Recensione: Kingston HyperX SSD 240GB

10 Ottobre 2011 3


Dopo il successo dei Soldi State Disk della famiglia SSD Now, Kingston ha voluto rispondere alla concorrenza (agguerrita) presentando la sua prima soluzione con interfaccia SATA a 6 Gbps; nasce cosi la nuova serie di SSD Kingston HyperX, riprendendo il brand dei fortunati prodotti high-end destinati al segmento Memorie.


Tra le novità dei SSD HyperX spicca sicuramente l'introduzione del controller SATA3 SandForce SF-2281, scelto dal produttore per l'ottimo rapporto prezzo/prestazioni e nettamente più performanti rispetto ai Toshiba adoperati sulle unità di precedente generazione.

Attualmente Kingston propone l'SSD HyperX nelle due versioni da 120 e 240 GB, nella nostra recensione ci occuperemo di quest'ultimo modello; eccone le specifiche tecniche dell'unità:


Confezione e Bundle

Il Kingston HyperX SSD viene proposto come soluzione di fascia alta e pertanto offerto con un ricco bundle; la confezione è abbastanza curata esteticamente ma soprattuto robusta. All'esterno della scatola, un'etichetta sottolinea le elevate prestazioni dell'unità:



Il  bundle in dotazione prevede l'adattatore da 3,5" e il kit upgrade USB, cavetteria e CD di Supporto.


Nuovo prodotto e nuovo look per i SSD Kingston che riprendono ora il logo e i colori del marchio proprietario HyperX. Fisicamente comunque non troviamo differenze con le altre unità da 2,5", quindi avremo la stessa procedura di installazione.


A seguire potete vedere altre visuali del prodotto:


Piattaforma di Test

Per la nostra prova sul Kingston HyperX SSD abbiamo deciso di fare un confronto con l'OCZ Vertex 3 e il Silicon Power Velox V30 recensito recentemente. Ecco la piattaforma hardware adoperata:


I software sono i soliti usati nelle nostre recensioni: Crystal Disk Info, Crystal Disk Mark, HD Tune, Atto Disk Benchmark, AS SSD Benchmark.


Prestazioni - Parte Prima

La prima tornata di test inizia con HD Tune, utlity che ci permette di ricavare informazioni sull'unità e di eseguire allo stesso tempo diversi test.



Ricordando che le unità hanno il medesimo controller (ma memorie diverse), nel test sul transfer rate rileviamo risultati molto simili; va comunque ribadito che i prodotti Kingston e OCZ sono presenti con capacità di 240GB e quindi leggermente (e teoricamente) più avvantaggiati.

Passando al test I/O l'Hyper X risulta in alcune occasioni più veloce del Silicon Power, tuttavia il Vertex 3 ha comunque la meglio.



Risultati simili sono emersi dal test sull'access time e sul burst rate:



Prestazioni - Parte Seconda

Passiamo ad ATTO Disk, un benchmark che restituisce i risultati della periferica con file di diversa grandezza; in questa occasione riusciamo a vedere finalmente i valori di picco dichiarati da Kingston (555 e 510 MB/s).



Nel Crystal Disk Bench abbiamo nuovamente un "livellamento" delle prestazioni sia in lettura che in scrittura.



Concludiamo con AS SSD Benchmark, un test che si può definire "decisivo" perchè mostra solitamente i reali valori in campo per quanto riguarda l'aspetto I/O. Guardando ai grafici notiamo un certa differenza di comportamento delle unità tra fase di lettura e scrittura; il Kingston HyperX ne esce molto bene soprattutto nella fase a 64 Thread dove distacca nettamente OCZ e Silcon Power.



Conclusioni

Il Kingston HyperX SSD è sicuramente un prodotto con ottime performance in ogni ambito di utilizzo, anche se non surclassa effettivamente i prodotti avversari dotati dello stesso controller. Se guardiamo al Transfer Rate i valori sono molto vicini, mentre solo quando passiamo ai test I/O più pesanti il nuovo prodotto Kingston ha la meglio. Non siamo riusciti a registrare dati vicini ai 95.000 IOPS dichiarati, ma nella nostra prova in laboratorio abbiamo oltrepassato  i 70.000 (valore già molto elevato).

L'HyperX SSD vanta un bundle eccezionale che ovviamente è compreso nel prezzo finale; la versione a noi in prova supera le 410 Euro, mentre la versione standard si attesta a circa 380-390 Euro.


Condividi


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
AlphaAXP

è un buon prodotto
speriamo ceh si abbassino i prezzi, di tutta la linea però

Salvatore Gallo

azz lo vuoi far volare? :-D

andrea

fine anno me lo monto sul mio imac 27" =)

Toshiba Chromebook 2: la recensione di HDblog.it

AMD Radeon R9 390X: più veloce della GeForce GTX 980 nei nuovi Benchmark

Monitor ASUS ROG Swift PG278Q con G-Sync | Recensione di HDblog

Nvidia GeForce GTX 980 "Maxwell": La recensione di HDBlog