso tempo però mantiene gli standard di qualità a cui il brand statunitense ci ha abituati. Vediamo subito le features che propone il prodotto:


La PSU presenta una soluzione Dual-Rail da +12V capace di erogare fino 45 A combinate; nonostante il prodotto sia rivolto alla fascia bassa del mercato integra molte delle funzionalità e protezioni che solitamente troviamo in modelli nettamente più costosi.

Il VP550P non è certificato 80Plus ma Antec dichiara picchi di efficienza fino all'85% oltre al supporto ErP Lot 6 che riduce sotto il watt i consumi in IDLE. Segnaliamo infine il PFC Attivo, l' MTBF di 100000 ore e una garanzia estesa a due anni.

La carta d'identità di questa PSU non è affatto male; vediamo ora com'è stato concepito da Antec sotto il profilo estetico-costruttivo.

Package e Chassis

L'Antec VP550P viene distribuito in una confezione piuttosto sobria; come detto precedentemente niente fronzoli per questi prodotti che guardano esclusivamente al ruolo principale dell'alimentatore, fornire una buona erogazione in tutta sicurezza. Questa caratteristica si vede ad occhio anche nel confezionamento dell'interno, molto lontano da quello dell'HCP 1200 che avevamo provato in precedenza.



Il produttore fornisce in bundle il manuale, 4 viti, due fascette raccogli cavi e il connettore di alimentazione di rete.


La PSU è caratterizzata da un cablaggio non modulare e da uno chassis di dimensioni abbastanza contenute (86 mm (A) x 150 mm (L) x 140 mm (P); Antec ha scelto uno chassis nero chiuso sui lati e sulla parte frontale:



La seconda caratteristica che spicca subito in questo alimentatore è la ventola da 120mm posta sotto una griglia con disegno a nido d'ape ricavata direttamente sullo chassis. La fan è abbastanza silenziosa ma udibile quando l'unità viene pesantemente stressata; l'aria è convogliata poi sul retro e sfoga sull'altra griglia che ospita anche lo switch I/O.



Dalla parte frontale escono i cavi, tutti non retinati purtroppo ad eccezione di quello ATX 24 pin:


Per concludere sul lato ritroviamo l'etichetta adesiva con le specifiche dell'unità:


Cablaggi

Avendo già ribadito che la cavetteria non è modulare (per i motivi citati in apertura), vediamo quali e quanti connettori avrà a disposizione l'utente che acquisterà questo alimentatore.

In totale dalla PSU escono 5 cavi che offrono:

1x ATX 24pin


2x PCI-E 6+2pin


1x EPS12V 8pin (4+4)


6x SATA


3x Molex + Floppy Disk


Senaliamo che la lunghezza dei cavi è soddisfaciente e permette di raggiungere tutte le periferiche anche in chassis di grandi dimensioni.

Test Regolazione Voltaggio ed Efficienza

Per concludere la nostra panoramica sull'Antec VP550P vi proponiamo i nostri classici test sulla regolazione del voltaggio e sull'efficienza, utili per avere un metro di paragone anche con altri prodotti provati in passato.




I risultati non sono entusiasmanti quando il carico inizia a farsi più intenso, anche se bisogna sottolineare che ci siamo tenuti lontani da i valori di picco. Per quanto riguarda l'efficienza invece l'alimentatore Antec dimostra un ottimo comportamento; pur non godendo della certificazione 80Plus l'efficienza è stata sempre soprà la soglia dell'80%.


Conclusioni

L'Antec VP550P si è dimostrato un alimentatore molto "concreto", con una buona qualità costruttiva e prestazioni che tutto sommato possono soddisfare una buona fetta utenza ma soprattuto quella entry-level. Onboard abbiamo trovato tutte le protezioni da sovratensioni, cortocircuiti, sovracorrente oltre a una buona efficienza energetica che ha toccato picchi dell'84%.

Sicuramente la mancanza di cavi modulari (e di guaine) e la non eccezionale regolazione del voltaggio con carichi medio-alti farà storcere il naso a qualche nostro lettore ma, come ribadito in più occasioni, non si possono pretendere miracoli quando si deve mirare all'abbattimento dei costi.

Il VP550P infatti si può trovare online a circa 45 Euro, una buona cifra per chi ha nel risparmio una delle caratteristiche primarie del proprio sistema.


Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

Computer in Plastica Flessibili, una realtà sempre più vicina

ASUS presenta la scheda video GTX 760 Striker Platinum 4GB (Gallery)

Silverstone Nightjar NJ520: Alimentatore senza Ventola 80Plus Platinum

Memorie DDR3 Kingston HyperX Predator 2133 MHz 16GB: Recensione da HDBlog