Recensione: Motherboard ASRock H61M-U3S3

11 Aprile 2011 3


Continuano a giungere sul mercato le nuove schede madri per piattaforma Intel SandyBridge prive dell'oramai famigerato bug che colpi' i primi esemplari P67 e H67. Come abbiamo segnalato in altre occasioni, anche il chipset per la fascia entry-level H61 debutta sul mercato direttamente con la nuova revision B3; è il caso della nuova ASRock H61M-U3S3 che seppur equipaggiata con questo chipset economico integra interessanti Features come l'USB 3.0 e il SATA a 6Gbps.


Ma vediamo subito la scheda tecnicha di questa nuova motherboard:


ASRock, come per tutte le sue ultime schede, ha dotato questo prodotto con diverse features proprietarie:

- ASRock Extreme Tuning Utility (AXTU)
- Instant Boot
- ASRock Instant Flash
- ASRock AIWI
- ASRock APP Charger
- SmartView
- ASRock XFast USB
- Hybrid Booster:
- ASRock U-COP
- Boot Failure Guard (B.F.G.)
- Combo Cooler Option (C.C.O.)
- Good Night LED

Tra queste sicuramente spicca la XFast USB, tecnologia che permette un boost prestazionale per quanto riguarda le periferiche USB 3.0 e quantificabile (stando al produttore) fino a picchi del 220% rispetto ad altre motherboard USB 3.0.


Package

La ASRock H61M-U3S3 viene proposta in una confezione piuttosto sobria, di dimensioni contenute ma che mette in evidenza le caratteristiche più importanti come l'XFast USB e la nuova revision B3 che elimina il vecchio Bug SATA2 Intel.



Il bundle, come per tutti i prodotti di fascia bassa, è piuttosto essenziale e prevde 2 Cavi SATA, manuale d'uso cartaceo, mascherina M-ATX, DVD Driver e Software (con la suite Norton).


Anche il prodotto ASRock, come la motherboard ECS H61 provata la scorsa settimana, è una MicroATX e non prevede una dissipazione della sezione di alimentazione ma solo del chip H61. Notiamo inoltre che la casa taiwanese ha optato per componentistica di qualità con l'utilizzo esclusivo di condensatori a stato Solido.


Dettagli

La zona socket è molto spaziosa, tuttavia bisognerà porre attenzione allo spazio occupato tra il socket LGA 1155 e gli slot RAM, molto vicini. Dall'immagine che segue notiamo che il VRM è a 5 fasi e inoltre è presente un connettore +12V a 8 Pin, raccomandato solitamente per i Processori Quad-Core.


La memoria supportata è pari a 16GB con velocità massime di 1333 MHz (impostabili da BIOS) e in configurazione Dual-Channel.


Ovviamente su questa motherboard sarà possibile installare una scheda video discreta grazie alla presenza di uno slot PCI-E 16X. La vera chicca della H61M-U3S3 risiede però nella possibilità di adoperare drive che utilizzano l'interfaccia SATA3  a 6Gbps o Flash Drive USB 3.0 (controller ASMedia), caratteristica che non si trova facilmente nelle proposte di fascia entry-level.



Concludiamo con il pannello I/O che risulta standard per quanto riguarda l'AUDIO, Porte PS/2, e Output Video, ma che si distingue invece proprio per la presenza delle due Porte USB 3.0.


BIOS

Un'altra caratteristica che ci è piaciuta della H61M-U3S3 è il BIOS che utilizza l'interfaccia UEFI; va ricordato che ASRock è stato uno dei produttori a promuovere i nuovi BIOS e i risultati sono abbastanza visibili. Il BIOS infatti risulta semplice da "sfogliare" ma soprattutto completo e graficamente curato. Come avevamo già accenato in altre occasioni, il chipset H61 non permette di effettuare overclock ne intervenendo sul moltiplicatore (delle CPU Serie K,) ne aumentando il BClock.

Fatta questa premessa eccovi le sezioni più interessanti del BIOS UEFI:








Prestazioni

Avendo già trattato le prestazioni del chipset H61 e H67 abbiamo pensato di dedicarci anche in questo caso a verificare le prestazioni globali del sistema che oltre alla ASRock H61M-U3S3 prevede:

Intel i7 2600K, 4GB DDR3 Kingston HyperX Genesis PC12800, Sapphire HD5670 1GB, Seagate Barracuda 7200.11, OCZ Vertex 2 120GB, Antec TPQ 1200.


Ecco alcuni benchmark:





Conclusioni

La nuova ASRock H61M-U3S3 è una motherboard che ci è piaciuta sia per quanto riguarda l'assemblaggio e la qualità della componentistica, sia per la dotazione onboard. Quest'ultimo aspetto è proprio quello che fa la differenza con schede madri entry-level di altri brand che, come detto in precedenza, difficilmente integrano controller SATA 6Gbps e soprattutto USB 3.0.

Le performance si possono definire nella norma vista la piattaforma, ma nostro avviso anche la sola possibiltà di operare sul moltiplicatore farebbe guadagnare molto mercato a questa tipologia di prodotti rispetto pe esempio al P67 e H67.

Il prezzo di questa scheda è sicuramente la sua arma vincente, infatti online è possibile acquistarla a meno di 60 Euro.


Condividi


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Rossetto Mosè

se lo dici tu :-D non parlare di ssd che mi fai star male :reallypissed: ne voglio uno :inlove:

Andrea Il Metallurgico

Beh gli SSD richiedono USB3 e alcuni anche il SATA3.. e comunque la velocità aumenta anche se non raggiunge il picco massimo per tutto il tempo

Rossetto Mosè

bello il usb 3.0 che va più veloce del 220% delle altre schede madre, ma io mi domando, a cosa serve se poi non si tocca neanche i 100mb/s?? anche la mia scheda madre ha il usb3 più veloce, il sata più veloce, eppure non si nota questa gran differenza visto che poi alla fine le periferiche collegate vanno più lente della velocità teorica...

Surface Pro 3: la recensione di HDblog.it

Creative svela il DAC USB Sound Blaster E5

Toshiba pronta con il Chromebook CB30-007 da 13,3"

ASUS X99 ROG Rampage V Extreme: ecco la nuova regina delle schede madri